bg header

Quale migliore stagione per sorbetti di frutta ?

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

sorbetti di frutta

Sorbetti di frutta : una freschissima idea per tutti!

La stagione estiva è il momento ideale per gustare i sorbetti di frutta. Il gelato è un piacere culinario che si associa spesso all’estate, ma per molte persone rappresenta anche una sfida per la linea e il peso, dato il suo alto contenuto di grassi. Per coloro che sono attenti alla loro forma fisica, i sorbetti di frutta rappresentano un’alternativa salutare e deliziosa al gelato tradizionale. Questi sorbetti non solo offrono un piacere rinfrescante ma sono anche leggeri sulle calorie.

Grazie alla loro versatilità, i sorbetti di frutta possono essere gustati in diverse occasioni. Sono perfetti come spuntino pomeridiano o come dessert dopo cena, adattandosi alle preferenze di adulti e bambini. La loro digeribilità è un punto di forza, permettendo di soddisfare la voglia di dolcezza senza appesantire il sistema digestivo. Inoltre, i sorbetti di frutta sono un’autentica miniera di vitamine, fornendo un contributo prezioso alla nostra salute.

Quando si preparano i sorbetti di frutta in casa o si scelgono quelli acquistati, è importante considerare l’opzione di aggiungere uova alla ricetta. Molti sorbetti di frutta sono a base di pura frutta frullata, zucchero e acqua, ma alcune ricette possono includere l’uso di uova. Le uova possono conferire una consistenza più cremosa al sorbetto e un tocco di ricchezza al sapore. Tuttavia, è possibile preparare deliziosi sorbetti di frutta senza l’utilizzo di uova, il che li rende un’opzione adatta anche per coloro che seguono diete vegetariane o vegane. In definitiva, i sorbetti di frutta sono una scelta versatile e salutare per rinfrescarsi durante l’estate, adattabile alle esigenze e alle preferenze di ognuno.

Le peculiarità che tutti apprezziamo

Il sorbetto è dissetante e piacevole, e queste sono decisamente le sue principali caratteristiche. Si prepara con la frutta di nostro gradimento, che contiene una percentuale d’acido citrico e tanti nutrienti da non sottovalutare. In sostanza, nel sorbetto, rispetto al gelato, mancano le componenti uova-latte o panna che costituiscono, invece, la base del gelato di crema.

sorbetti di frutta

I sorbetti migliori sono quelli a base di frutta fresca, preparati con il succo o con un frullato d’agrumi e frutta, sciroppo di zucchero, e magari con l’aggiunta di un po’ di succo di limone per equilibrarne la dolcezza. Quelli che si servono tra un piatto e l’altro, devono avere un sapore aspro, gradevole e deciso, come quello caratterizzato dagli agrumi in genere o da vini spumanti.

In questa eventualità, se ne servono delle piccole porzioni in quanto devono servire come rinfrescante del palato e non devono appesantire il menu; vanno decorati con piccole guarnizioni, quali foglie di menta o erbe aromatiche, spicchi d’agrumi o fragole, ribes, in minime quantità. Quando invece si tratta di una merenda, possiamo ovviamente aumentare le porzioni e goderci appieno il nostro salutare snack!

Il sorbetto di frutta è dissetante e piacevole. E adattissimo agli intolleranti. Per sua natura infatti non contiene le componenti uova-latte o panna presenti nel gelato. Ciò consente un approccio alla pietanza assolutamente tranquillo per coloro che soffrono di problemi legati alle intolleranze. Con particolare riferimento all’intolleranza al lattosio. Come è ovvio che sia, panna e latte possono contenere l’allergene in questione. Spesso si trova nei gelati alla crema. Per cui l’unico modo per andare sul sicuro è orientarsi su un gustoso sorbetto di frutta.

Sorbetto di frutta: qualità al primo posto

Il sapore del sorbetto dipende da molti fattori. Per esempio dalla capacità di scegliere frutta di qualità oppure dal saper amalgamare in modo corretto i vari ingredienti. Non è difficile, certo occorre prestare attenzione a diverse situazioni. Puntare su frutta non adatta o da “scarto” significherebbe partire con il piede sbagliato, dunque compromettere la buona riuscita della preparazione. Vi ricordo che la caratteristica del sorbetto che vi propongo è quella di essere realizzato con frutta che contiene una percentuale d’acido citrico.

Sorbetto di frutta

Di sicuro è possibile sbizzarrirsi con questo alimento che molti, a torto, considerano un fratello minore del gelato. Invece ha un gusto proprio, a volte persino più ricercato del gelato. Esistono schiere di appassionati che mettono i sorbetti in cima alla propria classifica dei dessert, anche perché possono risultare più agevoli da digerire alla fine del pasto, a differenza di quanto può capitare con un gelato cremoso. I sorbetti migliori sono quelli di frutta fresca, a base di succo o passato d’agrumi e frutta, sciroppo di zucchero, magari con l’aggiunta di un po’ di succo di limone per equilibrarne la dolcezza. Quindi non parliamo di surrogato, non parliamo di soluzione di ripiego che davvero non è il caso! Parliamo invece di un signor alimento in grado di regalare grandi emozioni a chi lo prepara e a chi lo assapora! Come si dice in certi casi, provare per credere.

Oltre alle due ricetta descritte vi consiglio anche il sorbetto al limone : un digestivo naturale che nella sua semplicità esso può presentarsi particolarmente elegante e raffinato, tutto sta all’abilità di chi se ne dedica alla relativa realizzazione. Oppure vi consiglio il sorbetto al melone. Una gradevole variazione del sorbetto al limone, che è in assoluto il più consumato e famoso.

Ecco due ricette per preparare i sorbetti di frutta

Ingredienti per 4 persone

  • 325 gr zucchero canna bianco
  • 600 gr ananas maturo
  • mezza banana
  • 2 limoni
  • 3 arance
  • 1 rametto menta

Preparazione

Asportate la scorza dell’ananas, poi con la punta di un coltellino eliminate gli “occhi” della buccia rimasti nella polpa e tagliatela a pezzi. Sbucciate la banana, spremete i limoni e le arance. Mettete nel mixer l’ananas e la banana, aggiungete il succo degli agrumi (tenete da parte un cucchiaino di succo di limone) frullate e filtrate.

Versate in una casseruola un quarto di litro di acqua, unite lo zucchero, portate a ebollizione e fate cuocere lo sciroppo a fuoco basso finché si formeranno in superficie delle grosse bolle. Togliete dal fuoco e incorporate allo sciroppo il frullato di frutta preparato: rovesciatelo nella gelatiera e preparate il sorbetto seguendo le istruzioni dell’apparecchio.

Mettete nelle coppette il sorbetto , usando l’apposito attrezzo, decorate con  e qualche fogliolina di menta.

Ingredienti per 6 persone:

  • 1/2 kg di frutta (a vostro piacimento)
  • 200 g  di zucchero di canna bianco
  • il succo di mezzo limone
  • 1/2 bicchiere d’acqua
  • un albume.

Preparazione:

Frullate la frutta, unite uno sciroppo preparato con lo zucchero, mezzo bicchiere d’acqua e il succo di limone.
Ponete il tutto nel freezer e, quando i sorbetti saranno quasi pronti, aggiungete l’albume un po’ montato e rimettete nel freezer per terminare la congelazione. Buon dessert

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...

logo_print