Fregola sarda con zuppetta di pesce in vasocottura

Fregola sarda con zuppetta di pesce leggera, in vasocottura
Commenti: 0 - Stampa

Fregola sarda con zuppetta di pesce leggera: una delizia

Fregola sarda con zuppetta di pesce leggera in vasocottura. Quello di oggi è un piatto estremamente nutriente, nonché una ricetta in grado di accontentare tutti. E’ un primo ricco di fibre, minerali, grassi sani, vitamine e proteine: grazie alla presenza di fregola (un tipo di pasta tradizionale della Sardegna perfetta per i piatti di pesce), gamberoni, cozze, scampi, vongole veraci, pesce spada, pomodori, sedano e scalogno… è possibile rendersi conto immediatamente della bontà e del valore nutrizionale di questo pasto!

Tra l’altro, la fregola sarda con zuppetta di pesce leggera verrà preparata in vasocottura e questo fa davvero la differenza. Sapete di che tipo di cottura si tratta? L’avete mai provata? Se non la conoscete, non preoccupatevi: ne parliamo subito e poi ci metteremo all’opera per la preparazione di questa golosa pietanza!

Vasocottura: in cosa consiste?

Ovviamente, sto parlando di una modalità di cottura, che definirei persino una speciale tecnica culinaria, in quanto consente di ottenere dei magnifici risultati da un punto di vista organolettico, e ve ne accorgerete preparando e assaporando la fregola sarda con zuppetta di pesce leggera. La vasocottura viene usata fin dall’antichità e, ultimamente, sta diventando un vero e proprio trend. Infatti, è un metodo di cottura sano e, ad oggi, le consapevolezze relative all’alimentazione e alla salute sono molto elevate!

Pertanto, si tratta di una modalità di cottura che possono prediligere non solo gli amanti della cucina, ma anche coloro che desiderano mangiare sano. Proprio come per la preparazione delle classiche conserve, la vasocottura che useremo per la ricetta della fregola sarda con zuppetta di pesce leggera, consisterà nel cuocere gli alimenti a bagnomaria, all’interno di un vaso o di un barattolo apposito. Si potrà optare per i fornelli oppure per il forno ventilato, con una temperatura da 60 a 150 gradi, e con l’acqua.

Fregola Sarda con zuppetta di pesce leggero in vasocottura

Una modalità di cottura salutare

Con questo metodo, possiamo cucinare praticamente tutto, tranne i funghi (alcune tossine potrebbero rimanere al loro interno) e le patate (che dovranno essere prima lessate). Perciò, potrete preparare non solo la fregola sarda con zuppetta di pesce leggera, ma anche tanti altri piatti di pesce o di carne, creme e contorni… La scelta spetta a voi. Quindi, approfittate di questa ricetta per provare la vasocottura: vi renderete subito conto che i sapori saranno più intensi!

Inoltre, vi accorgerete ben presto che si tratta di un metodo da non sottovalutare, in quanto estremamente salutare: grazie ad esso, non si disperdono le sostanze nutritive, ma restano all’interno degli alimenti. Con questi presupposti, è ovvio che, portando in tavola la ricetta della fregola sarda con zuppetta di pesce leggera, potrete fare letteralmente un pieno di energia e di preziosi micro e macro nutrienti!

Ingredienti per 4 persone

  • 160 gr. di fregola sarda
  • 4 gamberoni L2
  • 4 scampi con code sgusciate
  • 8 cozze
  • 24 vongole veraci
  • 4 dadi di pesce spada
  • 4 pomodori ciliegini
  • 1 scalogno
  • 1 gambo di sedano
  • 2 mestoli di fumetto di pesce
  • 2 cucchiai di olio extravergine
  • q.b. sale e pepe

per il fumetto:

  • 1/2  kg di teste, lische, pelle e pinne di pesce
  • 1 cipolla, 1 carota, 1 porro e 1 gambo di sedano
  • un mazzetto erbe aromatiche
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • sale grosso e pepe in grani

Preparazione

Preparate un fumetto di pesce: Lavate molto bene i resti di pesce, spezzateli se necessario e mettete in una pentola con le verdure mondate e affettate, e 2 litri di acqua. Unite una manciata di sale e portate lentamente a bollore, schiumando le impurità in superficie.

Continuate a eliminare la schiuma; quando non se ne produrrà più, coprite e far sobbollire per 15 minuti. Poi unite il vino bianco e qualche granello di pepe, e cuocete ancora per 15 minuti. Filtrate il fumetto in uno scolapasta protetto da una tela fitta bagnata.

Sbollentate in acqua salata la fregola e portatela a metà cottura.

Eseguite accuratamente la pulizia delle vongole e delle cozze prima di metterle in un tegame con un filo d’olio e aromi a piacere. Mettete a cuocere e coprite con il coperchio. Basteranno pochissimi minuti per farle dischiudere. Non utilizzate le cozze e le vongole che non si aprono.

Inserite nel vaso tutti gli ingredienti aggiungendo il fumetto di pesce. Cuocete per 20 minuti a bagnomaria o in forno a vapore a circa a 90°.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Salsiccia e caponata

Salsiccia e caponata in vasocottura, poco calorico

Salsiccia e caponata in vasocottura: un piatto che non fa ingrassare Salsiccia e caponata: due termini che, accostati, fanno certamente pensare a un piatto molto grasso, dall’apporto calorico...

Tortino di patate e finferli

Tortino di patate e finferli in vasocottura, gustoso!

Il segreto del tortino di patate e finferli in vasocottura Il segreto del tortino di patate e finferli in vasocottura non sta nella scelta degli ingredienti, che appare comunque molto azzeccata, ma...

Crema alla rosa

Crema alla rosa in vasocottura con crumble al...

Un dessert al cucchiaio semplicemente sublime La crema cotta in vasocottura alla rosa con crumble al pistacchio è un dessert meravigliosamente aromatico ma delicato. Questa delizia chic è adatta...

Anatra in vasocottura con misticanza

Anatra in vasocottura con misticanza, alta cucina

Per una cena di alta classe ci vuole tempo Oggi non ci accontentiamo e per questa insalata di misticanza e agrumi con petto d’anatra in vasocottura desideriamo prenderci tutto il tempo necessario....

Pollo in olio cottura con cavolini

Pollo in oliocottura con cavolini, delicato

Il pollo in oliocottura, una modalità da riscoprire Per la ricetta del pollo in oliocottura con cavolini di Bruxelles e salsa di lamponi abbiamo rispolverato una tecnica di cottura antica. La...

Carciofi alla vaniglia in vasocottura

Carciofi alla vaniglia in vasocottura, una prelibatezza

Carciofi in vasocottura, una bontà senza tempo La preparazione dei carciofi alla vaniglia in vasocottura è molto più semplice di quanto si possa pensare. Questa tecnica di cottura dalle origini...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


18-01-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti