A tavola con le deliziose e nutrienti uova di faraona!

Tempo di preparazione:

Le uova di faraona… da non perdere!

Solitamente, siamo abituati a portare in tavola la sua carne, ma non le sue uova. Ad ogni modo, non è mai troppo tardi per provare le uova di faraona. Infatti, si tratta di un esemplare molto diffuso nel mondo, in particolar modo in Africa: il suo nome è Numida meleagris ed è conosciuto per il suo particolare canto e per la sua capacità di adattamento in diversi contesti e anche in compagnia di altri animali.

Ci sono diverse tipologie di faraone. Ad esempio, alcune hanno una cresta più grande e/o presentano un colore di pelle più azzurrognolo. Nonostante questo, le uova di faraona sono molto simili, a prescindere dalla specifica razza e dalle peculiarità dell’esemplare che le ha prodotte. Presentano un guscio lucido di una colorazione simile a quella del classico uovo di gallina, ma molto più duro rispetto all’involucro di quest’ultimo. Ma cos’altro dovreste sapere a riguardo?

Poche differenze, ma un buon valore nutrizionale

Posso dire con certezza che il sapore delle uova di faraona è delizioso per i nostri palati. Tuttavia, non è poi così differente da quello delle uova di gallina. Anzi, molto spesso è praticamente impossibile accorgersi della differenza. In pratica, potrete cucinarle e nessuno dei vostri ospiti se ne accorgerà… a meno che non sarete voi a rivelarlo! Potrete contare dunque anche su un ottimo valore nutrizionale e su un pasto sostanzioso e saziante.

uova di faraona

Anche le uova di faraona sono ricche di proteine ad alto valore biologico e di tutti gli aminoacidi essenziali, ma anche di vitamine e minerali. Nello specifico, è utile sapere che contengono la vitamina A, la E, la D, la K e le vitamine del gruppo B, nonché validi livelli di potassio, ferro, fosforo, rame, magnesio, calcio, manganese, iodio e zinco: si rivelano dei veri e propri integratori naturali ricostituenti e validi per lo sviluppo della muscolatura!

Uova di faraona: altri elementi da non sottovalutare

Non dobbiamo dimenticarci che anche queste uova contengono grassi e colesterolo, perciò è sempre opportuno moderare le porzioni. D’altra parte, assicurano inoltre un buon contenuto di omega 3, un alleato del cuore e della salute cardiovascolare in generale. Le uova di faraona sono persino ricche di colina: perfetta per favorire il benessere e il corretto funzionamento del fegato, e per ridurre i livelli di colesterolo e di omocisteina nel sangue, entrambi correlati all’insorgenza di alcune patologie cardiovascolari.

Purtroppo, è davvero difficile trovare le uova di faraona al supermercato. Voi le avete mai viste? Probabilmente no. Pertanto, per trovarle, vi consiglio di informarvi presso le attività locali e di recarvi in fattorie, agriturismi e da allevatori del luogo. In questo modo, potrete usufruire di un prodotto più sicuro e genuino, ma anche di proprietà organolettiche incredibili!

faraona

Helmperlhühner (Numida meleagris)

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *