logo_print

La vellutata di bietole con crostini di Trentin Grana

vellutata di bietole
Stampa

La cena è servita con la vellutata di bietole con crostini di Trentin Grana!

Vellutata di bietole con crostini di Trentin Grana se siete amanti del mangiare sano e volete far provare al vostro palato non solo il delicato gusto di salutari verdure ma volete sorprenderlo con un sapore deciso come quello del formaggio.

Si tratta di una pietanza senza glutine e senza lattosio, leggera e facilmente digeribile, deliziosa e amata anche dai bambini, che si prepara senza troppi sforzi e che regala dei sapori unici al palato, in particolare grazie al gusto deciso del formaggio, unito a quello tenero e versatile delle bietole. Oltre a questo, non possiamo però fare a meno di considerare le principali proprietà degli ingredienti: quali sono?

Ecco come portare a tavola tanto gusto e un naturale benessere

Non è sempre semplice abbinare gusto e leggerezza a tavola. Quindi, se stavate pensando ad una ricetta che vi aiuti a mangiare sano, ma che sia pure accattivante e coinvolgente, con questa siete proprio sulla buona strada. A questo proposito, dovreste sapere che la bietola è nota per la sua versatilità in cucina nonché per le sue numerose proprietà benefiche.

Vitamina A, fibre, potassio e ferro sono solo alcuni dei suoi componenti più importanti e utili per una crescita sana dell’organismo e per il suo costante benessere, per non parlare dell’acido folico e delle proprietà antitumorali e diuretiche di questa verdura. Nella vellutata di bietole con crostini di Trentin Grana persino quest’ultimo ha peculiarità da non sottovalutare. Oltre ad essere fondamentale per questa ricetta e a regalare sempre un’ottima esperienza culinaria, è uno dei migliori alleati della salute.

Questo formaggio molto digeribile, e dal basso contenuto di lattosio, è consigliato per gli intolleranti a questo zucchero, e garantisce allo stesso tempo un apporto di calcio e fosforo ideali per diverse esigenze. Anche se siete vegetariani, si rivela un prezioso alimento, perfetto per fornirvi tutta l’energia di cui avete bisogno senza rinunciare al piacere. Se le componenti del Grana vengono unite a quelle della bietola, si finisce per portare in tavola un piatto tanto semplice quanto speciale!

Vellutata di bietole con crostini di Trentin Grana: perfetta per gli sportivi e le donne in gravidanza

Dovreste sapere inoltre che, secondo numerose ricerche, l’alta concentrazione proteica unita a tutte le caratteristiche nutrizionali del formaggio presente nella ricetta, è quanto di meglio potete trovare se siete in dolce attesa oppure siete degli sportivi. In particolare, le vitamine B2 e A, il fosforo e il calcio, contenuti nel Grana, permettono l’apporto necessario per il fabbisogno di un adulto, ma anche di chi pratica sport e di chi ha la necessità di mangiare “per due”!

Infine, è utile considerare che nella vellutata di bietole con crostini di Trentin Grana, il tipo di verdura presente è indicatissimo per risolvere i problemi legati alla gravidanza, come la stitichezza, le cistiti frequenti in questo periodo e i problemi riguardanti la digestione. In più, grazie all’acido folico, il feto cresce in modo molto sano. Gravidanza e sport a parte, si tratta di una ricetta in cui i benefici sono davvero per tutti!

Ed ecco la ricetta della La vellutata di bietole

Ingredienti

  • 100 gr. di bietole lessate
  • 3 patate grandi
  • 4 cucchiai di Trentin Grana  + croste
  • 2 fette di pane raffermo consentito
  • 2 cucchiai di panna da cucina consentita
  • ½ cipolla rossa di Tropea
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  •  q.b. sale e pepe

Preparazione

Pelate le patate, tagliatele a tocchetti e lavatele sotto l’acqua corrente fredda.

Affettate la cipolla finemente e soffriggetela a fuoco molto basso in olio, aggiungete le patate e fate cuocere a fuoco vivace.

Aggiungete le bietole sminuzzate con la mezzaluna e coprite il tutto con acqua, aggiustate di sale e lasciate bollire dolcemente per circa 25/30 minuti.

Frullate la vellutata ottenuta con un frullatore ad immersione, facendo attenzione a farla molto liscia e incorporando più aria possibile.

Tagliate a cubetti le fette di pane raffermo e friggetelo con olio  e una spolverata di Trentin Grana grattugiato.

Lavate bene le croste di formaggio e tagliatele a listarelle o dadini, disponetele su un piatto ben distanti le une dalle altre e mettete nel microonde per 1 minuto a temperatura media o fino a quando non diventeranno croccanti e soffiate.

In ogni ciotola, disponete la vellutata e un cucchiaino di panna da cucina che “decorerete” con un stuzzicadenti, aggiungete un filo di olio, il pepe grattugiato e le croste soffiate.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


11-01-2018
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti