La dolcezza (e non solo!) della panna cotta ai cachi…la delizia dell’autunno

Tempo di preparazione:

Panna cotta ai cachi: il dolce da preparare non appena è possibile!

La panna cotta ai cachi è un dolce morbido, simile a un semifreddo pastoso, che potete gustare sia d’estate che nel periodo autunnale. Infatti, il cachi o kaki è il frutto che maggiormente rappresenta questo periodo. Si rivela un frutto goloso, ma anche benefico, soprattutto perché possiede una caratteristica particolare: propone un contenuto calorico incredibilmente alto per trattarsi di un frutto (si parla di circa 70 calorie per ogni etto di cachi).

Per questo motivo, abbiamo a che fare con un alimento molto adatto ai bambini in fase di sviluppo, agli anziani e agli sportivi. Perciò, la panna cotta ai cachi è perfetta praticamente per tutti! Inoltre, dobbiamo considerare che il consumo dell’ingrediente principale di questa ricetta è ottimo persino per favorire la diuresi e migliorare le funzioni intestinali. Cos’altro dovremo sapere a riguardo?

I cachi e le loro incredibili proprietà

Quello che è abbiamo detto può sembrare abbastanza ma, in realtà, non è così: abbiamo a che fare con un frutto davvero potente e salutare, che ci consente di portare in tavola tante buone caratteristiche proprio grazie alla ricetta della panna cotta ai cachi. Infatti, vanta inoltre proprietà idratanti e diuretiche, in quanto ricco d’acqua; energetiche, per via della grande quantità di zuccheri semplici (come il fruttosio) proposti; e antiossidanti, in particolare per l’elevato contenuto di vitamina A e beta-carotene.

Chiaramente, essendo frutti carichi di antiossidanti, aiutano a prevenire molte patologie a carico del sistema respiratorio, cardiaco e non solo. Dobbiamo considerare che i nostri ingredienti base per la preparazione della panna cotta ai cachi propongono inoltre un effetto lassativo quando sono maturi, e astringente quando sono ancora un po’ acerbi. Ovviamente, in quest’ultimo caso, non sono molto adatti alla preparazione di dolci.  Infine, sappiate che si rivela altresì un alimento dotato di proprietà ideali per contribuire alla protezione e alla salute del fegato.

Passiamo alla preparazione della panna cotta ai cachi… una ricetta da leccarsi i baffi!

Prima di preparare questo dolce, dovreste considerare che i cachi sono praticamente privi di grassi e, nel contempo, ricchi di sali minerali quali potassio, fosforo, magnesio, calcio e sodio. In particolar modo grazie al potassio, si rivelano un alimento ideale per chi necessita di tenere sotto controllo la pressione. Tuttavia, dobbiamo considerare persino la gran quantità di vitamina C, che in parte assimileremo dalla panna cotta ai cachi, in grado soprattutto di rafforzare le difese immunitarie.

Pertanto, abbiamo di fronte un frutto fantastico e una preparazione a dir poco speciale, non siete d’accordo? Non appena ne avrete la possibilità, vi consiglio di acquistare questi alimenti e di mettervi all’opera! Per portare in tavola la ricetta della panna cotta ai cachi non dovrete fare tanta fatica, ma dovrete solamente impegnarvi a scegliere ingredienti di qualità e avere un po’ di tempo a disposizione. Siete pronti per iniziare? Non dimenticatevi che si tratta di un dessert senza glutine e senza lattosio!

Ingredienti per 4 persone

Per la crema:
  • 2 cachi vaniglia non troppo maturi
  • 1 pezzo zenzero fresco
  • 2 cucchiai succo di limone
  • 2 cucchiai sciroppo d’acero
Per la panna cotta:
  • 250 ml panna vegetale liquida
  • 250 ml latte di quinoa
  • 60 gr zucchero a velo
  • 4 gr agar agar in polvere

Preparazione

Per la crema di cachi e zenzero, sbucciate i cachi e tagliateli a cubetti. Prendete un pezzetto di zenzero, grande come un pollice, grattugiatelo e versatelo nel frullatore.

Aggiungete gli altri ingredienti e procedete fino a ottenere una purea di cachi. Per la panna cotta, emulsionate tutti gli ingredienti, tranne l’agar agar, da aggiungere solo quando il composto starà per bollire.

Distribuite il tutto in stampini e cuocete in forno a bagnomaria a 180 °C per circa mezz’ora. Ovviamente se gli stampi sono grandi il tempo di cottura aumenterà. Quindi, lasciate raffreddare a temperatura ambiente, dopodiché mettete gli stampi in frigorifero.

Non vi preoccupate, il composto sarà liquido anche dopo averlo cotto, ma si rassoderà con il freddo. Impiattate il vostro dessert farcendo tra una formina e l’altra con la crema di cachi e zenzero.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *