Gustose Polpette con zucchine, ricotta e pesto

polpette di zucchine
Commenti: 0 - Stampa

Stuzzicando l’appetito con le polpette

Le polpette sono uno dei piatti più tradizionali della cucina italiana. Nella loro versione con carne macinata, magari intinte nella salsa di pomodoro, sono uno dei classici domenicali insostituibili nel Sud Italia. Una routine che sa di famiglia, casa e amore. Le polpette proprio per questo aspetto casereccio, anche se rivisitate negli ingredienti, non mancano di portare alla mente ricordi felici, spensieratezza ed allegria.

Con queste polpette di zucchine, ricotta e pesto, la tradizione lascia lo spazio ad una versione priva di carne ma non per questo meno ricca di sapore. La base di zucchina prende consistenza con la ricotta ed ottiene una sterzata di gusto con il pesto di basilico. Il risultato, che vi consigliamo caldamente di provare, è particolarmente equilibrato e riuscito nel suo complesso.

Una cena light con le polpette di zucchine, ricotta e pesto

Avete deciso di provare queste polpette di zucchine, ricotta e pesto ma siete ancora indecisi su quale può essere l’occasione giusta per gustarle? Le polpette possono tranquillamente essere parte di un antipasto, un aperitivo o avere la dignità di un secondo. Potrete dunque apprezzare queste polpette di zucchine, ricotta e pesto quando preferite, a seconda del caso.

Noi le serviamo spesso con degli stuzzicadenti negli aperitivi, così che chiunque le gradisca possa assaporarle in maniera pratica e veloce, in un sol boccone! Quando avanza del pesto, ed in cucina mai nulla va buttato via, queste polpette sono un’ottima soluzione per un riuso intelligente degli ingredienti.

polpette di zucchine

Un piatto leggero ma ricco di nutrimento

Le zucchine sono una fonte inestimabile di potassio e particolarmente utili per la salute dell’intestino e delle vie urinarie. La stagione di coltivazione ideale sarebbe tra primavera ed estate, ma con la produzione in serra le zucchine sono oramai reperibili tutto l’anno nella grande distribuzione. Le zucchine sono particolarmente apprezzate nelle diete ipocaloriche perché molto nutrienti ma con un numero ridottissimo di calorie. Oltre al potassio, sono ricche di vitamine ed acido folico.

Tra gli effetti benefici ricordiamo che sono utili contro la stitichezza ed hanno riconosciute proprietà rilassanti per l’organismo. La ricotta è un latticino che contiene al proprio interno sali minerali, grassi e lattosio. Il tipo di ricotta utilizzato (ossia il tipo di latte di pecora, mucca, bufala, ecc.) può influire significativamente sulle proprietà nutrizionali quindi per ulteriori dettagli converrà valutare di volta in volta l’etichetta.

Ed ecco la ricetta delle polpette di zucchine, ricotta e pesto:

Ingredienti per 4 persone:

  • 700 gr. di zucchine,
  • 100 gr. di ricotta consentita ben scolata,
  • 4 cucchiai di pesto,
  • 4 cucchiai di parmigiano reggiano 36 mesi,
  • 1 spicchio di aglio,
  • 1 uovo sbattuto,
  • q. b. di pangrattato consentito,
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale e di pepe

Preparazione:

Lavate le zucchine, asciugatele e grattugiatele grossolanamente. In una padella con un giro d’olio caldo, mettere uno spicchio d’aglio pulito a rosolare e cominciate a cuocere le zucchine. Dopo circa 10 minuti di cottura, eliminate l’aglio e versate le zucchine in una coppetta per farle raffreddare. Una volta fredde, unite l’uovo, la ricotta, un pizzico di sale, pepe, il Parmigiano, il pesto e lavorate tutto energicamente con una forchetta. Unite pan grattato a sufficienza per dare la giusta consistenza al composto.

Lasciate riposare in frigo per circa 30 minuti. Preriscaldate poi il forno a 200°. Formate ora le polpettine, prendendo poco per volta l’impasto e lavorandolo tra le mani. Adagiate le polpettine su di una placca con carta da forno, spennellate con dell’olio ed infornate per circa 30/35 minuti. Servitele come preferite, calde o fredde saranno comunque buonissime. Buon appetito!

4/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino e anguria, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino e anguria, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino e anguria è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo...

Pesce spada con melanzane

Pesce spada con melanzane, un secondo corposo

Pesce spada con melanzane, un piatto semplice e squisito Il pesce spada con melanzane è un secondo semplice da realizzare, capace di proporre sentori genuini e apportare i nutrienti più vari. Il...

Capesante con gamberi e zucchine

Capesante con gamberi e zucchine, una vera delizia

Capesante con gamberi e zucchine,  piatto raffinato dal sapore rustico Le capesante con gamberi e zucchine gratinate riuniscono eccellenti ingredienti di mare e di terra. Nello specifico, le...

Pesce spada con verdure

Pesce spada con verdure, un piatto semplice e...

Pesce spada con verdure, un’idea davvero sfiziosa Il pesce spada con verdure è una ricetta semplice in grado di valorizzare appieno gli ingredienti. Lo fa grazie a degli abbinamenti suggestivi,...

Frittelle con fiori di sambuco

Frittelle con fiori di sambuco, una variante aromatica

Frittelle con fiori di sambuco, buone e facili da preparare Le frittelle con fiori di sambuco rappresentano una deliziosa alternativa alle classiche frittelle. Per certi versi, almeno per quanto...

Carpaccio di salmone

Carpaccio di salmone, un secondo dal gusto delicato

Carpaccio di salmone, un secondo gourmet pieno di gusto e colore Il carpaccio di salmone è un secondo dal sapore delicato, raffinato e adatto a tutti i palati. E’ anche piuttosto complesso, non...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


25-05-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti