Polpettine di carne con foglie di barbabietola

Polpettine di carne con barbabietole
Commenti: 0 - Stampa

Polpettine di carne con barbabietola, un’idea semplice ma azzeccata

Le polpettine di carne con foglie di barbabietola sono il classico secondo piatto della tradizione italiana, arricchito però da un contorno semplice, gustoso e leggero. Il pasto, nel suo complesso, appare completo sia sotto il profilo organolettico che nutrizionale.

Visivamente si fà desiderare, in quanto la verdura conferisce una discreta varietà cromatica. La ricetta, infine, non pone in essere difficoltà di sorta, infatti le barbabietole vengono semplicemente scottate e passate in padella.

Le polpettine, invece, vengono preparate come da tradizione.  L’unica differenza, rispetto ad alcuni approcci regionali almeno, riguarda la cottura.

Infatti, in questo caso si utilizza una cottura al forno al posto della frittura. E’ necessario un po’ più di tempo, è vero, ma si guadagna in leggerezza. Tuttavia vi è il rischio che le polpettine risultino asciutte, ma è sufficiente amalgamare bene l’impasto e aggiungere la giusta quantità di uovo e di latte per risolvere il problema alla radice.

Quale carne scegliere per queste polpettine?

Per quanto concerne la tipologia di carne, le polpettine con foglie di barbabietola non riservano alcuna sorpresa. Infatti, va utilizzato il trito di due tipi di carne: maiale e manzo. La loro presenza conferisce all’impasto la giusta morbidezza e un equilibrio spiccato dal punto di vista organolettico.

Vale la pena spendere qualche parola su questi due tipi di carni, giudicate molto simili ma in realtà caratterizzate da molte differenze. Entrambe vengono considerate carni rosse, ma la carne di maiale è bianca, dunque è più simile al pollo da un punto di vista biochimico.

Tale differenza si declina nella quantità di grassi. Per quanto possa sembrare strano, infatti, la carne di maiale contiene meno grassi rispetto alla carne di manzo. Differenti, ovviamente, sono anche le quantità di ferro, più alte nel manzo di quanto non lo siano nel maiale.

Per il resto, si tratta pur sempre di carne, dunque i punti in comune dal punto di vista nutrizionale sono numerosi. Entrambe sono ricche di proteine, che rappresentano circa il 20% della loro struttura.

Buono è anche l’apporto di vitamine e sali minerali, in particolare le vitamine del gruppo B, il ferro e il potassio. Per quanto concerne la ricetta in sé, l’impasto dovrebbe essere realizzato con le mani per conferire allo stesso la giusta compattezza.

Polpettine di carne con barbabietole

Il ruolo delle uova e le loro proprietà

Le uova conferiscono morbidezza all’impasto delle polpettine di carne con foglie di barbabietola. Tuttavia occorre prestare attenzione alla loro quantità, poiché, paradossalmente, un impasto con troppo uovo risulterà troppo asciutto. Quindi quante uova occorre utilizzare per queste polpettine?

Di base ne occorrono davvero poche, infatti dovrebbe bastare un uovo ogni venti polpette. Inoltre, parte della componente liquida è data dal latte, che ha lo scopo di conferire una morbidezza non solo a livello di texture, ma anche sul piano organolettico. La presenza dell’uovo si fa comunque sentire anche sul piano nutrizionale.

L’uovo è prezioso in quanto contiene tante vitamine e sali minerali. Per esempio, contiene la vitamina D, che fa molto bene al sistema immunitario. Buono è anche l’apporto della vitamina B1, che impatta positiva sul sistema nervoso. Tra i sali minerali troviamo una buona presenza di zinco, capace di impattare sul sistema immunitario, e di ferro.

Per quanto concerne i grassi, essi sono presenti, ma fanno parte della categoria dei grassi “buoni”. Un esempio è dato dalle lectine, che conferiscono la giusta elasticità alle arterie. L’unico vero grande difetti delle uova è la presenza di colesterolo, per cui si raccomanda comunque un consumo equilibrato.

Un contorno leggero e gustoso

L’altra componente fondamentale delle polpettine di carne con foglie di barbabietola è dato dal contorno. Come ho già specificato, è realizzato con la barbabietola rossa. Il colore non è solo una questione estetica, ma anche nutrizionale.

Il colore rosso è dato dalle antocianine, che svolgono un’importante funzione antiossidante: riducono lo stress ossidativo, combattono i radicali liberi e aiutano a prevenire il cancro.

Per il resto, le barbabietole incarnano appieno il concetto di verdura, infatti sono ricche di vitamine, in particolare la vitamina C, di potassio e magnesio. Ottimo è anche l’apporto di fibre, che come sicuramente saprete supporta l’apparato digerente e aiuta a risolvere lievi problemi di stipsi.

Buona è anche la quantità di acqua, che non viene compromessa nemmeno a seguito della cottura. In virtù di ciò, la barbabietola è considerata anche depurativa.

L’apporto calorico, infine, è davvero basso, pari a 43 kcal per 100 grammi. Per quanto concerne la ricetta, la barbabietola, dopo essere stata lavata e tagliata, va prima bollita e poi passata in padella.

Ecco la ricetta delle polpettine di carne con foglie di barbabietola:

Ingredienti per 20 polpette:

  • 500 gr. di carne macinata di manzo,
  • 250 gr. di carne macinata di maiale.
  • 50 gr. di pane grattugiato consentito,
  • 50 gr. di parmigiano reggiano grattugiato,
  • 1 cipolla e 1 spicchio di aglio,
  • un cucchiaio di prezzemolo fresco tritato,
  • 1 uovo,
  • mezzo bicchiere di latte intero consentito,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Per il contorno:

  • 1 mazzo di foglie di barbabietola rossa,
  • 1 barbabietola precotta,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione delle polpettine di carne con foglie di barbabietola iniziate dal contorno. Mondate e lavate con attenzione le foglie di barbabietola e scottate per 10 minuti circa in poca acqua salata leggermente. Sbucciate la barbabietola precotta e tagliate a spicchi

In una padella scaldate un po’ di olio d’oliva, aggiungete l’aglio (pelato e tritato) e le foglie di barbabietola. Regolate di sale e cuocete per pochissimi minuti, giusto il tempo di insaporire.

A questo punto il contorno è pronto. Occupatevi ora delle polpette. In una grande ciotola unite le due carni e mescolate. Fate attenzione a non creare dei grumi e continuate ad amalgamare fino ad ottenere un composto omogeneo.

Ora pelate l’aglio e la cipolla e ricavatene un trito. Aggiungete questi ultimi alla carne, e fate lo stesso con il pangrattato, il parmigiano grattugiato, il prezzemolo tritato e l’uovo. Mescolate usando le mani, infine unite il latte, salate e pepate.

Una volta che il composto ha acquisito una texture omogenea, formate delle polpettine. Passate queste nel pangrattato, distribuitele su una teglia foderata di carta da forno. Durante la cottura giratele un paio di volte. Cuocete per 30 minuti a 180 gradi.

Una volta che sono pronte, servite le polpettine con le foglie di barbabietola e dei pezzettini di barbabietola cruda.

5/5 (526 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pollo con funghi porcini

Pollo con funghi porcini, un secondo leggero e...

Pollo con funghi porcini, un secondo classico Il pollo con funghi porcini è un secondo piatto classico che rende molto con il minimo impegno. Gli ingredienti, infatti, si contano sulle dita di una...

Testina di vitello con ceci

Testina di vitello con ceci, un secondo speziato

Testina di vitello con ceci e rosmarino, un piatto per valorizzare un taglio di carne poco diffuso La testina di vitello con ceci e rosmarino è un secondo piatto dai sapori forti, che si fregia di...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Millefoglie di trota e radicchio

Millefoglie di trota e radicchio, un secondo dolce

Millefoglie di trota e radicchio, un’idea gourmet La millefoglie di trota e radicchio è un secondo dall’aspetto elegante, che gioca su una distribuzione ben pensata di sapori e colori. E' un...

Filetto di rombo con pistacchi

Filetto di rombo con crema di pistacchi, gustoso

Filetto di rombo con crema di pistacchi, un secondo da leccarsi i baffi Il filetto di rombo con crema di pistacchi è un secondo piatto di pesce dal carattere gourmet. In primis perché il rombo...

Tramezzino con barbabietola

Sandwich con barbabietola, un pasto veloce e squisito

Sandwich con barbabietola, un meraviglioso incontro tra sapori Il sandwich con barbabietola può essere considerato uno spuntino delizioso, facile da preparare, nutriente e sano. E’ perfetto per i...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


11-05-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti