Crostata con pere cotogne e nocciole, pura golosità!

Crostata con pere cotogne e nocciole, pura golosità!. Vorresti portare a tavola un dolce originale, fatto di ingredienti insoliti, che sappia stupire? Ecco un dolce assolutamente privo di glutine e pertanto adatto anche a chi soffre di problemi di intolleranza, in grado di soddisfare tutte le tue esigenze: la crostata con pere cotogne e nocciole gluten free. Prima di parlare della ricetta ecco alcune importanti informazioni sul nostro piatto.

Pere cotogne: il frutto dimenticato

Il cotogno è uno degli arbusti più antichi al mondo: basti solo pensare che esso era coltivato già dai Babilonesi e dai Greci ed il suo frutto era, in epoca romana, addirittura considerato sacro, da dedicare a Venere. Il pero cotogno vanta proprietà astringenti ed epatiche.

Se ne fa largo utilizzo soprattutto per combattere stati di diarrea, dissenteria, vomito ed  insufficienza epatica.Eppure, a differenza delle mele appartenenti allo stesso genere, non se ne sente tanto parlare.

Con questi frutti si puo’ preparare anche un infuso che favorisce la digestione e con proprietà antinfiammatorie utili a stomaco e intestino. Il decotto, poi, fin dall’antichità veniva utilizzato per contrastare mal di gola e tosse.

Crostata con pere cotogne e nocciole

Preparare questo infuso è molto semplice: lavate la pera e tagliatela a dadini. Fate bollire con 200 ml d’acqua per circa 10 minuti e dolcificate a piacere.

Le nocciole: buone e salutari

E’ ormai noto come, oltre a risultare deliziose al palato, esse siano dotate di proprietà benefiche di alto valore, ma risulta arduo credere che esse possano portare straordinari vantaggi anche alla nostra pelle.

A dispetto di chi le identifica come alimento no per la nostra forma fisica, le nocciole proprio a causa dei grassi che contengono possono dare innumerevoli benefici.

Prive di glutine, ben si completano con  altri ingredienti consentendo di dar vita a piatti completi, energetici e … per tutti.

Andiamo adesso a vedere uno di questi piatti, la crostata con pere cotogne e nocciole!

Ingredienti per 10 persone

per la frolla

  • 100 gr. farina di riso
  • 40 gr. fecola di patate
  • 40 gr. farina di miglio
  • 30 gr. zucchero di canna bianco
  • 100 gr. burro chiarificato
  • 1/2 cucchiaino sale
  • 1 uovo
  • 4 cucchiai acqua ghiacciata

farcitura

  • 350 gr. pere cotogne sbucciate e private del torsolo
  • 180 gr. zucchero di canna bianco
  • 200 ml. vino bianco
  • 100 ml. acqua
  • 1 baccello vaniglia

Preparazione

In una ciotola mescolate le farine, aggiungete il burro molto freddo tagliato a cubetti e impastate tutto velocemente con le mani per ottenere un impasto bricioloso

Aggiungete l’uovo leggermente sbattuto e due cucchiai di acqua ghiacciata ( se l’impasto risulta essere troppo duro aggiungete altra acqua, ma deve comunque essere ben sodo )

Formate una palla, avvolgetela nella pellicola trasparente e riponetela in frigorifero per almeno 1 ora

Al momento di utilizzarla, dividete il panetto in due parti. Stendete la pasta rapidamente a mezzo centimetro di spessore, e foderate una teglia, leggermente imburrata

Coprite la pasta frolla con un foglio di carta forno e versate tanti fagioli secchi da riempire completamente lo stampo e infornate a 180°C per circa 25 minuti

Tagliate le pere cotogne a dadini e mettetele in un tegame col vino, lo zucchero, l’acqua e il baccello di vaniglia

Fatele cuocere finché saranno ben morbide e una volta cotte scolatele, fatele raffreddare e schiacciatele con una forchetta fino a renderle una purea

Estraete la crostata dal forno, ricoprite la superficie con la purea di pere cotogne, cospargetele con le nocciole ridotte a granella.

Stendete il secondo panetto e fate le decorazioni che preferite. Io ho utilizzato lo stampo per formare tutti i cuoricini.

Coprite la farcitura e rimettete la crostata in forno° per altri circa 20 minuti

La vostra crostata è pronta! Se preferite potete anche cospargere il tutto con dello zucchero a velo

Proprio a causa delle loro caratteristiche fortemente astringenti ed acidule, non è raro che le pere cotogne, proprio come accade alle mele cotogne, vengano sfruttate in cucina come addensanti di marmellate.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *