Besciamella senza glutine e lattosio, una variante ottima

Besciamella
Commenti: 0 - Stampa

La besciamella è un ingrediente perfetto per completare molti piatti, nonché una ricetta base indispensabile in tutte le cucine . E’ chiamata anche salsa madre. Una salsa che troviamo in moltissime ricette della cucina italiana.

E’ una preparazione versatile, che può essere modificata alla bisogna per gli intolleranti al lattosio, i celiaci e gli intolleranti al nichel. Si può preparare anche la besciamella vegana per accontentarli proprio tutti.

Dedicarsi alla preparazione di piatti è sempre un piacere, ma l’utilizzo di alcuni ingredienti chiave che danno un tocco in più di sapore alle pietanze la rende un’esperienza davvero unica. Pensiamo, ad esempio, alla besciamella, un preparato morbido, vellutato e in grado di arricchire il gusto di primi piatti come la pasta al forno. Ora pensate alla differenza tra una lasagna senza besciamella ed una in cui invece è presente, vi sembra la stessa cosa?

No, naturalmente non può esserlo, l’assenza di un ingrediente così delizioso andrebbe senz’altro a discapito del sapore del piatto, oltre che del suo aspetto. Lo sappiamo, anche l’occhio vuole la sua parte e, in cucina, si tratta molto di più che di un semplice modo di dire. Di base è una salsa bianca, aggiungendo un pizzico di curcuma o zafferano diventa di un bel giallo intenso.

Una besciamella alternativa, ecco cosa fa la differenza

La besciamella che noi siamo abituati a consumare e conoscere, ossia la classica besciamella che arricchisce i piatti della domenica, è da sempre apprezzata per il suo sapore pieno, che soddisfa tutti i palati, ma lo stesso non si può dire per le sue proprietà nutrizionali.

Pensate che in origine la besciamella veniva preparata con una lenta cottura di latte, brodo di carne e spezie, mescolate con un’aggiunta di panna liquida. Si dice che sia nata in Toscana, dove era conosciuta come salsa colla e fu esportata in Francia da Caterina de’ Medici.

Besciamella

Riconosciamolo, la classica besciamella non spicca certamente in leggerezza. Proprio in questo contesto, una besciamella alternativa potrà risultare più che gradita. In effetti, pur conservando la carica di gusto che essa inevitabilmente porta con sé, è possibile apprezzarne una versione più salutare, fatta di ingredienti ormai universalmente riconosciuti e benefici per la nostra salute, stiamo parlando del latte di riso e della farina di riso.

L’ingrediente perfetto per completare molti piatti

Dedicarsi alla preparazione di una besciamella fatta di ingredienti sani dà più soddisfazione, una tendenza che sta prendendo sempre più piede vista la ricerca di ingredienti benefici per il nostro organismo. Tale scelta è ormai divenuta un’abitudine diffusa, così come lo è la tendenza a modificare gli ingredienti dei cibi per renderli il più possibile “accessibili” a chi soffre di intolleranze alimentari o disturbi legati all’assorbimento dei nutrienti. Ecco che farina di riso e latte di riso vanno a rappresentare gli ingredienti leader di questa favolosa besciamella. Infatti, la prima è senza glutina mentre la seconda è senza lattosio.

Passando in rassegna le caratteristiche nutrizionali di questi due ingredienti scopriamo che la farina di riso rappresenta una splendida fonte di amido e sali minerali come calcio, ferro, fosforo e potassio, nonché di fibre e di vitamine, in particolare quelle del gruppo B (B6, B3, B2, B1). Tutte sostanze importantissime, che a vario titolo fanno bene alla salute: il calcio fortifica le ossa, il ferro mantiene il sangue ben ossigenato, il potassio regola la pressione sanguigna, le fibre aiutano la digestione e il fosforo sostiene le facoltà intellettuale (soprattutto la memoria). Il latte di riso, poi, è sempre più impiegato anche da chi non è intollerante al lattosio, oltre a risultare altamente digeribile. Inoltre è assolutamente privo di colesterolo, nonché utilissimo per garantire energia nei periodi di maggiore fiacca.

Besciamella, un ingrediente utile per lasagne e non solo

La besciamella è legata in maniera indissolubile alle lasagne. Come ho già detto, non esiste lasagna senza la besciamella. Anche le varianti più coraggiose e bizzarre, per quanto diverse dalla ricetta originale, contengono la besciamella. Le lasagne, e in particolare le lasagne alla bolognese, non hanno bisogno di chissà quali presentazioni. Sono tra i piatti più cucinati in Italia e “ambasciatori” della cucina italiana nel mondo. Sono anche molto semplici da realizzare, per quanto a prima vista possano sembrare complicati. La ricetta originale delle lasagne prevede il classico ragù (sottoposto a una lunga cottura a fiamma bassa), il prosciutto, l’uovo sodo e i piselli. Potete comunque scatenare la vostra fantasia, e tentare abbinamenti più arditi. Immancabile, comunque, è la sventagliata di Parmigiano grattugiato, che concorre a creare una deliziosa crosticina.

Ma la besciamella non è solo sinonimo di lasagne. Tantissime altre preparazioni si fregiano della presenza di questa splendida e versatile preparazione. Tra le ricette più famose troviamo i cannelloni al forno. Questi, insieme alle lasagne, rappresentano il classico pranzo delle feste o delle domenica. Per inciso, anche i cannelloni si distinguono per la loro versatilità, infatti troviamo varianti vegane e vegetariane, che al posto del ragù contengono la ricotta e gli spinaci. Stesso discorso per la pasta ai quattro formaggi, in cui uno dei formaggi è proprio la besciamella. La besciamella si sposa alla perfezione anche con le verdure, anzi contribuisce a migliorare il sapore di molti contorni. In Francia, dove la besciamella è molto utilizzata, viene impiegata per condire le crepe salate, dando vita a una merenda molto corposa e pronta in pochi minuti.

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 ml. di latte intero consentito,
  • 70 gr. di farina di riso,
  • 80 gr. di ricotta consentita,
  • un filo di olio extravergine di oliva,
  • una grattugiata di noce moscata,
  • un pizzico di sale.

Preparazione:

Per preparare la besciamella iniziate grattugiando la ricotta. Poi in un pentolino versate il latte freddo, salate e portate ad ebollizione. Versate poi a pioggia la farina di riso, continuando a mescolare con una frusta a mano per almeno 7-10 minuti, sino a quando la crema ottenuta non avrà la densità e la corposità desiderata.

Versate a filo l’olio extravergine di oliva e mescolate. Ora incorporate la ricotta grattugiata, un pizzico di noce moscata grattugiata e mescolate sino a quando non avrete ottenuto una crema liscia e omogenea. La besciamella è pronta per essere utilizzata nelle vostre preparazioni.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crema pasticcera alla lavanda

Crema pasticcera alla lavanda, una variante aromatica

Crema pasticcera alla lavanda, una variante unica per i dolci La crema pasticcera alla lavanda è una variante della crema pasticcera classica in grado di regalare molte soddisfazioni in cucina. La...

pesto

Il pesto, come conservarlo al meglio

Le peculiarità del pesto classico Come si conserva il pesto? La risposta è meno scontata di quanto si possa immaginare. Anche perché, al netto della semplicità della ricetta, presenta dei tratti...

Idli

Idli, dall’India un pane diverso dal solito

Le particolarità del pane indiano idli Gli idli sono una specie di tortini di pane originari dell’India. Sono realizzati con il riso e una particolare varietà di lenticchie. L’impasto è molto...

Pasta fillo senza glutine

Pasta fillo senza glutine, una variante davvero ottima

Pasta fillo senza glutine, un variante con i fiocchi Oggi vi presento la pasta fillo senza glutine, una ricetta base completamente gluten-free. La pasta fillo è un impasto di origine greco-turca,...

Glassa a specchio

Glassa a specchio senza glutine e lattosio

Cos'è la glassa a specchio? La glassa a specchio è una copertura per dolci molto particolare, dal grande impatto visivo e squisita. Il suo nome dice tutto, ossia è talmente lucida che ci si può...

Pasta biscotto

Pasta biscotto, una base eccellente per dolci e...

Alcune importanti precisazioni sulla pasta biscotto La pasta biscotto è una preparazione che sembra facile ma occorre fare molta attenzione senza attingere ad un bagaglio di conoscenze sbagliato....


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


30-10-2013
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti