Midori sour, il green cocktail che non passa inosservato!

Midori sour
Commenti: 2 - Stampa

Midori Sour, un cocktail rinfrescante e moderatamente alcolico

Il Midori Sour è un cocktail che spicca certamente per il colore verde fluo, ma anche per il gusto fruttato e rinfrescante. E’ il cocktail perfetto per l’estate, soprattutto da servire come aperitivo serale, prima della cena. Infatti, è anche piuttosto leggero.

Di base, la componente alcolica è data dal Midori, un liquore molto particolare in quanto originario non di qualche famosa distilleria occidentale, bensì del Giappone. Il Giappone vanta una tradizione nella produzione di alcolici molto diversa dalla nostra.

Per inciso il Midori è un liquore al melone, poco alcolico (siamo sui 20 gradi) e con un gusto tendenzialmente dolce. Per questo motivo, pur potendo essere bevuto in solitaria, viene di norma utilizzato per la produzione di cocktail, specie in quelli dove è prevista la presenza del succo di limone (come in questo caso).

Il nome Midori deriva dal giapponese “midoriiro”, che significa per l’appunto verde acceso. Il liquore è stato inventato da un’azienda di Osaka nel lontano 1971, dunque vanta già una lunga storia.

Per quanto concerne il Midour Sour, stiamo parlando di un cocktail che apprezzo molto, infatti è l’ideale per sorprendere i propri ospiti, prima con l’impatto visivo (determinato dal colore) e poi con il gusto gradevole.

La ricetta è davvero semplice, anche perché consiste nella semplice unione degli ingredienti. Inoltre, a seconda delle esigenze, potete renderlo meno dolce optando per una qualità più o meno acida di sweet and sour.

All’occorrenza, potete preparare anche una versione alcolica, che consta della presenza della vodka liscia.

Tra i tanti superalcolici che possono essere integrati, questo tipo di vodka è l’ideale in quanto il suo sapore “quasi neutro” si addice ai sentori del Midori Sour. Ho personalmente scoperto il Midori Sour qualche tempo fa, quando è stato proposto dal nostro Paolo Scaglia per l’inaugurazione di Accademia de Il Mondo delle Intolleranze.

E’ stata una sorpresa per noi, visto che ci affidiamo sempre alla sua capacità di improvvisazione e di scegliere delle ricette davvero uniche. Da quel momento preparo questo tipo di cocktail ogni volta che mi serve un drink fresco, leggero e dal grande impatto visivo.

Cos’è lo sweet and sour?

Tra i pochi ingredienti che il Midori richiede spicca lo sweet and sour. A molti di voi questo nome non dirà niente, infatti è una preparazione base dei cocktail, patrimonio comune dei barman in giro per il mondo, ma poco conosciuta al di fuori di questo contesto.

Si tratta di un composto a base di sciroppo di zucchero e succo di limone. Il suo scopo è fornire un elemento dolcificante, ma comunque capace di conferire gusto ed equilibrio ai drink.

E’ proprio questo il ruolo che gioca nella ricetta del Midori Sour. D’altronde, quando si parla di cocktail a base di Midori, occorre fare attenzione all’elemento dolce.

Ad ogni modo esistono svariate tipologie di sweet and sour. Potete scegliere quella che più vi aggrada, a patto però di conoscerne gli effetti e le implicazioni a livello organolettico.

Le alternative sono date dalla tipologia classica, che consta di una parte di sciroppo e una parte di succo di limone, dalla tipologia “ricca”, che consta di due parti di sciroppo e una di succo di limone e dalla tipologia “acida”, formata da una parte di sciroppo e da due parti di succo di limone. Potete preparare lo sweet sour a casa, utilizzando la ricetta dello sciroppo “classico” (ad esempio quello da liquore da macerazione). Oppure potete optare per la via più rapida, acquistandolo già pronto. In commercio vi sono sweet sour di ogni tipo, spesso arricchiti da alcuni “acidi”, come l’acido citrico, il malico e il tartarico.

Il contributo equilibrante del limone

Il limone, anzi il suo succo, è un elemento fondamentale per la buona riuscita del Midori Sour. Come già anticipato, esercita un ruolo equilibrante in qualsiasi tipo di cocktail. Senza la sua azione “acidificante” il cocktail risulterebbe troppo dolce, e quindi poco gradevole al palato.

Ovviamente, per utilizzare il succo di limone dovrete prima filtrarlo, in modo da evitare contrasti a livello di texture con gli altri ingredienti (la soda e il Midori).

Il succo di limone conferisce anche spessore nutrizionale alla ricetta. Di base contiene molta vitamina C, potassio, antiossidanti e il famoso acido citrico.

Per inciso, la vitamina C favorisce le performance del sistema immunitario, il potassio impatta positivamente sulla circolazione sanguigna e gli antiossidanti agiscono in funzione antitumorali in quanto capaci di contrastare i radicali liberi.

Per quanto concerne le calorie non dovete preoccuparvi di nulla, infatti l’apporto calorico del succo di limone, come quelli di tutti gli agrumi, è davvero trascurabile.

Quanta soda utilizzare nel Midori Sour?

Per quanto riguarda la soda da usare nel Midori Sour, dovreste regolarvi in base al vostro gusto. Se desiderate un cocktail molto leggero, e in qualche modo diluito, inserite molta soda. Se desiderate un cocktail corposo, carico di sapore, inseritene un po’ di meno.

A tal proposito va fatta una distinzione tra soda e acqua tonica, dal momento che spesso sono considerati sinonimi. Una falsa convinzione che, in merito alla preparazione del Midori Sour, può avere conseguenze importanti.

La soda è semplice l’acqua effervescente ed in parte insapore. L’acqua tonica, invece, è anche essa molto effervescente, ma propone un sapore un po’ amaro. Un sapore gradevole, per carità, ma che c’entra ben poco con il Midori Sour. Dunque, in base ai gusti, potete abbondare con la soda, purché sia vera e non tendente ad una normale acqua tonica.

midori sour

Come preparare il Midori sour

Il liquore  giapponese a base di melone è l’ingrediente perfetto per creare cocktail classici con un tocco speciale o semplici long drink.

Ne sono certa: questo drink aggiungerà un tocco inaspettato al vostro cocktail. Per quanto riguarda l’ingrediente “sweet and sour” – o limonata addolcita –  occorrerà semplicemente spremere 500 ml di succo di limone o lime, aggiungere 250 grammi di zucchero, allungare con altri 250 ml di acqua, imbottigliare e usare all’occorrenza.

Ne caso non riuscite a reperire il Midori, potete tranquillamente sostituirlo con un’altra bevanda alcolica al gusto di melone.

Il Midori Sour come aperitivo per l’inaugurazione dell’ Accademia

Paolo ha preparato il Midori sour il giorno dell’inaugurazione dell’Accademia del Mondo delle Intolleranze ed è stato gradito da moltissimi! Fra le nuove ricette che ha imparato alla Scuola Alberghiera ha deciso per questa ricetta!

Mi ha tirato matta perchè voleva esserci anche lui con qualcosa di sorprendente. Sia io che Danilo eravamo un po’ preoccupati, visto che lo conosciamo bene. Lui è un improvvisatore nato.

Non ha ancora il senso dell’organizzazione in una cucina. Ma, a dire il vero, eravamo cosi presi da tutti i preparativi che, per sfinimento, gli ho detto va bene purchè si organizzasse da solo e non chiedesse niente alla squadra.

Ha fatto la spesa di tutto il materiale che serviva. Dai liquore al limone ai bicchieri. Ha dovuto pensare proprio a tutto. E’ persino venuto con me alla Metro per accertarsi che non dimenticavo nulla di quanto mi aveva scritto sulla sua lista.

Danilo lo curava senza farsi capire, per vedere che tutto stava andando per il verso giusto oppure se era il caso intervenire. Alla fine, ha vinto lui! Il suo Midori ha avuto davvero un gran successo.

Quando penso all’ Accademia del Mondo delle intolleranze, c’è una frase che mi porto dietro e dentro da anni e che recita così: “gli inizi non hanno mai fine”.

Non ricordo se l’ho letta in qualche libro o se l’ho sentita dire a qualcuno, ma è come se io l’avessi subito tatuata da qualche parte sulla mia pelle. È solo una frase, certo, e potrebbe sembrare un’ovvietà, ma per me è una semplicissima e allo stesso tempo sconvolgente verità.

Ed ecco la ricetta del Midori sour

 Ingredienti:

  • 4,5 cl di Midori
  • 6 cl di Sweet and sour mix
  • 3 cl di succo di lime o limone
  • soda per allungare
  • q.b. ghiaccio
  • fette di lime per servire

Preparazione

Spremete il succo di un lime o limone e filtratelo.

Il cocktail si prepara direttamente nel bicchiere.

Versate il ghiaccio, tutti gli ingredienti e mescolate dolcemente.

Guarnite con una ciliegia al maraschino e una fetta di lime.Buon drink!

3.7/5 (3 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Midori sour, il green cocktail che non passa inosservato!

  • Lun 19 Lug 2021 | Carlo ha detto:

    Fresco e sicuramente dissetante. Mi devo segnare gli ingredienti e provare a farlo.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Acqua aromatizzata con lime e melissa

Acqua aromatizzata con lime e melissa, molto rilassante

Acqua aromatizzata con lime e melissa, una bevanda salutare L’acqua aromatizzata con lime e melissa è una bevanda che coniuga leggerezza, gusto e attenzione per la salute. E’ una ricetta molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

Tisana alla verbena

Tisana alla verbena, una bevanda salutare e depurativa

Tisana alla verbena, altro che camomilla La tisana alla verbena è un’ottima bevanda facile da preparare, che offre molto in termini organolettici e nutrizionali. E’ una bevanda rilassante, come...

Bevanda alla melissa

Bevanda alla melissa, un cocktail analcolico per tutti

Bevanda analcolica alla melissa, una tisana simile ad un cocktail La bevanda alla melissa analcolica è un cocktail molto semplice da realizzare e in grado di regalare molto in termini di gusto e di...

sciroppo di melissa

Sciroppo di melissa, una preparazione multiuso

A cosa serve lo sciroppo di melissa? Sotto certi punti di vista lo sciroppo di melissa è come il classico sciroppo. I suoi usi, infatti, non si differenziano molto dagli altri sciroppi alla frutta,...

Succo di zucca e mela

Succo di zucca e mela, una combinazione perfetta

Succo di zucca e mela, un concentrato di gusto e nutrienti Il succo di zucca e mela è un bevanda dalle mille proprietà. E’ gustosa, leggera, nutriente e bella da vedere (il ché non guasta). Si...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


19-06-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti