bg header
logo_print

Tartellette salate con asparagi: una ricetta sfiziosissima

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

tartellette salate con asparagi
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 20 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Tartellette salate con asparagi e gamberetti: un piatto ideale per San Valentino

Perché scegliere per San Valentino le tartellette salate con asparagi e gamberetti? In questi contorni golosi per intolleranti al lattosio c’è esattamente tutto quello che occorre per far colpo e stupire il proprio lui o la propria lei in un giorno così passionale e romantico come San Valentino. Con il loro mix tra eleganza, gusto e colore, queste tortine promettono un grandioso successo da parte di chi ama la cucina meticolosa e apprezza a tavola i piatti sani, genuini e ben curati nell’aspetto.

Che queste tartellette siano finemente curate dalla mano paziente di chi le realizza è intuitivo. Lo si capisce già a primo acchito: la generosa presenza di cuoricini in superficie esprime tutto l’affetto di chi li ha realizzati. È proprio per questo motivo che suggeriamo queste tartellette salate con asparagi e gamberetti proprio per un’occasione così speciale come il San Valentino. Queste tartine monoporzione cosparse di cuoricini sono il massimo per una cena speciale all’insegna del romanticismo.

Ricetta tartellette salate con asparagi

Preparazione tartellette salate con asparagi

  • Per prima cosa preparate la pasta al vino amalgamando insieme tutti gli ingredienti.
  • Otterrete così una bella palla di composto che dovrete impastare vigorosamente su un piano di lavoro per alcuni minuti, in modo da renderla bella elastica. Coprite con pellicola alimentare e mettete in frigo per una trentina di minuti.
  • Pulite e mondate gli asparagi, togliendo loro la parte fibrosa del gambo e tenendo la parte tenera.
  • Poi fateli a tocchetti e cuoceteli a vapore finché non diventeranno teneri.
  • Fateli poi saltare in padella qualche minuto insieme allo scalogno finissimamente tritato ed un goccio di olio, insaporendoli ben bene.
  • Infine spegnete la fiamma e lasciate intiepidire.
  • Mettete gli asparagi in un frullatore con l’uovo, la ricotta, un pizzico di pepe e sale.
  • Poi azionate il frullatore tritandoli ed ottenendo una morbida purea.
  • Riprendete la pasta al vino e dividetela in sei parti: con quattro di queste (dopo averle stese col mattarello) rivestite quattro stampi da tartelletta leggermente unti d’olio.
  • Riempiteli col composto di crema agli asparagi ed aggiungete in superficie i gamberetti.
  • Con la rimanente pasta avanzata ritagliate dei piccoli cuoricini e con essi decorate tutto il bordo di ogni tartelletta, come a creare una cornice intorno.
  • Infornate in forno pre-riscaldato a 180° per circa 20 minuti.
  • Le tartellette devono ben dorarsi in superficie e diventare croccanti.
  • Infine lasciatele leggermente intiepidire, decorate con qualche fogliolina di prezzemolo fresco e servite in tavola.

Per la pasta al vino:

  • 300 gr. farina macinata a pietra di tipo 1,
  • 100 gr. vino bianco secco non frizzante,
  • 70 gr. olio di semi di girasole,
  • un pizzico di sale

Per il ripieno:

  • 100 gr. ricotta senza lattosio,
  • 90 gr. gamberetti sgusciati,
  • 10 asparagi,
  • 1 cucchiaio colmo di Parmigiano Reggiano stagionato 36 mesi,
  • 1 uovo,
  • mezzo scalogno piccolo,
  • q. b. di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale e pepe nero,
  • qualche fogliolina di prezzemolo per decorare

Le ottime proprietà degli asparagi

Le tartellette salate con asparagi e gamberetti hanno come ingrediente protagonista l’asparagus officinalis, una pianta indigena dell’Europa e dell’Asia che si coltiva in zone dal clima temperato, in Italia viene comunemente coltivato negli orti.

Gli asparagi possono essere coltivati dal seme oppure darizomi (detti zampe) da cui si originano i polloni carnosi e muniti di squamette alla estremità, che si usano come ortaggi di primavera. A seconda del modo di coltivazione si hanno asparagi verdi o asparagi bianchi (cresciuti interrati), che sono tanto più apprezzati quanto più estesa è la parte tenera e commestibile.

La varietà più comune di asparagi è di colore verde chiaro, a tal proposito scegliete le cime di asparagi diritte, di dimensioni uniformi e con punte compatte. Le cime rotonde e piene sono più tenere di quelle piatte. Dopo avere avvolto le basi in un panno umido, si conserva in frigorifero in una busta di plastica.

Gli asparagi sono una buona fonte delle vitamine A e C, sono inoltre ricchi di calcio, fosforo, potassio, ferro e tiamina.

Tartellette salate con asparagi e gamberetti: un tenero abbraccio tra terra e mare

Queste piccole e graziose tartellette salate con asparagi sono dei deliziosi contorni sospesi tra terra e mare.  Gli asparagi, frutto di una terra aspra e incolta, incontrano i gamberetti, piccoli pesci destinati a piatti di classe. È l’essenza dell’amore, forte e delicato allo stesso tempo. Questi piccoli gamberetti hanno qualcosa di curioso, fanno capolino in questo piatto quasi in maniera trionfale, impossibile non accattivarsi le simpatie di chi queste tartellette le dovrà mangiare!

Questo piatto è una vera coccola per il palato. In questa graziose tartine tutto evoca la bellezza dell’amore, un’esplosione di colore, dal verde degli asparagi al rosa dei gamberetti, in un contrasto di sapori che riesce però a creare una sintonia perfetta. È qualcosa di magico che rispecchia fedelmente il legame tra due persone innamorate, l’eterno conflitto tra caratteri diversi che cercano però una fusione sinergica, insomma sono una ricetta ideale per un menù sfizioso per San Valentino.

Asparagi IMG

Tartellette salate ripiene di asparagi e di gamberi: un abbinamento perfetto

Le tartellette che vi presento qui vantano un ripieno fuori dal comune, ricco, saporito e a suo modo elegante. Il merito di ciò va all’abbinamento – a dire il vero molto suggestivo – tra asparagi e gamberetti. La rusticità degli asparagi si sposa alla perfezione con la delicatezza “ittica” dei gamberetti, il tutto accompagnato da note aromatiche che virano sul “grasso” in armonia con la specificità degli altri ingredienti di stagione.

I gamberetti vanno inseriti alla fine, una volta che il ripieno è stato messo nelle tartellette. Questo ingrediente ittico deve essere semplicemente sgusciato, al resto provvederà il lungo passaggio al forno (20 minuti circa).

I gamberetti si fanno apprezzare non solo per il sapore, ma anche per le proprietà nutrizionali. A fronte di un apporto calorico equilibrato per la categorie di appartenenza, apportano proteine, grassi benefici, vitamina D e fosforo.

Una ricetta per gli intolleranti al lattosio

Il ripieno di queste tartellette salate è formato, oltre che dai gamberetti e dagli asparagi, anche dalla ricotta e dal Parmigiano. Sono tutti derivati del latte che, in quanto tali, impensieriscono gli intolleranti al lattosio.

Per quanto concerne il Parmigiano in realtà i timori sono infondati. E’ un formaggio stagionato, dunque naturalmente privo di lattosio.

Anche la ricotta contiene lattosio, ma per fortuna la soluzione è a portata di mano, infatti basta utilizzare versioni delattosate, facilmente reperibili al supermercato. Se il prodotto è di marca il sapore è simile a quello della ricotta originale, al massimo potreste avvertire una nota leggermente più dolce che non guasta.

Tanti ripieni per le tartellette salate

Le tartellette salate, a prescindere dal tipo di impasto, si prestano a una vasta gamma di farciture. Nella maggior parte dei casi, però, si opta per un ripieno cremoso che può essere ottenuto mediante un passaggio al frullatore di verdure e ortaggi. Non di rado, però, si utilizzano formaggi freschi, come possono essere la ricotta, la crescenza, la robiola e il formaggio spalmabile. Spesso si aggiunge anche l’uovo, che amalgama il tutto e rende il composto ancora più stabile.

Un’idea è quella di guarnire le tartellette con elementi solidi, se non addirittura croccanti. In questo caso lo scopo è di conferire varietà a livello di texture. La ricetta che vi presento oggi punta sui gamberetti, ma potete optare anche per affettati e semi oleosi.

FAQ sulle tartellette salate con asparagi

Come si preparano le tartellette?

Per preparare le tartellette è necessario scegliere con cura l’impasto, che può essere realizzato a mano con farina, olio, burro e uova, oppure può essere ottenuto dalla pasta sfoglia e dalla pasta brisée. Occorre inoltre preparare un ripieno morbido e una decorazione sfiziosa.

Cosa mettere nelle tartellette?

Il ripieno delle tartellette deve essere cremoso con elementi solidi e croccanti, in modo da conferire agli antipasti una certa varietà in termini di consistenza. Per ottenere un ripieno adeguato vi consiglio di utilizzare un formaggio cremoso (una crescenza o una ricotta) e una purea di ortaggi, se volete puntare al vegetale.

Come conservare le tartellette?

Le tartellette possono essere conservate in frigorifero ben coperte dalla pellicola alimentare per tre giorni al massimo. Sarebbe meglio, però, che venissero consumate subito.

Quante calorie hanno le tartellette?

L’apporto calorico dipende dalla grandezza delle tartellette e dal ripieno. In questo caso, considerando la presenza di formaggi e gamberi, si può ipotizzare un apporto di 100-150 kcal a tartelletta.

Come decorare le tartellette?

La decorazione delle tartellette salate dovrebbe essere adeguata al ripieno per creare un bel contrasto cromatico senza interferire troppo con il gusto. Per esempio, se si opta per un ripieno di carne può essere impiegata un po’ di salvia, mentre se si opta per un ripieno di formaggio va bene un po’ di prezzemolo; infine, se si opta per un ripieno di verdure vanno bene il basilico e la menta.

Ricette con asparagi ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cuore di sfoglia ai lamponi

Cuore di sfoglia ai lamponi, una delizia per...

Una farcitura semplice che rende molto Vale la pena parlare della farcitura, che è l’elemento che meglio caratterizza il cuore di sfoglia ai lamponi. La farcitura è realizzata con i lamponi, lo...

Girelle senza glutine bicolore

Girelle senza glutine bicolore, buone e adatte a...

Farine speciali per delle girelle senza glutine davvero deliziose Parliamo ora delle farine, che rappresentano un segnale di discontinuità rispetto alla classica ricetta delle girelle. La ricetta...

Chiffon cake al cacao

Chiffon cake al cacao, un’idea per San Valentino

Le speciali farine di questa chiffon cake Un’altra peculiarità di questa chiffon cake al cacao è la totale compatibilità con le esigenze dei celiaci, infatti tutte le farine impiegate spiccano...