Ricette con alimenti salva vista : cosa mangio?

alimenti salva vista
Stampa

Quando la dieta specifica è benefica: consigli utili.

Ricette con alimenti salva vista : cosa mangio a colazione, pranzo e cena?. Ci sono situazioni in cui delle ricette con alimenti salva vista servono ad apportare dei benefici al corpo. Non sempre le diete fai da te possono avere degli effetti positivi sull’organismo, quindi bisogna ricorrere a delle diete specifiche che intervengono in modo particolare per raddrizzare il metabolismo o per rafforzare alcuni apparati e tessuti dell’organismo. Rivolgetevi sempre a uno specialista!!!

La dieta salva-vista è una dieta specifica che mira a tenere in forma gli occhi e tutti i suoi componenti principali, dalla cornea al cristallino. Seguire una dieta specifica, combinando determinati alimenti, permette all’organismo di introitare quegli apporti nutrizionali che sono tagliati per una determinata persona.

Da sempre i nostri nonni ci hanno raccomandato di mangiare molte carote perché sono alimenti che fanno bene alla vista, ma questa leggenda popolare è del tutto vera? Sicuramente è un mito che affonda le radici in un aneddoto che riguarda i piloti francesi che consumavano tante carote per migliorare la loro vista, soprattutto da lontano e nelle ore crepuscolari.

Tuttavia, la scienza ha dimostrato il contrario. È’ vero che le carote contengono molti carotenoidi, come il betacarotene che sta alla base della vitamina A e colora di arancione la carota. Ma gli studi scientifici hanno attestato che ci sono alimenti molto più ricchi di vitamina A rispetto alla carota. Basta ricordare, ad esempio, le verdure a foglie verdi come gli spinaci e il cavolo oppure il fegato di vitello

Per gli amanti dei dolci e del gusto, il cioccolato fondente rappresenta un alimento che non può mancare all’interno di una dieta che tenga conto della salute degli occhi. Infatti, ormai studi scientifici dimostrano che il cioccolato fondente, con almeno il 70% di cacao, è ricco di sostanze molto benefiche, come ad esempio gli antiossidanti che proteggono la pressione dell’occhio.

Grazie alla presenza dei flavonoidi, il cioccolato fondente protegge la cornea e il cristallino svolgendo funzione preventiva contro la cataratta e la degenerazione della macula, permettendo di avere occhi capaci di catturare tutte le varie gradazioni dei colori.

Senza contare che il cioccolato è anche un antidepressivo naturale grazie alla presenza della serotonina, ma non dimenticate che un consumo eccessivo di cioccolato fondente non è adatto a chi ha problemi gastrointestinali e neppure a chi soffre di continui mal di testa perché ha un effetto vasodilatatore.

Ricette con alimenti salva vista: cosa mangiare a colazione?

L’alimentazione costituisce il primo passo per la salute dei vostri occhi. E se non sapete come combinare gli alimenti, vi daremo degli ottimi spunti per passare qualche giornata con gusto senza rinunciare alla salute. Se non avete proprio idee sulle ricette, ecco a voi una giornata tipo, dalla colazione alla cena. Pronti? Cominciamo!

Per una colazione salva-vista ci vuole un concentrato ricco di betacarotene, quindi la scelta deve ricadere su una spremuta Ace che sintetizza arancia, carota e limone ricchi di antiossidanti, di vitamina A, di vitamina E che sono un toccasana per gli occhi. Questa ricetta si basa su una spremuta di arance fresche e appositamente adatte alla spremuta.

Se invece preferite una colazione più continentale, ma sempre protettrice dei vostri occhi, scegliete una zuppa dolce di fagioli di soia verdi La soia con i suoi nutrienti salutari è adatta agli intolleranti al glutine e al lattosio, non solo per proteggere i vostri occhi ma per regolare il colesterolo.

Ricette con alimenti salva vista: come proteggere gli occhi con i primi piatti

Per un pranzo ricco di vitamine, fibre e proteine potete scegliere un bel piatto di pasta integrale con broccoli e scampi. In questa ricetta il potere nutrizionale dei broccoli si sposa con quello del pesce fino a creare un connubio di salute e gusto. Gli scampi con i suoi omega-3 e i broccoli con le sue vitamine potenziate dalla clorofilla saranno una bomba salutare per i vostri occhi e particolarmente per la cornea e il nervo ottico.

Questa ricetta molto particolare può essere arricchita di peperoncino e la sua riuscita è legata alla freschezza degli ingredienti. Una chicca: nei paesi orientali questo piatto va molto di moda e si sposa bene con il curry. Solo che al posto della pasta integrale vi sono gli spaghetti di soia.

In alternativa, potete scegliere una cremosa vellutata di zucca e pioppini alla curcuma per ristorarvi dal freddo d’inverno e per fare il pieno di vitamina A e vitamina C, utili per la vita dei vostri occhi. Questa ricetta ha un ingrediente per eccellenza, la zucca, le cui proprietà dipendono dalla grande quantità di betacarotene fondamentale per combattere le malattie oculari.

Per potenziare i benefici della zucca, l’aggiunta della curcuma è essenziale perché non solo inserisce quel tocco di sapore in più ma renderà ancora più antiossidante una ricetta che sarà un oasi di salute per la vostra vista.

Idee tradizionali ed innovative: una cena vitaminica per proteggere gli occhi

Se invece volete preparare la cena, dovete optare per qualcosa di leggero ma dal sapore forte. Tra gli ingredienti salva-vista i peperoni, le uova, il pesce e le interiora di animali sono un must. Durante le sere d’inverno potete scegliere una crema di peperoni alle erbe dove il rosso dei pomodori maturi si sposa con il rosso dei peperoni per fare il pieno di vitamine per gli occhi. Questa ricetta si prepara facilmente e potete accompagnarla con dei crostini caldi e croccanti.

Se invece volete qualcosa di più robusto potete optare per le uova al pomodoro che è una ricetta semplice e soprattutto antica e tipica delle vecchie massaie che riuscivano a cucinare con pochi ingredienti e imbandire una povera tavola. Questa ricetta avrà una riuscita fenomenale se sarete capaci di far appassire le cipolle fino alla doratura necessaria.

Per gli amanti del pesce, l’alternativa è il pesce spada allo zenzero che rappresenta una ricetta del tutto innovativa per l’uso della radice fresca dello zenzero. Questo piatto è un concentrato di vitamine e antiossidanti che proteggerà i vostri occhi dagli attacchi degli agenti patogeni esterni. Inoltre le proprietà curative dello zenzero proteggeranno i vostri occhi dalle congiuntiviti.

Per chi non riesce a rinunciare alla carne è possibile scegliere il fegato con le cipolle, una ricetta ricca di antiossidanti e di vitamina B3 che ha effetti positivi per gli occhi, visto che contrasta la cecità notturna e tiene lontano il problema delle cataratte. Questa ricetta antica è tipica delle comunità montane, ma era già conosciuta ai tempi della Roma imperiale e dell’impero bizantino dove il fegato veniva accompagnato di solito con i fichi.

Avocado con cozze

Stuzzicherie per gli ospiti: anche i loro occhi sono importanti

Se avete invitati degli ospiti e non volete sfigurare, ecco a voi alcune idee per gli per proteggere la salute degli occhi dei vostri commensali.

Un’idea molto particolare e del tutto moderna è l’antipasto con avocado e cozze che si presenta molto elegante in un concentrato di antiossidanti, vitamine e proteine dagli effetti benefici per la salute con un pieno di vitamina E, vitamina C e vitamina K che sono deputate alla regolazione della pressione oculare. Questa ricetta è molto veloce e soprattutto gustosa, potete decorare con limone e timo e spolverare di peperoncino il risultato sarà anche un afrodisiaco eccezionale.

Altri stuzzicherie veloci e gustose sono le polpette di spinaci e ricotta che si presenta come un piatto veloce è adatto ad un aperitivo o a stuzzichini leggeri e pieni di fibre, vitamine e proteine. L’ingrediente principe di questa ricetta sono gli spinaci che per conservare tutto il loro apporto nutrizionale devono essere cotti per pochi minuti.

Se poi volete un antipasto sfizioso ma anche un contorno particolare optate per gli asparagi impanati in farina di mais che uniscono un alimento tradizionale come l’asparago al gusto deciso del mais: il risultato sarà una croccantezza che si scioglierà in bocca. Anche questa ricetta contiene un ingrediente principe, l’asparago, capace di proteggere i vostri occhi dalla cecità o da altre patologie della macula o del nervo ottico.

Patologie oculari: cosa fare?

In caso vi rendiate conto di avere problemi di annebbiamento della vista o di discontinua cecità, non prendete farmaci fai da te: rivolgetevi al vostro medico in modo da programmare una visita specialistica. La vista è molto importante per cui va sempre controllata.

Il consiglio è quello di rivolgervi a medici operanti in cliniche specializzate che non mettono in palio sconti vertiginosi, ma garantiscono maggiore qualità. In Italia vi sono diverse cliniche specializzate nella cura delle patologie oculari  ma se siete indecisi fatevi consigliare dal vostro medico

Biscotti di fiocchi d’avena per la tua vista

I biscotti di fiocchi d’avena con nocciole e mandorle sono il simbolo della colazione perfetta, un modo per iniziare la giornata all’insegna del gusto e della cura per se stessi. Sono infatti buoni e leggeri, adatti a qualsiasi palato. Io li preparo spesso di inverno e amo consumarli accompagnandoli con una tazza di tè fumante, mentre stringo la tazza con il mio scaldamani Brandani. In questo modo trasformo il momento della colazione in una coccola, in un’esperienza intensa che rappresenta il miglior punto di partenza per vivere la giornata.

Ad ogni modo, i protagonisti di questa ricetta sono i fiocchi d’avena. Come tutti sanno, sono i semi dell’avena sativa (il nome ufficiale della pianta). Sono un’ottima fonte di carboidrati, ma contengono anche una discreta quota di proteine. Soprattutto sono ricchi di fibre, vitamine e sali minerali. Il riferimento è al potassio, al calcio e alle vitamine del gruppo B. L’apporto calorico non è affatto eccessivo, anzi si attesta sulle 160 kcal per 100 grammi.

La lista degli ingredienti comprende alimenti particolari come il latte di riso (o bevanda di riso, che dir si voglia) e la farina di riso. Essi sostituiscono rispettivamente il latte classico e la farina bianca. Lo scopo di questa sostituzione è quello di garantire il consumo anche a chi soffre di disturbi dell’assorbimento di glutine e lattosio (intolleranti, celiaci etc.). A considerarli dei semplici surrogati, però, si farebbe davvero un torto, dal momento che entrambi si caratterizzano per un sapore molto gradevole e per un’identità organolettica ben precisa. Insomma i biscotti di fiocchi d’avena con nocciole e mandorle sono il miglior modo per iniziare la giornata, e concedersi una colazione che faccia bene al corpo e al morale.

I molteplici benefici della cannella

La cannella, utilizzata nei nostri biscotti di fiocchi d’avena, è una delle spezie più diffuse, soprattutto in cucina. Come la stragrande maggioranza delle spezie è originaria dell’Asia, ma ormai da qualche secolo è entrata in pianta stabile nelle tradizioni culinarie nostrane. E’ una spezia preziosa, in quanto capace di insaporire anche se presente in piccolissime dosi. Ovviamente viene impiegata soprattutto nelle preparazioni dolciarie. In questo caso viene inserita direttamente nell’impasto.

biscotti di fiocchi di avena con nocciole e mandorle

Non tutti sanno, però, che la cannella oltre ad essere buona è anche “utile” e salutare. Impatta, infatti, in modo favorevole sull’organismo. Per esempio, è davvero ricca di antiossidanti, sostanze che stimolano la circolazione sanguigna, aiutano a prevenire i tumori e rallentano l’invecchiamento cellulare. La cannella, poi, è considerata un antisettico naturale. Va segnalata, infine, la presenza di alcuni polifenoli che esercitano un effetto simile a quello dell’insulina, una caratteristica che agevola chi soffre di diabete.

Le proprietà nutrizionali delle nocciole

Nei nostri biscotti di fiocchi d’avena abbiamo utilizzato le nocciole. Tuttavia, tra la frutta secca attualmente in commercio, la nocciola non è considerata tra le più salutari. Ebbene, si tratta di un pregiudizio in quanto la nocciola non è solo buona, ma fa anche bene all’organismo. In primis, perché contiene in grandi quantità acidi grassi omega tre, sostanze che giovano all’apparato cardiocircolatorio, alle funzioni cognitive e alla vista. Inoltre le nocciole sono ricche di acido oleico, che aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo cattivo.

Le nocciole sono anche un’ottima fonte di vitamine e sali minerali. Il riferimento è alla vitamina E, presente in dosi maggiori rispetto all’olio d’oliva, utile per contrastare i radicali liberi. Rilevanti, poi, sono le concentrazioni di ferro, zinco, selenio e rame. Ovviamente, come tutta la frutta secca, anche le nocciole sono piuttosto caloriche. Si parla infatti di 655 kcal per 100 grammi, tuttavia basta non esagerare. Le dosi che ho scelto per questa ricetta sono molto equilibrate, quindi non si corre alcun rischio di mettere in pericolo la linea.

Ecco la ricetta dei biscotti d’avena con nocciole e mandorle:

Ingredienti per 20 biscotti:

  • 150 gr. di fiocchi d’avena;
  • 50 gr. di farina di riso;
  • 40 gr. di mandorle;
  • 40 gr. di nocciole;
  • 50 gr. di zucchero di canna finissimo per dolci;
  • 30 gr. di olio di semi;
  • 70 gr. di bevanda di riso;
  • 1 bustina di lievito vanigliato;
  • 1 pizzico di cannella in polvere.

Preparazione:

Per la preparazione dei biscotti mettete i fiocchi d’avena nel mixer e frullateli per pochi secondi. Devono risultare tritati, ma non eccessivamente. Svuotate il mixer e frullate allo stesso modo le nocciole e le mandorle. Inserite quanto avete frullato in una ciotola (lasciate un po’ di nocciole e di mandorle da parte), poi versate anche la farina, il lievito, lo zucchero di canna, la cannella e date un’accurata mescolata. Infine aggiungete l’olio di semi, la bevanda di riso e mescolate fino ad ottenere un composto abbastanza morbido. Ricoprite una teglia di carta da forno e adagiate un cucchiaio di composto. Sopra a ogni cucchiaiata (che corrisponde a un biscotto) adagiate un po’ di nocciole e mandorle tritate. Cuocete al forno a 170 gradi per circa 20 minuti, fino a completa doratura dei biscotti.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Clinica Baviera
26-04-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo aka Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Ma da sola non potevo farcela!

Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono oggi il Presidente. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro incredibile. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

sambuco

Sambuco, tante ricette facili con questa pianta

I principali utilizzi del sambuco Il sambuco è una delle piante più conosciute e utilizzate non solo dall’industria alcolica, che ne ricava un famoso liquore, ma anche in erboristeria, nella...

Lasagne vegetariane

Lasagne vegetariane, un mondo da scoprire

Lasagne classiche e lasagne alternative Le lasagne vegetariane sono versioni alternative delle lasagne classiche. Possono sembrare una stravaganza bizzarra, ma in realtà rappresentano - a modo loro...

limone

Il limone, i suoi usi nell’alimentazione e nella...

La storia del limone. Si ritiene che il limone sia originario del sudest asiatico, forse della Malesia. Tutti i frutti di questa famiglia sono probabilmente originari del sudest asiatico,...

aceto

L’aceto, un alleato per l’igiene della casa e...

L’aceto, una risorsa preziosa L’aceto è un alimento prezioso. I suoi usi riguardano soprattutto la gastronomia, in merito alla quale interviene nella veste di condimento. L'aceto è un...

pesto

Il pesto, come conservarlo al meglio

Le peculiarità del pesto Come si conserva il pesto? La risposta è meno scontata di quanto si possa immaginare. Anche perché, al netto della semplicità della ricetta, presenta dei tratti...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti