Tortine alle mele e cannella? Ideali per San Valentino!

Tortine alle mele e cannella
Commenti: 1 - Stampa

Le tortine alle mele e cannella, una dolce unione per la festa degli innamorati

Tra i dolci più golosi che possiamo preparare per la colazione di San Valentino, troviamo senz’altro le tortine di mele e cannella. Le avete mai assaporate? Forse sì, forse no… ma è arrivato il momento di provare a prepararle con le vostre mani: con gli alimenti giusti e con una buona dose d’amore e creatività, potrete preparare questo dessert in poco tempo e senza problemi.

La ricetta che vi propongo prevede l’uso di ingredienti senza glutine e senza lattosio. Perciò, le tortine di mele e cannella saranno deliziose, e anche facili da digerire e adatte agli intolleranti. Se amate gli ingredienti principali, probabilmente avrete già l’acquolina in bocca e tanta voglia di fare… Ho indovinato? Con questi presupposti, facciamo un piccolo viaggio alla scoperta degli alimenti che useremo per preparare questo dessert profumato e dal gusto armonioso e delicato.

Le mele sono i frutti del Pyrus malus, pianta largamente coltivata nelle regioni dell’Italia Settentrionale e in tutta Europa, con esclusione delle estreme aree settentrionali. Le mele sono grosse bacche di forma rotondeggiante, con buccia sottile, resistente, lucida od opaca, di colore diverso secondo le varietà, a volte con screziature, dal giallognolo al verdognolo al rosso vivace e intenso. A piena maturazione la polpa è turgida e carnosa, bianca, di sapore leggermente acidulo o zuccherino.

Le mele sono frutti di facile conservabilità e oltre a essere consumate comunemente come frutta fresca o cotta, sono largamente usate per fare marmellate. Il succo viene utilizzato per la produzione di bibite; per fermentazione se ne ottiene il sidro, o vino di mele, molto diffuso nell’Europa Centrale.

Le varietà di mele coltivate sono numerosissime e consentono la scelta delle più convenienti in relazione alle diverse esigenze. Tra le varietà più coltivate sono da ricordare: le deliziose, rosse o gialle; le renette, a polpa compatta un po’ acidula; le Granny Smith, di colore verde chiaro, asprigne; le Abbondanza, grosse, di colore rosso; le Annurche della Campania, di colore rosso violaceo e polpa tenera, succosa, zuccherino-acidula; le Limoncelle, di colore giallo, con polpa compatta e asprigna.

Generalmente le mele si trovano tutto l’anno, ma con più difficoltà nel cuore dell’estate, da luglio ad agosto. Comprate frutti maturi, compatti, con il picciolo attaccato, del colore proprio della varietà. Evitate quelli ammaccati o con lesioni evidenti. Si conservano a temperatura ambiente, possibilmente non eccessivamente calda. È una buona fonte di fibra alimentare.

La mela e la cannella, un “matrimonio” che funziona da sempre

Alcuni abbinamenti in cucina si presentano come matrimoni perfetti, non credete? Tra l’altro, possiamo dire che alcuni dureranno per sempre! Questo è quello che mi viene in mente pensando alle tortine alle mele e cannella… Si tratta infatti di una combinazione culinaria ideale, persino dal lato nutrizionale. Con queste premesse, diciamo pure che la mela è un frutto speciale e che il suo largo impiego nelle ricette della tradizione fa parte di una storia antica e suggestiva.

La cannella, invece, è arrivata in Europa solo nel Medioevo e ha origini orientali. Tuttavia, non ha dovuto attendere molto prima di diventare una protagonista in tantissime ricette di dolci! A proposito di benefici e di proprietà degli alimenti in questione, dovreste sapere che nelle nostre tortine di mele e cannella troviamo un concentrato di micro e macronutrienti da non sottovalutare. Non a caso, la mela è da sempre considerata sinonimo di salute e benessere: in essa non mancano grandi quantità di potassio, vitamina B1 e B2, acido citrico e acido malico. E cosa possiamo dire riguardo all’altro ingrediente di questa ricetta?

Tortine alle mele e cannella

Quanti benefici ci regalano le tortine alle mele e cannella? Tantissimi, senza mettere mai da parte la bontà!

La cannella, ottima alleata della mela, è una spezia che trova largo impiego nelle cucine di tutto il mondo. È anche utilizzata in forma pura per la preparazione di rimedi naturali, proprio per via delle sue numerose proprietà curative. Tra le più note, vi è la capacità di controllare i livelli di zucchero nel sangue, utile per ridurre il rischio di diabete e alcuni disturbi cardiaci. Grazie ad essa, assaporando le tortine alle mele e cannella potremo digerire meglio e saziarci con gusto!

Secondo le ricerche, questa spezia aiuta inoltre a regolare il ciclo mestruale ed è un potente antibatterico… Il perfetto legame, tra i due alimenti di cui abbiamo parlato, trasforma le tortine alle mele e cannella in un dolce genuino sotto ogni punto di vista. Siete d’accordo con me? Per tutte queste ragioni, abbiamo a che fare con un dessert davvero perfetto per la colazione di San Valentino…  ma anche per tantissime altre occasioni speciali!

Ingredienti per 4 tortine

  • 1 rotolo di pasta briseè consentita
  • 2 grosse mele rosse dolci e succose
  • 1 cucchiaio di sciroppo di riso
  • 30 gr. di uvetta sultanina
  • la punta di un cucchiaino di cannella in polvere
  • 1 cucchiaino di Rum
  • 1 grattugiata di zenzero fresco
  • un pizzico di vaniglia bourbon in polvere
  • un goccio di latte Accadi per spennellare
  • un pizzico di zucchero di canna (per spolverizzare le tortine prima della cottura)
  • zucchero a velo q.b. (per spolverizzare le tortine dopo la cottura, a piacere)

Preparazione

Sbucciate le mele, eliminate il torsolo e tagliatele a pezzettini piccoli. Poi, mettetele in una ciotola insieme a sciroppo di riso, uvetta sultanina (precedentemente ammollata in acqua tiepida e strizzata), cannella, vaniglia, rum e zenzero, e amalgamate bene. Coprite con pellicola alimentare, ponete in frigo per una quindicina di minuti e, intanto, preparate i gusci di briseè per le tortine.

Con un coppapasta, ritagliate otto cerchi nella briseè. Con quattro di questi, rivestite degli stampini per crostatine monoporzione del diametro di circa 10 centimetri (precedentemente rivestiti con carta forno), punzecchiando appena il fondo coi rebbi di una forchetta.

Riprendete le mele dal frigo e distribuitele negli stampini rivestiti di briseè, livellando il più possibile. Date ancora una spolveratina di cannella e chiudete le tartellette con l’altro cerchio di pasta, sigillando bene i bordi con le dita.

Create nel centro un piccolo foro per far sfiatare i dolcetti in cottura. Poi, con i ritagli avanzati di briseè, ritagliate con un piccolo stampino dei cuoricini, che distribuirete sulla superficie.

Spennellate con un goccio di latte, spolverizzate con zucchero di canna e infornate in forno preriscaldato a 180° per 15-20 minuti: le tortine devono dorarsi ben bene e diventare croccanti esternamente.

Spegnete il forno e fate raffreddare. Successivamente, sformate le tortine e, prima di servirle, spolverizzatele a piacere con abbondante zucchero a velo.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

1 commento su “Tortine alle mele e cannella? Ideali per San Valentino!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Un brunch di San Valentino

Un brunch di San Valentino davvero originale

Proposte sfiziose per un San Valentino diverso dal solito Il brunch di San Valentino è un’idea per festeggiare la festa degli innamorati in modo diverso. Di solito, si predilige la classica cena...

Mini madeleine al pepe rosa

Mini madeleine al pepe rosa e cacao a...

Mini madeleine al pepe rosa e cacao, un dolce davvero speciale Le mini madeleine al pepe rosa e cacao sono un’ottima idea per San Valentino. L’impatto visivo, i colori (tendenti al rosa) e il...

croquembouche

Croquembouche, deliziosi bignè al caramello

Cosa sono i croquembouche? I croquembouche, osservati dall’esterno, assomigliano alla nostra pignolata, tuttavia dovrebbero essere associati più che altro ai celebri profiteroles. Si tratta,...

Tartare di bisonte con uova di quaglia

Tartare di bisonte con uova di quaglia, un...

Tartare di bisonte con uova di quaglia, un piatto di alta classe La tartare di bisonte con uova di quaglia è un secondo piatto raffinato, da sfoderare durante le occasioni speciali. Io lo...

Red Velvet al mais bianco

Red Velvet al mais bianco, torta per grandi...

Perché questa Red Velvet al mais bianco è diversa dalle altre? La Red Velvet al mais bianco e polvere di ibisco non è una torta come le altre, lo potete intuire dal nome. Certo conserva alcune...

Crostata con marmellata di arance e fragole

Crostata con marmellata di arance e fragole per...

Crostata con marmellata di arance e fragole, una combinazione suggestiva La Crostata con marmellata di arance, un dolce per tutti, Questa ricetta è stata preparata non solo perchè è squisita, ma...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


08-02-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti