bg header
logo_print

Celiachia e situazioni scomode, come risolverle al meglio

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Celiachia e situazioni scomode
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

I quadrotti di pasta sfoglia sono un’idea geniale quanto semplice per una merenda gustosa e diversa dal solito. Sono molto semplici da realizzare e veloci, dal momento è necessaria non più di mezz’ora per prepararli seguendo le nostre indicazioni. I quadrotti di pasta sfoglia, poi, spiccano anche per la versatilità. In questa ricetta io propongo la confettura di sambuco, ma nessuno vi vieta di sostituirla con qualsiasi altra confettura o persino con la crema o con la nutella. Il risultato sarà sempre straordinario! Ovviamente, i quadrotti di pasta sfoglia possono essere consumati anche a colazione, e anzi sostituiscono degnamente il classico cornetto del bar.

Vorrei soffermarmi sulla confettura che ho scelto per questi quadrotti di pasta sfoglia, ossia la confettura di sambuco. Scommetto che molti di voi non l’hanno mai assaggiata, anche perché, in effetti, a essa vengono preferite le classiche confetture alla fragola, ai frutti di bosco, alle ciliegie, agli agrumi etc. Eppure vi consiglio di dare un’opportunità a questa confettura al sambuco, anche perché riesce a valorizzare alla perfezione la pianta di sambuco. Una pianta che spicca non solo per l’aroma (viene soprattutto utilizzata per produrre infusi e liquori), ma anche per le sue capacità terapeutiche. Il riferimento è all’impatto positivo che genera sul sistema immunitario e alla capacità di contenere gli stati infiammatori.

Ricetta quadrotti di pasta sfoglia

Preparazione quadrotti di pasta sfoglia

Fate un mix con lo zucchero e la cannella mescolandoli insieme. Stendete la pasta sfoglia mantenendo la carta da forno in essa contenuta, poi con una rotella ritagliate dei quadrotti piuttosto regolari. Fate attenzione, i quadrotti devono essere in numero pari. Adagiate sul centro di ogni quadrotto un cucchiaino di confettura poi chiudete con un altro quadrotto e sigillate per bene i bordi. Adagiate i quadrotti così ottenuti dentro una teglia coperta con carta da forno e cuocete in un forno già riscaldato a 180 gradi per 20 minuti.

In alternativa, potete considerare terminata la cottura quando i quadrotti saranno ben dorati. Sfornate e fate raffreddare. Ora adagiate i quadrotti su un piatto piano e guarnite con un’abbondante sventagliata di zucchero a velo e cannella, ossia il mix che avete preparato a inizio ricetta.

Ingredienti quadrotti di pasta sfoglia

  • 1 rotolo di pasta sfoglia consentita
  • 150 gr. di confettura di sambuco
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • q. b. di zucchero a velo.

Il celiaco e le sue relazioni con il resto del mondo

Celiachia e situazioni scomode, come risolverle al meglio. La celiachia è una patologia “strana”. Può avere risvolti sanitari importanti, ma allo stesso tempo è relativamente facile da addomesticare. Non è infettiva, tuttavia impatta dal punto di vista relazionale e sociale. Proprio di quest’ultimo aspetto vorrei parlarvi, ovvero di come la celiachia può pesare su determinate situazioni sociali, fino a determinare dei veri e propri momenti di tensione. Chi soffre di celiachia da molto tempo si ritroverà in questa breve rassegna. Chi ha scoperto da poco di essere celiaco, invece, avrà l’opportunità di prepararsi e di ragionare sulla forma mentis più adatta per non farsi cogliere di sorpresa.

Nei prossimi paragrafi vi illustrerò un paio di situazioni poco confortevoli. Successivamente, fornirò qualche spunto di riflessione e qualche consiglio utile per affrontarli nel migliore dei modi, conciliando al meglio la tutela della salute con quella degli affetti. Come noterete, le situazioni che vi presenterò hanno un denominatore comune, ossia come la scarsa conoscenza può indurre una scarsa sensibilità sull’argomento. In questi casi, per risolvere al meglio la situazione, è necessaria una dose ingente di pazienza.

Il caso del falso ristorante gluten-free

La prima situazione di cui vorrei parlarvi è quella del classico ristorante senza glutine, che in realtà tanto gluten-free non è. Si tratta di un vero e proprio incubo per i celiaci, soprattutto quando l’occasione vede come protagonista una persona con cui non si ha molta confidenza, o magari conosciuta da poco (pensiamo ai primi appuntamenti). Purtroppo, è anche un incubo ricorrente. Certo, da un lato la consapevolezza sulle necessità dei celiaci è in crescita, dall’altro permangono nutrite “sacche di resistenza” legate alla volontà di generare profitto a danno dei clienti. Ovviamente, sto parlando di quelle situazioni in cui il ristorante dichiara erroneamente di servire pasti per celiaci, e purtroppo lo si scopre una volta che ci si è seduti al tavolo.

Cosa fare in questi casi? Alzarsi e andarsene è un’opzione percorribile, certo, ma si rischia di rovinare la serata. Dunque è possibile fare buon viso a cattivo gioco e, ciononostante, tutelare la propria salute. Per esempio, si può parlare con il cuoco, spiegare le proprie necessità e chiedere non solo di preparare piatti senza glutine, ma anche di evitare qualsiasi tipo di contaminazione. Se il cuoco è restio, non vi rimane che parlare con il responsabile. Di norma i responsabili sono consapevoli dei loro obblighi, dunque se messi alle strette tendono a modificare il menù per l’occasione.

Il consiglio è comunque di mantenere la calma. Lo so, non è facile vista la cattiva volontà di fornire indicazioni false, inoltre a ciò si somma la paura di rovinare la serata, e magari un primo appuntamento. Dunque, parlate con tono conciliante ma fermo, magari riservando uno spazio isolato alla discussione, in modo da non mettere a disagio il proprio partner nel caso le richieste degenerassero in uno scontro verbale.

pranzo con amici

La cena o il pranzo in casa tra amici e parenti

Un’altra situazione molto imbarazzante, che può generare ansia, riguarda le cene in casa. Di norma, un celiaco ha sempre qualche timore a mangiare a casa degli altri, proprio perché non può esercitare un controllo sulla cucina né come semplice cliente né tantomeno come cuoco. Si intrecciano, poi, dinamiche relazionali molto particolari, che comprimono il margine d’azione.

Per esempio, immaginate di dover rifiutare la pasta al forno dell’anziana suocera, che magari ha profuso affetto e attenzione nella preparazione della pietanza. Alcuni potrebbero giudicare questa situazione borderline, ma è facile degenerare e fare brutte figure. Potreste ritrovarvi con una pietanza che contiene pochi ingredienti a base di glutine, frutto dell’attenzione non certo maniacale che caratterizza chi conosce le esigenze dei celiaci, ma non è abituato a soddisfarle in pieno.

La mortificazione, un atteggiamento da evitare

Cosa fare in questi casi? Rifiutare il pasto può generare una catena di situazioni imbarazzanti. Ovviamente, la questione non riguarda la cena con gli amici di vecchia data, con cui si ha una stretta confidenza, ma quelle situazioni in cui le convenzioni sociali si fondono con la necessità di fare una buona impressione. Il pranzo dai suoceri è un caso emblematico, ma può esserlo anche la cena tra coppie appena conosciute. Rifiutare il pasto può mortificare chi l’ha cucinato. Anzi, rischia di mortificarlo in ogni caso, sia che si renda conto dell’errore sia che non se ne renda conto. Nel primo caso il dispiacere è legato ad uno sbaglio grossolano, che poteva mettere in pericolo l’ospite. Nel secondo caso, il rifiuto può essere visto come una sorta di offesa.

Inoltre, anche se più raro al giorno d’oggi, può capitare che qualcuno scambi la celiachia per una moda o per una semplice abitudine alimentare, come può essere il veganesimo, il crudismo etc. In questo caso la situazione provoca dispiacere anche alla persona affetta da celiachia. Infatti, in un riflesso a volte incondizionato, si provano sentimenti di autocolpevolizzazione, come cominciare a credere di essere un guastafeste, un povero sfortunato ecc. Insomma, affiora maggiormente il peso della “malattia”, che scava un solco profondo tra sé e gli altri. Chi convive con la celiachia da molti anni conosce bene questa sensazione, in quanto l’ha provata almeno qualche volta nella sua vita.

Come tutte le dinamiche mentali, questo tipo di colpevolizzazione va evitato assolutamente e preso con la giusta prospettiva. Alla fine è solo una reazione psicologica, che la nostra stessa psiche commette nel tentativo di sciogliere lo stress e di dare un senso a una situazione di sofferenza o disagio. Il malato non è un colpevole. Non dovrebbe essere mai giudicato tale, nemmeno quando la patologia ha un’origine comportamentale, figuriamoci quando si parla di celiachia.

Comunicare la celiachia, una soluzione sempre valida

Nei casi i celiachia stringere i denti e sopportare è una scelta pessima, così come lo è fare finta di niente. Sono errori da non commettere, sia che si soffra di celiachia asintomatica (molto rara), sia se la celiachia è di tipo sintomatico. Ovviamente, in quest’ultimo caso i problemi possono essere davvero importanti, soprattutto a livello gastrointestinale. Dunque, che fare? Ebbene, sono sempre più convinta che la soluzione vada rintracciata nel dialogo e nella trasparenza. Insomma, dovreste spiegare in modo semplice cosa significa essere celiaco e cosa comporta, rendendo partecipi gli altri delle vostre difficoltà. Solo in questo modo potrete essere presi sul serio e, allo stesso tempo, sciogliere gli imbarazzi e le dinamiche di mortificazione reciproca.

Se possibile, fatelo prima di partecipare al pasto, ma potrebbe essere necessario farlo anche durante, ovvero quando vi accorgete che qualcosa non va. Per limitare i danni, senza causare tensioni o dispiaceri, dovreste agire su due livelli: scientifico ed emotivo. Insomma, spiegate cosa è la celiachia e cosa significa la celiachia per voi. In questo modo stimolerete un circolo virtuoso alimentato dall’empatia, che è un po’ il motore della comprensione più profonda. All’inizio può sembrare complicato parlare con il cuore in mano e, allo stesso tempo, risultare precisi e chiari. Tuttavia, dopo un po’, ve lo assicuro, farete l’abitudine e vi sembrerà quasi un gioco da ragazzi. Comunicare la celiachia risulta sempre la migliore arma vincente che avete a disposizione!

Per una festa senza glutine per tutti offrite i quadrotti di pasta sfoglia?

Come ho già specificato, i quadrotti di pasta sfoglia non sono solo squisiti, ma anche molto semplici da preparare. D’altronde, si tratta semplicemente di ritagliare dei quadrati di pasta sfoglia, apporre la confettura su uno di essi e chiudere con l’altro sigillando i bordi. La cottura avviene al forno, ma non si impiega molto tempo. La fase finale della preparazione è molto importante, in quanto aggiunge gusto e migliora la presentazione del “piatto”. Il riferimento è alla sventagliata di zucchero a velo che va precedentemente addizionato alla cannella. Questi quadrotti, come ho già accennato, garantiscono un certo margine di movimento, il riferimento è alla farcitura che può essere formata da qualsiasi confettura o crema.

Quadrotti di pasta sfoglia

Come consumare i quadrotti o quando è più indicato? Ovviamente la scelta sta a voi. Io però li considero un modo per valorizzare il rituale della merenda, per trasformarla in un momento all’insegna del gusto piuttosto che uno strumento per diminuire il senso di fame in attesa della cena. Sono anche perfetti per la colazione, dal momento che contengono tutti gli elementi necessari per una buona colazione all’italiana. Di contro, non li considererei dei dolci di fine pasto, anche perché se posti dopo altre portate potrebbero apparire abbastanza pesanti, sebbene ciò dipende principalmente dalla loro grandezza.

I benefici insospettabili della cannella

La cannella gioca un ruolo importante nella ricetta dei quadrotti di pasta sfoglia, sebbene agisca un po’ in sordina. Nello specifico va unita allo zucchero a velo, in modo da formare una sorta di mix adatto per la decorazione finale. La posa dello zucchero a velo, quindi, impatta positivamente sia dal punto di vista del gusto che dell’impatto visivo. La cannella, infatti, è una spezia dall’aroma spiccato, molto riconoscibile ma niente affatto coprente. Inoltre presenta tanti pregi, soprattutto dal punto di vista nutrizionale.

Il riferimento è in particolare alla concentrazione elevatissima di antiossidanti, i quali impattano positivamente sulla salute dell’apparato cardiocircolatorio ma, soprattutto, contribuiscono a prevenire i tumori. La cannella, inoltre, esercita delle importanti proprietà antibatteriche, antisettiche e digestive. Questa spezia stimola anche il sistema immunitario e l’apparato digerente, dunque è un alleato importante contro l’influenza, la diarrea e la dispepsia. Per quanto riguarda l’apporto calorico, siamo sulle 247 kcal, una cifra inferiore a qualsiasi tipo di zucchero. Insomma la cannella è davvero un’aggiunta importante, che fa compiere il salto di qualità a questa preparazione.

Ricette senza glutine ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

crostata banane e cioccolato

Pasta frolla senza burro, un’ottima base senza lattosio

Come preparare la pasta frolla? La pasta frolla senza burro è davvero speciale e diversa dalle altre, allo stesso tempo è anche semplice da realizzare. E’ sufficiente creare un mix secco con...

Muffin alle mele e farina di patate

Muffin alle mele e farina di patate, dei...

I pregi della farina di patate La farina di patate incide parecchio sull’impasto dei muffin alle mele, anche perché se ne utilizza una quantità importante. E’ frutto del processo di...

Viennetta fatta in casa

Viennetta fatta in casa alla panna, una ricetta...

Quale cioccolato fondente utilizzare? Tra gli ingredienti più importanti della mia viennetta fatta in casa spicca il cioccolato fondente. Esso compare in due momenti distinti: durante la...