Panna cotta a 3 gusti con zucchero frizzante

Panna cotta a tre gusti
Stampa

Cosa ha di speciale la panna cotta a 3 gusti con zucchero frizzante?

La panna cotta a 3 gusti con zucchero frizzante è un dessert fuori dall’ordinario. I motivi sono numerosi, ma uno è lampante, e l’avrete già notato spulciando l’immagine: l’impatto visivo della panna cotta a 3 gusti con zucchero frizzante è semplicemente straordinario. E’ frutto della sovrapposizione di tre stati di panna cotta, realizzati ciascuno con ingredienti parzialmente diversi. Il primo è realizzato con il cioccolato, il secondo con la vaniglia e il terzo con lo zafferano. Si apprezza quindi un’alternanza di colori (marrone, bianco e giallo-arancione) che certamente rappresenta una piccola gioia per gli occhi. Il tutto è coronato da un ultimo strato, ovvero dalla purea di frutti di bosco.

Ovviamente la panna cotta a 3 gusti con zucchero frizzante è molto buona. Anche perché racchiude tre-quattro dessert in uno solo. C’è il sapore intenso del cacao, quello delicato della vaniglia e quello pungente e aromatico dello zafferano. Io lo consiglio per tutte le occasioni, ma in particolare quelle in cui è “necessario” stupire i commensali, le feste di laurea a buffet per esempio. Per quanto dal di fuori questo dessert possa apparire complicato, in realtà la ricetta è piuttosto semplice. E’ sufficiente realizzare una panna alla volta e porla una sopra l’altra, lasciando il preparato in frigorifero per qualche tempo tra un’aggiunta e l’altra. Ad ogni modo, seguite con fedeltà le indicazioni che fra poco vi darò e non rischierete di sbagliare!

Il segreto della panna cotta a 3 gusti con zucchero frizzante

Il segreto della panna cotta a 3 gusti con zucchero frizzante però è un altro: la presenza dei prodotti Accadì di Granarolo. Nello specifico viene utilizzato il latte e la panna, che ricorrono nella preparazione di tutti e tre gli strati Si tratta di prodotti genuini, di assoluta qualità, realizzati con procedure il più possibile naturali e nel pieno rispetto del territorio. La loro caratteristica principale è l’assenza di lattosio.

Anche tale assenza viene determinata grazie ad un procedimento naturale. Semplicemente, viene replicata la scissione del lattosio in glucosio e galattosio, prima del confezionamento, attraverso l’applicazione dell’enzima lattasi. Grazie a questo procedimento, anche gli intolleranti al lattosio possono consumare la panna e il latte Accadì di Granarolo e, di conseguenza, il dessert di panna cotta a 3 strati con zucchero frizzante.

Panna cotta a tre gusti

I tanti pregi nutrizionali dello zafferano

Lo zafferano è l’ingrediente principale dell’ultimo strato (penultimo se si conta anche la purea di frutti di bosco). E’ un modo per offrire un sentore particolare a questo dessert dal momento che tale spezia viene in genere associata alle preparazioni salate. Nello specifico dona un sapore pungente e allo stesso tempo aromatico. Lo zafferano è una spezia formidabile che si caratterizza anche per le sue proprietà nutritive.

Il riferimento è in particolare alla straordinaria quantità di potassio, che è tra le più alte in assoluto, e pari a 1,7 grammi ogni 100 grammi. Tra gli altri sali minerali che contiene spiccano il calcio, il fosforo e il magnesio. Anche in quanto a vitamine lo zafferano si difende bene, come dimostra la presenza abbondante della vitamina B1, della B6 e soprattutto della vitamina C.

Ecco la ricetta della panna cotta a 3 gusti con zucchero frizzante:

Ingredienti:

  • 3 dl. di purea di frutti di bosco;
  • 200 gr. di frutti di bosco misti;
  • 1 mazzetto di menta;
  • zucchero frizzante.

Per la panna cotta al cioccolato:

  • 1 dl. di latte Accadì;
  • 50 gr. di zucchero;
  • 8 gr. di colla di pesce;
  • 90 gr. di cioccolato al 70% di cacao;
  • 2 dl. di panna Accadì.

Per la panna cotta alla vaniglia:

  • 1 dl. di latte Accadì;
  • 1 baccello di vaniglia;
  • 60 gr. di zucchero;
  • 8 gr. di colla di pesce;
  • 2 dl. di panna Accadì.

Per la panna cotta allo zafferano:

  • 1 dl. di latte Accadì;
  • 60 gr. di zucchero;
  • 8 gr. di colla di pesce;
  • 1 bustina di zafferano;
  • 2 dl. di panna Accadì.

Preparazione:

Per la preparazione della panna cotta a 3 gusti iniziate con la panna cotta al cioccolato. Riscaldate latte e zucchero, aggiungete la colla di pesce reidratata e il cioccolato a pezzi piccoli. Fate raffreddare, unite la panna semimontata e versate nei bicchieri che porrete in frigorifero affinché la panna cotta si indurisca. Per quanto riguarda la panna cotta alla vaniglia, anche in questo caso riscaldate il latte, lo zucchero ed aggiungete anche la vaniglia. Unite la colla di pesce reidratata, poi fate intiepidire ed aggiungete la panna semimontata, versate questo secondo strato nei bicchieri sopra la panna al cioccolato, poi rimettete in frigorifero per fare indurire.

Per quanto riguarda la panna cotta allo zafferano ripetete sostanzialmente lo stesso procedimento. Iniziate dal latte e dallo zucchero unendo poi anche lo zafferano. Per il resto, il procedimento è lo stesso. A questo punto dovreste ritrovarvi con un bicchiere a tre strati, uno marrone (panna al cioccolato), uno bianco (vaniglia), uno giallo-arancione (zafferano). Non rimane che sistemare la purea di frutti di bosco per aggiungere un quarto strato, arricchendo con i frutti di bosco misti, lo zucchero frizzante ed un po’ di foglie di menta.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


15-01-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti