Uova di Marans, la “gallina dalle uova d’oro”…

uova di marans
Commenti: 2 - Stampa

Le principali peculiarità delle uova di Marans

Le uova di Marans sono le uova di una gallina ovaiola, la cui razza di origine francese prende appunto il nome “Marans”. Con un guscio di un colore simile a quello del cioccolato, questa esemplare si è aggiudicata il soprannome di “gallina dalle uova d’oro”. Depone circa 160-180 uova all’anno, molto grandi e tondeggianti, che pesano dai 75 ai 100 grammi.

Per capire perché la Marans piace molto agli allevatori, basta prendere in considerazione le uova di una gallina livornese: sono molto più piccole e pesano circa 55 grammi. Da un punto di vista culinario e nutrizionale, le uova di Marans non sono di certo da sottovalutare. Infatti, sono buone, nutrienti e si prestano alla preparazione di numerose ricette. Perciò, andiamo a scoprire quali sono i dettagli da conoscere assolutamente e che potranno permettervi di prediligere il consumo di queste uova rispetto a molte altre…

uova di marans

Le uova “d’oro”: ecco le loro caratteristiche

Come dicevo prima, le uova di Marans hanno un guscio particolare, di un colore marrone rossastro, molto simile al cioccolato. È curioso sapere che la colorazione del guscio viene creata dalla speciale secrezione di un pigmento rosso, che avviene all’interno dell’ovidotto e riveste l’uovo. Oltre a questo, dobbiamo considerare un’altra differenza sostanziale rispetto alle altre uova: il rivestimento esterno è di uno spessore decisamente maggiore e persino le membrane interne sono più resistenti e spesse.

Queste particolarità si trasformano in aspetti altamente positivi, quali una maggiore durabilità e conservabilità dell’uovo, minori rischi di rottura del guscio e di contaminazione da parte dei batteri (per tuorlo e albume). Quest’ultima qualità è molto preziosa: le uova di Marans sono infatti le più sicure per il consumo a crudo. Pertanto, sono davvero speciali e ci permettono di portare in tavola un gran gusto e, naturalmente, anche un notevole valore nutrizionale.

Le proprietà nutrizionali delle uova di Marans

Per quanto riguarda il nutrimento, abbiamo a disposizione un alimento altamente energetico e saziante, proteico e sostanzioso. Proprio come le altre tipologie di uova, le proteine proposte vantano un valore biologico molto più elevato rispetto a quelle della carne, e questo è sicuramente un altro punto a favore delle uova di Marans. Proprio come le uova di altre specie, garantiscono inoltre elevati livelli di minerali importanti per ossa, denti, circolazione sanguigna e sistema nervoso.

D’altra parte, offrono persino un importante apporto vitaminico, che si concretizza perlopiù in vitamine del gruppo B e vitamina D. Le uova di Marans sono altrettanto ricche di grassi e colesterolo, sia buono che cattivo. Perciò, vanno consumate con moderazione, ma non vanno di certo eliminate dalla propria alimentazione: i lipidi ci servono e queste uova contengono tanti aminoacidi essenziali e numerosi nutrienti di cui certamente non possiamo fare a meno!

Pancake con fiocchi di latte, una colazione diversa

Il pancake con fiocchi di latte e farina di mandorle è un’idea sfiziosa per una colazione gustosa e nutriente. La ricetta è ispirata al classico pancake americano, sebbene preveda alcune variazioni che incidono sul sapore e sulle proprietà nutrizionali. Spiccano, in particolare, le farine utilizzate per l’impasto. Esse sono ricavate dalle mandorle e dal riso, due ingredienti che possono sostituire il frumento e altri cereali. Tra l’altro sono senza glutine, dunque sono compatibili con le esigenze dei celiaci e di chi soffre di intolleranze alimentari.

Ma questo non è il loro unico pregio. La farina di riso, in particolare, si caratterizza per un gusto delicato e per un apporto nutrizionale equilibrato, che si fonda su una certa abbondanza di amido, vitamine e sali minerali. I grassi sono praticamente assenti. Gli unici due difetti della farina di riso riguardano il contenuto di proteine, in genere più scarso rispetto a quello delle altre farine, e una capacità di panificazione non eccelsa. Per questo motivo viene spesso accompagnata da altre farine. Non si segnalano invece differenze di sorta per quanto concerne l’apporto calorico.

Un approfondimento sulle uova

Non esiste pancake senza uova e, ovviamente, il pancake con fiocchi di latte e farina di mandorle non fa eccezione. Le uova sono al centro di alcuni pregiudizi, che le vedrebbero addirittura come alimenti pericolosi. Il riferimento, o per meglio dire l’origine di questo scetticismo, risiede nell’apporto di colesterolo. Questa sostanza, concentrata principalmente nel tuorlo, in effetti è presente in quantità elevate. Tuttavia, per ovviare al problema basta non esagerare con il consumo di uova. Di certo è bene non privarsene, dal momento che stiamo parlando comunque di un alimento prezioso sotto il profilo nutrizionale. Si segnalano, infatti, buone quantità di vitamine e sali minerali. Le uova contengono la vitamina E e la vitamina D, quest’ultima piuttosto rara in natura, ma impatta in maniera positiva sul sistema immunitario.

Buone sono anche le dosi di zinco, che intensifica le difese immunitarie. Per quanto concerne l’apporto calorico, nonostante la presenza del colesterolo, le uova non destano grandi preoccupazioni. Un uovo medio, infatti, apporta in media 70 kcal. Le uova contengono anche le lecitine, delle sostanze preziose che contribuiscono alla salute del sistema cardiovascolare. Infatti conferiscono maggiore elasticità alle arterie, rendendo meno probabili patologie acute e potenzialmente mortali come infarti, ictus ed emorragie.

pancake con fiocchi di latte e farina di mandorle

Un latticino davvero squisito

Una delle novità di questo pancake con fiocchi di latte e farina di mandorle risiede proprio nella presenza dei fiocchi di latte. Anche perché non sono fiocchi qualsiasi, bensì i fiocchi di latte Fitline di Exquisa. Stiamo parlando di un latticino che valorizza appieno le potenzialità del latte, molto buono e soprattutto leggero: apporta solo 85 kcal per 100 grammi. I grassi sono quasi assenti, mentre le proteine abbondano (incidendo addirittura per il 13% sull’intera struttura). I fiocchi di latte Fitline di Exquisa sono realizzati con ingredienti genuini, ovvero con latte, crema di latte, yogurt, caglio, sodio e fermenti lattici.

Questo prodotto, come tutti quelli di Exquisa, dimostra la capacità del brand di offrire solo preparazioni genuine, realizzate con spirito artigianale e visione imprenditoriale (vista la capacità di intercettare le esigenze dei clienti). I fiocchi di latte Fitline di Exquisa non sono lactose-free, tuttavia è possibile trovare prodotti senza lattosio nella vasta offerta proposta da Exquisa. La stessa Exquisa propone versioni completamente delattosate, che hanno un sapore identico ai prodotti con lattosio. Il sapore è lo stesso anche perché il processo di rimozione del lattosio è poco invasivo: si tratta di integrare l’enzima lattasi nel latte, in modo da trasformare il lattosio in glucosio e galattosio. Ovviamente, in questi casi, non cambia nemmeno l’apporto calorico.

I pregi nutrizionali della farina di mandorle

La farina di mandorle è uno degli ingredienti principali di questo pancake con fiocchi di latte. Come ho già spiegato, contribuisce all’impasto insieme alla farina di riso. Entrambe vengono aggiunte in una fase avanzata dell’impasto, ovvero quando l’uovo è già stato mescolato ai fiocchi di latte. La farina di mandorle conferisce gusto, corpo e valori nutrizionali alla ricetta, ponendosi come una delle migliori farine alternative in circolazione. D’altronde, commuta buona parte delle proprietà del frutto da cui deriva. La farina di mandorle, proprio come la farina vera e propria, è ricca di vitamina E, un antiossidante che riduce lo stress ossidativo, contrasta i radicali liberi e aiuta a prevenire il cancro.

La farina di mandorle, poi, contiene il fosforo, un oligoelemento fondamentale per la salute e le performance del sistema nervoso. Contiene anche tanti altri sali minerali, come il magnesio, il ferro e il calcio. La presenza di quest’ultima sostanza non è affatto scontata negli alimenti di origine vegetale, dal momento che si trova soprattutto nel latte e nei suoi derivati. La farina di mandorle contiene alcuni grassi classificati come buoni, ossia quelli della serie omega tre. Essi impattano positivamente sul sistema cardiovascolare, sulla salute degli organi visivi e sulle prestazioni cognitive. L’apporto calorico, comunque, è sostanzialmente identico a quello delle altre farine.

Ecco la ricetta dei pancake con fiocchi di latte e farina di mandorle:

Ingredienti:

  • 75 gr. di farina di mandorle,
  • 75 gr. di farina di riso,
  • 100 gr. di fiocchi di latte Exquisa Fitline,
  • 100 ml. di latte,
  • 2 uova di marans,
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci,
  • 1 pizzico di sale.
  • q. b. di miele, sciroppo d’acero e marmellata per condire (facoltativo),
  • q. b. di ribes.

Preparazione:

Per la preparazione dei pancake con fiocchi di latte iniziate rompendo le uova e versandole in una ciotola. Conditele con un po’ di sale e sbattetele con una frusta elettrica. Poi unite metà dei fiocchi di latte e mescolate con cura. Unite anche le farine, il latte e mescolate il tutto affinché non si formino grumi. Infine, integrate un cucchiaino di lievito e l’altra metà dei fiocchi di latte rimasti. Mescolate ancora il tutto con le fruste.

Intanto scaldate una padella antiaderente, versate un mestolino di impasto e fate cuocere a fiamma media, fino a quando non vedrete emergere delle piccole bolle. A questo punto girate il pancake e cuocete per altri 30 secondi. Servite il pancake all’americana con lo sciroppo d’acero o, in alternativa, con del miele o della marmellata. Potete anche mettere sopra qualche chicco di ribes per completare la decorazione.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Uova di Marans, la “gallina dalle uova d’oro”…

  • Dom 18 Lug 2021 | Mina ha detto:

    Ciao, non conosco queste uova. Dove posso trovarle? Grazie

    • Dom 18 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Mina non le vendono al supermercato. Le trovi da aziende agricole o contadini.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova di coturnice

Uova di coturnice : per chi soffre di...

Le uova di coturnice: ecco che arrivano delle uova speciali Come ho detto più volte, non esistono solo le uova di gallina! Tra le uova che abbiamo a disposizione troviamo quelle di moltissime razze...

uova di mericanel

La bontà delle uova di Mericanel della Brianza

Oggi andiamo a conoscere le uova di Mericanel della Brianza Spesso non ce ne rendiamo conto, ma non esiste soltanto una razza di gallina: soprattutto quelle prettamente ovaiole sono a dir poco...

Uova di gallina Orpington

Conosci le uova di gallina Orpington?

Avete mai provato le uova di gallina Orpington? In questo caso, non parlo di uova molto diverse da quelle che siamo abituati solitamente a portare in tavola. Tuttavia, secondo me, anche le uova di...

Uova di gallina Wyandotte

In cucina con le uova di gallina Wyandotte

Oggi parliamo delle uova di gallina Wyandotte Esistono tantissime razze di galline ovaiole e una di queste è senz’altro la Wyandotte. Si tratta di un’ottima chiocca, in grado di deporre circa...

Uova alla coque

Amate le uova? Provate le uova di gallina...

Non solo uova “comuni” Amate le uova? Allora provate le uova di gallina Australorp! Tante razze avicole, tante uova diverse. Con questo presupposto, vi chiedo: perché non provarle tutte… o...

uova di fagiano

Uova di fagiano: piccole ma ricche di gusto!

Non solo carne: anche le uova di fagiano si possono portare in tavola… Il fagiano appartiene alla famiglia Phasianidae, insieme alle galline, ai pavoni, ai tacchini, alle quaglie e alle pernici....


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


04-06-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti