bg header
logo_print

Ymerdrys con frutti di bosco, il dessert ricco di frutta

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Ymerdrys con frutti di bosco
Ricette per intolleranti, Ricette nordiche
Ricette vegetariane
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (2 Recensioni)

Ymerdrys, per una colazione o una merenda diversa dal solito

Lo ymerdrys è una preparazione che appartiene alla cucina scandinava. Può essere considerato come una soluzione alternativa ai classici cereali o al muesli. Infatti, lo ymerdrys viene tradizionalmente immerso nel latte, nello yogurt o in alimenti simili. È realizzato con il pane di segale, che rappresenta un po’ il simbolo delle tradizioni culinarie nordiche. Nello specifico viene ridotto in briciole grazie a un ampio passaggio in frullatore. Poi viene tostato e consumato a colazione o come dessert per la merenda. Non di rado viene associato non solo al latte e allo yogurt ma anche alla frutta.

La soluzione più adottata consiste nell’unione con i frutti di bosco, che con il loro sapore dolce e acidulo contrastano i sentori rustici e corposi del pane di segale. Consiglio a tutti voi di offrire una chance allo ymerdrys, in quanto fornisce un’alternativa esotica e salutare alla classica colazione all’italiana.

Ricetta ymerdrys

Preparazione ymerdrys

Per preparare lo ymerdrys con frutti di bosco dovrete riscaldare il forno a 180 gradi. Poi versate il pane e lo zucchero nel robot da cucina, infine frullate fino a ottenere una consistenza granulosa.

Versate il composto di pane in una teglia foderata con carta forno e cuocete per 10-15 minuti, affinché assuma una tonalità marroncina. Mi raccomando, monitorate la cottura durante gli ultimi 5 minuti in quanto vi è il rischio che si bruci.

Infine sfornate e fatelo intiepidire. Ora versatelo il composto in una ciotola come se fossero dei cereali, poi cospargete con Skyr e arricchite con i frutti di bosco. Servite e buona merenda!

Ingredienti ymerdrys

  • 200 gr. di pane di segale danese o pane consentito (vedi ricetta pane con farina di segale)
  • 2 cucchiai di zucchero di canna
  • 600 gr. di Skyr
  • 400 gr. di frutti di bosco freschi misti.

Il gusto e le proprietà del pane di segale

Il protagonista della ricetta del ymerdrys con frutti di bosco è ovviamente il pane di segale. Esso spicca per i sentori decisamente rustici ma allo stesso tempo corposi, valorizzati da una consistenza morbida e gradevole al palato. Il pane di segale, almeno nelle versioni preparate in Nord Europa, non è affatto salato e pertanto può essere impiegato anche nelle preparazioni dolci, proprio come accade in questa ricetta. Il pane di segale, tuttavia, vanta anche un ottimo spessore nutrizionale. Il riferimento è soprattutto alla quantità di fibre, che giovano all’apparato digerente e contribuiscono a risolvere i piccoli problemi di stipsi.

Il pane di segale è anche ricco di sali minerali come il potassio, il magnesio, il fosforo, il calcio, il ferro e il manganese. Spicca, inoltre, per un basso indice glicemico, così da risultare sicuro anche per i diabetici. Tuttavia, il pane di segalate contiene glutine, quindi non può essere consumato dai celiaci. In occasione di questa ricetta il pane di segale, debitamente affettato, viene frullato e ridotto a una consistenza simile a quella del terriccio. Infine viene tostato a una temperatura elevata per un quarto d’ora circa.

Un formaggio molto particolare per lo ymerdrys

Lo ymerdrys viene tradizionalmente immerso nel latte o nello yogurt. In questo caso consiglio però una soluzione alternativa, che strizza l’occhio alla più antica tradizione scandinava: lo skyr. Lo skyr è un formaggio, anche perché viene prodotto con il caglio. Tuttavia, presenta una consistenza e un sapore che ricordano lo yogurt greco. Infatti, pur essendo abbastanza acidulo, si caratterizza per i sentori neutri che risultano compatibili tanto per le preparazioni salate quanto per quelle dolci. Lo skyr vanta un ottimo profilo nutrizionale. E’ ricco di proteine, vitamina D (che fa bene al sistema immunitario), calcio (utile alle ossa) e altre sostanze benefiche. Allo stesso tempo, è anche poco calorico, non raggiungendo le 70 kcal per 100 grammi.

Ymerdrys con frutti di bosco

Lo skyr è approdato da poco in Italia, pertanto vi consiglio di andare sul sicuro e di optare per il miglior prodotto in circolazione. Sto parlando dello skyr di Exquisa, un brand che ha saputo rinnovarsi più volte nel corso del tempo, traendo ispirazione anche dalle cucine estere. Lo skyr di Exquisa strizza l’occhio alla più genuina tradizione casearia scandinava, pur essendo valorizzato da alcune innovazioni che lo rendono compatibile con i palati mediterranei. Oltre a questo vi è la consueta attenzione di Exquisa per la qualità delle materie prime e la genuinità dei processi di produzione.

Perché abbiamo usato i frutti di bosco nello ymerdrys?

Un ruolo importante nello ymerdrys ce l’hanno anche i frutti di bosco. La loro presenza è giustificata dalla capacità di interagire efficacemente con i prodotti caseari, e in particolar modo con lo yogurt. Non stupisce dunque che tale abbinamento sia ricorrente negli approcci più salutari dalla colazione e alla merenda. Il consiglio è di abbondare e utilizzare vari tipi di frutti di bosco: dalle fragole alle more, dal lampone al ribes. Ricaverete così un ymerdrys non solo squisito ma anche valido sul piano estetico, valorizzato dalle tonalità del rosso e del viola. I frutti rossi fanno anche bene alla salute. Sono ricchi di vitamina C, che fa bene al sistema immunitario e aiuta l’organismo ad assorbire il ferro. Inoltre troviamo ottime quantità di potassio, che giova alla circolazione del sangue, e antiossidanti (come la luteina e il licopene) coinvolti nella colorazione rossa.

Tra l’altro, a dispetto di quanto suggerisce immaginario collettivo, i frutti di bosco sono anche dietetici: in genere non vanno oltre le 40 kcal per 100 grammi. Alcuni frutti rossi, in particolare le fragole, contengono anche lo xilitolo, una sostanza che fa bene ai denti e che molto spesso viene integrata nei processi di produzione del dentifricio. Altri invece, come le more e i mirtilli, contengono le antocianine, dei formidabili antiossidanti responsabili delle tonalità violacee. In occasione di questa ricetta i frutti rossi vengono tagliati e immersi nel composto al pane di segale. Il consiglio è di ridurli a pezzettoni abbastanza regolari e non troppo grossi.

Ricette con i frutti rossi ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

ghriba bahla

I ghriba bahla, deliziosi biscotti alle mandorle marocchini

Il modo migliore per gustare i ghriba bahla I ghriba bahla sono biscotti alle mandorle tendenzialmente morbidi e versatili. Sono ottimi da soli, ma anche in accompagnamento al caffè, cioccolata...

Chutney di semi di melone

Chutney di semi di melone: una ricetta gustosa...

I semi di melone: una gradita sorpresa ricca di nutrienti I semi di melone sono i veri protagonisti di questa chutney, una salsa che prende ispirazione da uno dei più famosi piatti indiani per...

Insalata con arrosto di alce

Insalata con arrosto di alce, un secondo intenso...

Cosa sapere sulla carne di alce La ricetta dell'insalata con arrosto di alce ci permette di spendere qualche parola sulla carne di alce, così poco diffusa dalle nostre parti eppure così buona. Il...