bg header
logo_print

Aperol spritz, un classico aperitivo italiano

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Aperol spritz
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (4 Recensioni)

Come si fa l’aperol spritz ? L’aperitivo Aperol spritz è uno dei cocktail aperitivo a base di vino più famosi in assoluto ed è fra gli aperitivi di moda del momento. E’ uno dei simboli dell’aperitivo all’italiana, che di norma spicca per eleganza e leggerezza. Qualità, queste, valorizzate dalla semplicità della ricetta di base. Infatti, si tratta di un semplice spritz classico in cui il bitter è l’Aperol. Il rivale dell’aperitivo Aperol nella preparazione dello spritz è il Campari. Per quanto possano sembrare simili (d’altronde fanno parte della medesima categoria), in realtà presentano parecchie differenze. In primo luogo, l’Aperol è molto più dolce del Campari, in quanto è realizzato con una quantità superiore di zuccheri. Si tratta di un vantaggio, che rende i cocktail più gradevoli. Inoltre, si presenta con una tonalità chiara, più vicina all’arancione che al rosso. Il sapore, infine, è un po’ più agrumato.

Ricetta aperol spritz

Preparazione aperol spritz

Come si prepara uno spritz aperol? Preparare l’Aperol Spritz è semplicissimo. Il primo passo consiste nel riempire il bicchiere di ghiaccio, poi versate il prosecco senza fare troppa schiuma. Un accorgimento utile per non fare schiuma è quello di tenere la bottiglia per il collo e versare il vino con estrema lentezza. A questo punto integrate l’Aperol e uno spruzzo di seltz (o soda, o acqua gassata se preferite), per farlo utilizzate il sifone.

Agitate lentamente con un cucchiaino eseguendo movimenti dal basso verso l’alto, come se doveste portare in alto i cubetti di ghiaccio. Siate molto delicati, altrimenti rischiate di sgasare il cocktail. Guarnite con una fetta di arancia il bicchiere per spritz et voilà, il vostro spritz con aperol è pronto!

Ingredienti aperol spritz

  • 3 parti di prosecco
  • 2 parti di Aperol
  • 1 spruzzo di seltz (o soda o acqua minerale gasata)
  • 1 fetta di arancia.

Aperol spritz, un’idea geniale che non passa mai di moda

Di conseguenza la composizione aperol spritz ha un sapore più gradevole e fresco, meno impegnativo rispetto al classico spritz realizzato con il Campari. L’Aperol è una bevanda alcolica ideale per gli aperitivi del tardo pomeriggio, valorizzati dalla presenza di stuzzichini più o meno abbondanti. Ovviamente, può essere servito come aperitivo alcolico prima dei pasti da ricevimento, dunque molto abbondanti. Mia figlia che ama questo aperitivo dice che l’aiuta a stimolare l appetito se è prima di pranzo e se la becco a berlo dopo mi dice che l’aiuta a favorire la digestione. Da non confondere con l’Aperol Sour. Di  cocktail con aperol se ne possono creare a volontà e comunque vada va sempre bene!

Un focus sul prosecco

Un ottimo aperitivo con prosecco. Il cuore pulsante dell’Aperol spritz, come di qualsiasi altro spritz del resto, è il prosecco. Si tratta di uno dei vini veneti più famosi al mondo, vanto del made in Italy. Tecnicamente è un vino bianco, che può essere secco o dolce. La gradazione è bassa rispetto agli altri vini bianchi e non va oltre gli 11 gradi, proprio per questo è un formidabile vino da cocktail. Per lo spritz in genere si utilizza il prosecco dolce, che è mediamente più frizzante. La produzione del prosecco è regolata da un severo disciplinare, e d’altronde ha acquisito da molto tempo la denominazione DOC. Il vitigno di base deve essere necessariamente il glera, le cui uve devono corrispondere all’85% del totale. A integrazione possono essere impiegati il verdiso, il pinot bianco, il pinot grigio e altre uve dell’Italia nordorientale.

Ad ogni modo, la produzione avviene principalmente nel Veneto (Rovigo e Verona escluse) e in Friuli Venezia Giulia. Come molti vini famosi, il consumo di Prosecco per molti secoli è stato confinato alla zona di produzione. Ha cominciato ad acquisire una certa notorietà solo nel secondo dopoguerra, mentre il vero boom è avvenuto negli 90. La crescita è stata costante nel tempo, soprattutto nell’immaginario estero, come dimostra il sorpasso (in termini di vendite) ai danni dello Champagne, che si è concretizzato nel 2013. L’ aperitivo prosecco e bitter è il cuore pulsante di molti happy hour.

Aperol spritz

Cosa scegliere come bevanda di supporto?

L’aperitivo con spritz necessita di una bevanda di supporto che “allunghi” il prosecco senza compromettere il sapore e in generale la resa del cocktail. La scelta è tra il seltz, la soda e la normale acqua frizzante. Cosa scegliere tra queste tre alternative? Ovviamente, dipende dal risultato che intendete raggiungere in termini di sapore e di gradazione alcolica della bevanda. La soda è acqua gassata addizionata ad alcuni minerali e soprattutto agli aromi, che gli danno – a volte – un leggero sentore agrumato. Il seltz è invece acqua pesantemente gassata. Sull’acqua frizzante c’è poco da dire in quanto è semplicemente addizionata ad anidride carbonica.

Dunque scegliete l’acqua frizzante per uno spritz leggero in termini di sapori. Se invece desiderate uno spritz carico e molto frizzante, optate per il seltz. Infine, se preferite qualche nota agrumata in più, la vostra scelta dovrebbe ricadere sulla soda. Se optate per prosecchi “carichi” di tipo frizzante, il seltz potrebbe rappresentare una scelta troppo sbilanciata. In ogni caso, avete ampio margine di discrezione in  merito.

Il creativo tocco dell’arancia

Quando si prepara l’aperitivo spritz aperol è importante anche la presentazione. Del resto l’aperitivo non è solo un momento per bere e per mangiare, ma anche un’esperienza. Dunque, badate alla guarnizione. L’approccio migliore consiste nell’arricchire il cocktail con la classica fetta di arancia. Questa aggiunge colore, che si abbina con il color’arancione chiaro dell’Aperol.

Inoltre, la fetta di arancia può essere anche consumata. D’altronde, si tratta di uno dei frutti più buoni e salutari. A tal proposito, vale la pena rimarcare le proprietà dell’arancia, che riguardano soprattutto la vitamina C, una sostanza che aiuta ad assorbire il ferro e a proteggere il sistema immunitario. L’arancia non è in assoluto il frutto che contiene il maggior quantitativo di vitamina C, ma quella che apporta è comunque molto biodisponibile, ossia di facile assorbimento.

L’ aperitivo spritz con aperol è alcolico percui non esagerate! Mi raccomando. E voi conoscete bevande a base di aperol? Fatemelo sapere!

Ricette per aperitivo ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (4 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Bloody mary analcolico pomodoro e fragole

Bloody Mary analcolico, buono come l’originale ma leggero

Guarnizione ed origini del Bloody Mary La guarnizione del Bloody Mary analcolico è affidata a uno spiedino di frutta e verdura, una scelta che punta alla freschezza, soprattutto se si considera che...

Purple Cosmopolitan

Purple Cosmopolitan, la ricetta fruttata del famoso cocktail

Come preparare il liquore alle violette L’elemento che più caratterizza il Purple Cosmopolitan, almeno rispetto al Cosmopolitan propriamente detto, è il liquore di violette. E’ un liquore...

Punch natalizio al cocco

Punch natalizio al cocco, la bevanda per le...

Cosa sapere sul latte di cocco Buona parte del sapore di questo punch alcolico natalizio è dato proprio dal latte di cocco. Le sue note morbide e dolci emergono in modo preponderante, ma sono...