Fregola con zucchine e gamberi, un primo delizioso

Fregola con zucchine e gamberi
Commenti: 0 - Stampa

Fregola con zucchine a gamberi, un’esplosione di gusto e colore

La fregola con zucchine e gamberi è un primo piatto che riconcilia con i sapori di una volta, dai sentori più rustici e genuini. E’ squisito, molto semplice da preparare e, a suo modo, leggero. Il merito va soprattutto alla fregola sarda , che è un taglio di pasta dalle dimensioni molto minuto tipico della Sardegna, ma apprezzato e diffuso anche nel resto d’Italia.

In genere è realizzata con la semola di grano duro , ma in occasione di questa ricetta vi consiglio di optare per la fregola di Molino Conti. Essa si inserisce sul solco della tradizione ma, allo stesso tempo, consente il consumo anche ai celiaci e agli intolleranti al glutine. Infatti, il prodotto non è realizzato con la semola, bensì con il riso e il mais.

Ingredienti, questi, che non tradiscono lo spirito della fregola tradizionale, riuscendo a replicare sapori e particolarità organolettiche in una prospettiva salutista.

D’altronde,  Molino Conti si contraddistingue da sempre per le sue paste bio e gluten-free. Inoltre, i processi di produzione sono alquanto artigianali, per un’offerta che eccelle sia in qualità che in varietà. La fregola de Il Molino Conti è distribuita da P&T, un’associazione che punta a promuovere gli alimenti biologici e a sensibilizzare sui temi delle intolleranze alimentari.

Nel corso degli anni P&T ha stipulato partnership con le migliori aziende produttrici, in grado di perseguire i suoi stessi valori. Si occupa anche della distribuzione dei prodotti delle aziende partner.

Cosa c’è da sapere sui gamberi

La fregola con gamberi e zucchine ha un punto di forza, il condimento. Esso è molto leggero, saporito e capace di conciliare l’elemento ittico con quello rustico. E’ realizzato con i gamberi, i pomodori e le zucchine. Per quanto concerne i gamberi, la loro gestione in fase di cottura è meno complessa di quanto possiate immaginare.

Si tratta, infatti, di sgusciarli e cuocerli in padella insieme all’olio, alle zucchine e al peperoncino. Successivamente, vanno aggiunti i pomodorini per insaporire il tutto.

Fregola con zucchine e gamberetti

I gamberi sono tra le specie ittiche più apprezzate, sia per il loro sapore delicato sia per le proprietà nutrizionali. Oltre a essere una buona fonte di proteine, i gamberi spiccano per il contenuto di sali minerali.

Il riferimento è al fosforo, al calcio, al potassio, al ferro e allo zinco. Contengono, inoltre, numerose vitamine del gruppo B e una buona quantità di carotenoidi. Soprattutto, al pari di alcuni pesci azzurri, apportano gli acidi grassi omega tre, sostanze che giovano all’apparato cardiovascolare, alla funzione visiva e a quella cognitiva.

L’apporto calorico dei gamberi, a dispetto di quanto si pensa, non è affatto eccessivo: 100 grammi di prodotto sgusciato apportano solo 71 kcal.

Come preparare un buon brodo vegetale?

In genere, quando un primo contempla la presenza di questo tipo di pasta , si pensa a una cottura in separata sede. Da un lato il condimento e dall’altro la pasta. Per la fregola con zucchine e gamberi il discorso è diverso. Visto il taglio ridotto, la cottura ricorda quella dei risotti.

La fregola va versata sul condimento, dopodiché si integra il brodo vegetale e si porta a cottura. Dunque, a incidere sulla resa finale è anche il brodo vegetale.

Il consiglio è di non sottovalutare l’importanza di questo ingrediente, anzi vi esorto a prepararlo in casa. Per realizzare il brodo perfetto, vi consiglio di dare un’occhiata alla ricetta che ho pubblicato qui, su Nonnapaperina.it. Per il resto, fate attenzione ai tempi di cottura, che devono essere comunque lunghi, affinché l’acqua assorba i sapori e i nutrienti della verdura.

Mi raccomando, scegliete solo verdura di qualità e non troppo matura. Di base, si impiegano carote, cipolle, sedano e zucchine, ma è possibile integrare anche altri ortaggi, come i pomodori.

Più raramente si utilizzano le patate, anche perché tendono a rilasciare l’amido e a rendere troppo torbido il brodo.

Ecco la ricetta della fregola con zucchine e gamberi:

Ingredienti per 4 persone:

  • 360 gr. di fregola Molino Conti,
  • 600 gr. di gamberi,
  • 4 zucchine,
  • 250 g di pomodorini datterini,
  • 1 mestolo di brodo vegetale o brodo di pesce ,
  • 1 spicchio d aglio,
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva ,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione della fregola con zucchine e gamberi iniziate staccando il guscio dai gamberi, poi togliete il filamento centrale, lavateli sotto l’acqua e metteteli da parte. Versate l’olio d’oliva in una padella dai bordi alti, accendete il fuoco e, quando l’olio è diventato ben caldo, aggiungete le zucchine tagliate a cubetti, i gamberi , lo spicchio d’aglio e il peperoncino.

Poi aggiungete anche i pomodorini datterini tagliati a pezzetti e fate rosolare per 2 o 3 minuti. A questo punto unite la fregola e il brodo caldo (un mestolo alla volta). Mescolate con cura, poi aggiustate di sale, abbassate la fiamma e fate cuocere per altri 20 minuti. La fregola è pronta per essere servita.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Risotto al pino mugo

Risotto al pino mugo, un primo dal sapore...

Risotto al pino mugo, non un semplice risotto Il risotto al pino mugo è un risotto diverso dal solito. I motivi sono diversi e non si limitano a una lista di ingredienti “particolare”. Per...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-03-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti