Scopriamo il cous cous , scopriamo le novità sul mercato

cous cous di zucchine
Commenti: 0 - Stampa

Scopriamo il cous cous , scopriamo le novità sul mercato, Il cous cous è un piatto originario del nord Africa costituito da granelli di semola di frumento cotti al vapore. La tradizione prevedeva che questo piatto venisse preparato con semola di grano duro, pertanto con un cereale contenente glutine.

Attualmente però sul mercato accanto a quello tradizionale ne troviamo un’ampia gamma realizzati anche con cereali privi di questa proteina. Finalmente anche i celiaci possono avere il loro cous cous, e le alternative tra cui scegliere sono molteplici.

Molti infatti ignorano l’esistenza di cous cous realizzati con mais, riso, grano saraceno, miglio, sorgo, quinoa ed infine di ceci e lenticchie rosse. Queste variabili hanno permesso a molti soggetti celiaci, intolleranti al glutine, affetti da gluten sensitivity o allergia al frumento di non rinunciare a questo piatto, ripiegando su alternative e, talvolta, variando maggiormente la propria dieta avendo un’ampia gamma tra cui scegliere.

Una nota comune che mi sento di farvi in merito al cous cous è quello di seguire le istruzioni di preparazione riportate sulle singole confezioni, in quanto ognuno richiede un determinato procedimento e tempistiche differenti di preparazione.

Se ci mettiamo ad analizzare i tipi di cous cous senza glutine resteremo sorpresi da quanta scelta sia disponibile sul mercato. Qui di seguito vi elencherò le principali tipologie con i nominativi di alcuni marchi in modo tale da rendervi più semplice la ricerca:

  • mais (Probios, Fior di Loto, Bia Italian Food): ottenuto dalla macinazione del chicco di mais è sicuramente la più nota alternative al cous cous tradizionale, ma anche quello con più elevato contenuto di carboidrati e proteine.
  • riso (Bia Italian Food, Probios): certamente il cereale più conosciuto se si parla di quelli privi di glutine. Ottimo regolatore delle funzioni intestinali e dei reni. E’ indicato anche per l’intolleranza al nichel
  • mais e riso (Bia Italian Food, Fior di Loto): ottenuto da una miscela dei due cous cous di riso e mais.
  • grano saraceno (Bia Italian Food, Probios): questo cereale ha un elevato contenuto di potassio e magnesio, è un ottimo antiossidante e pare che consumarlo regolarmente riduca il rischio di diabete.
  • quinoa (Quinua Real): si tratta di uno pesudo-cereale che si presta alla preparazione del cous cous. Adatto a chi soffre di colesterolo in quanto ha un effetto regolatore, tiene bassa la pressione ed è adatto anche a chi soffre di stitichezza. E’ indicato anche per l’intolleranza al nichel
  • miglio (Fior di Loto): questo minuscolo cereale è molto digeribile ed energizzante. Ottimo per chi soffre di stress, anemia e stanchezza.
  • amaranto (Fior di Loto): questo preudo-cereale è ancora più piccolo del miglio ed a dispetto delle sue ridotte dimensioni, ha un elevato contenuto proteico e di sali minerali (quali ferro e calcio). Infine contiene anche elevate quantità di fibre e lisina.
  • ceci e lenticchie rosse (Bia Italian Food): trattandosi di una miscela di questi due legumi questa tipologia di cous cous è un alimento molto nutriente, ma allo stesso tempo facilmente digeribile.

Qualche buona ragione per cucinare e consumare il cous cous

Il cous cous è ormai a pieno titolo divenuto parte della nostra cucina mediterranea. Nutriente e ricco di fibre, esso è molto apprezzato in quanto facile da preparare ed estremamente versatile.
Nei negozi è possibile acquistarlo precotto. Per poterlo utilizzare basta solo versare dell’acqua calda e aspettare che venga assorbita.

La cottura è un passaggio molto importante nella preparazione di questo alimento. E’ necessario aspettare che i chicchi si gonfino, via via che assorbono il liquido. Per evitare di ottenere un risultato colloso, o al contrario, crudo, il trucco è quello di aggiungere una parte di acqua o brodo in uguale proporzione. Ciò premesso, via libera alla fantasia! A declinazioni di ogni genere, questo alimento si presta davvero bene. Scopriamo qualche golosa variante dunque.

A base di carne, di pesce, di verdure o vegan: a ciascuno il suo cous cous!

Chi è alla constante ricerca di leggerezza, gusto, o chi segue un’alimentazione attenta e genuina troverà un prezioso alleato in cucina. Esso si presta davvero a ricette di ogni genere, per tutti i gusti e per tutte le tasche. Il cous cous si accompagna meravigliosamente ad ortaggi e legumi, preziose miniere di minerali indispensabili per il corretto funzionamento del nostro organismo. Un arcobaleno di colori goloso e sano è, ad esempio, il cous cous con melanzane e peperoni.

Può essere facilmente camuffato: tutte le mamme alle prese con bambini difficili da accontentare a tavola potranno servirsi di questo alimento per far consumare ai propri piccoli i ceci, ricchi di grassi Omega 3. Il cous cous con i ceci in umido, ad esempio, è facile da preparare e consente al tempo stesso di soddisfare le esigenze di chi soffre di qualche intolleranza e di chi cerca delle alternative alla carne per assumere proteine.

Fantastiche idee a base di pesce

Chi intenda portare a tavola un pasto completo, nutriente e al tempo stesso elegante e originale non potrà fare a meno di provare l’abbinamento con il pesce. Che dire del medaglione di nasello su cous cous profumato al lime, già all’aspetto tenue e vellutato, cela un sapore dolce e delicato … una variante di sicuro successo a tavola!

Il cous cous sposa alla perfezione anche il salmone. Con esso crea un contrasto nel colore, nella consistenza e nel sapore per un’armonia organolettica straordinaria. Ecco che il cous cous con zucchine e salmone affumicato, che suggeriamo oggi tra le nostre ricette, si rivela un piatto creativo, leggero, che mette d’accordo proprio tutti, chi soffre di intolleranze alimentari e non, chi ama il pesce e chi non vuole rinunciare al fascino di una cucina dalle note orientali.

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

camomilla essicata e al naturale

Camomilla essiccata e al naturale, proprietà e usi

Le principali caratteristiche della camomilla Oggi vi voglio parlare della camomilla essiccata e al naturale, una delle piante officinali più apprezzate e conosciute, nonché un alleato preziosa di...

santolina

La santolina, una pianta aromatica dai mille usi

La santolina dal punto di vista botanico La santolina, o crespolina che dir si voglia, è una pianta arbustiva molto diffusa nei paesi che si affacciano sul mediterraneo. Si presenta con un fusto...

fiordaliso

Il fiordaliso, una pianta da utilizzare in cucina

Le principali caratteristiche del fiordaliso Oggi voglio parlarvi di una pianta speciale, che regala alcuni tra i fiori più belli da vedere, ossia il fiordaliso. Il nome, così elegante e soave,...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

07-02-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti