bg header
logo_print

Crema di peperoni alle erbe: ottima anche per la pasta

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Crema di peperoni alle erbe
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 40 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Crema di peperoni alle erbe: una miniera di vitamine

La crema di peperoni alle erbe rappresenta di certo la migliore alternativa ad un buon piatto di verdure. Se una insalata non fa proprio al caso vostro, la crema di peperoni alle erbe è davvero in grado di cambiare la carte in tavola.

Se molti sono reticenti a consumare verdura, in quanto non è una risposta “gratificante” ai morsi della fame, ecco che questo piatto può rappresentare una generosa risposta a questo tipo di esigenze.

Ricetta crema di peperoni

Preparazione crema di peperoni

  • Lavate e mondate i peperoni e i pomodori, poi tagliateli a tocchettini.
  • Mettete le verdure in una pentola con 250 ml. di acqua fredda, poi aggiungete sale, pepe e fate cuocere per 30 minuti circa.
  • Togliete dal fuoco e lasciate intiepidire prima di passare tutto al frullatore.
  • Poi fate bollire 250 ml. di brodo e aggiungete la crema ottenuta.
  • Mantecate con il Parmigiano Reggiano prima di servire la crema nei piatti cospargendola con un trito di erba cipollina e timo.
  • Potete accompagnare la crema con dei crostini gluten free o crostini di pane integrali passati in forno.

Ingredienti crema di peperoni

  • 600 gr. di peperoni rossi
  • 200 gr. di pomodori maturi
  • 2 rametti di timo fresco
  • 7-8 fili di erba cipollina
  • 350 ml. di brodo vegetale
  • 30 gr. di Parmigiano Reggiano 36 mesi
  • q. b. di sale e di pepe

Crema di peperoni alle erbe: stare bene non è così difficile

Non basta consumare una mela al giorno per togliere il medico di torno, in realtà occorre molto di più. La crema di peperoni alle erbe è il modo migliore di garantire al nostro organismo una vera e propria miniere di benessere. E’ la loro ricchezza di vitamina C che conferisce ai peperoni questa importanza, ma in verità, non è solo questo.

Non trascurabile è anche la presenza di betacarotene e di vitamine del gruppo B. Interessante è anche la quantità di sali minerali, e in particolare di ferro e di calcio, che ne fanno un alimento consigliato specie per le donne e i bambini. Ed è proprio per i bambini che questo piatto è stato pensato, reticenti come sono al consumo di ortaggi.

Le differenze tra i vari tipi di peperoni

Si fa presto a dire peperoni, in realtà esistono importanti differenze tra le principali varianti: il peperone rosso, giallo e verde. Le differenze riguardano il sapore, la consistenza e le proprietà nutrizionali.

Il peperone rosso è generalmente il più dolce dei tre, poiché contiene più zuccheri naturali e matura più a lungo sulla pianta. Questo non solo arricchisce il suo sapore, ma influisce anche sulla sua consistenza, rendendolo leggermente più morbido rispetto ai suoi omologhi. Dal punto di vista nutrizionale è ricco di vitamina C e contiene una buona quantità di vitamina A, che lo rende un ottimo alleato per la salute della pelle e per la vista.

I peperoni gialli, situati in una fase intermedia di maturazione tra il verde e il rosso, offrono un equilibrio tra dolcezza e una leggera vivacità. Sono croccanti, succosi ed hanno un contenuto nutrizionale che si avvicina a quello dei peperoni rossi, benché leggermente inferiore come vitamina A e superiore come betacarotene.

Di contro i peperoni verdi sono i meno maturi, il che spiega il loro gusto più amaro e la consistenza decisamente più dura. Essendo meno dolci sono anche meno calorici, ma non per questo meno benefici. I peperoni verdi sono comunque una buona fonte di vitamine e offrono benefici importanti, sebbene con concentrazioni diverse rispetto agli altri tipi di peperoni.

Timo ed erba cipollina, un mix perfetto per la crema di peperoni

Le erbe giocano un ruolo fondamentale nella ricetta della crema di peperoni. Conferiscono vivacità a questa passata di peperoni dal punto di vista organolettico e visivo, aggiungendo sapore e colore. Ovviamente potete utilizzare le erbe che più vi aggradano ma vi consiglio il timo e l’erba cipollina, insieme rappresentano la migliore soluzione per una crema dal sapore lievemente acidulo e morbido.

Il timo garantisce freschezza e spicca per le note leggermente amare. Se si utilizza la variante “timo-limone” si conferisce alla salsa un tocco lievemente agrumato. L’erba cipollina riprende invece le note aromatiche della cipolla, ma non ripropone il suo carattere pungente, quindi può essere utilizzata anche in dosi abbondanti.

Questi due tipi di erbe aromatiche impreziosiscono il sugo di peperoni anche dal punto di vista organolettico. Sono infatti un ottimo concentrato di vitamine, sali minerali e antiossidanti.

Non sottovalutate l’importanza del brodo vegetale

Il brodo vegetale gioca un ruolo fondamentale nella crema di peperoni, anche perché non viene utilizzato come supporto alla cottura ma come ingrediente a sé stante. Il brodo viene fatto riscaldare per poi essere unito al frullato di peperoni e pomodori, in questo modo si conferisce alla purea di peperoni una consistenza più morbida e più uniforme.

Potreste essere tentati dal classico dado pronto, che rappresenta una soluzione comoda e rapida, tuttavia è anche molto salato e non così saporito. Piuttosto è meglio preparare il brodo in casa, infondo è molto facile da fare utilizzando alcuni trucchetti per ottenere un brodo perfetto. A tal proposito ho pubblicato una facile guida su come preparare un brodo squisito e leggero.

FAQ sulla crema di peperoni

Che vitamine ci sono nei peperoni?

Nei peperoni c’è la vitamina C, una sostanza fondamentale perché supporta le difese immunitarie e aiuta ad assorbire il ferro. C’è anche la vitamina A, che fa bene alla vista e alla pelle, infine si segnalano dosi minori di vitamine del gruppo B, E, K.

Come si fa la crema di peperoni?

Preparare la crema di peperoni è semplicissimo, basta pulire i peperoni e i pomodori, poi si lessano e si frullano per bene. Infine si manteca il tutto con il Parmigiano e si guarnisce con spezie o erbe aromatiche.

Cosa sta bene con la crema di peperoni?

Con la crema di peperoni ci stanno le erbe aromatiche di stampo mediterraneo, che si caratterizzano per le note intense ma non troppo coprenti. A mio parere il timo e l’erba cipollina sono le soluzioni migliori.

Come spellare i peperoni prima di cuocerli?

I peperoni possono essere spellati con un coltellino, una procedura che richiede attenzione e un po’ di tempo. In alternativa possono essere precotti al forno a temperatura bassa, in questo modo la pelle si staccherà dalla polpa e sarà più facile rimuoverla.

Quante calorie ha la crema di peperoni?

La crema di peperoni è un primo dietetico, l’unico elemento grasso è il Parmigiano utilizzato in fase di mantecatura. Questo sugo di peperoni apporta circa 150-200 kcal a porzione abbondante.

Ricette di creme ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

carbonara vegana

Carbonara vegana, un piatto audace ma squisito

Come sostituire la salsa di uova Quando si prepara una carbonara vegana la prima sfida è la sostituzione delle uova, d’altronde sono proprio queste a rappresentare l’ingrediente principale...

Gnocchi alla sorrentina

Gnocchi alla sorrentina: una ricetta a base di...

Gnocchi alla sorrentina, le differenze con la ricetta originale riguardano i formaggi Le differenze più importanti tra questi gnocchi e gli gnocchi alla sorrentina tradizionali consistono nei...

Caserecce con pesto di kale

Caserecce con pesto di kale, un primo rustico...

Cosa sapere sul cavolo riccio Il protagonista di queste caserecce è il pesto di kale, o di cavolo riccio. E’ un pesto particolare e un po’ meno aromatico rispetto al pesto con foglie di...