logo_print

Flan di carote: risparmio e salute in cucina

flan di carote
Stampa

Flan di carote: risparmio e salute in cucina. Gli antipasti devono essere sia buoni sia piacevoli alla vista. Ritengo fondamentale iniziare una cena con lo spirito giusto, il che vuol dire non solo presentare un antipasto sano e gustoso, ma anche esteticamente gradevole.

I flan di carote, salutari e allegri per via del colore del loro ingrediente principale, sono un’ottima alternativa al proposito.

Flan di carote: risparmio e salute in cucina

I flan di carote sono un piatto tanto semplice quanto gustoso, che amo preparare quando mi avanzano delle carote dopo un pinzimonio. In questo modo evito di accumulare avanzi, e porto in tavola una soluzione che va bene per tantissime occasioni, dall’antipasto all’accompagnamento di piatti di carne.

Preparare un flan di carote è un’ottima idea per regalarsi qualche ora di sperimentazione creativa ai fornelli. La ricetta che vi sto per proporre è molto semplice, ma se avete tempo potete arricchirla con altri ingredienti e personalizzare il vostro sformato! Non è fantastico, vero?

Secondo me sì! Si tratta di uno dei lati speciali della cucina e della possibilità di ‘giocare’ tra pentole e fornelli, soprattutto dopo una giornata di lavoro un po’ faticosa, alla fine della quale è sempre bello rilassarsi cucinando.

Come scegliere le carote

Per preparare un buon flan di carote è fondamentale scegliere delle ottime carote! Volete qualche consiglio in merito? Inizio con il dirvi che è meglio acquistare carote con una forma regolare e caratterizzate da un color arancione vivo.

Importante è anche controllare le foglie e accertarsi che siano integre, segnale della freschezza della verdura. Le carote – le cui foglie oltre a essere integre dovrebbero essere di un verde il più brillante possibile – dovrebbero essere acquistate di medie dimensioni (il fatto che le carote piccole siano le migliori è un luogo comune).

flan di carote

Per mettere a frutto questi consigli è ovviamente opportuno acquistare le carote al mercato. Comprare la verdura direttamente dal produttore è il miglior modo per avere garanzie di sicurezza!

Date queste premesse potete iniziare a preparare il flan di carote, una ricetta per tutti i gusti e per diverse portate.

Potete sbizzarrirvi con gli abbinamenti sia alimentari sia enologici, ovviamente! Quando porto in tavola il flan di carote con un buon vino rosso corposo ottengo sempre un grandissimo successo, qualunque sia l’etichetta! Un’altra idea è quella di proporre lo sformato come abbinamento a un piatto di capesante. Questi ovviamente sono solo due consigli tra i tanti… di alternative ce ne sono numerose e potrete scoprirle solo sperimentando.

Ed ecco la ricetta del Flan di carote

Ingredienti per 6/8 flan:

  • 1/2 kg di carote,
  • 100 g  di parmigiano reggiano stagionato 36 mesi grattugiato,
  • 2 uova intere e un albume,
  • q.b. olio extravergine d’oliva,
  • 1 cucchiaino di zenzero,
  • 1 cucchiaio di timo,
  • sale e pepe

Preparazione

Preriscaldate il forno a 180 gradi. Raschiate le carote e tagliate le estremità. Fate bollire in una pentola con dell’acqua salata. Scolate, lasciate intiepidire e poi tagliate a rondelle.

In una pentola antiaderente fate rosolare le rondelle per qualche minuto con un filo d’olio, lo zenzero, il timo, il sale e il pepe. Versatele nel bicchiere del frullatore le carote fino a ridurle a purea.

Montate a neve l’albume e in una terrina rompete le 2 uova e sbattete. Aggiungete il parmigiano reggiano, la purea di carote e mescolate. Per ultimo incorporate delicatamente  l’uovo montato a neve e mescolate con cura dall’alto verso il basso onde evitare che si smonti. Aggiustate di sale e pepe

Imburrate gli stampini monodose e spolverateli con della farina di riso, mentre se usate gli stampini in silicone non serve ne imburrare ne infarinare

Adagiate gli stampini sulla teglia e infornate per circa 25/30 minuti. Una volta pronta lasciateli intipiedire qualche minuto e sfornateli.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


07-06-2015
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti