Mezze maniche ripiene, un piatto natalizio e non solo

mezze maniche ripiene
Commenti: 0 - Stampa

Le mezze maniche ripiene, una fonte di splendidi ricordi

Oggi vi parlo delle mezze maniche ripiene. Un piatto che mi evoca ricordi stupendi e nello stesso tempo dolorosi. Io e mia sorella siamo di origini cremonesi e mia suocera (che ha vissuto con me più di vent’anni ndr) era di un paesino vicino a Zibello. Il giorno della vigilia ci riunivamo tutte intorno a un tavolo per riempire le mezze maniche e fin qui tutto normale. Il bello è che lo si faceva ridendo e raccontando aneddoti della nostra infanzia con i nonni.

Sono ancora impressi nella mente i racconti della sig.ra Anna che ci raccontava i suoi episodi legati al Natale durante la guerra,  al cenone in stalla e tanto altro ancora. Ora tutto questo non è più possibile e vi garantisco che vorrei poter rivivere questi momenti con la mia cara Mary…ed è proprio per questo che la ricetta di oggi assume tonalità più romantiche. risvegliando sentimenti che riscaldano il cuore!

Perché le mezze maniche ripiene sono buonissime

Ora veniamo a noi ed iniziamo proprio dall’espressione mezze maniche ripiene, ai più non dirà nulla, ma agli originari di Parma e dintorni ricorderà certamente le calde atmosfere natalizie. In quei luoghi, come in molte altre città dell’Emilia, infatti, le mezze maniche ripiene vengono preparate in occasione del pranzo di Natale. Ciò non implica, però, che non valgano la pena di essere consumate anche negli altri giorni! Anche perché sono semplici da preparare e richiedono ingredienti facilmente reperibili. Il risultato, però, è straordinario! Stupisce come una manciata di alimenti possano essere combinati per ottenere un primo piatto così buono e sostanzioso, capace di mettere buon umore!

A incidere è soprattutto il ripieno, frutto di una scelta di ingredienti, che pur gettando le sue radici nella tradizione emiliana più pura, si rivela azzeccata. Un po’ di parmigiano, uovo, pan grattato, noce moscata, un pizzico di sale: quelle che sarebbero “normali” mezze maniche in brodo si trasformano in un piatto abbondante e squisito, che rivaleggia con le migliori lasagne. Lo ammetto, in questa ricetta c’ho aggiunto del mio, ho sostituito il classico brodo all’emiliana con un brodo particolare, tipico di zone un po’ più “settentrionali”. Ne parlerò nei prossimi paragrafi.

Il brodo giusto: Gran Bollito Cremonese

Una piccola variazione sul tema delle mezze maniche ripiene, ma in grado di impattare profondamente sul risultato finale, è la presenza del brodo Gran Bollito Cremonese, che qui sostituisce il classico brodo di carne. Con il termine Gran Bollito Cremonese si intende uno dei secondi piatti più famosi della Lombardia orientale, una preparazione a base di carne sostanziosa da consumare soprattutto durante i mesi invernali.

Viene preparata con la carne di manzo, di vitello e di gallina. Proprio la contemporanea presenza di carni bianche e carni rosse rende questa specialità lombarda quasi un unicum a livello nazionale. Alcune varianti, a dire il vero, propongono addirittura cinque tagli diversi di carne. Per questo ed altri motivi, il Gran Bollito Cremonese non è tra i secondi di carne più facili da preparare. Ad ogni modo il brodo che viene prodotto è squisito, ricco di sapori, e si caratterizza per sentori che non sono semplicemente la somma delle tante carni utilizzate, ma bensì qualcosa di diverso che è in grado di sorprendere chi non ha mai assaggiato questa prelibatezza.

Io onestamente preferisco il brodo di Gran Bollito Cremonese al classico brodo di carne, almeno come liquido di cottura per le mezze maniche ripiene, in quanto questo tipo di pasta è tra i pochi capaci di trattenere i sapori. Il risultato finale è straordinario, ve lo garantisco!

Il parmigiano e la noce moscata per un tocco di sapore in più

La ricetta delle mezze maniche ripiene è molto equilibrata. Niente è lasciato al caso, sicché tutti gli ingredienti concorrono a creare un piatto davvero squisito, ricco di sapori e sostanzioso. Un ruolo insospettabile è ricoperto alla noce moscata e dal parmigiano, alimenti che intervengono in due fasi diverse della preparazione. La noce moscata viene integrata quasi all’inizio, ovvero durante la realizzazione del ripieno, mentre il parmigiano è il tocco finale.

Nello specifico, la noce moscata garantisce una certa freschezza e un sentore leggermente esotico, comunque in grado di spezzare la durezza del pan grattato. Ovviamente è bene non abbondare, dal momento che comunque ha un sapore molto forte, ma una “grattatina” è più che sufficiente per farne un valore aggiunto. Il parmigiano, invece, aggiunge una certa sapidità al piatto, senza però renderlo fastidioso. Soprattutto, contribuisce a creare un inizio di salsina, se viene cosparso in presenza del brodo.

A propria scelta, infatti, è possibile scolare la pasta parzialmente o completamente. Nel secondo caso il liquido si unirà al parmigiano, fino a formare un condimento del tutto nuovo. Il risultato è speciale, e capace di valorizzare una ricetta che sarebbe eccezionale anche senza questo tocco di creatività. Ovviamente anche in questo è bene non abbondare più di tanto, anche perché c’è il rischio di coprire i sapori, piuttosto che valorizzarli.

Ecco la ricetta delle mezze maniche ripiene

Ingredienti per 4-6 persone:

  • 1/2 kg di mezze maniche consentite

Per il ripieno:

  • 300 gr. di parmigiano reggiano 36 mesi grattugiato
  • 60 gr. di pane grattugiato consentito
  • 1 uovo intero + 1 tuorlo
  • 1 mestolino di brodo bollente
  • una grattatina di noce moscata
  • q. b. di sale

Per la cottura:

  • 2 lt. di brodo del Gran Bollito Cremonese

Preparazione:

Per la preparazione delle mezze maniche ripiene iniziate inumidendo il pan grattato nel brodo bollente. In una terrina a parte versate il parmigiano, l’uovo, il sale, la noce moscata e mescolate. Infine unite il pangrattato bagnato e mescolate di nuovo. Riempite al massimo ciascuna mezza manica con il composto appena realizzato.

Fate riposare le mezze maniche fino a quando non si saranno asciugate. Mettete il brodo sul fuoco e quando avrà raggiunto l’ebollizione versateci le mezze maniche. Abbassate la fiamma o il calore. Devono cuocere a fuoco lento altrimenti rischiate che il ripieno fuoriesca. Scolate a piacimento (potete lasciare anche il brodo) e condite con il parmigiano prima di servire. Buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pate di pernice rossa con polenta

Patè di pernice rossa con polenta, un ottimo...

Patè di pernice rossa su crostini di polenta, un antipasto gourmet Il patè di pernice rossa su crostini di polenta è una pietanza molto particolare. In primis, perché è realizzata con una carne...

Stella di Natale

Stella di Natale, il dolce perfetto per le...

Perché è così speciale il nostro dolce Stella di Natale? La Stella di Natale non è una torta come le altre. Lo potete notare già dalla foto e dalla sua forma particolare con un impatto visivo...

Cappone ripieno al tartufo

Cappone ripieno al tartufo, un secondo da ristorante

Perché il cappone ripieno al tartufo è così speciale? Il cappone ripieno al tartufo non è un secondo piatto come gli altri. Le ragioni per affermarlo sono numerose, in primis perché prevede...

Torta Albero di Natale

Torta Albero di Natale al profumo di menta

Torta Albero di Natale, un dessert al profumo di menta La nostra mente è sempre propensa alle festività ed eccoci a fantasticare su questa torta albero di Natale. Nessun simbolo potrà essere mai...

Spaghetti con bottarga di pesce

Spaghetti con bottarga di pesce per un cenone...

Spaghetti con bottarga di pesce spada, ingredienti di qualità per una ricetta semplice Gli spaghetti con bottarga di pesce spada rappresentano un primo piatto degno dei cenoni di Natale più...

Carrubine

Carrubine, il tipico dolcetto natalizio

Cosa sono le carrubine? Le carrubine sono dei dolcetti deliziosi, perfetti per ogni occasione ma indicati soprattutto a Natale, quando la voglia di dolci raggiunge il suo apice e ci si può...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-12-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti