bg header
logo_print

Bevanda alla melissa, un cocktail analcolico per tutti

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Bevanda alla melissa
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
4/5 (6 Recensioni)

Bevanda analcolica alla melissa, una tisana simile ad un cocktail

La bevanda alla melissa analcolica è un cocktail molto semplice da realizzare e in grado di regalare molto in termini di gusto e di impatto visivo.

La ricetta consta di soli tre ingredienti, se escludiamo l’acqua e il ghiaccio: il succo di lime, il miele e la melissa. Proprio la melissa funge da protagonista, dal momento che il suo gusto spicca su tutti gli altri. La melissa è una pianta officinale tra le più apprezzate per il suo gusto e per le sue proprietà nutrizionali, che sfociano nell’ambito medico.

D’altronde è utilizzata da secoli in erboristeria. Dalla melissa si ricavano ottimi infusi in associazione con altre piante officinali come la lavanda e la camomilla, ma anche dei buoni decotti, sebbene questi ultimi risultino troppo “carichi” di sapore.

L’uso esterno è ben testato nella cosmetica, infatti dalla melissa si possono ricavare degli oli essenziali e persino delle tinture. La melissa esercita una funzione rilassante che aiuta a sciogliere la tensione e lo stress. La melissa è anche un discreto antinfiammatorio e un vasodilatatore, contribuendo alla cura del mal di testa.

Ricetta bevanda analcolica alla melissa

Preparazione bevanda analcolica alla melissa

Per la preparazione della bevanda analcolica alla melissa iniziate prelevando le foglie dalla melissa. Poi inseritele nel mixer insieme al succo di lime e al miele, infine frullate per bene il tutto. Potete aggiungere dello zucchero anzichè il miele.

In alternativa potete frullare anche con un più comodo frullatore ad immersione. Ora filtrate la bevanda con un colino a maglie strette e integrate l’acqua tonica, infine mescolate per bene.

Mettete dei cubetti di ghiaccio all’interno di quattro bicchieri da cocktail e riempiteli con la bevanda. Decorate a piacere con delle foglie di melissa e servite.

Ingredienti bevanda analcolica alla melissa

  • 1 mazzetto di melissa fresca
  • 4 cucchiai di succo di lime o succo di limone
  • 2 cucchiai di miele
  • 6 dl. di acqua tonica
  • q. b. di cubetti di ghiaccio.

La bevanda alla melisa è’ apprezzata anche come digestivo e come soluzione al meteorismo e alla flatulenza. In occasione di questa ricetta vanno utilizzate solo le foglie di melissa, che devono essere frullate insieme al miele e al succo di lime, formando così la bevanda analcolica vera e propria. Il tutto viene poi allungato con l’acqua tonica e raffreddato con dei cubetti di ghiaccio.

Le importanti proprietà del lime

Il lime è uno degli ingredienti principali di questa bevanda alla melissa analcolica. Grazie al suo sapore acidulo, ma non acre quanto il limone, conferisce un sapore particolare alla bevanda. Rafforza, inoltre, le tonalità verdi della bevanda, dal momento che la sua polpa tende verso questo colore.

Proprio il colore del lime è motivo di alcuni fraintendimenti, come quello che lo vede associabile ad un limone piccolo e acerbo. Tuttavia l’aspetto può ingannare, infatti il lime appartiene a una specie diversa da quella del limone. Certo è imparentato ad esso, d’altronde stiamo parlando di un agrume, ma si tratta di due frutti del tutto distinti.

Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, il lime si difende molto bene. Come tutti gli agrumi, è ricco di vitamina C, una sostanza che funge da antiossidante e rafforza il sistema immunitario. Il lime è anche ricco di sali minerali, tra cui spicca il potassio, implicato in molti processi organici, come quelli associabili al sistema vascolare.

Va segnalata anche una discreta quantità di β-carotene, presente negli alimenti giallo-arancione ma anche in molti agrumi. Il β-carotene esercita molte funzioni, la più importante delle quali è il sostegno alla sintesi della vitamina A, che giova alla salute degli occhi e non solo.

Come dolcificare la bevanda?

Ogni bevanda analcolica che si rispetti dovrebbe avere la giusta dose di dolcificante. La bevanda alla melissa analcolica non fa eccezione. A tal proposito il primo pensiero va allo zucchero, ma in questo caso ho optato per una scelta diversa, ossia al miele.

Il miele ha ottime capacità dolcificanti, inoltre ha un indice glicemico molto più basso di quello dello zucchero. Una buona notizia per i diabetici e per chi sta sostenendo una dieta dimagrante. Infatti alti indici glicemici sono correlati a un più precoce senso della fame.

Un pregio del miele, che per alcuni è il rovescio della medaglia, è la capacità di conferire sapore agli alimenti. D’altronde il miele ha un sapore inconfondibile e capace di sovrastare gli altri ingredienti. Proprio per questo occorre fare attenzione con le combinazioni di sapori, ma in questo caso gli abbinamenti sono perfetti.

Al di là di ciò, il miele ha ottime proprietà nutrizionali. E’ ricco di sali  minerali e vitamine. Inoltre è ricco di antiossidanti, che aiutano a prevenire il cancro grazie alla loro azione di contrasto sui radicali liberi.

Il miele è anche il classico rimedio della nonna, infatti contribuisce a risolvere alcune problematiche del tratto respiratorio superiore, come il mal di gola.

D’altronde è un eccellente antinfiammatorio e antibatterico. Tuttavia il miele è abbastanza calorico, ma alla luce del suo eccellente potere dolcificante sono necessarie solo piccole dosi. In questo caso bastano due cucchiai per quattro bevande.

Vi consiglio di leggere anche la ricetta dello sciroppo di melissa.

I segreti dell’acqua tonica

Questa bevanda analcolica alla melissa è arricchita dall’acqua tonica, che serve per “allungare” il drink e dare un tocco in più ai sensi.

E’ da sempre considerata una bevanda a se stante, nonché un proverbiale ingrediente da cocktail. Per inciso l’acqua tonica è acqua addizionata all’anidride carbonica (in modo da risultare molto frizzante), allo zucchero, ad aromi e al chinino.

Proprio il chinino gli dona quel tipico sentore amarognolo. La storia del chinino è particolare, anche perché di base è un principio attivo con risvolti curativi.

Tuttavia, in piccole dosi, non esercita una funzione curativa, ma aggiunge sapore alla soluzione in cui è immerso, in questo caso rende ancora più unica l’acqua tonica.

Ricette con melissa ne abbiamo? Certo che si!

4/5 (6 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Quiche con ortiche

Quiche con ortiche, una torta salata dal sapore...

Un approfondimento sulla pasta brisée La base di questa quiche con ortiche è rappresentata dalla pasta brisée. E’ bene prepararla in casa o acquistarla al supermercato in forma già pronta?...

Pizza con agretti e salsiccia

Pizza con agretti e salsiccia: un mix insolito...

Gli agretti, delle verdure aromatiche da non sottovalutare Vale la pena spendere qualche parola sugli agretti, che sono i veri protagonisti di questa pizza alla salsiccia. Si presentano con dei...