Dieta equilibrata e bicicletta per mantenersi in forma

Dieta equilibrata e bicicletta
Commenti: 0 - Stampa

Ma la bicicletta fa dimagrire?

Dieta equilibrata e bicicletta per mantenersi in forma. Nell’immaginario collettivo, è la corsa l’attività fisica che più di ogni altra, almeno a un livello base, fa dimagrire. Tuttavia, non è certo l’unica. Anche la bicicletta è un ottimo strumento per bruciare grassi. Non è solo una questione di calorie. Anzi, da questo punto di vista la corsa vince a mani basse. In media, infatti, durante un’ora di corsa si bruciano dalle 600 alle 900 calorie, mentre in un’ora di bicicletta in piano si bruciano dalle 250 calorie alle 500. Tuttavia, c’è anche un’altro aspetto da prendere in considerazione, se si intende indagare l’impatto della bicicletta sulle prospettive di dimagrimento.

Questo aspetto è l’intensità. La bicicletta, un po’ come la camminata, è un’attività a bassa intensità, a differenza della corsa che, nella maggior parte dei casi impone un livello di intensità medio. Ora, è scientificamente provato che le attività a bassa intensità, pur bruciando una quantità di calorie minore, agiscono soprattutto sui grassi. Beh, proprio quello che serve! Chi corre, invece, brucia anche una parte di carboidrati.

L’impatto sulla salute

Sbaglia chi pensa alla bicicletta come a uno strumento per dimagrire e basta. E’ anche uno strumento per mantenersi in forma, sia nel corpo che nello spirito. Partiamo dai benefici per l’umore. Di base, una qualsiasi attività fisica stimola la produzione di endorfina, che è l’ormone del piacere. La bicicletta, inoltre, è un’attività che si pratica all’aria aperta, persino rilassante se vogliamo, e ha spesso come sfondo la campagna o strade comunque poco battute. Fare attività fisica e godersi il panorama, cosa ci può essere di meglio?

bicicletta

La bicicletta si difende molto bene anche dal punto di vista squisitamente fisiologico. Rassoda la muscolatura, in particolare glutei e gambe. Se utilizzata anche in discesa, sviluppa (parzialmente) la muscolatura alta (addominali, braccia, pettorali). In quanto attività a bassa intensità, poi, è un vero toccasana per l’apparato cardiocircolatorio e uno stabilizzatore della pressione. Certo, gli uomini devono prestare qualche attenzione in più: il sellino pone sotto sforzo la prostata, dunque è bene sostituire la sella in dotazione con una variante anatomica.

Quale dieta per chi va in bicicletta

Pedalare fa bene, ma quale dieta andrebbe associata a un programma di allenamento in bicicletta? Ebbene, da questo punto di vista le indicazioni non sono poi così complicate. E’ sufficiente seguire un regime alimentare sano ed equilibrato. Non vi è alcuna necessità di aumentare il consumo di proteine, d’altronde la bicicletta è un’attività fisica leggera (se praticata a livello amatoriale), che non mette sotto sforzo i muscoli. Il consiglio, quindi, è di seguire uno stile di vita sano, caratterizzato da un equilibrio tra gli ingredienti.

Ciò vale ovviamente anche per chi soffre di intolleranze, come i celiaci. Se già seguite uno stile di vita sano, continuate così e, molto semplicemente, ritagliatevi qualche ora alla settimana per andare in bici!

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

I migliori piatti italiani

I migliori piatti italiani, apprezzati in tutto il...

Alla riscoperta della cucina italiana Quali sono i migliori piatti italiani più famosi e apprezzati in patria e all’estero? Sembra una domanda superflua, se posta da un italiano. Eppure può...

colazione per i bambini

La colazione per i bambini che rientrano a...

Il rientro a scuola dalle vacanze, un momento stressante Il rientro a scuola dopo le vacanze estive prevede una sana colazione adeguata per i bambini, soprattutto dopo un periodo di vacanze molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

La colazione per gli studenti, alcune idee nutrienti

La colazione per gli studenti, il pasto più importante della giornata La colazione per gli studenti (e non) è il primo e il più importante pasto della giornata, secondo gli esperti. In Italia si...

insalata con melissa

Tornare in forma dopo l’estate, alcuni consigli utili

Perché si tende ad ingrassare in estate? Tornare in forma dopo le vacanze estive è un obiettivo di molti, proprio perché sono in tanti a “ingrassare” durate i momenti di relax. Ma perché...

31-08-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti