Panna cotta tre gusti con zucchero frizzante

Panna cotta tre gusti
Commenti: 0 - Stampa

Cosa ha di speciale la panna cotta tre gusti con zucchero frizzante?

La panna cotta a 3 gusti con zucchero frizzante è un dessert fuori dall’ordinario. I motivi sono numerosi, ma uno è lampante, e l’avrete già notato spulciando l’immagine: l’impatto visivo della panna cotta a 3 gusti con zucchero frizzante è semplicemente straordinario. E’ frutto della sovrapposizione di tre stati di panna cotta, realizzati ciascuno con ingredienti parzialmente diversi. Il primo è realizzato con il cioccolato, il secondo con la vaniglia e il terzo con lo zafferano. Si apprezza quindi un’alternanza di colori (marrone, bianco e giallo-arancione) che certamente rappresenta una piccola gioia per gli occhi. Il tutto è coronato da un ultimo strato, ovvero dalla purea di frutti di bosco.

Ovviamente la panna cotta a 3 gusti con zucchero frizzante è molto buona. Anche perché racchiude tre-quattro dessert in uno solo. C’è il sapore intenso del cacao, quello delicato della vaniglia e quello pungente e aromatico dello zafferano. Io lo consiglio per tutte le occasioni, ma in particolare quelle in cui è “necessario” stupire i commensali, le feste di laurea a buffet per esempio. Per quanto dal di fuori questo dessert possa apparire complicato, in realtà la ricetta è piuttosto semplice. E’ sufficiente realizzare una panna alla volta e porla una sopra l’altra, lasciando il preparato in frigorifero per qualche tempo tra un’aggiunta e l’altra. Ad ogni modo, seguite con fedeltà le indicazioni che fra poco vi darò e non rischierete di sbagliare!

Il segreto della panna cotta tre gusti con zucchero frizzante

Il segreto della panna cotta tre gusti con zucchero frizzante però è un altro: la presenza dei prodotti Accadì di Granarolo. Nello specifico viene utilizzato il latte e la panna, che ricorrono nella preparazione di tutti e tre gli strati Si tratta di prodotti genuini, di assoluta qualità, realizzati con procedure il più possibile naturali e nel pieno rispetto del territorio. La loro caratteristica principale è l’assenza di lattosio.

Anche tale assenza viene determinata grazie ad un procedimento naturale. Semplicemente, viene replicata la scissione del lattosio in glucosio e galattosio, prima del confezionamento, attraverso l’applicazione dell’enzima lattasi. Grazie a questo procedimento, anche gli intolleranti al lattosio possono consumare la panna e il latte Accadì di Granarolo e, di conseguenza, il dessert di panna cotta a 3 strati con zucchero frizzante.

Panna cotta tre gusti

I tanti pregi nutrizionali dello zafferano

Lo zafferano è l’ingrediente principale dell’ultimo strato (penultimo se si conta anche la purea di frutti di bosco). E’ un modo per offrire un sentore particolare a questo dessert dal momento che tale spezia viene in genere associata alle preparazioni salate. Nello specifico dona un sapore pungente e allo stesso tempo aromatico. Lo zafferano è una spezia formidabile che si caratterizza anche per le sue proprietà nutritive.

Il riferimento è in particolare alla straordinaria quantità di potassio, che è tra le più alte in assoluto, e pari a 1,7 grammi ogni 100 grammi. Tra gli altri sali minerali che contiene spiccano il calcio, il fosforo e il magnesio. Anche in quanto a vitamine lo zafferano si difende bene, come dimostra la presenza abbondante della vitamina B1, della B6 e soprattutto della vitamina C.

Ecco la ricetta della panna cotta tre gusti con zucchero frizzante:

Ingredienti:

  • 3 dl. di purea di frutti di bosco;
  • 200 gr. di frutti di bosco misti;
  • 1 mazzetto di menta;
  • zucchero frizzante.

Per la panna cotta al cioccolato:

  • 1 dl. di latte Accadì;
  • 50 gr. di zucchero;
  • 8 gr. di colla di pesce;
  • 90 gr. di cioccolato al 70% di cacao;
  • 2 dl. di panna Accadì.

Per la panna cotta alla vaniglia:

  • 1 dl. di latte Accadì;
  • 1 baccello di vaniglia;
  • 60 gr. di zucchero;
  • 8 gr. di colla di pesce;
  • 2 dl. di panna Accadì.

Per la panna cotta allo zafferano:

  • 1 dl. di latte Accadì;
  • 60 gr. di zucchero;
  • 8 gr. di colla di pesce;
  • 1 bustina di zafferano;
  • 2 dl. di panna Accadì.

Preparazione:

Per la preparazione della panna cotta a 3 gusti iniziate con la panna cotta al cioccolato. Riscaldate latte e zucchero, aggiungete la colla di pesce reidratata e il cioccolato a pezzi piccoli. Fate raffreddare, unite la panna semimontata e versate nei bicchieri che porrete in frigorifero affinché la panna cotta si indurisca. Per quanto riguarda la panna cotta alla vaniglia, anche in questo caso riscaldate il latte, lo zucchero ed aggiungete anche la vaniglia. Unite la colla di pesce reidratata, poi fate intiepidire ed aggiungete la panna semimontata, versate questo secondo strato nei bicchieri sopra la panna al cioccolato, poi rimettete in frigorifero per fare indurire.

Per quanto riguarda la panna cotta allo zafferano ripetete sostanzialmente lo stesso procedimento. Iniziate dal latte e dallo zucchero unendo poi anche lo zafferano. Per il resto, il procedimento è lo stesso. A questo punto dovreste ritrovarvi con un bicchiere a tre strati, uno marrone (panna al cioccolato), uno bianco (vaniglia), uno giallo-arancione (zafferano). Non rimane che sistemare la purea di frutti di bosco per aggiungere un quarto strato, arricchendo con i frutti di bosco misti, lo zucchero frizzante ed un po’ di foglie di menta.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...

Cremini fritti

Cremini fritti, dei dolcetti squisiti e facili da...

Cremini fritti, un’idea deliziosa I cremini fritti o crema fritti sono dei dolci dalle caratteristiche particolari, infatti sono il risultato della frittura di una crema. Questa viene realizzata...

Mini pie alle more e mirtilli

Mini pie alle more e mirtilli, uno spuntino...

Mini pie alle more e mirtilli, una piccola squisitezza Le mini pie alle more e mirtilli, come suggerisce il nome, sono torte di piccole dimensioni e dal sapore fruttato. Il procedimento è molto...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, davvero...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, un dessert molto semplice e gustoso I ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco sono una gradevole alternativa al classico gelato e ovviamente ai ghiaccioli...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


15-01-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti