Fagottini della Cornovaglia, il finger food britannico

Fagottini della Cornovaglia
Stampa

Fagottini della Cornovaglia, un po’ di storia e qualche curiosità

I fagottini della Cornovaglia sono un vero e proprio vanto della cucina inglese. Rappresentano un finger food davvero gustoso che prevede un ripieno di carne e verdure.  Sono una vera delizia britannica da provare almeno una volta nella vita. Un piatto a base di pasta Brisé calda, arricchita di carne e verdure che lascia al palato un piacevole gusto avvolgente. Sono ideali da preparare in sostituzione di un pasto o di una cena. C’è addirittura chi preferisce gustarli a colazione. D’altronde si sa, l’English breakfast è famoso in tutto il mondo per essere ricco e calorico. Come suggerisce il nome, il piatto proviene dalla Cornovaglia, una contea situata sulla punta sud occidentale dell’Inghilterra.

Si ritiene che i fagottini siano stati creati per i pescatori della Cornovaglia che, impossibilitati a tornare sulla terra ferma all’ora di pranzo, avrebbero così avuto un pasto pronto, facile da mangiare e da gustare. La spessa crosta di pasta Brisé fungeva da isolante e manteneva la farcitura calda per diverse ore. Nel corso degli anni il piatto è stato copiato così tante volte che le sue origini sono lentamente scomparse. Tuttavia, recentemente c’è stata una rivolta per ristabilire le radici tanto che oggi, la ricetta originale dei fagottini della Cornovaglia è protetta e deve rispettare determinati criteri, come gli ingredienti da utilizzati e il metodo di preparazione da adottare.

Un ottimo mix di carne e verdure

Come già anticipato, la ricetta dei fagottini della Cornovaglia per essere considerata autentica deve seguire determinate specifiche. Innanzitutto, gli ingredienti del ripieno devono includere carne di manzo tritata grossolanamente (non si può utilizzare un altro tipo di carne). Le uniche verdure che prevede il piatto sono le patate, la cipolla e il cavolo navone (anche detto rutabaga).

Fagottini della Cornovaglia

Si può utilizzare sia la pasta sfoglia che la pasta Brisé, l’importante è che l’impasto sia in grado di resistere al ripieno, alla cottura in forno e alla manipolazione, senza rompersi. Fondamentale anche la spennellatura con il latte, un procedimento che rende la superficie dei fagottini ancora più​ dorata e succulente, ma anche croccante.

Ecco la ricetta dei fagottini della Cornovaglia:

Ingredienti per 12 fagottini circa:

  • 2 rotoli di pasta Brisè o pasta sfoglia consentita (per me Exquisa),
  • 200 gr. di macinato di manzo,
  • 2 mestoli di brodo di carne,
  • 80 gr. di cipolla bianca,
  • 100 gr. di patate,
  • 90 gr. di cavolo navone,
  • mezzo bicchiere di latte intero consentito,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe e olio extravergine di oliva.

Preparazione:

Per la preparazione dei fagottini della Cornovaglia iniziate con il ripieno. In una padella scaldate l’olio extravergine d’oliva e rosolate il macinato. Una volta conclusa la rosolatura, aggiungete il brodo di carne e proseguite la cottura a fuoco lento per circa 15 minuti. A parte imbiondite la cipolla nell’olio caldo, aggiungete le patate e il cavolo navone, precedentemente pelati e lavati. Badate bene, le patate devono essere tagliate a tocchetti, mentre il navone può essere ridotto semplicemente a pezzetti. Fate dorare il tutto, poi lasciate raffreddare e versateli nella padella con la carne. Regolate di sale e di pepe, mescolate per bene e integrate se necessario con un po’ di brodo. Fate raffreddare e ponete il ripieno in una ciotola coperta con pellicola trasparente. Infine, conservate in frigo per una notte intera.

Per quanto concerne i fagottini, ritagliate dalla pasta Brisè dei dischetti di circa 1,4 centimetri, per farlo utilizzate un adeguato coppapasta. Adagiate al centro del disco un po’ di ripieno, spennellate i bordi con il latte e chiudeteli, ricreando una forma a “D”. Adagiate i fagottini così realizzati su una teglia con sopra la carta da forno, spennellateli abbondantemente con il latte e conservate in frigo per mezz’ora. Trascorso questo lasso di tempo, spennellate i fagottini con il latte e cuoceteli al forno (preriscaldato) per 25 minuti a 180 gradi. I fagottini della Cornovaglia, ad ogni modo, sono pronti quando appaiono dorati. Vanno serviti tiepidi.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti