bg header
logo_print

Tortine di carote e mandorle al cacao, dei dolci deliziosi

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Tortini alle mele con crumble di nocciole
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Tortine di carote e mandorle al cacao, un delizioso dolce senza glutine

Oggi ho preparato queste deliziose tortine di carote e mandorle al cacao, Buone e sane. Senza glutine e senza grassi ma con tanto gusto. Ho pensato a queste tortine principalmente come merenda per i bambini, da portare a scuola o per lo spuntino del pomeriggio, ma piaceranno anche ai grandi, a colazione o per spezzare la fame senza appesantire.

Ci sono le carote e le mandorle, con le loro proprietà benefiche, “nascoste” dal cacao che le rende così golose.  Ideali per gli intolleranti al glutine e ai latticini (con gli stampi al silicone non c’è nemmeno bisogno di imburrare le teglie) diventano alleati per il benessere anche di chi intollerante non è, perché è ormai dimostrato che ridurre glutine e grassi giova a chiunque.

Si può anche preparare una torta con le stesse dosi, ma le monoporzioni sono pratiche da consumare e da portare con sé, nello zaino o nella borsa. Cosa dire di più per convincervi a provarle? Ah, che sono facilissime da realizzare!

Ricetta tortine di carote e mandorle al cacao

Preparazione tortine di carote e mandorle al cacao

  • Tritate finemente le mandorle insieme a 100 g di zucchero e tenete da parte.
  • Raschiate, spuntate e lavate le carote e tritatele finemente.
  • Montate, anche con una frusta a mano, le uova intere, il tuorlo e il restante zucchero.
  • Aggiungete gli altri ingredienti, le carote, il cacao, la fecola, il composto di mandorle, un pizzico di sale ed infine e il lievito.
  • Una volta ottenuto un impasto omogeneo distribuitelo in stampini al silicone di forma rotonda e infornate a 180°C per circa 40 minuti.
  • Togliete dal forno e fate raffreddare molto bene le tortine prime di toglierle dalle formine.
  • Spolverizzatele di zucchero a velo e disponetele in pirottini di carta.
  • Potete conservarle anche una settimana in una scatola di latta ben chiusa oppure congelarle e toglierle dal freezer la mattina per dare ai vostri bambini una golosa e sana merenda per la scuola.

Ingredienti tortine di carote e mandorle al cacao

  • Ingredienti per 15 tortine
  • 260 gr. di carote pulite
  • 300 gr. di mandorle non pelate
  • 250 gr. di zucchero di canna grezzo
  • 3 uova intere
  • 1 tuorlo
  • 30 gr. di cacao in polvere
  • 30 gr. di fecola di patate
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • q. b. di zucchero a velo
  • 1 pizzico di sale.

Tortine di carote e mandorle al cacao, una preparazione tra dolce e amaro

Le tortine di carote e mandorle al cacao sono dei dolcetti deliziosi, morbidi e creativi. Si basano su abbinamenti diversi dal solito, che coinvolgono le più disparate classi di alimenti. Manca la farina, ma troviamo le mandorle. Inoltre, manca anche la fecola o la maizena, ma troviamo le carote. A stabilizzare l’impasto, poi, vi sono le uova sbattute con lo zucchero.

La ricetta non è mia bensì di Cecilia Concari, che partecipa a “Le intolleranze? Le cuciniamo”. Ho indetto questo contest per dimostrare come la lotta alle intolleranza passi per la cucina di qualità e alquanto creativa. Queste tortine di carote e mandorle al cacao ne sono una splendida testimonianza. Preciso che il contest è una gara a tutti gli effetti, con tanto di vincitori, dunque porgo i migliori auguri a Cecilia.

Tornando alla ricetta, questa risulta adatta tanto a colazione quanto a merenda. Anzi, si presenta come una vera esperienza gastronomica all’insegna del gusto, della morbidezza e dell’estetica. D’altronde, anche in cucina l’occhio vuole la sua parte.

Quali carote utilizzare?

Le carote giocano dunque un ruolo da protagonista in queste tortine di carote e mandorle al cacao. Arrivati a questo punto ci si potrebbe chiedere: ma quali carote è opportuno utilizzare? D’altronde le varietà abbondano e si differenziano non solo per il colore ma anche per il gusto e per le proprietà nutrizionali. Alle carote arancioni, infatti, corrisponde un’abbondanza di betacarotene, mentre alle carote viola e nere troviamo un’abbondanza di antocianine.

Cecilia non fornisce indicazioni precise in merito, ma è lecito dedurre che faccia riferimento alle carote arancioni. Sono quelle più comuni, ma anche quelle più dolci e quindi adatte anche alla pasticceria. In alternativa, potreste utilizzare anche le carote nere. Sono più aromatiche, ma meno dolci rispetto alle carote arancioni. In ogni caso non apportano quel retrogusto amarognolo che rende le carote “classiche” un alimento borderline per la preparazione di dolci.

A prescindere da queste riflessioni, le carote di ogni ordine e grado vantano un discreto profilo nutrizionale. Sono ricche di vitamina A e C, che fanno bene alla vista e al sistema immunitario. Inoltre contengono molti antiossidanti, tra cui il betacarotene e le antocianine. Infine, l’apporto calorico è ridotto, pari a 40 kcal per 100 grammi.

In occasione di questa ricetta, le carote vengono pulite, pelate e spuntate (le estremità sono più amare); infine vanno tagliate a punta di coltello per ottenere un trito grossolano. Per velocizzare il procedimento, potete inserirle in un mixer e frullarle a velocità molto bassa, o in modalità pulse. La presenza delle carote impatta sul sapore, che diventa più dolce ma anche più corposo. D’altronde, stiamo parlando di un ortaggio integrabile al meglio nelle ricette di pasticceria.

Un focus sulle mandorle

Anche le mandorle giocano un ruolo importante in queste tortine di carote e mandorle al cacao. Anzi, di base sostituiscono la farina. Per l’occasione, le mandorle vanno tritate nel mixer insieme ad una discreta quantità di zucchero. Per regolarvi, tenete a mente che il peso delle mandorle deve essere superiore di tre volte a quello dello zucchero.

Le mandorle garantiscono al composto una dolcezza unica, valorizzata da sentori aromatici e delicati. Le mandorle si fanno apprezzare per la loro assenza di glutine, tale da fungere da alternativa ai cereali. Stesso discorso per la presenza di grassi benefici, soprattutto per il cuore. L’altra faccia della medaglia è data da un apporto calorico importante, che viaggia sulle 600 kcal per 100 grammi.

Le mandorle vantano anche un discreto apporto di vitamine e sali minerali. Tra queste sostanze citiamo la vitamina E (che funge da antiossidante), il fosforo e il magnesio, che giovano alle funzionalità cognitive.

Gli insospettabili pregi del cacao

La lista degli ingredienti delle tortine di carote e mandorle comprende anche il cacao. Il cacao amaro viene utilizzato in polvere e inserito nell’impasto insieme al trito di carote, alla fecola e alle mandorle. Il cacao è una gradevole aggiunta, in quanto insaporisce con il suo ottimo aroma e interagisce al meglio con gli altri alimenti. Il cacao forma un buon abbinamento persino con le carote, nonostante la diversità di sapori e sentori.

Il cacao, a dispetto di quanto suggerisce l’immaginario collettivo, spicca per le proprietà nutrizionali. Certo, è un po’ calorico, ma abbonda in antiossidanti e sali minerali, tra cui il magnesio. Inoltre fa bene all’umore, soprattutto quando si manifesta nella sua forma più amata: il cioccolato. Che il cacao e il cioccolato rendano “felici” è anche una verità scientifica, come dimostrato da alcuni recenti studi.

Contest – Le intolleranze? Le cuciniamo

Ricetta di Cecilia Concari

Tortine di carote e mandorle al cacao

Ricette tortini ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Semifreddo al gianduia

Semifreddo al gianduia, un dessert perfetto come fine...

Come rendere il semifreddo con gianduia a prova di intolleranze Il semifreddo al gianduia contiene due derivati del latte: la panna e il mascarpone. Dunque, potrebbe impensierire gli intolleranti al...

Fekkas

Fekkas, dal Marocco dei deliziosi biscotti alle mandorle

Quali farine utilizzare per i biscotti marocchini? La ricetta dei fekkas non dice molto sul tipo di farina, tuttavia nella maggior parte dei casi si usa la farina normale, ossis la farins zero o...

Torta di mele di Hagrid

Torta di mele di Hagrid, una versione in...

Una torta di mele soffice e deliziosa Sono numerose le differenze tra la torta di Hagrid, così come l’ho immaginata io, e la classica torta di mele. Tanto per cominciare le mele non fungono da...