Ti senti uno straccio e la pelle ha un colorito spento?

colorito spento
Stampa

Ti senti uno straccio e la vostra pelle presenta un colorito spento, apparite stanche e i vostri i capelli sono sfibrati, le vostre unghie si spezzano facilmente allora il migliore alleato per voi è il fruttivendolo. Sì, sembra incredibile ma proprio lui!

Ogni tanto ci dobbiamo ricordare ciò che sappiamo: per migliorare il nostro aspetto ed essere belli basta mangiare i cibi giusti. Eccovi, quindi, un vademecum dei cibi più amici della nostra bellezza e sono proprio questi alimenti alla portata di tutti quelli che possono aiutarci a rifarci il look senza spendere soldi in interventi estetici.

Sicuramente non danno risultati immediati, ma se li mangiate regolarmente avrete una bella pelle, capelli sani ed unghie resistenti.

La pelle ha un colorito spento? Qualche consiglio

colorito spento

  • Ananas: è ricco di bromelina e di vitamina C: stimola la rinascita del collagene e quindi l’elasticità della pelle. Uno spuntino ideale se state seguendo una cura anticellulite.
  • Broccoli: betacarotene, calcio e vitamina C: un mix perfetto per una pelle ben irrorata dal sangue, ossa forti e capelli sani. I broccoli restituiscono alle labbra secche e screpolate il loro naturale aspetto vellutato.
  • Carne: oligoelementi quali zinco e ferro fanno della carne magra una vera prelibatezza, anche per la pelle
  • Carote: sono note soprattutto per il betacarotene in esse contenuto, ma anche le loro sostanze vegetali secondarie le rendono importanti per lo pelle. Migliorano anche la capacità visiva.
  • Cavolo: cavolo verde e verza contengono soprattutto acido folico, vitamina C, fibre e sostanze vegetali secondarie. Il premio per tutti gli amanti del cavolo: un veloce rinnovamento del derma, quindi meno rughe ed un efficace aiuto in caso di acne e pelle impura.
  • Cetriolo: ecco cosa lo rende un vero elisir di gioventù: pochissime calorie, moltissimo apporto d’acqua ed in più anche acido folico, fondamentale nella costruzione e nella scissione cellulare. Un cetriolo grande ricopre all’incirca la metà del fabbisogno giornaliero di acido folico.
  • Datteri: bellezza da gustare: questo frutto proveniente dall’Oriente contiene ferro, calcio e vitamine del gruppo B: principi nutritivi pregiati che aiutano ad avere una pelle bella e dei capelli sani.
  • Fegato: apporta ferro e rame ma anche vitamina A, B 12, niacina e selenio; il fegato regala una pelle pura, delle unghie resistenti e dei capelli lucenti. Anche la pelle delicata delle labbra ne trae profitto.
  • Fragole: la pelle dà prurito, è secca, screpolata e squamosa? Le fragole sono un buon rimedio: contengono molta vitamina C che abbassando il tasso di istamina, mediatore dell’infiammazione, fa scomparire velocemente il prurito.
  • Frutta secca: arachidi e noci del Brasile sono sicuramente ricche di calorie, ma in piccole dosi coccolano la pelle con il loro elevato contenuto di acidi grassi e vitamine del gruppo B. Ottime anche nella prevenzione dell’invecchiamento mentale: la dose è di 50 g al giorno.
  • Grano: un vero dono per pelle e capelli. Grazie alla presenza di magnesio, calcio, vitamina B 1 ed acido folico, il cereale contribuisce a migliorare tutti i processi cellulari favorendo il mantenimento di un tessuto connettivo tonico.
  • Kiwi: sono una delle migliori fonti vitamina C. Due kiwi freschi coprono il fabbisogno giornaliero e sono quasi un versamento continuo sul conto del collagene.
  • Lamponi : il giusto mix di vitamina C, magnesio, potassio e biotina, rende questi frutti rossi ottimi alleati di una pelle giovane; inoltre, aiuta a mantenersi in equilibrio dal punto di vista nervoso e rinforza gli occhi.
  • Legumi: ferro, calcio, zinco e cisteina sono, insieme a proteine e fibre, gli elementi che rendono così pregiati i legumi. Il mix nutritivo dà forza alle cellule della pelle, facilita la guarigione delle ferite e rinforza il sistema immunitario.
  • Limone; la vitamina C in esso contenuta fa bene al tessuto connettivo, dunque niente smorfie e consumatene in quantità.
  • Mirtilli neri : le vitamine A e C, le sostanze vegetali secondarie come anche l’acido folico, stimolando il rinnovamento cellulare, fanno dei mirtilli dei veri amici della pelle.
  • Mirtilli rossi: sono una vera fonte di giovinezza. Grazie alle vitamine C ed E proteggono l’organismo dai radicali liberi e rallentano così il processo d’invecchiamento.
  • Papaya: questo frutto dolce contiene qualcosa di molto particolare: lo papaina, un enzima utile al tessuto connettivo, che riduce gli accumuli di liquidi e lenisce le infiammazioni.
  • Patate: potassio, acido folico, vitamina C, fibre e niente grassi: le patate sono delle vere amiche della bellezza se non vengono mangiate fritte e aiutano a riequilibrare il rapporto acido basico.
  • Pesce: soprattutto tonno, salmone, aringa e sardine sono ricchi di acidi grassi insaturi, di vitamine A, B2 e D come anche di iodio, ferro e selenio: tutti nutrienti importanti per pelle e capelli.
  • Pomodori: apportano non solo vitamina C, E e betacarotene ma anche licopene, una sostanza vegetale secondaria che rallenta il processo d’invecchiamento, anche della pelle.
  • Ribes rosso e nero: sono delle vere e proprie bombe di vitamina C: in collaborazione con i bioflavonoidi, che danno il colore ai frutti, lo vitamina C protegge il collagene, rendendo più sodo il tessuto connettivo. Un altro importante punto a favore: le sostanze vegetali secondarie rinforzano le pareti arteriose.
  • Riso: fonte di molti carboidrati, vitamine e sostanze minerali che apportano l’energia necessaria per lo produzione di nuove cellule della pelle.
  • Soia: la soia contiene fitormoni, vitamine, aminoacidi ed acidi grassi insaturi. Ideale nei casi di caduta di capelli ed acne dovuti a fattori di tipo ormonale.
  • : quello nero è un buon rimedio in caso di acne, perché contiene antiossidanti, che ostacolano lo formazione e l’accumulo di impurità e batteri.
  • Uova: apportatore di vitamina A, un uovo a colazione è una vera garanzia di pelle tonica. Inoltre lo cisteina in esso contenuta funge da trasportatore di zolfo, che protegge lo pelle dalla disidratazione.
  • Uva: gli acini dell’uva svolgono un’azione leggermente drenante. I semi non andrebbero eliminati, ma mangiati con lo polpa, perché sono ricchi di acidi grassi essenziali e di polifenoli.
  • Zenzero:Il piccante tubero favorisce l’eliminazione ed il trasporto delle scorie. Nelle radici si nascondono numerose componenti benefiche come vitamine, potassio, calcio e ferro, che tonificano il corpo e rinforzano lo pelle.
  • Zucca: una pelle arida manca non solo d’idratazione, ma anche di grasso. I semi di zucca sono ricchi di acidi grassi insaturi, che riempiono lo strato idrolipidico della pelle.

Oltre al colorito spento pensiamo anche alle rughe

Crema giusta e alimentazione corretta sono fondamentali per ritardare le rughe. Le rughe, quei solchi che raccontano gli anni che abbiamo vissuto, non sono sempre ben accette. Uno stile di vita non proprio salutare, l’esposizione al sole e la genetica sono solo alcuni degli elementi che causano l’apparizione prematura di questo fastidioso inestetismo.

Ovviamente, anche l’alimentazione è una delle variabili fondamentali che possono influenzare la comparsa delle rughe. Come sempre, migliorare la nostra dieta ci aiuta a mantenere in buona salute anche la nostra pelle.

Chiaramente non possiamo evitare completamente il passare del tempo ma ciò non vuol dire che non possiamo ritardare l’apparizione delle rughe ed invecchiare con una pelle idratata, tonica e meno segnata.

Una mano ce la danno anche i cosmetici e oggi voglio consigliarvi una crema che ultimamente uso con grande soddisfazione, la crema  Hyalu B5, la crema anti-rughe di La Roche-Posay a base di acido ialuronico e di vitamina B5.  Una crema studiata per pelli sensibili che, con il suo effetto riparatore e rimpolpante è l’ideale per contrastare rughe, perdita di elasticità e volume.

Quali alimenti evitare?

Per ritardare l’apparizione delle rughe è consigliato evitare o ridurre il consumo di alcuni specifici alimenti. Solitamente, coincidono con quei cibi che sono sconsigliati in qualsiasi dieta sana ed equilibrata.

Senza dubbio, per mantenere in ottima salute la nostra pelle, gli alimenti da evitare sono quelli ad alto indice glicemico che accelerano l’invecchiamento della cute e quindi la comparsa delle rughe. Fra questi troviamo gli zuccheri, le fritture, i dolci o il pane bianco.

Un altro altro elemento da consumare con moderazione è l’alcol e il tabacco. Bere alcolici o superalcolici e fumare, infatti, non solo riducono l’idratazione della pelle, indispensabile per prevenire l’apparizione delle rughe, ma accelerano anche l’invecchiamento cutaneo perché favorisce la produzione di radicali liberi.

Perché quindi non optare per bevande più salutari e analcoliche come l’acqua aromatizzata al cocomero o una tisana alle Bacche di Goji?

Gli alimenti più potenti contro le rughe?

Passiamo ora agli alimenti che possono aiutarci a ritardare il processo di invecchiamento della pelle. In realtà, la lista è molto lunga. Ovviamente, in primis, c’è frutta e verdura.

Carote, verdure a foglia verde, agrumi, avocado, mirtilli (e i frutti rossi in generale), uva, broccoli, pomodori o peperoni sono solo alcuni degli ingredienti che possiamo usare spesso nelle nostre ricette per rallentare il processo di comparsa delle rughe. Nel sito troverete tantissimi piatti per fare il pieno di vitamine e flavonoidi.

Oltre a frutta e verdure fresche, anche il consumo di altri alimenti può favorire un buon aspetto della pelle. Le uova, un ingrediente ingiustamente bistrattato durante molti anni, è un ottimo alleato. Grazie all’apporto di vitamina A ma anche di sali minerali come lo zinco sono indispensabili per la buona salute della pelle.

Anche tutti i cibi che contengono Omega 3, come il salmone o la frutta secca, aiutano a mantenere l’idratazione della cute e a ritardare il processo di invecchiamento. Non dimenticate, infine, di idratare la pelle anche dall’interno bevendo sempre tanta acqua! Un’acqua che mi faccio spesso per aiutare è quella qua sotto.

Acqua con mirtilli rossi e lamponi, per il colorito spento

L’acqua con mirtilli rossi e lamponi è una bevanda leggera, molto delicata e dal gradevole impatto visivo. Ovviamente la ricetta, se così si può chiamare, è molto semplice, come tutte quelle relative alle acque aromatizzate, dunque può essere realizzata da chiunque. Questa che vi propongo è una bevanda che fa bene alla salute, e lo fa sotto molti punti di vista. Di certo, contribuisce a rendere la pelle più sana e a farla apparire più brillante. Il motivo è semplice, infatti i frutti rossi, e in particolare i lamponi, in virtù dell’abbondanza di antiossidanti intervengono sui meccanismi di riproduzione cellulare, e quindi anche sulla rigenerazione del derma. La cute, dunque, appare più luminosa e sana.

Ovviamente, questo non è l’unico pregio del lampone. Per esempio, sono ricchi di vitamina A, che fa bene agli occhi (e non solo) e di vitamina C, che agisce sul sistema immunitario. I lamponi contengono molti tannini, responsabili di un’azione astringente e antinfiammatoria. Si segnala anche un’azione antispasmodica, che può tornare utile in caso di dismenorrea. Senza contare la presenza variegata di sali minerali e l’apporto calorico contenuto.

Le proprietà dei mirtilli rossi

L’acqua con mirtilli e lamponi, si fregia anche della presenza dei mirtilli rossi. Stiamo parlando di frutti preziosi, in grado di impattare positivamente sull’organismo a più livelli. Anche nei mirtilli rossi troviamo gli antiossidanti, e in particolare i flavonoidi. Essi riducono lo stress ossidativo, contrastano i radicali liberi e aiutano a prevenire il cancro. Altri antiossidanti offerti dai mirtilli rossi sono le antocianine, che tra l’altro sono responsabili anche del colore rosso-violaceo. Il frutto vanta anche delle buone proprietà infiammatorie, sebbene meno accentuate rispetto al lampone. Ad ogni modo, tornano utili soprattutto in presenza di certe patologie, come la gengivite e l’artrite reumatoide. Infine, hanno un apporto calorico molto basso, pari a circa 50 kcal.

Acqua con mirtilli rossi e lamponi

I mirtilli rossi sono anche ricchi di oligoelementi, infatti si segnalano elevate concentrazioni di vitamina C, potassio e quercetina, un’importate sostanza antiossidante che di recente ha dimostrato un certo impatto sulle infezioni virali. Va detto, comunque, che il mirtillo rosso presenta alcune controindicazioni, il riferimento è all’interazione con certi farmaci anticoagulanti. Dunque, chi sta sostenendo terapie di questo tipo dovrebbe evitare il consumo eccessivo di questo frutto. Per il resto, non si segnalano problematiche di sorta.

Il contributo della menta

Di primo acchito, può sembrare strano che la menta abbia un ruolo nella preparazione dell’acqua con mirtilli rossi e lamponi. D’altronde la si pone poco prima del servizio, a mo’ di guarnizione. In realtà la menta incide sulla resa finale della bevanda. In primis dal punto di vista estetico, grazie al suo verde brillante in quanto crea un gradevole contrasto cromatico con la bevanda in senso stretto, che è invece caratterizzata da un amaranto profondo. Un certo impatto è evidente anche sul piano organolettico in quanto la menta è sinonimo di freschezza e aroma. Proprio ciò che serve a una bevanda di questo tipo, il cui sapore potrebbe sembrare altrimenti troppo lineare.

Ovviamente non esagerate con la menta, stiamo sempre parlando di una pianta aromatica capace di coprire gli altri sapori. Infine, la menta impatta sotto il profilo nutrizionale, aggiungendo valore a una bevanda che è già di per sé preziosa. Lo fa attraverso un’azione antiossidante di primo livello, nonché grazie alle sue proprietà antispasmodiche, calmanti e analgesiche. Insomma la menta è indispensabile per potenziare l’effetto gustativo e nutrizionale di questa interessante acqua aromatizzata.

Ecco la ricetta dell’acqua con mirtilli rossi e lamponi:

Ingredienti per 1 litro:

  • 20 lamponi freschi,
  • 25 ml. di succo di mirtilli rossi,
  • q. b. di foglioline di menta,
  • q. b. di ghiaccio (facoltativo),
  • 1 lt. di acqua naturale.

Preparazione:

Per la preparazione dell’acqua con mirtilli rossi e lamponi iniziate lavando accuratamente i lamponi. Poi trasferite il succo di mirtilli rossi in una brocca e versate anche un litro di acqua naturale.

Aggiungete i lamponi e date una bella mescolata. Se lo preferite, inserite anche il ghiaccio. Infine, guarnite con qualche fogliolina di menta e servite.

CONDIVIDI SU
03-11-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo aka Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

sambuco

Sambuco, tante ricette facili con questa pianta

I principali utilizzi del sambuco Il sambuco è una delle piante più conosciute e utilizzate non solo dall’industria alcolica, che ne ricava un famoso liquore, ma anche in erboristeria, nella...

Lasagne vegetariane

Lasagne vegetariane, un mondo da scoprire

Lasagne classiche e lasagne alternative Le lasagne vegetariane sono versioni alternative delle lasagne classiche. Possono sembrare una stravaganza bizzarra, ma in realtà rappresentano - a modo loro...

limone

Il limone, i suoi usi nell’alimentazione e nella...

La storia del limone. Si ritiene che il limone sia originario del sudest asiatico, forse della Malesia. Tutti i frutti di questa famiglia sono probabilmente originari del sudest asiatico,...

aceto

L’aceto, un alleato per l’igiene della casa e...

L’aceto, una risorsa preziosa L’aceto è un alimento prezioso. I suoi usi riguardano soprattutto la gastronomia, in merito alla quale interviene nella veste di condimento. L'aceto è un...

pesto

Il pesto, come conservarlo al meglio

Le peculiarità del pesto Come si conserva il pesto? La risposta è meno scontata di quanto si possa immaginare. Anche perché, al netto della semplicità della ricetta, presenta dei tratti...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti