Liquore di alloro: bevanda della tradizione pugliese

Liquore di alloro
Commenti: 0 - Stampa

Liquore di alloro: una bevanda semplicissima da preparare in casa

Oggi voglio portarvi per mano nella cucina perfetta, quella ricca di profumi e, soprattutto, di amore per quello che si prepara ogni giorno. Dovrebbe esserci sempre quest’atmosfera quando si sta ai fornelli! Senza, davvero, è impossibile portare a tavola delle vere delizie come il liquore di alloro, una bevanda super benefica che arriva direttamente da quello straordinario patrimonio che è la tradizione pugliese.

Perfetta sia per gli intolleranti al lattosio sia per i celiaci, è ideale da sorseggiare a fine pasto per finire nel migliore dei modi. Vediamo assieme le proprietà dei suoi ingredienti.

Gli straordinari benefici dell’alloro

Il liquore di alloro, semplicissimo da preparare, è uno straordinario elisir di salute. A renderlo tale è ovviamente il suo ingrediente principale.

L’alloro – laurus nobilis il suo nome botanico – è da sempre utilizzato non solo in ambito alimentare ma anche nella medicina naturale.  Sono note da secoli, infatti, le sue proprietà benefiche riguardanti il contrasto delle coliche e di altri disturbi dello stomaco.

alloro

L’alloro, grazie al suo olio essenziale, viene impiegato tantissimo per ottimizzare la digestione e per risolvere i casi di aerofagia. Le sue bacche vengono utilizzate anche per preparare l’oleolito di alloro, una preparazione nota per il suo grande beneficio antinfiammatorio.

I significati dell’alloro nella storia

Il liquore di alloro, bevanda della tradizione pugliese perfetta per celiaci e intolleranti al lattosio, è un modo per finire i pasti con gusto e salute, ma anche celebrando una pianta che ha dei significati molto importanti.

Come già ricordato, l’alloro ha attraversato i secoli accompagnando l’evoluzione di civiltà e culture. Nella Grecia classica era considerato simbolo di vittoria e nel Medioevo veniva utilizzato per preparare suffumigi contro la peste.

Oggi è il protagonista di numerosi piatti e di bevande come questa, che parlano in maniera chiara e felice di tradizioni culinarie secolari, con ricette che si tramandano di generazione in generazione.

Bellissimo, vero? Certo che lo è! Si tratta di uno dei tanti esempi d’amore per la cucina che oggi sono felice di condividere con voi. Adesso, ovviamente, è il momento di correre in cucina a preparare il liquore.

I vostri ospiti vi ringrazieranno e sorrideranno con voi quando lo porterete in tavola alla fine della vostra prossima cena in compagnia. Provare per credere! Non ve ne pentirete!

Ingredienti per 1 bottiglia

  • 30 foglie di alloro
  • ½ lt di alcol a 95°
  • ½ lt di acqua
  • 500 g di zucchero di canna

Preparazione

In un contenitore di vetro mettete in infusione le foglie di alloro nell’alcol per almeno cinque giorni. Trascorso il tempo di macerazione filtrate il tutto e mettetelo in un contenitore con il coperchio. In un pentolino mettete mezzo litro acqua con lo zucchero, fate bollire a fiamma bassa per qualche minuto e mescolate spesso affinché lo zucchero sia ben sciolto.

Spegnete la fiamma e fate raffreddare lo sciroppo. Versatelo nel contenitore con l’infuso di alloro, chiudetelo e fatelo riposare al buio e al fresco per circa tre settimane.

Trascorso il tempo indicato filtrate il liquore e imbottigliatelo. Fatelo riposare ancora almeno un mese prima di gustarlo.

3/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Acqua aromatizzata con lime e melissa

Acqua aromatizzata con lime e melissa, molto rilassante

Acqua aromatizzata con lime e melissa, una bevanda salutare L’acqua aromatizzata con lime e melissa è una bevanda che coniuga leggerezza, gusto e attenzione per la salute. E’ una ricetta molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

Tisana alla verbena

Tisana alla verbena, una bevanda salutare e depurativa

Tisana alla verbena, altro che camomilla La tisana alla verbena è un’ottima bevanda facile da preparare, che offre molto in termini organolettici e nutrizionali. E’ una bevanda rilassante, come...

Bevanda alla melissa

Bevanda alla melissa, un cocktail analcolico per tutti

Bevanda analcolica alla melissa, una tisana simile ad un cocktail La bevanda alla melissa analcolica è un cocktail molto semplice da realizzare e in grado di regalare molto in termini di gusto e di...

sciroppo di melissa

Sciroppo di melissa, una preparazione multiuso

A cosa serve lo sciroppo di melissa? Sotto certi punti di vista lo sciroppo di melissa è come il classico sciroppo. I suoi usi, infatti, non si differenziano molto dagli altri sciroppi alla frutta,...

Succo di zucca e mela

Succo di zucca e mela, una combinazione perfetta

Succo di zucca e mela, un concentrato di gusto e nutrienti Il succo di zucca e mela è un bevanda dalle mille proprietà. E’ gustosa, leggera, nutriente e bella da vedere (il ché non guasta). Si...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


16-06-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti