Quali sono le bevande più dissetanti?

bevande più dissetanti
Stampa

Quali sono le bevande più dissetanti, quelle ci vengono in soccorso quando abbiamo la necessità di immettere liquidi nel corpo? Anzitutto va detto che quando il corpo ha bisogno di bere sopraggiungono alcuni campanelli d’allarme: avvertiamo un senso di spossatezza, perdiamo lucidità e siamo meno produttivi sul lavoro, solo per fare qualche esempio.

Naturalmente questa fattispecie riguarda in particolar modo il periodo estivo, quando il caldo spesso ci fa propendere per bevande che rinfrescano ma che in realtà non dissetano in maniera sufficiente. Le bibite gassate come quelle alla cola, un bicchiere di vino bianco servito fresco oppure una birra gelata possono appagare la nostra voglia di gusto, ma non aiutano l’organismo a ritrovare un equilibrio nell’idratazione, secondo quanto dicono gli esperti.

Quali sono le bevande più dissetanti: natura e semplicità

Al primo posto tra le bevande più dissetanti ovviamente troviamo l’acqua naturale. Nonostante le innovazioni, i progressi e le invenzioni umane anche nel campo del beveraggio, un bel bicchiere di acqua fresca resta imbattibile per combattere la sete a prescindere dalle stagioni. Quini abbiamo la variante più diffusa, ovvero l’acqua minerale gasata, che disseta regalando piacere alle papille gustative, quantomeno agli appassionati del genere.

Ai primi posti della classifica si piazza anche il tè freddo al limone senza zucchero, consigliato perché contiene antiossidanti e polifenoli, ma non calorie. Un potente antidoto alla sete è rappresentato anche dalla spremuta d’arancia, bevanda ricca di acqua, vitamina C e sali minerali, molto utili questi ultimi per riprendere vigore e scacciare quel senso di stanchezza e spossatezza di cui parlavamo prima. Un classico dell’estate ma non solo il centrifugato di frutta, buono e dissetante, da preparare rigorosamente con frutta di stagione.

Gli esperti non sconsigliano certo di bere le proprie bevande preferite, dalle bibite gassate alla birra, fino alle varie tipologie di vino bianco che in estate conoscono un picco di consumi in quanto abbinate al pesce e servite a basse temperature. Occorre però essere consapevoli nel consumo e sapere che da sole non bastano a garantire una corretta idratazione dell’organismo.

Una delle mie bevande preferite per dissetarmi e rinfrescarmi è acqua, menta e limone. Quindi ho provato a farci dei ghiaccioli sempre a portata di frigorifero!

Ghiaccioli al limone e mentaGhiaccioli al limone e menta per una pausa rinfrescante

I ghiaccioli al limone e menta sono un’idea semplice ma azzeccata per un break estivo. Sono rinfrescanti, gustosi e si fanno apprezzare da tutti, bambini e adulti. La ricetta che vi presento oggi si caratterizza per una piccola variazione sul tema rispetto a quella classica. Mi riferisco alla menta. Non che la menta sia estranea ai ghiaccioli, ma nella maggior parte dei casi non è abbinata al limone. Molto raramente si trovano ghiaccioli con i due gusti combinati. Ad ogni modo, la ricetta è davvero semplice, come quella di tutti i ghiaccioli del resto. E’ sufficiente preparare uno sciroppo con l’acqua e lo zucchero, aggiungere il succo filtrato, mescolare, inserire il composto negli stampini e riporre il tutto nel freezer.

Ovviamente, il periodo in congelatore deve essere abbastanza lungo, e non inferiore alle dodici ore. Per fare i ghiaccioli sono necessari i relativi stampi. In giro se ne trovano di classici, ma anche di “particolari”, capaci di imprimere decorazioni ai ghiaccioli, Da questo punto di vista, comunque, avete l’imbarazzo della scelta. Il mio consiglio, invece, è di scegliere bene gli ingredienti in quanto la qualità del risultato finale dipende quasi esclusivamente dalla qualità delle materie prime.

Quali limoni utilizzare per i nostri ghiaccioli?

Nei ghiaccioli al limone e menta occorre prestare molta attenzione ai limoni, infatti è opportuno scegliere in modo adeguato la varietà e il grado di maturazione. Benché nell’immaginario collettivo un limone valga l’altro, e vengano percepiti come dei frutti tutto sommato omogenei, le varietà si differenziano per sapore e succosità. Il consiglio è di optare per limoni naturalmente dolci e succosi. Una varietà adatta potrebbe essere il limone lunario, che si caratterizza per una dolcezza intrinseca, a tal punto che molti lo utilizzano per il consumo a crudo, e spesso e volentieri all’interno di insalate.

Per quanto concerne il grado di maturazione, è bene optare per limoni molto maturi. Questi, infatti, si caratterizzano per una succosità più accentuata, che è l’ideale per una ricetta che vede come protagonista il suo succo. Non preoccupatevi per la presenza di semi, anche perché il succo va debitamente filtrato prima di essere mescolato allo sciroppo. Ovviamente, non preoccupati nemmeno delle quantità. Il limone è infatti un frutto prezioso anche e soprattutto dal punto di vista nutrizionale, ipocalorico come tutti gli agrumi e ricco di sostanze utili all’organismo. Le calorie del ghiacciolo, ovviamente derivano tutte dallo zucchero, che comunque – almeno in questa ricetta – è presente in dosi assolutamente equilibrate.

L’importante ruolo della menta

La menta gioca un ruolo fondamentale nei ghiaccioli al limone, sia dal punto di vista organolettico che nutrizionale. Per quanto concerne il sapore, nello specifico, aggiunge una marcata freschezza e un aroma delicato, in grado di completare i sentori aciduli del limone. Da questo punto di vista, il ghiacciolo appare più equilibrato rispetto a quelli preparati solo con il limone o solo con la menta. Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, invece, la menta, oltre a contenere vitamine e sali minerali in abbondanza, è anche ricca di antiossidanti ed esercita importanti funzioni benefiche. Il riferimento è alla stimolazione della digestione e al potere antiemetico. Per quanto concerne la ricetta in sé, invece, la menta non interviene nel composto, ma è più una guarnizione.

Le foglioline, infatti, vanno poste intere nello stampo, dopo che è stato riempito con il composto di succo di limone e sciroppo. Questo approccio, tra le altre cose, genera un bell’effetto visivo, con il verde brillante della menta che si contrappone al giallo pallido del limone.

Ecco la ricetta dei ghiaccioli al limone e menta:

Ingredienti per 6 ghiaccioli:

  • 150 ml. di acqua naturale,
  • 4 limoni,
  • 60 gr. di zucchero,
  • q. b. di foglioline di mente frasca.

Preparazione:

Per la preparazione dei ghiaccioli al limone e menta iniziate estraendo il succo dai limoni, poi filtratelo in un colino a maglie molto strette. Ora lavate le foglie di menta e asciugatele per bene. In un pentolino mettete l’acqua e lo zucchero, poi riscaldate il tutto fino a quando lo zucchero non si sarà sciolto completamente. Fate raffreddare e unite il succo di limone. Infine, mescolate delicatamente e versate il composto negli stampi per ghiaccioli, poi aggiungete la menta e riponete nel freezer per 12 ore. Il ghiacciolo è pronto per essere gustato!

CONDIVIDI SU
08-07-2016
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti