bg header
logo_print

Marmellata senza zucchero con mano di Buddha, un tocco dolce

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Marmellata senza zucchero con mano di Buddha
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Ingredienti per la marmellata senza zucchero

La marmellata senza zucchero con mano di Buddha è una eccellente alternativa alle classiche marmellate. In primo luogo perché – come suggerisce il nome – non prevede l’aggiunta di zucchero. In secondo luogo perché viene realizzata con ingredienti particolari, che raramente si trovano insieme in una ricetta, come la mano di Buddha e la mela.

La mano di Buddha è un agrume speciale, che prende il nome dalla sua peculiare forma, che ricorda una mano con tanto di dita. Il sapore ricorda il cedro più che il limone, dunque è compatibile con il consumo a crudo. La buccia è in genere poco spessa, sicché può essere conservata, specie se la ricetta prevede un lunga fase di cottura (come in questo caso). Per quanto concerne la mela vi consiglio una varietà dolce, come può essere le mele Golden e le Fuji.

Ricetta marmellata senza zucchero

Preparazione marmellata senza zucchero

Per preparare la marmellata senza zucchero con mano di Buddha procedete così.

  • Lavate la mano di Buddha e fatela a pezzetti. Mi raccomando, non sbucciatela.
  • Lavate e sbucciate la mela, poi prelevate il torsolo e tagliate la polpa a pezzetti.
  • Trasferite la frutta nella pentola, integrate il succo di mela, un pizzico di sale e iniziate a cuocere.
  • Dopo un’ora versate la marmellata ancora caldissima nei barattoli sterilizzati. In questa fase la marmellata apparirà liquida, ma assumerà una consistenza più densa una volta raffreddata.
  • Lascoate riposare i barattoli a testa in giù, in modo da creare le condizioni per il sottovuoto. In alternativa fate bollire i barattoli a bagnomaria.

Ingredienti marmellata senza zucchero

  • 1 mano di Buddha
  • 3 mele piccole
  • 250 ml. di succo di mela
  • un pizzico di sale.

Come preparare la marmellata senza zucchero

La procedura per la marmellata senza zucchero con mano di Buddha non differisce tanto da quella delle altre marmellate. Manca lo zucchero, ma per il resto non bisogna fare altro che tagliare la frutta a pezzettini e cuocerla con un po’ di succo di frutta, in questo caso di mela.

La cottura dovrebbe durare almeno un’ora, in modo che la polpa si sfaldi prima e si amalgami in seguito. In ogni caso, anche in virtù dell’assenza dello zucchero, la grana rimane piacevolmente irregolare con i pezzettoni in bella vista.

Ad ogni modo, il tempo di cottura potrebbe variare in base alle caratteristiche dei frutti. Vi consiglio dunque di procedere con la prova del piattino. Quando pensate che la marmellata abbia acquisito la consistenza più adatta, versatene un cucchiaino su un piattino e poi inclinatelo: se la marmellata scorre verso il basso lentamente, allora potete spegnere il fuoco.

Quale frutta usare per questa marmellata?

La marmellata senza zucchero può essere realizzata anche con altri frutti. In merito avete ampio margine di discrezione, ma dovrete comunque attenervi a certe regole. Tanto per cominciare la frutta deve essere almeno in parte zuccherina. In questo caso ho optato per la mano di Buddha, che è tra gli agrumi più dolci, ma voi potete optare anche per per le arance Navel, che spiccano proprio per la loro delicatezza.

Tra i frutti zuccherini che possono essere chiamati in causa per una marmellata senza zuccheri aggiunti spiccano le pere, e in particolare le varietà Decana, Abate e Angys. Un altro consiglio è di optare per frutti molto maturi, infatti il grado di dolcezza è direttamente proporzionale alla maturazione. Ovviamente non devono essere frutti troppo maturi, pena un sapore troppo sbilanciato se non addirittura sgradevole.

Suggerimenti per la conservazione della marmellata senza zucchero

Preparare la marmellata senza zucchero, o zuccherata, è molto semplice. Il difficile sta nel conservarla correttamente. Le prassi da seguire sono due: la sterilizzazione dei barattoli (e dei tappi) e la creazione del sottovuoto. La sterilizzazione sanifica i contenitori e in generale gli oggetti con cui entra in contatto la marmellata; il sottovuoto, invece, azzera qualsiasi rischio di proliferazione batterica.

Come sterilizzare? I metodi sono tanti, ma vi consiglio di adottare quello più semplice, per quanto abbastanza lungo: la bollitura. Semplicemente i barattoli e i tappi vanno immersi in acqua bollente e “cotti” per una mezz’oretta. All’occorrenza potete procedere con il metodo a bagnomaria.

Per quanto concerne la creazione del sottovuoto basta capovolgere i barattoli ancora caldi e attendere un po’. Il sottovuoto si è formato quando, premendo al centro del tappo, si avverte una specie di “clic”. Un effetto simile è determinato dalla pastorizzazione vera e propria, che consiste nella bollitura dei vasetti ormai pieni di marmellata.

Se si seguono questi accorgimenti la marmellata può durare parecchi mesi, sempre se viene conservata in un luogo fresco e lontano dalla luce solare.

Come utilizzare la marmellata senza zucchero?

Ecco alcune idee attive per l’utilizzo della marmellata senza zucchero, che si estendono oltre l’uso tradizionale:

  • Spalmata sul pane integrale o sui biscotti integrali : Continua ad essere una scelta sana e deliziosa per la colazione o uno spuntino. Puoi abbinarla a una piccola quantità di burro di mandorle o di arachidi per un extra di sapore e proteine.
  • Ingredienti per semifreddi : Usa la marmellata senza zucchero come strato di frutta nei semifreddi o nelle ciotole di yogurt. Alterna strati di yogurt greco o yogurt vegano con marmellata e frutta fresca o frutta secca per creare un dessert sano.
  • Farcitura per dolci e torte : La marmellata senza zucchero è un ottimo ripieno per torte, crostate o muffin. Puoi anche usarla per farcire biscotti o pasticcini.
  • Condimento per piatti salati : Come menzionato, alcune marmellate senza zucchero, soprattutto quelle agli agrumi o con frutta meno dolce, possono essere utilizzate come condimento agrodolce per piatti salati. Provala come accompagnamento per carne, pollame o pesce arrosto o grigliato. Puoi anche mescolarla con un po’ di senape o aceto balsamico per un sapore extra.
  • Salsa per dessert : Riscalda leggermente la marmellata senza zucchero e usala come salsa per dolci, come gelato, cheesecake o panna cotta.
  • Marinatura per carne e pesce : Mescola la marmellata con ingredienti come aceto, olio d’oliva, erbe aromatiche e spezie per creare una marinatura gustosa per carne o pesce. Questo aggiungerà un tocco di dolcezza e acidità al tuo piatto.
  • Farcitura per panini o wrap : Aggiungi la marmellata senza zucchero al panino o wrap come alternativa alla mostarda o alla maionese per un tocco di sapore fruttato.
  • Sostituto dello zucchero in ricette : Puoi usare la marmellata senza zucchero come sostituto dello zucchero in alcune ricette. Questo può funzionare particolarmente bene nelle ricette per dolci o condimenti.

La marmellata senza zucchero è un ingrediente versatile che può essere utilizzato in molte preparazioni dolci e salate, aggiungendo sapore e dolcezza senza l’aggiunta di zucchero. Sperimenta con diverse combinazioni e scopri come può arricchire i tuoi piatti e le tue ricette preferite.

Consigli per adattare la ricetta a diverse preferenze di dolcezza

La marmellata senza zucchero con mano di Buddha vanta un sapore deciso e intenso, inoltre è meno dolce rispetto alle altre marmellate. È utile dunque suggerire qualche soluzione per adattare la ricetta a diversi gradi di dolcezza. Ecco qualche consiglio a riguardo.

Utilizzare una varietà di mela molto dolce. Le mele più zuccherine sono le Fiji e le Golden, tuttavia anche alcune varietà di Dolcevita (che però è più rara) vantano un livello di dolcezza elevato.

Pelare la mano di Buddha. Nella versione originale la buccia va mantenuta in quanto molto aromatica, tuttavia è anche leggermente amara. Toglierla potrebbe essere un’idea per rendere questa marmellata un po’ più dolce.

Utilizzare un po’ di zucchero. Infine l’extrema ratio: utilizzare lo zucchero. La ricetta cambierebbe molto, ma basta non esagerare se lo scopo è quello di creare una marmellata light e anti-diabete. Nelle marmellate normali lo zucchero deve incidere per il 20-30%, in questo caso è sufficiente il 5% per ottenere risultati apprezzabili.

FAQ sulla marmellata senza zucchero

Come fare la marmellata in casa senza zucchero?

Il procedimento è lo stesso, bisogna semplicementw cuocere la frutta. Il trucco sta nel selezionare la frutta più dolce. Ragionate in base alle varietà ma anche in base al grado di maturazione. Un frutto, in genere, più è maturo e più è dolce.

Cosa succede se non metto lo zucchero nella marmellata?

Nella peggiore delle ipotesi si otterrà una marmellata neutra, o addirittura più amara. Se invece la frutta è già dolce di suo, magari perché molto matura, non si noteranno molte differenze rispetto alla classica marmellata zuccherata.

Che tipo di marmellata può mangiare un diabetico?

La marmellata senza zucchero è un’ottima soluzione per i diabetici, d’altronde lo zucchero contenuto naturalmente nella frutta è in genere meno problematico rispetto allo zucchero aggiunto.

Quanto zucchero per un kg di frutta per la marmellata?

Dipende se il frutto è molto maturo. In questo caso, lo zucchero deve essere pari a un terzo della frutta. In alternativa, se si scelgono i frutti più adatti è possibile preparare un’ottima marmellata senza zucchero.

Ricette di marmellate e confetture ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fagiolini sott’olio

Fagiolini sott’olio, una conserva semplice ma molto utile

Come utilizzare i fagiolini sott'olio I fagiolini sott’olio sono ottimi consumati da soli, come snack salato e saporito sui generis. Sono perfetti anche accompagnati con un po’ di pane, tuttavia...

Mostarda di clementine

Mostarda di clementine, una conserva dolce e aromatica

I tanti usi della mostarda di clementine La mostarda di clementine è una mostarda fatta in casa a base di frutta, che vanta numerosi usi in cucina. Può essere consumata come spuntino, soprattutto...

Azzeruole sotto spirito

Azzeruole sotto spirito, una conserva diversa dal solito

Quale zucchero utilizzare per le azzeruole sotto spirito? Lo zucchero è un ingrediente importante per le azzeruole sotto spirito, infatti contribuisce a rendere più dolce il frutto, quindi impatta...