Poco usate, ma molto speciali: le uova di tacchino!

uova di tacchino
Commenti: 6 - Stampa

Le deliziose uova di tacchino… è tempo di provarle!.Abbiamo a disposizione tante tipologie di uova e ognuna di esse ci offre tanto gusto e una soddisfazione unica. Anche le uova di tacchino sono ottime e, naturalmente, sono commestibili. Con il loro guscio color crema e con le macchioline che spesso le caratterizzano, queste uova ci conquistano per tutte le loro proprietà organolettiche e nutrizionali! Tuttavia, non tutti le conoscono e, proprio per questo, oggi ho deciso di parlarne…

Sono un po’ più grandi rispetto a quelle di gallina e pertanto propongono una quantità di grassi più elevata. Ad ogni modo, moderando il consumo delle uova di tacchino, proprio come nel caso di quelle deposte da altri volatili (e non solo), è possibile trarne tutto il meglio, ovvero tutti gli altri macro e micronutrienti essenziali per l’organismo, senza preoccuparsi troppo.

Cosa dovreste sapere su questo speciale alimento?

Dico “speciale” perché, per l’appunto, non lo assaporiamo così spesso. Proprio per questo, è utile conoscerlo a fondo. In primo luogo, dovreste sapere che le uova di tacchino possono arrivare a pesare oltre 100 grammi, mentre quelle di gallina solitamente non superano i 70 grammi. L’albume è decisamente meno voluminoso, ma questo non le rende di certo meno proteiche e meno ricche di aminoacidi essenziali. Anzi… tutto il contrario!

uova di tacchino

Perciò, abbiamo a che fare con un alimento molto sostanzioso, nutriente, saziante ed energetico. Purtroppo, però, le uova di tacchino sono “antieconomiche” per gli allevatori: questi esemplari producono circa un terzo delle uova deposte annualmente dalle galline, motivo per cui ci ritroviamo a portare in tavola più spesso la carne di tacchino e non le uova. Tuttavia, quando potete, non esitate a cucinarle: oltre a essere ricche di proteine e aminoacidi, propongono inoltre una buona dose di vitamine e minerali di qualità.

Uova di tacchino: ecco altre informazioni da non sottovalutare

Parlando di numeri, dovreste considerare che 100 grammi di queste uova assicurano circa 171 kcal, 12 grammi di grassi, 1,15 grammi di carboidrati e 14 grammi di proteine. Per quanto riguarda il sapore, molti affermano che le uova di tacchino non si distinguono da quelle di gallina. Tuttavia, chi ha il palato più “sviluppato” le trova decisamente più deliziose. Questo è dovuto in particolare al tuorlo più ampio e sostanzioso.

Per trovarle, vi consiglio di informarvi presso gli allevatori locali, prediligendo gli allevamenti controllati e in cui, per gli animali, si predilige un’alimentazione biologica e di qualità. Una volta trovate le migliori uova di tacchino, potrete usarle per numerose preparazioni e al posto delle uova di gallina. Non ve ne pentirete e il vostro organismo vi ringrierà

Come usare le uova di tacchino?   Croque monsieur e crocque madame

Croque monsieur e crocque madame è un nome molto strano per una ricetta. L’espressione è ovviamente francese e significa spuntino. Già questo tradisce la ragion d’essere di questa pietanza, che è per l’appunto un pasto veloce, ma buono e nutriente. Dall’esterno potrebbe ricordare un toast, ma in realtà è qualcosa di ben diverso, molto più raffinato. D’altronde è sufficiente leggere la lista di ingredienti per capirlo. Non è un toast anche perché è vero che si utilizza il pancarrè, ma la cottura avviene al forno. Il motivo è semplice, lo si fa per formare una crosticina di parmigiano in superficie, che è appunto realizzata solo tramite un passaggio al forno.

Un’altra particolarità di questa ricetta consiste nelle due varianti possibili. O, per meglio dire, suggerisce due varianti, una “monsieur” e una “madame”. L’unica differenza, che però impatta in maniera significativa sul risultato finale, è l’uovo; la seconda variante, infatti, si caratterizza per un bell’uovo fritto adagiato sulla sua superficie. Croque monsieur e croque madame, per quanto composita, è una ricetta piuttosto semplice. Tutto sta nello scegliere gli ingredienti giusti e disporli nella maniera corretta.

croque monsieur

Il segreto dei croque monsieur e croque madame

Il vero segreto di croque monsieur e croque madame, però, non è la cottura al forno (certo strana per quello che, da fuori, sembra un tost), e nemmeno nella crosticina di parmigiano (che comunque rappresenta il tocco finale) bensì nell’emmental bavarese a fette di Bayernland. Rappresenta la “quota formaggio” di questo speciale toast, e lo fa al meglio. L’emmental bavarese a fette di Bayernland è uno dei migliori formaggi “da panino” in circolazione. In primis perché è semplicemente buono e in grado di valorizzare qualsiasi tipo di preparazione. Secondariamente perché è molto comodo, già tagliato a fette sottili e pronto per essere sciolto nel panino o nella piadina.

L’emmental bavarese a fette è la dimostrazione ulteriore della capacità di Bayernland di trarre il meglio dal territorio, di utilizzare le migliori materie prime e ricavarne prodotti di grande qualità. Tra l’altro questo emmental, così come tutti i formaggi della sua linea, sono realizzati con procedimenti il più possibile tradizionali, che premiano il biologico e mettono al bando prodotti chimici e qualsiasi tipo di elaborazione industriale (edulcoranti ecc..).

croque madame

Il prosciutto cotto tra pregiudizi e proprietà nutrizionali

L’immaginario collettivo suggerisce che “tutto ciò che è buono ingrassa”. In realtà è un pregiudizio, in quanto le eccezioni sono quasi più della regola; sicuramente il prosciutto cotto fa parte di queste eccezioni. Certo, non è l’alimento più salutare che possiate mai mangiare, ma in ogni caso non fa male se consumato nelle giuste dosi, proprio come abbiamo fatto nei nostri croque monsieur e croque madame. Il prosciutto cotto è uno dei salumi più nobili con un quantitativo di grassi sostenuto, ma inferiore alla media. E’ anche una ottima fonte di proteine, che rappresentano ben il 20%, più o meno come qualsiasi altra carne rossa. Inoltre, spicca per la quantità e la qualità di sali minerali, e in particolare di potassio e fosforo. Per quanto riguarda l’apporto vitaminico, contiene alcune vitamine del gruppo B.

Purtroppo, come la stragrande maggioranza dei salumi, contiene molto sodio, dunque è bene non abusarne soprattutto se si è ipertesi. Le dosi consigliate sono circa 60-100 grammi alla settimana. E’ ovviamente anche grasso, dunque l’abuso è altamente sconsigliato soprattutto a chi sta seguendo una dieta dimagrante. Infine, occhio anche alla presenza di glutine, sostanza niente affatto rara nel prosciutto cotto. Gli intolleranti al glutine e i celiaci devono ovviamente preferire le varianti gluten-free, che sono ampiamente disponibili sul mercato. Per chi lo desidera, sono disponibili anche le varianti light private del grasso in eccesso.

Ecco la ricetta dei croque monsieur e croque madame:

Ingredienti per 4 persone:

  • 16 fette di pancarrè consentite,
  • 160 gr di prosciutto cotto,
  • 200 gr di Emmental bavarese a fette Bayernland,
  • 50 gr. di parmigiano reggiano 24 mesi,
  • 200 gr. di besciamella,
  • 1 noce di burro chiarificato,
  • q. b. di uova di tacchino (circa 4/6)

Preparazione

Per la preparazione dei croque monsieur e croque madame iniziate prendendo la prima fetta di pancarrè e spalmateci sopra la besciamella. Adagiateci una fetta di prosciutto fino a coprire tutta la superficie, e fate lo stesso con l’emmental. Infine coprite con un’altra fetta di pancarrè, cospargete quest’altra superficie con la besciamella e date una sventagliata di parmigiano reggiano. Dividete a metà per ricavare due triangoli. Ripetete il procedimento fino a terminare tutti gli ingredienti. Ora adagiate i triangolini su una teglia coperta con della carta da forno e “cuocete” in forno (preriscaldato) per 5 minuti a 220 gradi. Questa è il croque monseur.

Per la variante croque madame non dovete fare altro che aggiungere le uova. Semplicemente sciogliete una noce di burro in una padella antiaderente, poi rompete le uova e versatele dentro senza sbatterle. Fate cuocere per mezzo minuto, integrate con un po’ d’acqua, aggiustate di sale (poco), chiudete il coperchio e fate andare per 4-5 minuti. A fine cottura, adagiate le uova sui triangoli di pancarrè realizzati nella prima fase. Servite e buon appetito!

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

6 commenti su “Poco usate, ma molto speciali: le uova di tacchino!

  • Dom 18 Lug 2021 | Melissa ha detto:

    Concirdo con te. Non sempre si trovano ma sono buonissime. Qui abbiamo tante aziende agricole e mi sento fortunata

    • Dom 18 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Melissa puoi dirci giuro! Non sono per niente facili da reperire

  • Dom 18 Lug 2021 | Michele ha detto:

    Apprezzo e assaggio tutti i tipi di uova: anatra, faraona, oca, coturnice, starna e non possono certo mancare le uova di tacchino

  • Mer 21 Lug 2021 | Bruno ha detto:

    Sono andato appositamente da un mio amico che ha un’azienda agricola con i tacchini per provare queste uova. Devo dire che mi hanno soddisfatto. Ci siamo fatti la carbonara e il risultato è stato perfetto. Grazie

    • Mer 21 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Bruno io adoro la carbonara! Chiedi al tuo amico se ha anche le uova di oca. Sono altrettante ottime. Sul sito trovi la carbonara con le uova d’oca. fai attenzione perchè un uovo di oca fa per due di gallina.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova di coturnice

Uova di coturnice : per chi soffre di...

Le uova di coturnice: ecco che arrivano delle uova speciali Come ho detto più volte, non esistono solo le uova di gallina! Tra le uova che abbiamo a disposizione troviamo quelle di moltissime razze...

uova di mericanel

La bontà delle uova di Mericanel della Brianza

Oggi andiamo a conoscere le uova di Mericanel della Brianza Spesso non ce ne rendiamo conto, ma non esiste soltanto una razza di gallina: soprattutto quelle prettamente ovaiole sono a dir poco...

Uova di gallina Orpington

Conosci le uova di gallina Orpington?

Avete mai provato le uova di gallina Orpington? In questo caso, non parlo di uova molto diverse da quelle che siamo abituati solitamente a portare in tavola. Tuttavia, secondo me, anche le uova di...

Uova di gallina Wyandotte

In cucina con le uova di gallina Wyandotte

Oggi parliamo delle uova di gallina Wyandotte Esistono tantissime razze di galline ovaiole e una di queste è senz’altro la Wyandotte. Si tratta di un’ottima chiocca, in grado di deporre circa...

Uova alla coque

Amate le uova? Provate le uova di gallina...

Non solo uova “comuni” Amate le uova? Allora provate le uova di gallina Australorp! Tante razze avicole, tante uova diverse. Con questo presupposto, vi chiedo: perché non provarle tutte… o...

uova di marans

Uova di Marans, la “gallina dalle uova d’oro”…

Le principali peculiarità delle uova di Marans Le uova di Marans sono le uova di una gallina ovaiola, la cui razza di origine francese prende appunto il nome “Marans”. Con un guscio di un...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


25-02-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti