La delicatezza della vellutata di ceci e spinaci

vellutata di ceci e spinaci
Commenti: 0 - Stampa

Un primo speciale? Provate la vellutata di ceci e spinaci!

Per chi ama le zuppe, le minestre e le creme a base di alimenti vegetali e pochi altri ingredienti, la vellutata di ceci e spinaci si rivela una ricetta ottima. Infatti, si tratta di una preparazione facile e veloce, e di una portata nutriente e delicata, digeribile e adatta ai vegetariani.  Come avrete notato, unisce due ingredienti unici – ceci e spinaci – che vengono valorizzati dalla presenza delle tanto amate nocciole. Avreste mai pensato ad una simile combinazione? Forse no, ma vi assicuro che fareste bene a provarla!

Se fate parte di coloro che desiderano mangiare sano, mantenersi in forma e nutrire l’organismo senza rinunciare al gusto, questa particolare vellutata di ceci è proprio quello che fa per voi. Quasi certamente, l’adoreranno anche i bambini… Tra l’altro, in base alle porzioni, potrete persino decidere di servirla come antipasto o all’interno del buffet di una festa, del menu di una cena speciale o di un aperitivo in compagnia. Perciò, andiamo a vedere esattamente cosa state per portare in tavola e poi passiamo subito alla preparazione…

Ceci e spinaci: forza e bontà allo stato puro

Come ben sapete, i legumi sono un toccasana, soprattutto per i celiaci e i vegetariani. Infatti, per i primi si presentano come un utile alimento dal quale si può ricavare una deliziosa farina senza glutine. Quest’ultima è adatta alla preparazione di numerose pietanze gustose e nutrienti. Per i vegetariani, invece, i legumi rappresentano un’ottima fonte di proteine, che possiamo assaporare appunto attraverso una gustosa vellutata di ceci e spinaci, ma anche grazie a tantissime altre deliziose ricette.

Anche gli spinaci sono favolosi per il nostro organismo: vantano interessanti proprietà antiossidanti, remineralizzanti e depurative. Sicuramente, quando si pensa a questo alimento si pensa all’apporto di ferro. Tuttavia, è utile considerare che essi doneranno alla nostra vellutata di ceci un’ulteriore dose di potassio, calcio, fosforo, magnesio, zinco, vitamina A e acido folico. Tra l’altro, contengono notevoli quantità di nitrato che, insieme alle proteine dei legumi, aiuta rafforzare la muscolatura.

Gli spinaci sono inoltre in grado di favorire la salute degli occhi e dell’apparato gastrointestinale. Insomma, abbiamo tante valide ragioni per unire questi due alimenti, non credete?

vellutata di ceci, spinaci e nocciole

Portiamo in tavola tutto il nutrimento e il gusto

A questo punto, non ci resta che dedicare un attimo del nostro tempo alle nocciole: perché dovremo usarle per la nostra ricetta? Sì, chiaramente perché sono buone e perché possono donare un valore aggiunto a ogni piatto. Tuttavia, possono anche regalarci una valida dose di energia e un notevole senso di sazietà. Conferiscono alla vellutata di ceci un ulteriore apporto di nutrienti da non sottovalutare.

In particolare, ci propongono grassi buoni per il cuore e un notevole apporto di vitamina E, vitamine del gruppo B, rame, ferro, selenio, zinco, potassio, magnesio, calcio e fosforo. Dopo aver detto tutto questo, sicuramente avrete molta più voglia di assaggiare la vellutata di ceci e spinaci. Non è così? Perciò, andiamo a prepararla. Non sarà difficile portarla in tavola e i complimenti non stenteranno ad arrivare!

Ed ecco la ricetta della vellutata di ceci e spinaci

Ingredienti per 4 persone:

  • 350 gr. di ceci secchi
  • 400 gr. di spinaci
  • 100 gr. di nocciole tritate
  • 4 cucchiai di yogurt greco
  • 1 foglia di alloro
  • q.b. brodo vegetale
  • q.b. peperoncino (facoltativo)
  • 1 pizzico di bicarbonato
  • q. b sale

Preparazione

Sciacquate i ceci più volte e mettete in ammollo con il doppio del suo peso. In questo caso 700 ml. di acqua. Salate l’acqua e aggiungete il bicarbonato. Lasciate in ammollo per circa 12 ore.

Lavate e mondate gli spinaci e versate in una casseruola con un dito di brodo, salate e lasciate cuocere per 10 minuti. Scolate velocemente e frullateli con il mixer a immersione. In un altro recipiente, fate cuocere per altri 10 minuti i ceci unendo una tazza di brodo. Frullate anche i ceci con il mixer a immersione.

Componete quindi i piatti facendo una base di passato di spinaci bollente con sopra uno di crema di ceci. Terminate con lo yogurt.

Un’idea carina per decorare il piatto puo’ essere d far cadere lo yogurt con un cucchiaio e  “tiratelo” con uno stuzzicadenti per creare un motivo decorativo, spolverizzate con nocciole tritate e peperoncino. Servite.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fregola con le vongole

Fregola con le vongole, un primo tra mare...

Fregola con le vongole, un piatto dal sapore rustico La fregola con le vongole è un primo dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


03-04-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti