Amate le uova? Provate le uova di gallina Australorp

Uova alla coque
Commenti: 2 - Stampa

Non solo uova “comuni”

Amate le uova? Allora provate le uova di gallina Australorp! Tante razze avicole, tante uova diverse. Con questo presupposto, vi chiedo: perché non provarle tutte… o quasi?

Infatti, in generale, abbiamo a che fare con un alimento completo e nutriente, ma ogni tipo di uova può proporre quel qualcosa in più e quella sfumatura di sapore che non vi aspettavate, e lo stesso vale per le uova di gallina Australorp. Potreste anche non percepire alcuna differenza, ma questo lo scoprirete solo assaggiandole!

In questo caso, si tratta di una gallina ovaiola dall’aspetto affascinante, sviluppata in Australia, nel 1921 circa, partendo dalla razza Orpington nera, arrivata in Oceania nel 1880. Le uova di gallina Australorp sono molto apprezzate in tutto il mondo e, pertanto, se vi capita, non esitate a portarle in tavola!

uova di gallina Australorp

Ecco le caratteristiche dell’Australian Black Orpington

Si chiama Australorp, nome che deriva dall’abbreviazione di Australian Black Orpington. Nonostante le sue origini, fa parte delle “razze inglesi”.

È un esemplare socievole, che presenta dimensioni più ridotte rispetto alla parente Orpington, ma è comunque robusta e allo stesso tempo elegante…

Il suo bellissimo piumaggio nero (oppure bianco o orlato blu), accompagnato da sfumature verdi, conquista tutti al primo sguardo! È molto amata dagli allevatori e, per questo, non è così difficile reperire le uova di gallina Australorp.

Si tratta di un’ottima chioccia e di una madre premurosa, che inizia a deporre fin dal quinto mese di età. È l’ideale persino per i pollai domestici, e quindi non professionali, e può garantire 200/250 uova all’anno!

E’ la razza di galline ovaiole che detiene il record mondiale per la produzione di uova. Una di queste galline è riuscita a deporre 364 uova in 365 giorni! Ha fatto festa solo a Natale.

Le uova di gallina Australorp presentano un bel colore marrone e, al loro interno, contengono proprietà interessanti e tanti micro e macronutrienti da non sottovalutare!

uova di gallina Australorp

Uova di gallina Australorp: nutrimento

Proprio come le altre tipologie di uova di gallina, anche queste vantano un peso medio di circa 55-60 grammi, tante proteine di qualità e una notevole quantità di aminoacidi essenziali.

Si presentano come un alimento completo e utile a tutti, soprattutto per il valido apporto proteico, perfetto per promuovere la sviluppo e il rafforzamento dei muscoli. Numerose ricerche affermano inoltre che questo alimento (così come le altre uova di gallina) non causa ipercolesterolemia, ma dobbiamo comunque consumarlo con moderazione.

Con le giuste porzioni di uova di gallina Australorp potremo comunque contare su un ulteriore apporto di vitamine (soprattutto A, D, E, J, K e del gruppo B) e di minerali (fosforo, calcio, ferro e zinco).

Infine, non dimenticate che con questo gustoso alimento, ottimo per la prevenzione della degenerazione maculare e per l’ottimizzazione delle funzionalità epatiche e del sistema immunitario, possiamo preparare tantissime ricette… tutte da gustare dal primo all’ultimo boccone!

La storia delle uova alla coque

Oggi vi presento le uova alla coque, un piatto che ad alcuni ricorda l’infanzia, e che per molti altri rappresenta un pasto abituale. Si tratta di una preparazione semplice e genuina, che valorizza le uova e in particolare il tuorlo. Mentre l’albume acquisisce una morbidezza gradevole e un gusto spiccato, il tuorlo rimane (o dovrebbe rimanere) liquido e cremoso.

In realtà la semplicità che ruota attorno alle uova alla coque non è ben giustificata. Anche le uova alla coque si caratterizzano per una loro complessità, soprattutto quando lo scopo è prepararle alla perfezione.

Inoltre, a dispetto di quanto suggerisce il senso comune, non rappresentano il classico pasto popolare, preparato da sempre e quindi privo di un’origine ufficiale.

Le uova alla coque, infatti, sono state “inventate” (o ispirate) da Luigi XIV, il famoso Re Sole. Si narra, infatti, che se le facesse preparare ogni mattina a colazione. Ne era così ghiotto, e teneva così tanto alla loro qualità, che fece allestire un allevamento di galline dentro la Reggia di Versailles, in modo che potesse monitorarlo di persona.

Il brunch alla francese

Questo aneddoto sul Re Sole, comunque ben testimoniato dalla storiografia, tradisce la vera destinazione delle uova alla coque. Dalle nostre parti, infatti, sono considerate come uno spuntino, o come una cena leggera. In realtà questa preparazione nasce come ricetta per la colazione.

In qualsiasi parte del mondo e oltre i confini italiani, le uova vengono consumate soprattutto a colazione. Non c’è di cui stupirsi se si considera il loro elevato potere nutrizionale. Ancora oggi le uova alla coque sono considerate il classico pasto da brunch.

Con questo termine si intende una sorta di seconda colazione tardiva, che anticipa e spesso sostituisce il pranzo. E’ una moda che molti considerano anglosassone, come suggerisce il nome, ma che è ben radicata anche Oltralpe.

Le caratteristiche del brunch francese si discostano da quelle del brunch inglese e americano. Quest’ultimo infatti è quasi sempre salato, invece quello francese divide le due componenti in parti più o meno uguali.

Per esempio nel brunch francese non possono mancare i croissant, i pain au chocolat e brioche varie. Le uova, oltre che alla coque, vengono servite anche sotto forma di omelette.

Inoltre, il fritto è quasi del tutto assente, la carne scarseggia e le verdure vengono cotte in modo leggero. Non mancano poi pane, affettati e i formaggi, che in Francia sono sempre la specialità della casa.

Uova alla coque

Cosa sapere sulle uova

Vale la pena spendere qualche parola in più sulle uova alla coque e sulle uova in generale dal punto di vista nutrizionale. D’altronde sono tra gli alimenti più consumati in assoluto, e fanno parte della dieta non di tutti i giorni.

Anche perché consumare uova troppo spesso può fare male, visto il contenuto di colesterolo tutt’altro che trascurabile. Al netto di questo particolare, le uova sono degli alimenti preziosi, che fanno bene alla salute.

Se si escludono i carboidrati, di cui sono sprovviste, non manca quasi nulla. Sicché troviamo una buona dose di proteine, pari a 16 grammi ogni 100.

La componente proteica, inoltre, è divisa abbastanza in modo equo tra tuorlo e albume, sebbene il primo ne contenga un po’ più del secondo. I grassi, se si esclude il colesterolo, sono assenti.

Le uova sono ricche di sali minerali, il riferimento è al ferro e allo zinco. Il primo è necessario per garantire la giusta ossigenazione del sangue, invece il secondo giova al sistema immunitario.

A tal proposito gran parte della preziosa vitamina D è contenuta nel tuorlo, si tratta di una sostanza abbastanza rara, se si esclude una specifica classe di alimenti (i pesci grassi).

Le uova contengono anche le lecitine, sostanze che rendono le arterie più elastiche, diminuendo il rischio di andare incontro a patologie acute, come infarti ed emorragie. Per quanto concerne l’apporto calorico, le uova riservano qualche sorpresa, infatti un uovo medio apporta solo 70 kcal.

Come preparare al meglio le uova

Spesso si avverte la necessità di pulire le uova. Ciò capita soprattutto in Italia, mentre altrove, come negli Stati Uniti, vengono pulite prima di entrare in commercio.

Questa differenza impatta sulla conservazione, infatti negli Stati Uniti le uova vengono conservate in frigorifero, e lì dovrebbero rimanere fino al consumo.

Un accorgimento necessario anche nel caso delle uova alla coque, dal momento che le operazioni di pulizia creano micro-traumi al guscio, che a loro volta causano una potenziale contaminazione dell’interno per via dei batteri presenti all’esterno.

In Italia le uova non vengono lavate dunque non vi è alcuna necessità di organizzare e preservare una catena del freddo. A tal proposito, può capitare di trovare persino delle piume, specie se le uova sono biologiche. Ebbene, in questo caso è necessario utilizzare la massima delicatezza.

Il consiglio è di lavarle a secco con uno strofinaccio pulito. A cagionare i maggiori danni al guscio è l’acqua. Non tanto dal punto di vista meccanico, ma bio-chimico, infatti l’acqua può infiltrarsi nelle micro-lesioni del guscio e portare con sé i batteri.

Ecco la ricetta delle uova alla coque:

Ingredienti per 2 persone:

  • 2 uova a temperatura ambiente,
  • q. b. di acqua.
  • q.b. sale (facoltativo)

Preparazione:

Per preparare l’uovo alla coque iniziate riempiendo un pentolino con l’acqua fredda, poi accendete la fiamma. Quando l’acqua inizia a bollire versate le uova, poggiandole con delicatezza e con un cucchiaio.

Fate cuocere le uova freschissime per 2-4 minuti. Il tempo di cottura è indicativo, in quanto dipende dalle dimensioni delle uova. Se sono piccole bastano 2 minuti, se sono medie 3 minuti, invece se sono grandi vanno bene 4 minuti. Se le lasciate cuocere troppo diventeranno uova sode!

Quando le uova sono pronte, spegnete il fuoco e prelevatele con un cucchiaio, poggiandole nel portauova. Attenzione anche a come le inserite, infatti la punta acuta dovrebbe andare verso il basso.

Ora picchiettate la sommità del guscio con un coltello e iniziate a sbucciarle. Mi raccomando, le uova alla coque vanno consumate subito, appena tirate fuori dall’acqua bollente.

Se aspettate anche solo un po’, il tuorlo si raffredderà, non sarà più semi liquido e restituirà una sensazione non molto gradevole al palato.

Una volta che le uova sono cotte, sistemate nel porta uovo, con un cucchiaio picchiettate la parte superiore del guscio e insaporitele con un pizzico di sale. Potete gustarle con il cucchiaino oppure con dei crostini di pane tostati.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Amate le uova? Provate le uova di gallina Australorp

  • Dom 18 Lug 2021 | Giuly ha detto:

    Non si finisce mai d’imparare . Grazie

    • Dom 18 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Ho scoperto tutte queste qualità di uova quasi per caso. Poi ho proseguito per la curiosità e mi si è aperto un mondo

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova di coturnice

Uova di coturnice : per chi soffre di...

Le uova di coturnice: ecco che arrivano delle uova speciali Come ho detto più volte, non esistono solo le uova di gallina! Tra le uova che abbiamo a disposizione troviamo quelle di moltissime razze...

uova di mericanel

La bontà delle uova di Mericanel della Brianza

Oggi andiamo a conoscere le uova di Mericanel della Brianza Spesso non ce ne rendiamo conto, ma non esiste soltanto una razza di gallina: soprattutto quelle prettamente ovaiole sono a dir poco...

Uova di gallina Orpington

Conosci le uova di gallina Orpington?

Avete mai provato le uova di gallina Orpington? In questo caso, non parlo di uova molto diverse da quelle che siamo abituati solitamente a portare in tavola. Tuttavia, secondo me, anche le uova di...

Uova di gallina Wyandotte

In cucina con le uova di gallina Wyandotte

Oggi parliamo delle uova di gallina Wyandotte Esistono tantissime razze di galline ovaiole e una di queste è senz’altro la Wyandotte. Si tratta di un’ottima chiocca, in grado di deporre circa...

uova di marans

Uova di Marans, la “gallina dalle uova d’oro”…

Le principali peculiarità delle uova di Marans Le uova di Marans sono le uova di una gallina ovaiola, la cui razza di origine francese prende appunto il nome “Marans”. Con un guscio di un...

uova di fagiano

Uova di fagiano: piccole ma ricche di gusto!

Non solo carne: anche le uova di fagiano si possono portare in tavola… Il fagiano appartiene alla famiglia Phasianidae, insieme alle galline, ai pavoni, ai tacchini, alle quaglie e alle pernici....


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


04-06-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti