bg header
logo_print

Midori sour, il green cocktail che non passa inosservato!

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Midori sour
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 10 min
cottura
Cottura: 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
4.8/5 (39 Recensioni)

Midori Sour, un cocktail rinfrescante e moderatamente alcolico

Il Midori Sour è un cocktail che spicca certamente per il colore verde fluo, ma anche per il gusto fruttato e rinfrescante. E’ il cocktail perfetto per l’estate, soprattutto da servire come aperitivo serale, prima della cena. Infatti, è anche piuttosto leggero.

Di base, la componente alcolica è data dal Midori, un liquore molto particolare in quanto originario non di qualche famosa distilleria occidentale, bensì del Giappone. Il Giappone vanta una tradizione nella produzione di alcolici molto diversa dalla nostra.

Per inciso il Midori è un liquore al melone, poco alcolico (siamo sui 20 gradi) e con un gusto tendenzialmente dolce. Per questo motivo, pur potendo essere bevuto in solitaria, viene di norma utilizzato per la produzione di cocktail, specie in quelli dove è prevista la presenza del succo di limone (come in questo caso). Si può inserire tra i cocktail alcolici dolci.

Il nome Midori deriva dal giapponese “midoriiro”, che significa per l’appunto verde acceso. Il liquore è stato inventato da un’azienda di Osaka nel lontano 1971, dunque vanta già una lunga storia. Credo che sia uno fra i pochi cocktail verdi che non siano preparati con la menta.

Ricetta midori sour ricetta

Preparazione midori sour ricetta

  • Spremete il succo di un lime o limone e filtratelo. Il cocktail si prepara direttamente nel bicchiere.
  • Versate il ghiaccio, tutti gli ingredienti e mescolate dolcemente.
  • Guarnite con una ciliegia al maraschino e una fetta di lime. Buon drink!

Ingredienti midori sour ricetta

  • 45 ml di Midori
  • 60 ml di Sweet and sour mix
  • 30 ml di succo di lime o limone
  • soda per allungare
  • q.b. ghiaccio
  • fette di lime per servire

Midori sour: un drink verde che sorprende

Per quanto concerne il Midori Sour, stiamo parlando di un cocktail che apprezzo molto, infatti è l’ideale per sorprendere i propri ospiti, prima con l’impatto visivo (determinato dal colore) e poi con il gusto gradevole.

La ricetta è davvero semplice, anche perché consiste nella semplice unione degli ingredienti. Inoltre, a seconda delle esigenze, potete renderlo meno dolce optando per una qualità più o meno acida di sweet and sour.

All’occorrenza, potete preparare anche una versione alcolica, che consta della presenza della vodka liscia.

Tra i tanti superalcolici che possono essere integrati, questo tipo di vodka è l’ideale in quanto il suo sapore “quasi neutro” si addice ai sentori del Midori cocktails. Ho personalmente scoperto il Midori drink qualche tempo fa, quando è stato proposto dal nostro Paolo Scaglia per l’inaugurazione di Accademia de Il Mondo delle Intolleranze.

E’ stata una sorpresa per noi, visto che ci affidiamo sempre alla sua capacità di improvvisazione e di scegliere delle ricette davvero uniche. Da quel momento preparo questo tipo di cocktail ogni volta che mi serve un drink fresco, leggero e dal grande impatto visivo.

Cos’è lo sweet and sour?

Tra i pochi ingredienti che il cocktail midori richiede spicca lo sweet and sour. A molti di voi questo nome non dirà niente, infatti è una preparazione base dei cocktail, patrimonio comune dei barman in giro per il mondo, ma poco conosciuta al di fuori di questo contesto. Si tratta di un composto a base di sciroppo di zucchero e succo di limone. Il suo scopo è fornire un elemento dolcificante, ma comunque capace di conferire gusto ed equilibrio ai drink.

E’ proprio questo il ruolo che gioca nella ricetta del Midori cocktail. D’altronde, quando si parla di cocktail a base di Midori, occorre fare attenzione all’elemento dolce.

Ad ogni modo esistono svariate tipologie di sweet and sour. Potete scegliere quella che più vi aggrada, a patto però di conoscerne gli effetti e le implicazioni a livello organolettico.

Le alternative sono date dalla tipologia classica, che consta di una parte di sciroppo e una parte di succo di limone, dalla tipologia “ricca”, che consta di due parti di sciroppo e una di succo di limone e dalla tipologia “acida”, formata da una parte di sciroppo e da due parti di succo di limone.

Potete preparare lo sweet sour a casa, utilizzando la ricetta dello sciroppo “classico” (ad esempio quello da liquore da macerazione). Oppure potete optare per la via più rapida, acquistandolo già pronto. In commercio vi sono sweet sour di ogni tipo, spesso arricchiti da alcuni “acidi”, come l’acido citrico, il malico e il tartarico.

midori sour

Il contributo equilibrante del limone

Il limone, anzi il suo succo, è un elemento fondamentale per la buona riuscita del cocktail con midori. Come già anticipato, esercita un ruolo equilibrante in qualsiasi tipo di cocktail. Senza la sua azione “acidificante” il cocktail risulterebbe troppo dolce, e quindi poco gradevole al palato. Ovviamente, per utilizzare il succo di limone dovrete prima filtrarlo, in modo da evitare contrasti a livello di texture con gli altri ingredienti (la soda e il Midori).

Il succo di limone conferisce anche spessore nutrizionale alla ricetta. Di base contiene molta vitamina C, potassio, antiossidanti e il famoso acido citrico.

Per inciso, la vitamina C favorisce le performance del sistema immunitario, il potassio impatta positivamente sulla circolazione sanguigna e gli antiossidanti agiscono in funzione antitumorali in quanto capaci di contrastare i radicali liberi.

Per quanto concerne le calorie non dovete preoccuparvi di nulla, infatti l’apporto calorico del succo di limone, come quelli di tutti gli agrumi, è davvero trascurabile.

Quanta soda utilizzare nel Midori Sour?

Per quanto riguarda la soda da usare nel drink Midori Sour, dovreste regolarvi in base al vostro gusto. Se desiderate un cocktail molto leggero, e in qualche modo diluito, inserite molta soda. Se desiderate un cocktail corposo, carico di sapore, inseritene un po’ di meno.

A tal proposito va fatta una distinzione tra soda e acqua tonica, dal momento che spesso sono considerati sinonimi. Una falsa convinzione che, in merito alla preparazione del Midori Sour, può avere conseguenze importanti.

La soda è semplice l’acqua effervescente ed in parte insapore. L’acqua tonica, invece, è anche essa molto effervescente, ma propone un sapore un po’ amaro. Un sapore gradevole, per carità, ma che c’entra ben poco con il Midori Sour. Dunque, in base ai gusti, potete abbondare con la soda, purché sia vera e non tendente ad una normale acqua tonica.

Come preparare il Midori sour cocktail

Il liquore  giapponese a base di melone è l’ingrediente perfetto per creare cocktail classici con un tocco speciale o semplici long drink.

Ne sono certa: questo drink verde aggiungerà un tocco inaspettato al vostro cocktail. Per quanto riguarda l’ingrediente “sweet and sour” – o limonata addolcita –  occorrerà semplicemente spremere 500 ml di succo di limone o lime, aggiungere 250 grammi di zucchero, allungare con altri 250 ml di acqua, imbottigliare e usare all’occorrenza.

Ne caso non riuscite a reperire il Midori, potete tranquillamente sostituirlo con un’altra bevanda alcolica al gusto di melone. Se create  nuove ricette con questo liquore fatemelo sapere!

Il Midori in cucina

E’ possibile utilizzare il Midori anche in cucina per dare un tocco fruttato e unico a diverse ricette, sia dolci che salate. Ecco alcune idee su come puoi utilizzare il Midori in cucina:

  • Cocktail e Bevande: Iniziamo con il classico utilizzo. Puoi preparare cocktail come il “Midori Sour”, il “Midori Margarita” o il “Midori Martini”. Il Midori aggiunge un delizioso sapore di melone alle tue bevande alcoliche.
  • Marinature per Carne e Pesce: Il Midori può essere utilizzato come ingrediente in marinature per carne o pesce. Mescola il Midori con altri ingredienti come il succo di limone, l’olio d’oliva, l’aglio e le erbe per creare una marinata aromatica e fruttata.
  • Salse e Glassature: Crea salse e glassature per piatti di carne, pollo o pesce utilizzando il Midori come ingrediente principale. Puoi ridurre il Midori in una casseruola con zucchero o miele per creare una glassa dolce e appiccicosa.
  • Sorbetti e Gelati: Il Midori può essere aggiunto a ricette di sorbetti o gelati per un sapore fruttato e vivace. Basta mescolarlo con gli altri ingredienti della base del gelato prima di congelare.
  • Salse per Dessert: Crea salse per dessert, come il cheesecake o il gelato, mescolando il Midori con zucchero a velo e panna. Questa salsa può essere versata sopra il dessert per un tocco di melone.
  • Frullati e Frappé: Aggiungi una quantità moderata di Midori ai tuoi frullati o frappé per un tocco di sapore di melone. Combinato con frutta fresca o yogurt, può dare un tocco speciale a queste bevande.
  • Macedonie di Frutta: Una piccola quantità di Midori può essere versata su una macedonia di frutta fresca per aggiungere un sapore di melone e un tocco di dolcezza.
  • Salse per Insalate: Sperimenta aggiungendo una piccola quantità di Midori alle tue salse per insalate per un tocco di sapore e colore.
  • Granite: Puoi creare granite al Midori mescolando il liquore con acqua e zucchero, quindi congelando il composto. Riempi dei bicchieri con questa miscela granulosa per un dessert rinfrescante.

Ricorda che il Midori è alcolico, quindi quando lo utilizzi in cucina, considera che il contenuto alcolico potrebbe non essere completamente evaporato durante la cottura. Pertanto, è importante utilizzarlo con moderazione e tenere presente il sapore dolce e fruttato che aggiunge alle tue ricette.

Midori sour: quali ingredienti usare per sostituire lo sweet and sour

Il midori sour, almeno nella versione che vi presento qui, conta sul contributo dello sweet and sour, un mix di sciroppo e succo di limone. E’ proprio quest’ultimo ingrediente a garantirgli un carattere acre, che a parere mio valorizza il cocktail in modo eccezionale.

Tuttavia potreste essere di diverso avviso e preferire una soluzione alternativa. Ebbene, in questo caso le strade sono due: utilizzare uno sciroppo classico (composto solo da acqua e zucchero), oppure utilizzare uno sciroppo “potenziato”, che fa a meno del succo di limone.

Nel primo caso, è sufficiente mettere a “sobbollire” acqua e zucchero fino quando la soluzione non ha raggiunto la giusta densità. Mi raccomando, le proporzioni devono essere di 1.5 a 1 a favore dell’acqua.

Nel secondo caso potete decidere liberamente l’ingrediente aromatizzante. Inoltre, vi consiglio di aggiungere in fase di preparazione una spezia, un’erba aromatica o addirittura un fiore, per poi frullare il tutto. La lavanda e la violetta sono perfette, ma potreste utilizzare anche il cardamomo, che è una delle spezie più adatte per le preparazioni dolciarie.

Midori and vodka, una variante ultra-alcolica

Il midori si presta alla preparazione di numerosi cocktail. In particolare sono molte le varianti del midori sour. Una di queste vede come protagonista la vodka. Il midori, con i suoi 20 gradi, non è poi così alcolico. Anzi è meno alcolico persino del nostro limoncello.

Proprio per questo si potrebbe avvertire l’esigenza di altri ingredienti per rendere la bevanda più forte, Uno di questi è proprio la vodka, che viene bevuta spesso nella sua forma liscia, ma può essere impiegata anche per i cocktail. Conferisce un retrogusto dolciastro, che funge da preludio al bruciore classico dei consumi di superalcolici.

Per il cocktail midori vi consiglio di utilizzare la vodka standard, ossia quella non aromatizzata. Tuttavia, nel caso in cui desideraste un surplus di sapore, potete utilizzare una delle tante vodka aromatizzate in circolazione. Per ovvi motivi la più indicata è la vodka al melone.

Vanno considerate con cura anche le proporzioni. Inserire poca vodka significa rendere il cocktail poco forte, mentre se si esagera si compromette l’equilibrio della bevanda. In genere si consiglia una quantità di vodka pari a un quarto del totale, che spesso e volentieri corrisponde a uno shot molto abbondante.

Qualche trucchetto per preparare un ottimo midori sour

Preparare il midori sour non è affatto difficile, invece realizzare un midori sour perfetto è un altro paio di maniche. Ecco dunque qualche consiglio utile.

Tanto per cominciare vanno scelti ingredienti di qualità. Di midori se ne trovano parecchi in circolazione, ma fare riferimento ai brand più prestigiosi giapponesi è sempre una garanzia. Stesso discorso per il lime, che deve essere abbastanza maturo da ricavare abbastanza succo, ma non così maturo da stravolgerne il sapore.

Infine è possibile aggiungere un po’ di albume d’uovo semi montato per garantire al cocktail una consistenza diversa, ossia un po’ meno liquida e più morbida. Il midori sour arricchito con l’albume d’uovo piace veramente a tutti. Delizia con il suo sapore leggero e con la sua capacità legante, oltre che per il giusto equilibrio di sapori tra gli ingredienti

FAQ sul midori sour

Che cos’è il sour?

Il sour è una categoria di cocktail che include una base alcolica (come whisky, gin, rum), succo di limone (o lime) e un dolcificante (zucchero o sciroppo semplice). I sour sono noti per il loro equilibrio tra gusto dolce e acido, rendendoli rinfrescanti e piacevoli da bere.

Che gusto ha il midori?

Il midori ha un gusto dolce e fruttato, con un pronunciato sapore di melone. È un liquore verde brillante giapponese a base di melone, che viene spesso utilizzato nei cocktail per il suo sapore distintivo e per il colore vivace.

Cosa abbinare al midori sour?

Il midori sour si abbina bene con cibi leggeri e freschi come insalate di frutta, sushi, ceviche, gamberi alla griglia, antipasti a base di pesce e formaggi freschi. Questi piatti completano il sapore dolce e fruttato del cocktail. Tuttavia, si presta bene anche ai classici stuzzichini da aperitivo.

Cosa c’è dentro il midori sour?

Il midori sour contiene midori, succo di limone (o lime), sciroppo semplice e soda (o acqua frizzante). In questo caso ho optato per il sweet and sour mix in sostituzione dello sciroppo, in modo da associare sapore al processo di dolcificazione.

Ricette cocktail ne abbiamo? Certo che si!

4.8/5 (39 Recensioni)
Riproduzione riservata

2 commenti su “Midori sour, il green cocktail che non passa inosservato!

  • Lun 19 Lug 2021 | Carlo ha detto:

    Fresco e sicuramente dissetante. Mi devo segnare gli ingredienti e provare a farlo.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spumone alle fragole

Spumone alle fragole, un cocktail dessert morbido e...

Tutta la bontà delle fragole Le protagoniste di questo spumone sono naturalmente le fragole. Queste vengono semi-congelate e frullate per ottenere una purea molto densa e omogenea. La purea viene...

Ranch Water

Ranch Water, ecco come si fa il famoso...

Uno sguardo sulla tequila Vale la pena parlare della tequila, che è la vera protagonista del Ranch Water. Nello specifico parliamo della tequila bianca. Rispetto agli altri tipi di tequila non è...

Cocktail leggero con azzeruoli

Cocktail leggero con azzeruoli per un aperitivo rinfrescante

Un focus sugli azzeruoli Gli azzeruoli sono frutti molto particolari e sono ideali per un cocktail leggero come questo. Un tempo erano molto consumati, poi caddero nell’oblio durante l’età...