Uova a colazione, un’abitudine gustosa e nutriente

uova a colazione
Commenti: 4 - Stampa

Perché le uova a colazione?

Mangiare uova a colazione, già questa espressione rievoca contesti che ben poco hanno a che vedere con la tradizione italiana, invece hanno a che fare con quella americana e britannica. Da quelle parti, infatti, le uova a colazione sono un must, come ci insegnano da film e serie TV. Chiunque, magari da bambino è abituato al classico latte con i biscotti ed ha pensato almeno una volta: “ma come fanno a fare una colazione simile?” L’idea di mangiare salato a colazione, e in particolare mangiare uova, non riscuote il gradimento di chi è abituato ad una colazione dolce. Colazione che, a ben vedere, è poco diffusa all’estero, almeno così come la intendiamo noi, ovvero esclusivamente dolce.

Dunque, la colazione salata, e nello specifico a base di uova, non è necessariamente una stravaganza di questo o quel popolo, piuttosto è un approccio dotato della stessa dignità degli altri. Vi dirò di più, in realtà ha molto senso dal punto di vista nutrizionale, e persino più senso rispetto alla colazione a base di latte, biscotti, caffè, cornetti e brioche.  Il motivo risiede nelle proprietà nutrizionali delle uova, che sono migliori di quanto si possa immaginare.

Certo, in linea teorica tutti siamo abituati a pensare che le uova facciano bene. Ciò che non si sa, o che non appartiene al senso comune, è che le uova sono tra gli alimenti più completi in assoluto. Infatti, se si escludono i carboidrati, di cui sono assolutamente carenti, forniscono tutto il necessario per iniziare bene la giornata. Contengono proteine, da buon alimento di origine animale, vitamine e sali minerali in abbondanza.

Le proprietà nutrizionali delle uova

Come abbiamo visto, vale proprio la pena soffermarsi sulle proprietà nutrizionali delle uova a colazione. Per quanto concerne le proteine, se ne contano in media 15 grammi ogni etto. Una percentuale notevole, se si pensa che le carni fresche viaggiano sui 20. Per inciso, le proteine sono più abbondanti nel tuorlo, a parità di peso. Il consumo delle uova a colazione è giustificato anche e soprattutto dalla presenza delle proteine, che in genere scarseggiano (latte compreso) nelle colazioni all’italiana.

Sul fronte delle vitamine, va segnalata l’abbondante presenza della vitamina D. Questa sostanza, rara in natura (se si esclude il latte e i pesci grassi) svolge una funzione di sostegno per il sistema immunitario. E’ presente anche la vitamina A, che fa bene gli occhi e alla pelle. Inoltre sono presenti dosi elevate di vitamina E. Questa sostanza svolge una funzione antiossidante, dunque aiuta a prevenire alcune forme tumorali (contrasta infatti i radicali liberi e riduce lo stress ossidativo). Assente è invece la vitamina C.

uova strapazzate

I sali minerali presenti nelle uova

Le uova sono anche ricche di sali minerali. A fare la parte del leone sono lo zinco e il ferro. Lo zinco aiuta il sistema immunitario, in modo simile a quanto fa la vitamina D. Il ferro è invece coinvolto nei meccanismi di ossigenazione del sangue e contrasta i fastidiosi sintomi dell’anemia. Le uova contengono però anche colesterolo, concentrato principalmente nel tuorlo. Si tratta di una sostanza pericolosa, che aumenta il rischio cardiovascolare. Ciò toglie ben poco al valore delle uova, infatti basta consumarle con moderazione per ovviare al problema. Va detto, poi, che le uova apportano anche le lecitine, sostanze piuttosto rare che conferiscono maggiore elasticità alle arterie. La presenza delle lecitine compensa (in parte) quella del colesterolo.

Le uova sono tra i pochi alimenti senza nichel, quindi possono essere consumati senza alcun timore da chi soffre di intolleranza a questo metallo. Sul fronte calorico è bene sfatare un mito, infatti le uova non sono nemiche della linea: in genere un uovo medio contiene solo 70 kcal. Alla luce di tutto ciò, l’idea di consumare le uova a colazione è tutt’altro che malsana, anzi è un’abitudine che vale la pena prendere e fare propria. A tal proposito vi consiglio qui di seguito alcune ricette che  è bene provare, ovviamente per ogni ricetta ho pubblicato il relativo approfondimento qui su NonnaPaperina. Trovate una sezione interamente dedicate alle uova. E non utilizzo nelle ricette solo l’ uovo di gallina. Uova di oca, uova di anatra, uova di tacchino etc.

Le ricette classiche a base di uova

Iniziamo dalle ricette più classiche delle uova a colazione, quelle che tutti conoscono e che hanno provato almeno una volta nella vita. Molte di queste sono considerate come pasti serali in Italia, ma possono essere preparate anche a colazione.

Uova alla coqueLe uova alla coque. E’ probabilmente la ricetta di uova più famosa in assoluto, anche perché è la più semplice. Infatti basta bollire l’uovo intero, così come si trova, per pochi minuti. Importante è comunque interrompere la cottura nell’immediato, in modo da non ritrovarsi con un uovo sodo.

Le uova al tegamino. Altra ricetta semplicissima che consiste nella cottura delle uova“aperte”, in una padella con dell’olio o del burro caldo. Nella loro versione base sono chiamate “occhio di bue”, in quanto il tuorlo, che rimane cremoso e denso, assume la forma di un occhio.Uova in camicia

Le uova in camicia. E’ una preparazione classica, ma non molto semplice darealizzare. Infatti, è necessaria un po’ di manualità. L’uovo deve essere cotto in acqua leggermente acidulata e “agitata” per creare un vortice. Attraverso particolari processi chimici, l’albume si solidifica mentre il tuorlo rimane molto cremoso.

Dalle uova strapazzate alle crepes

Le uova strapazzate. E’ un’altra preparazione semplice e quasi banale, infatti si tratta di aprire le uova, sbatterle e cuocerle in padella come se si stesse preparando una frittata. Il tutto va fatto senza o con poco olio, e mescolando in continuazione. Possono essere arricchite con alimenti a base di carne, formaggi e verdure.

Omelette con mele e fiocchi di latteLe omelette. Preparazione francese entrata stabilmente anche nella tradizione culinaria italiana. Assomiglia a una frittata, ma rispetto a questa viene cotta più da un lato che dall’altro, e soprattutto viene arrotolata attorno a un ripieno (in genere di carne). Qui sul sito ho suggerito un ripieno suggestivo con i fiocchi di latte senza lattosio di Exquisa e con le mele. Nel complesso è una pietanza adatta a chi soffre di intolleranze alimentari.

Le crepes. Questo alimento non richiede presentazioni di sorta, infatti è molto conosciuto ed apprezzato ovunque. L’impasto è abbastanza composito, ma richiede comunque una forte presenza delle uova. La  crepe può essere anche salata e condita con formaggio o insaccati. Possono essere anche dolci e condite con crema di nocciole, marmellata e burro.

Le ricette più suggestive delle uova a colazione

Qui presento alcune ricette “sui generis” che hanno come protagonista le uova a colazione, e che non fanno parte della tradizione italiana. Sono comunque facili e rapide, come si addicono a tutte le ricette per la colazione.avocado toast con uova strapazzate

Avocado toast. E’ una ricetta particolare, che vede come protagonisti la crema di avocado, un formaggio spalmabile e le uova strapazzate, che qui intervengono come condimento. Per inciso, il formaggio spalmabile migliore è il Fresco Cremoso Exquisa, che si distingue per gusto, genuinità e apporto nutrizionale.

Croque madame. E’ una ricetta francese che consiste nel pancarrè farcito con insaccati, come prosciutto cotto e formaggi. Ovviamente viene arricchito con un uovo al tegamino. E’ molto saporito, calorico e con un’eccellente portata nutritiva, proprio per questo merita di essere consumato a colazione.

Uova alla Benedict. E’ una ricetta anglosassone, che assomiglia molto al nostro uovo in camicia, se non fosse altro che le uova vengono servite su del pane tostato e imburrato, sovente arricchito da salse intense.

I pancake con fiocchi di latte. Sono una variante particolare dei pancake in cui, al posto del latte, si utilizzano i fiocchi di latte. Per la precisione consiglio i fiocchi di latte Fitline di Exquisa, che oltre a essere buoni sono anche abbastanza dietetici. Per quanto concerne il condimento potete procedere “all’americana” (quindi con lo sciroppo d’acero), o alla mediterranea (con burro fuso e marmellata).

La frittata con albumi. E’ una frittata alternativa in quanto realizzata solo con albumi, che rendono il tutto molto soffice, leggero e quasi dietetico. La ricetta è arricchita anche da pomodori e zucchine, inseriti direttamente nell’uovo sbattuto dopo una breve cottura.

5/5 (3 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

4 commenti su “Uova a colazione, un’abitudine gustosa e nutriente

  • Gio 29 Lug 2021 | Cristina ha detto:

    Quante buone idee!!!!! Mi piacciono molto queste idee. Facilissime e alla portata di tutti. Grazie

    • Gio 29 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Cristina questo è il nostro scopo. Facili, veloci e con gusto!

  • Mer 11 Ago 2021 | Gustavo ha detto:

    Sono in vacanza e vedo che tutti gli stranieri mangiano uova a colazione come non ci fosse um domani. Ora capisco lèggendo questo articolo il perché. Domani li imito anche io. Grazie per le info

    • Mer 11 Ago 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Gustavo bravo! La colazione è il pasto più importante della giornata. Le uova sono un ottimo carburante mattutino. Le puo’ fare in molti modi. Provi e vedrà che resterà soddisfatto

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

I migliori piatti italiani

I migliori piatti italiani, apprezzati in tutto il...

Alla riscoperta della cucina italiana Quali sono i migliori piatti italiani più famosi e apprezzati in patria e all’estero? Sembra una domanda superflua, se posta da un italiano. Eppure può...

colazione per i bambini

La colazione per i bambini che rientrano a...

Il rientro a scuola dalle vacanze, un momento stressante Il rientro a scuola dopo le vacanze estive prevede una sana colazione adeguata per i bambini, soprattutto dopo un periodo di vacanze molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

La colazione per gli studenti, alcune idee nutrienti

La colazione per gli studenti, il pasto più importante della giornata La colazione per gli studenti (e non) è il primo e il più importante pasto della giornata, secondo gli esperti. In Italia si...

insalata con melissa

Tornare in forma dopo l’estate, alcuni consigli utili

Perché si tende ad ingrassare in estate? Tornare in forma dopo le vacanze estive è un obiettivo di molti, proprio perché sono in tanti a “ingrassare” durate i momenti di relax. Ma perché...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


28-07-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti