Vasocottura senza forno a vapore: come utilizzarla

Vasocottura senza forno a vapore
Commenti: 4 - Stampa

Sapori e profumi come mai sentiti prima…con la vasocottura!

La tecnica della vasocottura è un metodo di cottura assai antico: le nostre nonne usavano proprio cucinare in questo modo, avvalendosi del calore di camini e bracieri. Sicuramente starete pensando a qualche atavico strumento pesante ed ingombrante…niente di tutto ciò. Questo metodo di cottura, che da qualche anno a questa parte è tornato alla ribalta, si è sempre basato sulla cottura in vasetti di vetro.

D’altronde, non dovrebbe stupire più di tanto, visto che anche le conserve si basano proprio sull’utilizzo di barattoli in vetro da passare al fuoco, in questo caso, a bagnomaria. Molte fonti autorevoli e diversi rappresentanti del settore della nutrizione si sono di recente espressi sulla vasocottura affermando che trattasi del metodo di cottura più sano che ci possa essere. Il merito di cotanta genuinità è dovuto alla combinazione della cottura esterna (a vapore o con calore proveniente da forni e microonde) con quella che ha luogo nel vetro, naturale, in quanto può avere luogo senza l’uso di condimenti.

A cosa è dovuto il “plus” organolettico?

Tramite questa tecnica si ottengono ricette sane ma dal gusto amplificato. Aprire un vasetto di pietanze cucinate in questo modo permette di riscoprire i sapori di un tempo. Anche una semplice zucchina se cotta in vasocottura potrà rivelarsi molto più gustosa del normale, mantenendo anche il suo colore brillante. Questo avviene perché non ha luogo la dispersione del gusto e del profumo di una ricetta, cosa che accade in genere con il vapore da comune cottura in pentola.

Il plus organolettico trova ragion d’essere più nello specifico nel fatto che tutti gli ingredienti sono cotti in un vaso chiuso ermeticamente. Da ciò consegue che tutti gli aromi in vasocottura si mantengono al loro interno senza andare via, proprio come se cuocessimo in un “super cartoccio”. La cottura in ambiente ermetico, che ha luogo in modo peraltro veloce, consente di mantenere vividi i colori degli ingredienti, specialmente quelli delle verdure.

Inviti a pranzo/cena come risponde la vasocottura?

Servire le pietanze all’interno dei barattoli carini – a patto di non utilizzare vasetti “anonimi” o ancora peggio residui post bellici – ha un indubbio effetto gradevole alla vista, il tutto in maniera veloce ed economica risparmiando tempo, gas ed elettricità, cosa che, in occasione di inviti non è certo poca cosa. La vasocottura ci permette di presentare le pietanze ancora nel vaso per un effetto scenico senza pari.

Il risultato è sicuramente il seguente: con la vasocottura gli ospiti resteranno a bocca aperta, sorprendentemente meravigliati e stupiti. Inoltre questo metodo di cottura ci permette di dosare in maniera semplice le porzioni, evitando la fastidiosa distribuzione a tavola – o in separata sede con tutta l’attesa che ne deriva – delle pietanze. Una bella quantità di vantaggi come si vede!

Come ha luogo la vasocottura senza forno a vapore?

Vasocottura senza forno a vapore: come utilizzare al meglio questo metodo. Cuocere in vasocottura, quindi, in piccoli vasetti di vetro, pietanze di ogni genere che spaziano dal primo al dolce sta diventando una vera e propria moda. Questa tecnica permette di godere di diversi vantaggi, sia dal punto di vista pratico che da quello della salute a tavola. Esistono diverse tipologie di cottura a cui questo metodo si presta. Le tre principali sono: in microonde, a bagnomaria e in forno tradizionale. Insomma, c’è proprio l’imbarazzo della scelta!

Nel primo caso, basta una cottura di 6-7 minuti a circa 700 watt, ma bisogna fare attenzione ad utilizzare vasi che non contengano elementi metallici. La tecnica della vasocottura in microonde non è, per tale ragione, sempre gradita, e certamente non è ideale per chi non dispone di questo piccolo elettrodomestico. Nessun problema: esistono diverse tipologie di cottura a cui questo metodo si presta. Andiamole a scoprire insieme.

Vasocottura a bagnomaria

Cuocere in vasocottura a bagnomaria significa dover disporre solo di una capiente pentola e di acqua (oltre ai vasetti naturalmente). Si distribuiscono gli ingredienti scelti dentro i vasetti, si chiudono bene e si sistemano in una pentola con acqua fino ai due terzi dell’altezza dei vasi. Quindi si procede con la cottura per una decina di minuti o in forno o sul fornello. Il secondo caso si presta maggiormente a cibi che richiedono temperature non troppo aggressive, come il pesce e le verdure più delicate e sottili.

Mentre nel caso in cui la cottura a bagnomaria abbia luogo sui fornelli risultano perfetti i vasetti in vetro con chiusura a molletta e guarnizioni di gomma, in caucciù o silicone perché hanno un’ottima resistenza al calore, nel caso della vasocottura a bagnomaria in forno è preferibile utilizzare i vasetti senza guarnizioni. Queste ultime, infatti, non sempre sono in grado di tollerare le alte temperature.

Vasocottura in forno tradizionale

La cottura con forno “a secco” è un metodo adatto ai cibi che richiedono alte temperature, tipo la carne (quindi maggiore tempo di cottura). Aggiungete sempre nel vasetto una parte liquida, quindi acqua, vino, brodo, latte in base alla ricetta da seguire, e poi chiudete. Ovviamente, anche in questo caso è necessario non usare i sigilli.

I vasetti per la vasocottura in questi casi sostituiscono pirofile e stampini: è quindi un metodo molto utile per conservare la preparazioni. Un consiglio, che vale d’altronde anche per gli altri metodi di cottura, è quello di stare molto attenti quando si estraggono i vasetti dal forno. Questi si arroventano: manovrateli sempre con i guanti e sempre con estrema prudenza, specie in presenza di bambini in cucina.

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

4 commenti su “Vasocottura senza forno a vapore: come utilizzarla

  • Dom 13 Set 2020 | Lorenza Cotella. ha detto:

    Vorrei sperimentate questo tipo di cottura .Quai vasetti sono più indicati ? Senza comprare quelli apposta.? Per quànto riguarda quelli senza guarnizione vanno bene i Bormioli Rocco ? 4 stagioni?

    • Mar 15 Set 2020 | Tiziana Colombo ha detto:

      Lorenza deve acquistare vasetti indicati per la cottura in forno e non sono tutti idonei.

  • Mer 7 Ott 2020 | Daniela ha detto:

    Ciao, non ho ben capito per quanto riguarda la vasocottura con forno tradizionale, prima viene detto di chiudere il vasetto, ma alla fine viene detto anche di non utilizzare i coperchi. Puoi aiutarmi a capire? Grazie 😊

    • Gio 8 Ott 2020 | Tiziana Colombo ha detto:

      In questo tipo di cottura vanno utilizzati i coperchietti di vetro senza guarnizioni. Non si devono utilizzare coperchi di altro tipo.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

vasocottura in cucina

Vasocottura in cucina: cos’è esattamente

Che cos’è esattamente la vasocottura?. Vasocottura in cucina: cos’è esattamente e come può aiutarci. Di vasocottura si inizia oggi sempre più spesso a sentire parlare come se si trattasse di...

Come chiudere una crespella

Come chiudere una crespella : ecco come fare

Varianti delle crespelle base: come chiudere una crespella Chiudere una crespella può sembrare banale, in verità non lo è affatto. Questo perché non esiste una sola modalità con la quale...

consigli per impasto e cottura

Come fare le crepes : ecco i miei...

I segreti base per preparare le crepes Saper fare le crepes è una vera salvezza, specie in occasione di feste, compleanni e buffet con tanti invitati. Versatili, gustose, facili da realizzare, le...

Crepes salate e dolci

Crepes salate e dolci per tutti i gusti....

Facile preparare crepes salate e crepes dolci! Le crepes salate e crepes dolci si vestono di golosità a 360° con l’uso di ingredienti che le rendono insolite e speciali. Le varianti che possiamo...

Differenza tra zuppa minestra crema e vellutata

Differenza tra zuppa e minestra, crema e vellutata

Un piccolo vocabolario culinario Oggi ho deciso di fare un po’ di chiarezza in merito parlando della differenza tra zuppa e minestra, crema e vellutata. Quando ci si muove nel mondo della cucina,...

Svantaggi della cottura sottovuoto

Vantaggi e svantaggi della cottura sottovuoto

Svantaggi della cottura sottovuoto: esistono davvero? Per me è tutto un vantaggio.La tecnica della cottura sottovuoto si rivela una tecnica di ristorazione molto utilizzata e diffusa nel mondo,...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


27-08-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti