Cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche, un’idea sfiziosa

Cetrioli sotto aceto
Commenti: 4 - Stampa

Cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche, un contorno sfizioso

I cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche sono una splendida idea per un contorno rapido, saporito e leggero. La ricetta è molto semplice, infatti prevede solo una fase di macerazione con sale e zucchero. Dopodiché si integrano i cetrioli con gli aromi, l’aceto e il vino, e si mette il tutto in dei barattoli sterilizzati. I protagonisti della ricetta sono i cetrioli, degli ortaggi che fanno parte dell’alimentazione quotidiana, ma erroneamente poco apprezzati a livello nutrizionale. I cetrioli, infatti, sono eccellenti proprio da questo punto di vista. Sono in primis leggeri e praticamente privi di grassi, infatti apportano solo 12 kcal (un record anche per gli alimenti vegetali). Abbondano di vitamine e sali minerali, il riferimento è in particolar modo alla vitamina C, che esercita una funzione antiossidante e impatta positivamente sulle performance del sistema immunitario.

Il riferimento è anche alle elevate concentrazioni di potassio, calcio e persino silicio. I cetrioli sono gli ortaggi perfetti per chi sta seguendo una dieta dimagrante, infatti contengono l’acido tartarico, che di fatto impedisce ai carboidrati di trasformarsi in grassi. Contengono anche alcuni enzimi che migliorano l’assorbimento delle proteine. Infine, sono ricchi di fibre, che giovano all’apparato digerente e contribuiscono a risolvere i più lievi problemi di stipsi.

Le spezie usate per i cetrioli sotto aceto

I cetrioli sotto aceto sono caratterizzati tra le altre cose da un’abbondante presenza di spezie o erbe aromatiche. Il riferimento è in particolar modo alla maggiorana e al rosmarino. La maggiorana è una pianta aromatica usata da sempre nelle cucina italiana. Inoltre viene apprezzata anche in erboristica e nella medicina naturale, in virtù di alcune proprietà pseudo-terapeutiche. La maggiorana aiuta a risolvere i problemi gastrointestinali, regolarizza il ciclo mestruale ed esercita un’azione antinfiammatoria. Secondo recenti studi, allevia persino i sintomi della sindrome dell’ovaio policistico, una patologia piuttosto frequente tra le donne. La maggiorana è anche ricca di sostanze antiossidanti, che contrastano i radicali liberi, riducono lo stress ossidativo e supportano i meccanismi di riproduzione cellulare.

Cetrioli sotto aceto

Dal punto di vista organolettico, la maggiorana assomiglia al prezzemolo, ma rispetto a quest’ultimo propone dei sapori un po’ più delicati. Ottimo è anche l’apporto di fibre, ma non quello calorico, pari a 273 kcal ogni 100 grammi. Tuttavia il problema non si pone in quanto si utilizzano dosi di maggioranza così scarse da rendere inutile qualsiasi discorso sulle calorie. Il rosmarino non necessita di grandi presentazioni, infatti è una delle erbe aromatiche più utilizzata in cucina, soprattutto al sud Italia. Come la maggiorana è ricca di antiossidanti, inoltre si contano discrete dosi di flavonoidi, tannini e acidi fenolici. Di base il rosmarino sostiene la funzione del fegato ed è efficace nel curare determinati disturbi gastrointestinali. Infine esercita un’azione antibatterica, antisettica e stimolante, inoltre ha importanti proprietà astringenti, utili in caso di digestione.

Il ruolo salutare del ginepro

Tra gli aromi nei cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche spiccano anche le bacche di ginepro. Questo tipo di bacche giocano un ruolo importante nei piatti più tradizionali della cucina italiana, giustificato dalla portata aromatica e dalla loro reperibilità. Il ginepro, dal punto di vista nutrizionale, si difende molto bene grazie alla presenza di sostanze che ne determinano una resa “terapeutica”. Infatti è considerato un efficace antisettico naturale, dunque non stupisce che venga impiegato soprattutto per le conserve, per i sottoli e per i sott’aceti (come in questo caso). Radicata e giustificata dai fatti, è anche la convinzione secondo cui il ginepro contribuisca a ridurre gli effetti dei reumatismi.

Inoltre buono è l’apporto di antiossidanti, come testimoniato dalla presenza significativa di pectine. Le bacche di ginepro contengono anche la gineprina, una sostanza che esercita un discreto impatto sull’apparato digerente, ed è responsabile del caratteristico sapore agrodolce. Un altro pregio delle bacche di ginepro riguarda il basso apporto calorico, che si attesta sulle 10 kcal per 100 grammi.

Le peculiarità del pepe rosa

Tra gli ingredienti più particolari di questi cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche spicca il pepe rosa. In realtà non è un vero pepe, anche se ha un sapore abbastanza pungente e aromatizzato da ricordare quello del pepe vero. Di base, però, è una bacca di un albero sempreverde noto con il nome di “shinus molle”, originario dell’America latina. Il pepe rosa sostiene la digestione in quanto è uno stomachico, un tonico e uno stimolante. Esercita, inoltre, una formidabile funzione antisettica, che gli permette di essere utilizzato come aroma da conserva. Dai precolombiani era addirittura usato come disinfettante, soprattutto in caso di tagli.

Il pepe rosa è un discreto diuretico, a differenza del pepe standard, in quanto è ricco di acqua. Secondo alcuni esperti di medicina naturale, sarebbe efficace contro i mal di denti, soprattutto se di origine infettiva. L’apporto calorico, inoltre, è quasi nullo: tre bacche di pepe rosa non superano una kcal.

Ecco la ricetta dei cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche:

Ingredienti:

  • 800 gr. di cetrioli,
  • 2 bicchieri di aceto bianco,
  • 1 bicchiere di vino bianco secco,
  • 2 spicchi d’aglio,
  • 10 gr. di zucchero semolato,
  • 2 rametti di rosmarino,
  • 2 rametti di maggiorana,
  • 10 bacche di ginepro,
  • q. b. di pepe rosa,
  • q. b. di sale grosso.

Preparazione:

Per la preparazione dei cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche iniziate spuntando i cetrioli, poi lavateli con cura sotto l’acqua e fateli a fette. Distribuite i cetrioli in una ciotola, conditeli con il sale grosso e lo zucchero. Mescolate per bene e avvolgete la ciotola con della pellicola alimentare, infine lasciate riposare in frigorifero per 24 ore. Trascorso questo lasso di tempo, integrate il contenuto della ciotola con un bicchiere di vino bianco e due bicchieri di aceto.

Condite con il rosmarino e la maggiorana ben puliti. Poi aggiungete l’aglio sbucciato (fatto a fette sottili), un cucchiaio di pepe rosa e le bacche di ginepro. Scolate i cetriolini e distribuiteli nei vasetti completamente igienizzati. Versate nei vasetti il liquido della ciotola, aromi compresi, riempiendoli quasi fino all’orlo. Chiudete per bene e conservate i cetrioli sotto aceto in frigorifero per 15 giorni.

3/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

4 commenti su “Cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche, un’idea sfiziosa

  • Sab 17 Lug 2021 | Milvia ha detto:

    Ciao, non ci avevo mai pensato a farli in casa. Sicuramente genuini e sani. Grazie per la ricetta

    • Sab 17 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Milvia è un vero piacere rileggerla. L’idea mi è stata data da un’amica molto brava in cucina. Ho provato e devo dire che sono rimasta molto soddisfatta del risultato.

  • Gio 22 Lug 2021 | Gianni ha detto:

    Mi ispirano proprio e devo provarli. Grazie

    • Ven 23 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Gianni te li consiglio. Sono buoni e li potrai portare in tavola anche quest’inverno. Io adoro le conserve.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Gelatina di ribes

Gelatina di ribes, un alleato in cucina

Gelatina di ribes, usi e applicazioni La gelatina di ribes rosso può essere preparata tranquillamente in casa, dal momento che richiede giusto un paio di ingredienti e non pone in essere...

Uva spina sotto spirito

Uva spina sotto spirito, una preparazione versatile

Uva spina sotto spirito, una preparazione dai tanti usi L’uva spina sotto spirito è la classica ricetta della nonna, ossia una conserva fatta in casa che fa riferimento alla migliore tradizione...

Confettura di uva spina

Confettura di uva spina, una confettura buona e...

Confettura di uva spina, una confettura fuori dal comune La confettura di uva spina è una confettura fuori dal comune. Il motivo risiede nelle peculiarità dell’ingrediente principale, ossia...

aglio marinato

Aglio marinato, una conserva buona e digeribile

Aglio marinato, un’idea utile L’aglio marinato è una splendida idea per una conserva diversa dal solito. Quando si parla di conserva si fa spesso riferimento ai pomodori, melanzane e ortaggi...

Limoni confit

Limoni confit, come valorizzare un celebre agrume

Limoni confit, un’idea della cucina marocchina I limoni confit, o limoni sotto sale, rappresentano un unicum in questa categoria. Con il termine confit si intende in realtà un metodo di cottura...

Marmellata di arance e fiori di sambuco

Marmellata di arance e fiori di sambuco, una...

Marmellata di arance e fiori di sambuco, un abbinamento straordinario La marmellata di arance e fiori di sambuco è una marmellata diversa dal solito. Ciò dipende dalla presenza di un ingrediente...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


17-07-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti