Melanzane a funghetto, un contorno anti intolleranze

Melanzane a funghetto
Commenti: 0 - Stampa

Melanzane a funghetto, semplicità e versatilità per un contorno speciale

Oggi vi presento le melanzane a funghetto, un delizioso contorno tipico campano facile da preparare e salutare, realizzato con verdure molto reperibili e utilizzate in cucina. La lista degli ingredienti, infatti, comprende le melanzane, i pomodori il basilico, l’aglio, l’olio e il sale. Anche la ricetta non presenta alcuna difficoltà. Si tratta di cuocere brevemente al forno le melanzane ben disposte su una teglia, e passarle in padella insieme all’aglio e al pomodoro. Il basilico aggiunge poi un tocco finale di colore e gusto. Uno dei pregi di questo squisito contorno è la totale compatibilità con le esigenze di chi soffre di intolleranze alimentari. E’ infatti senza lattosio in quanto non contiene latticini. E’ senza glutine, poiché non contiene cereali o altri alimenti simili.

In teoria contiene il nichel, come suggerisce la presenza dei pomodori e del basilico. Tuttavia, se opterete per dei prodotti specifici, di cui parlerò nel prossimo paragrafo, potrete mangiare questo piatto a basso contenuto di nichel. Ora dedichiamo qualche parola sull’aglio. La sua presenza potrebbe far storcere il naso a molti. A prescindere dalla sua capacità insaporente, l’aglio non gode di grande fama vista la sua “pesantezza” (in termini di digestivi) e gli effetti sull’alito. In realtà questi problemi possono essere facilmente superati se si pone la massima attenzione alle dosi. Utilizzate una quantità sufficiente di aglio e non andate oltre, se volete godere dei suoi benefici senza “effetti collaterali”. In occasione di questa ricetta, ossia per un contorno da quattro persone, bastano due spicchi di aglio.

La bontà e il valore nutritivo delle melanzane

La protagonista delle melanzane a funghetto è proprio la melanzana. Questo ortaggio è molto apprezzato per il gusto e per la versatilità, oltre che per la sua leggerezza. Occorre, però, cuocere la melanzana a dovere e prendere alcuni accorgimenti. Per esempio, se si pensa alla frittura è bene privarla del suo liquido di vegetazione, che renderebbe le preparazioni troppo amare. Per eliminare il liquido è necessaria la salatura, che va eseguita con perizia. In particolare le melanzane vanno sciacquate più volte prima di essere utilizzate.

Le melanzane stupiscono anche per le loro proprietà nutrizionali. Il riferimento è alla presenza di antocianine, sostanze responsabili del colore violaceo e capaci di giovare all’organismo. Inoltre le melanzane sono ricche di potassio, una sostanza che fa bene alla circolazione e agisce anche come tonico. Buono è l’apporto di vitamine, e in particolare della vitamina C, utile soprattutto per il sistema immunitario. Anche l’apporto calorico è molto basso, infatti siamo sulle 18 kcal per 100 grammi, quasi un record nel mondo vegetale (sono più leggere solo le zucchine e pochi altri alimenti).

Quali pomodori usare per questo contorno?

Le melanzane a funghetto contengono anche i pomodori, che aggiungono sapore, nutrimento e colore. I pomodori sono ortaggi preziosi in quanto ricchi di sostanze benefiche. Oltre al potassio e alla vitamina C, di cui ho già parlato, contengono sostanze antiossidanti che aiutano a prevenire il cancro. In più tali sostanze incidono sulla salute della circolazione sanguigna e del cuore. I pomodori sono poveri di calorie, pari a 20-30 kcal per 100 grammi. Per questo motivo, e per la loro succosità, rappresentano il contorno perfetto in estate, proprio durante il periodo della loro raccolta.

Melanzane a funghetto

I pomodori hanno un solo difetto, contengono molto nichel. Poco male per chi non lamenta disturbi, mentre un problema non da poco per gli intolleranti a questa sostanza. Per questo motivo consiglio di utilizzare i pomodori Sfera, realizzati con una innovativa tecnica che priva il terreno da questa sostanza. Il risultato è un pomodoro senza nichel o comunque in quantità davvero limitate, ugualmente gustoso ed efficace dal punto di vista nutritivo.

Un basilico davvero particolare

Per la ricetta delle melanzane a funghetto abbiamo usato un basilico fuori dal comune. Di base il basilico contiene il nichel. Se però scegliete quello di Sfera, avrete a disposizione un basilico quasi nichel-free, ugualmente buono e saporito. Il basilico è da sempre la pianta aromatica più famosa in cucina, in grado di arricchire i piatti e conferire loro un tocco di calore. Il basilico è anche nutriente, infatti contiene molte vitamine. Tra queste spiccano la vitamina C e la vitamina K, che regola la densità del sangue. Molto abbondanti sono anche le sostanze che contrastano il tumore e apportano vari benefici all’organismo.

Il basilico è poco calorico, come lecito aspettarsi da un alimento di origine vegetale. Inoltre contiene anche dei grassi buoni, ossia gli acidi grassi omega tre, che contribuiscono a mantenere in salute il cuore e la circolazione sanguigna. Tra l’altro, gli acidi grassi omega tre supportano le facoltà intellettive, come per esempio la memoria. Il basilico esercita nel suo piccolo anche delle proprietà curative, infatti aiuta a guarire dalle infiammazioni e migliora le condizioni di dolore cronico.  Infine aiuta l’organismo ad assorbire la preziosa vitamina A.

Ecco la ricetta delle melanzane a funghetto:

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 gr. di melanzane,
  • 2 spicchi d’aglio,
  • 200 gr. di pomodori Sfera,
  • qualche foglia di basilico fresco Sfera,
  • q. b. di sale,
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva.

Preparazione:

Per la preparazione delle melanzane a funghetto iniziate preriscaldando il forno a 200 gradi. Intanto mondate e lavate le melanzane, tagliate prima a fette e poi a tocchetti. Coprite una teglia con la carta forno e adagiate le melanzane formando un unico strato. Condite con poco olio e cuocete al forno per 15 minuti circa, fino a completa cottura.

Potete anche decidere di utilizzare le melanzane fritte nell’olio. In questo caso scaldate abbondante olio di semi o di girasole e friggete le melanzane. Mi raccomanda che l’olio deve essere ben caldo per una frittura ottimale. Ci vorranno pochi minuti per raggiungere la doratura. Una volta pronta scolate e adagiate su un vassoio rivestito con carta assorbente

Ora lavate i pomodori e fateli a spicchi. Infine lavate il basilico e asciugatelo per bene.

In una padella riscaldate un po’ di olio d’oliva, imbiondite l’aglio e unite i pomodori. Cuocete a fiamma bassa per 5 minuti. A questo punto integrate le melanzane, salate e continuate a cuocere per 2-3 minuti.

In questo frangente unite anche il basilico fatto a pezzetti. Le melanzane a funghetto sono pronte per essere gustate, potete consumarle subito o anche fredde. Si conservano per tre giorni in frigo, se le ponete in un contenitore a chiusura ermetica.

Una variante gustosa è preparata con l’aggiunta di capperi e olive. Anche questi due ingredienti sono consentiti per chi segue una dieta a basso contenuto di nichel.

Sono ideali come contorno caldo o freddo per un secondo piatto, ma vanno benissimo anche per condire la pasta!

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Patate rosse con pancetta

Patate rosse con pancetta, un piatto equilibrato

Patate rosse con pancetta, uno splendido abbinamento Le patate rosse con pancetta sono il classico contorno ricco di sapore e nutrimento. Ovviamente, non stiamo parlando di un piatto dietetico,...

Scalogno sotto olio

Scalogno sotto olio, uno splendido contorno

Scalogno sotto olio, una preparazione versatile Lo scalogno sotto olio è un’ottima idea per un contorno sfizioso, leggero e aromatico. Può essere impiegato come ingrediente da antipasto e si...

Verdure miste arrostite

Verdure miste agli agrumi, un pieno di oligoelementi

Verdure miste agli agrumi, un’idea semplice, gustosa e salutare Le verdure miste agli agrumi con aceto di mele e agrumi sono un piatto molto colorato, gustoso e facile da preparare. E’ concepito...

Insalata di zucchine crude

Insalata di zucchine crude, un’idea singolare e squisita

Insalata di zucchine crude, un contorno sfizioso La ricetta dell’insalata di zucchine crude è una ricetta sui generis, anche perché è realizzata con le zucchine “al naturale”, non...

Caprese con melanzane e zucchine

Caprese con melanzane e zucchine, un contorno gourmet

Caprese con melanzane e zucchine, una variante gustosa La caprese con melanzane e zucchine è una variante sfiziosa della classica caprese, che è un piatto tra i più conosciuti ed apprezzati. E’...

Nidi di agretti con le uova

Nidi di agretti con le uova, un contorno...

Nidi di agretti con le uova, una ricetta semplice e sostanziosa I nidi di agretti con le uova sono un contorno delizioso, semplice e nutriente. Gli ingredienti si contano sulle dite di una mano, ma...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


10-08-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti