Tisane e infusi: un aiuto alle intolleranze alimentari

Tisane e infusi
Commenti: 5 - Stampa

Tisane e infusi si rivelano un grande aiuto alle intolleranze alimentari.Che le erbe naturali racchiudono proprietà benefiche dal “potere curativo” è ormai noto, ma forse non sai che tè, tisane e infusi costituiscono anche un aiuto concreto per chi soffre di alimentari. 

Le tisane vengono utilizzate per combattere lo stress e concedere al corpo e alla mente di recuperare l’ equilibrio e il relax. Molti le bevono per dimagrire grazie alla loro funzione drenante.

Nel complesso mondo delle intolleranze alimentari, in cui fastidiosissimi disturbi e, in alcuni casi anche dolori, peggiorano la qualità di vita di molte persone, le tisane e gli infusi svolgono l’importante compito di eliminare le tossine, così da purificare l’intestino (sede del sistema immunitario) e ripristinare la sua funzionalità. Inoltre gli infusi puliscono anche organi quali fegato e reni in modo tale da ridurre i sintomi delle intolleranze alimentari che arrecano più fastidi.

In natura si trovano moltissime piante, dalle cui foglie o radici si ottengono estratti di diverso genere utilizzati nella composizione delle tisane.

Tisane e infusi per il nostro benessere

Vediamo quali sono i migliori alleati naturali della flora intestinale:

  • Aloe Vera, pianta succulenta appartenente alla famiglia Liliaceae. E’ un antinfiammatorio naturale per l’intestino e migliora l’azione del sistema immunitario.
  • Camomilla, pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Asteraceae. Ha un effetto antinfiammatorio e purificante per l’intestino.
  • Echinacea, pianta erbacea della famiglia delle Asteraceae che agisce sul sistema immunitario migliorando la sua azione.
  • Ribes nero, pianta appartenente alla famiglia delle Grossulariaceae. E’ un potente antinfiammatorio naturale contro le infiammazioni intestinali.
  • Alchemilla, pianta appartenente alla famiglia delle Rosaceae, in grado di apportare grandi benefici contro diarrea e crampi allo stomaco (sintomi delle intolleranze alimentari). 
  • Liquirizia, pianta erbacea della famiglia delle Fabaceae, ideale per combattere l’acidità di stomaco e la cattiva digestione.
  • Mirto, pianta arbustiva della famiglia delle Myrtaceae. E’ un antinfiammatorio dalle proprietà digestive.
  • Melissa, pianta erbacea spontanea, fondamentale per ridurre i gas intestinali in eccesso.
  • Cumino, pianta erbacea, favorisce la digestione e allevia i dolori connessi ai crampi addominali.
  • Malva, pianta appartenente alla famiglia delle Malvaceae. E’ usato come antinfiammatorio naturale.
  • Mirtillo, pianta appartenente alla famiglia delle Ericacee. Le sue foglie sono dei potenti antidoti contro la diarrea.
  • Tè verde, combatte il gonfiore intestinale causato dall’intolleranza ed è una tisana drenante.

Dopo un periodo di cura a base di tisane e infusi, molti pazienti con un’intolleranza vedono migliorare la condizione del loro intestino con una sensibile riduzione dell’infiammazione. Questi rimedi naturali devono comunque essere affiancati da una corretta dieta, pertanto se soffri di intolleranze alimentari devi consultare il medico e seguire le sue indicazioni.

Alcune idee per le vostre tisane!

La tisana alla lavanda è una bevanda molto gradevole, facile da preparare e rilassante. Non è la solita tisana, infatti i fiori di lavanda, in questo caso, sono parte integrante della preparazione.

Questo rende la bevanda ancora più saporita e decisamente più genuina. Ne risulta una tisana in grado di regalare preziosi momenti di relax, da sorseggiare magari la sera per conciliare meglio il sonno. Tra le tante proprietà la lavanda ha un’azione di contrasto nei confronti dell’insonnia.

Nonostante il procedimento sia diverso dalle classiche tisane acquistate al supermercato (banalmente manca la bustina con l’infuso), è comunque molto semplice da mettere in pratica. Ad ogni modo, seguite le poche indicazioni che vi darò tra poco.

Cosa meglio di un Infuso con mela, zenzero e limone ?

Il limone, in particolare, è molto indicato al mattino a digiuno, spremuto in un bicchiere di acqua tiepida. Attiva il metabolismo, svolge una funzione detossinante e assicura un buon apporto di vitamina C. Oppure potete metterne una fettina in infusione nell’acqua bollente, a patto che si tratti di un limone bio, per beneficiare anche delle proprietà della buccia.

Lo zenzero, come altre spezie considerate “invernali”, è un ottimo antinfiammatorio e antibatterico, ed è molto efficace per combattere soprattutto il mal di gola e altre affezioni delle vie respiratorie; tenete però conto che conferirà un sapore lievemente piccante alla vostra tisana.

Analoghe proprietà sono attribuite anche alla cannella, che in aggiunta svolge pure una funzione energizzante e corroborante.

La mela, poi, è nota fin dall’antichità per le sue numerose proprietà. Infatti, consumata regolarmente è in grado di contribuire a depurare le vie respiratorie e contrastare i sintomi dell’asma, aiuta a regolare la flora batterica intestinale e a normalizzarne le funzioni ed è efficace nel controllo dei livelli di colesterolo e glicemia nel sangue grazie alla presenza della pectina.

Tisana al melograno

Fra le tisane e infusi più buoni prova quella al melograno

Dopo una giornata stressante sorseggiare una tisana è un vero e proprio regalo che si può fare al corpo e alla mente. Mi chiedono spesso consigli sulle tisane migliori da preparare e oggi voglio approfondire una ricetta tanto semplice quanto efficace: la tisana al melograno.

E’ uno dei frutti più carichi di simbolismo. Simbolo di abbondanza fin dall’antichità, è considerato un punto di riferimento essenziale per la sue proprietà salutari.

Elencare tutte le proprietà benefiche del melograno vorrebbe dire aprire un capitolo molto lungo. Partiamo parlando dell’azione antiossidante, perfetta sia per contrastare l’azione dei radicali liberi sia per prevenire le patologie di natura tumorale.

Il melograno, che può essere assunto anche in caso di intolleranza al nichel, è uno dei frutti più efficaci dal punto di vista della prevenzione antitumorale, grazie soprattutto alla presenza di tannini e polifenoli.

L’azione di questo frutto è considerata particolarmente mirata quando si parla di contrastare i tumori al seno e alla prostata.

Tisana al melograno e tante coccole…

I benefici del melograno non finiscono certo qui! L’assunzione di questo frutto, che rappresenta una soluzione portentosa per la salute, è perfetta anche per quanto riguarda la prevenzione delle patologie cardiovascolari.

Il succo di melograno è infatti un ottimo anticoagulante, che previene il rischio di una patologia gravissima come l’arteriosclerosi. Un altro particolare che è bene ricordare quando si parla di melograno e di prevenzione delle patologie cardiovascolari è il contrasto del colesterolo LDL, considerato, a differenza del colesterolo HDL, dannoso per la salute del cuore e dei vasi ematici.

Il succo di melograno e la tisana che ha come ingrediente principale questo frutto rappresentano delle opzioni molto valide anche per la prevenzione di una patologia degenerativa molto grave come l’Alzheimer.

Un recente studio britannico ha messo in evidenza come la punicalagina, sia in grado di rallentare la progressione del morbo e il processo di neuro infiammazione.

La tisana al melograno è molto più di una piacevole coccola serale! Si tratta di un regalo per la propria salute e di una soluzione preventiva a lungo termine! A questo punto non resta che prepararla e gustarla in tutta la sua ricchezza di gusto e profumo!

tisana alle bacche di goji

Fra le tisane e infusi anche quella alle Bacche di Goji

È definita la bevanda del benessere, perché la tisana alle bacche di goji è un concentrato di proprietà benefiche ancora troppo sottovalutato e misconosciuto.

L’elenco dei benefici potenziali, appunto, sarebbe molto lungo. Si può cominciare da quello più noto, ovvero la ricchezza di antiossidanti, in particolare zinco e vitamina C, in grado di attenuare gli effetti nefasti dei radicali liberi.

Non solo. Le bacche di goji contengono 4 polisaccaridi bioattivi capaci di rafforzare il sistema immunitario aiutandolo a discernere tra cellule sane e cellule malate, in altre parole hanno una funzione preventiva nei confronti del cancro e di malattie degenerative come l’Alzheimer.

La tisana alle bacche di goji è particolarmente indicata anche per chi segue una dieta vegana o vegetariana, perché funge da integratore alimentare assicurando proteine e carboidrati.

Con le tisane si bevono molti benefici

Da segnalare anche una rilevante presenza di Omega 3 e 6, acidi “grassi buoni”, oltre alle fibre che associate ai polisaccaridi riscontrabili nelle bacche di goji determinano lo sviluppo di una benefica flora batterica a livello intestinale, utile nella risposta dell’organismo per esempio a patologie allergiche.

La tisana alle bacche di goji è salutare anche per gli sportivi, perché densa di sali minerali e indicata per migliorare il tono muscolare e le prestazioni che attengono alla capacità di resistenza.

Le bacche di goji spesso vengono utilizzate anche da coloro che intendono dimagrire. Le inseriscono nella dieta perché contribuiscono a tenere sotto controllo il livello di colesterolo e trigliceridi, favorendo il metabolismo.

Per preparare una tisana alle bacche di è sufficiente un cucchiaio di bacche essiccate, aggiungendo poi del miele per bilanciare il sapore dolciastro e talvolta aspro di questo frutto di bosco dal colore rosso rubino. La procedura prevede che si facciano bollire le bacche in un pentolino per circa 5 minuti, dopodichè si lascia a riposare il tutto a fuoco spento per altri 5 minuti, prima di filtrare la tisana con un colino.

Non solo tisana. Le bacche di goji possono essere assunte in svariati modi, previa una consultazione col medico curante, sempre consigliabile.

Le bacche possono accompagnare un’insalata oppure piselli, riso e pollo. Da considerare anche l’opzione del frullato, aggiungendo delle bevande vegetali o in alternativa succo d’arancia, insieme a mirtilli, more, mela, lamponi e ribes.

Tisana al timo, bevanda dalle proprietà curative

Qualcuno di certo avrà notato come il timo rappresenti una di quelle spezie che non è raro trovare nelle credenze delle nostre nonne e sui balconi dei nostri attuali supermercati.  Forse è giunto il momento di indagare circa le ragioni di cotanta costante presenza.

Ebbene si, il timo vanta innumerevoli benefici a carico del nostro ed urinario. Efficacissimo contro le infezioni a danno del sistema digestivo, il timo è un ottimo disinfettante naturale, per la stessa ragione si rivela ottimo per combattere le infezioni batteriche che aggrediscono le vie respiratorie, calmando altresì gli spasmi muscolari  imputabili  a problemi addominali, di varia natura essi siano.

E allora perché no una tisana al timo? Buona e salutare?

Il timo trova in cucina svariate applicazioni, in quanto con il suo sapore speziato ed il suo caratteristico profumo di limone, è in grado di conferire un aroma straordinario ai piatti nei quali è sapientemente aggiunto.

Ha un suo potere digestivo, che ben si sposa non soltanto con la carne, con il pesce, con i funghi e le verdure. Eccellente anche per la preparazione di liquori, non è insolito che esso venga utilizzato in sostituzione di te o caffè.

E’ poi a tutti noto il miele di timo, un’altra valida applicazione di questa preziosa spezia che, nel suo stadio di infiorescenza, viene utilizzata per ricavare questo preziosissimo alleato contro asma, influenze e raffreddori tipici del periodo autunno/ inverno.

La tisana intramontabile che combatte il freddo

Il freddo, si sa, è una caratteristica tipica della stagione invernale, guai se così non fosse, il nostro ecosistema cesserebbe di avere vita.

Sono però a tutti ben noti gli effetti che esso innesca in seno al nostro organismo, primi fra tutti tosse e raffreddore. Ebbene, un valido rimedio tutto naturale, è rappresentato dalla tisana al timo, vero toccasana per le vie respiratorie, in grado di contrastare il catarro se assunta un paio di volte al dì.

Tutto merito del suo principio attivo, l’olio essenziale di timolo: è a questo che il timo deve le sue proprietà terapeutiche. Ad esso vanno attribuite le sua capacità antisettiche, antiossidanti ed antibatteriche.

Il timo rappresenta uno degli ingredienti leader non solo nei libri di cucina, ma anche in quelli che contemplano i rimedi della nonna … ed ora se ne può comprendere bene il perché.

Non ci resta dunque che conoscere ingredienti e preparazione di questa fantastica tisana che possono bere anche gli intolleranti al nichel con serenità

Ingredienti per 1 tazza

  • 1 tazza d’acqua naturale
  • 1 cucchiaino timo fresco
  • 1/2 cucchiaio di sciroppo di yacon o altro dolcificante

Preparazione

Fare bollire un pochino d’acqua in un pentolino e quando bolle spegnere il fuoco.

Aggiungere il timo. Lasciare in infusione qualche minuto prima di filtrare con un colino.

Versare nella tazza e addolcire con un cucchiaio di sciroppo o con un paio di zollette di zucchero. A piacere aggiungere una fettina di limone.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

5 commenti su “Tisane e infusi: un aiuto alle intolleranze alimentari

  • Dom 22 Set 2019 | Luigia ha detto:

    Per l’istamina sono informata, mentre per la bevanda come colazione, fino ad ora ho bevuto il te’ ora anche il te’ non posso piu’ , contiene nikel, quale infuso a bastanza gradevole x colazione potrei assumere? Ringrazio per il consiglio!

    • Dom 22 Set 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buonasera Luigia, puo’ fare delle tisane con il timo, la salvia, la malva, lo zenzero, il limone, l’equiseto, la perilla. Ci sono molte piante e erbe con cui fare delle buone tisane. E’ consentito anche il tè matcha e il tè verde.

  • Dom 22 Set 2019 | Luigia ha detto:

    Allergia al nikel

  • Lun 28 Giu 2021 | mirella cannata ha detto:

    Buongiorno
    Vorrei poter avere delle indicazioni si quali tisane poter bere, dal momento che sono allergica al nichel.
    Ho provato tisane Pompadour alla menta e ho problemi intestinali lo stesso
    Ringrazio cordiali saluti
    Mirella da Trieste

    • Mar 29 Giu 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Salve Mirella se deve farsi una tisana è meglio che se la faccia in casa. Cosi è sicura di cosa utilizza e di che ingredienti introduce. La menta, solitamente, è consentita per il nichel e non dà mai problemi. Io mi faccio il te matcha, la tisana al timo, alla verbena, alla melissa e non ho problemi. Mi faccia sapere

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Intolleranza al riso

Intolleranza al riso, un disturbo raro ma invalidante

Le cause dell’intolleranza al riso L’intolleranza al riso esiste, sebbene non sia tra le più diffuse. D’altronde, quando si parla di intolleranza alimentare, il pensiero corre a ben altre...

Intolleranza alle solanacee

Intolleranza alle solanacee, come combatterla al meglio

Cosa sono le solanacee? Per comprendere i rischi e i meccanismi che stanno dietro all’intolleranza alle solanacee è necessario capire cosa si intenda per solanacee. Il termine è, infatti,...

Intolleranza al frumento

Intolleranza al frumento, cosa c’è da sapere

Intolleranza al frumento e allergia L’intolleranza al frumento non è certamente tra le intolleranze più conosciute, infatti non figura tra quelle salite alla ribalta di recente. Eppure, al pari...

Sensibilita all alcol

Sensibilità all’alcol: una condizione da non sottovalutare

Cos’è la sensibilità all’alcol La sensibilità all’alcol è una condizione più diffusa di quanto si possa pensare. Anche perché molti la fraintendono, derubricando i disturbi a una...

Biancheria intima

Biancheria intima : allergici ed intolleranti attenzione

Gli errori da evitare per il benessere delle parti intime con la biancheria intima La biancheria intima spesso è un acquisto così banale che spesso la scelta si basa sulla bellezza del capo più...

rasatura della barba senza irritazioni

Allergia al nichel : rasatura della barba senza...

Rasatura della barba: come dire addio a irritazioni L’azione della rasatura della barba espone gli uomini allergici al nichel a rischi per la propria pelle da valutare e prevenire in qualsiasi...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


08-01-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti