Canederli con spinaci, burro e Parmigiano, una specialità tirolese

Dal Tirolo a casa nostra: i canederli con spinaci, burro e Parmigiano

Canederli con spinaci, burro e Parmigiano, una specialità tirolese. I canederli sono un piatto tipico della cucina tirolese, in particolar modo delle provincie di Trento e Bolzano. In trentino vengono chiamati Knödel e sono sostanzialmente delle polpettine di pane raffermo, insaporite variamente e farcite con salumi, ortaggi o formaggi. Spesso i canederli vengono serviti in un brodo, in questo caso – invece – abbiamo preferito una variante con un ricco guazzetto di burro e formaggio Parmigiano Reggiano.

Nel dettaglio, se già vi siete incuriositi, vi stiamo parlando dei canederli con spinaci, burro fuso e Parmigiano Reggiano, un ricchissimo primo capace di scaldare anche il più rigido degli inverni.

I canederli, ovviamente, sono tipici di un’area geografica caratterizzata dal clima di montagna, fresco e asciutto.  Con le temperature più rigide i piatti si fanno tendenzialmente più calorici e questi nostri canederli mantengono questo aspetto della tradizione. D’altronde, è facile intuirlo, con questi ingredienti il piatto è certamente ricco di nutrimento ma anche di calorie dunque poco adatto a chi segue una dieta ipocalorica.

canederli agli spinaci

Una ricetta antichissima e contadina

Dedicare tempo a sottolineare e trasmettere ricette e tradizioni antiche riteniamo non sia mai tempo sprecato. L’Italia, in ogni sua regione, può vantare un bagaglio inestimabile di ricette, prodotti D.O.P. e tradizioni. Con l’avanzare della tecnologia, della globalizzazione ed una progressiva standardizzazione dell’alimentazione, corriamo il forte rischio che alcune specialità si perdano nel tempo. È bene dunque parlare sempre più dei piatti tradizionali e magari provare a riproporli anche a distanza rispetto ai luoghi d’origine.

I nostri migliori ricordi sono spesso legati ai viaggi ed ai piatti tipici assaporati in loco. Non fanno eccezione questi deliziosi canederli che, in ogni possibile versione, ci hanno sempre deliziato il palato! Impariamo dunque con piacere a riprodurre una pietanza così tipica e speciale, anche direttamente sulla nostra tavola, come prelibata specialità da proporre nelle stagioni più fredde.

Canederli con spinaci

Nuova vita al pane raffermo… e senza glutine!

Può capitare talvolta di acquistare più pane di quello effettivamente necessario al fabbisogno famigliare. C’è di buono tuttavia che il pane, a differenza di altri beni essenziali di consumo, può conoscere una nuova vita anche quando non più freschissimo.

Il pane indurito può essere conservato, seccato e ridotto in pangrattato direttamente a casa, oppure utilizzato per polpette di pane deliziose come questi canederli con spinaci, burro fuso e Parmigiano Reggiano. Siamo al cospetto di una pietanza d’origine povera e contadina il cui senso di “riuso” e “non spreco” dovrebbe essere alla base delle nostre migliori abitudini. 

Ed ecco la ricetta dei canederli con spinaci, burro fuso e Parmigiano Reggiano:

Ingredienti per 16 canederli:

  • 200 gr. di pane raffermo consentito
  • 300 gr. di spinaci puliti
  • 300 ml di latte delattosato
  • 2 uova
  • 1 tuorlo
  • 100 gr. di Parmigiano Reggiano
  • 1 pizzico di noce moscata
  • 90 gr. di burro chiarificato
  • 60 gr. di pangrattato consentito
  • q. b. di sale e pepe

Preparazione:

  • Lavate gli spinaci e liberateli dalle impurità passandoli sotto l’acqua corrente.
  • Mettete gli spinaci a lessare per alcuni minuti in una pentola con abbondante acqua leggermente salata.
  • Scolateli dopo la cottura, lasciate che si intiepidiscano, poi strizzateli e tagliateli fino a tritarli finemente.
  • Passate gli spinaci tritati in una padella con 20 gr. di burro fuso e fateli soffriggere.
  • Riducete il pane raffermo in cubetti e mettetelo ad ammorbidire in una coppa con del latte per circa 30 minuti.
  • Trascorso il tempo indicato, strizzate il pane ed unitelo in una coppa agli spinaci scottati in padella.
  • Aggiungete 50 gr. di Parmigiano Reggiano, uova, tuorlo, sale, pepe e noce moscata.
  • Impastate tutti gli ingredienti con l’ausilio di una forchetta.
  • Lasciate l’impasto a riposo per circa 10 minuti ed aggiungete dell’altro pangrattato, solo qualora sembri eccessivamente morbido.
  • Inumidite le mani con dell’acqua e prendete una porzione d’impasto per formare le palline dei canederli.
  • Completata l’operazione su tutto l’impasto, mettete i canederli a lessare in abbondante acqua bollente lievemente salata.
  • Dopo circa 15 minuti, scolate i canederli e saltateli con burro fuso e Parmigiano Reggiano.
  • Servite e buon appetito!

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *