bg header
logo_print

Fagiolini sott’olio, una conserva semplice ma molto utile

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Fagiolini sott’olio
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Fagiolini sott’olio, una conserva semplice e squisita

I fagiolini sott’olio sono una delle conserve più semplici da realizzare, ma una delle più buone e versatili. Questa ricetta valorizza i fagiolini senza eccedere negli aromi e nelle spezie, anzi l’unico elemento di supporto è dato dall’aglio. Per il resto il procedimento è identico a quello delle altre conserve: si cuoce l’alimento, lo si trasferisce nei barattoli, si versa l’olio e si pastorizza.

Come tante altre preparazioni dello stesso tipo i fagiolini sott’olio devono “riposare” abbondantemente prima di essere consumati. Il consiglio è di far passare almeno un mese dalla preparazione al consumo.

Per quanto concerne la cottura andrebbe realizzata in acqua bollente acidulata. In tal modo i fagiolini da un lato acquisiscono un po’ di sapore in più, e dall’altro evitano l’annerimento. Nel caso in cui passasse troppo tempo tra la fine della cottura e il trasferimento nei barattoli, è bene porre i fagiolini in acqua fredda ghiacciata per evitare che perdano colore.

Ricetta fagiolini sott'olio

Preparazione fagiolini sott'olio

  • Per preparare i fagiolini sott’olio iniziate lavando con cura i fagiolini, poi rimuovete i loro filamenti e tagliate via le estremità. Ora bollite i fagiolini in una pentola con acqua, aceto e un po’ di sale per una decina di minuti, mi raccomando devono essere croccanti (quindi non scuoceteli). Trasferite i fagiolini lessi su un canovaccio in modo che si asciughino.
  • Intanto mondate l’aglio e fatelo in quattro pezzettini. Fate a pezzettini anche i peperoncini.
  • Trasferite i fagiolini nei barattoli già sanificati, aggiungendo anche l’aglio o il peperoncino. Ora riempite i barattolini con l’olio extravergine di oliva, lasciando libero un centimetro dal bordo.
  • Pulite i bordi dei vasi (se sono unti) ed eseguite la pastorizzazione: trasferite i barattoli in una pentola, separateli con dei canovacci, versate l’acqua in modo da coprire i barattoli nella loro interezza e “bolliteli” per 30 minuti.
  • A pastorizzazione completata premete il centro dei tappi, in modo da verificare il sottovuoto.
  • Conservate i barattoli in un luogo fresco per un mese prima di aprirli.

Ingredienti fagiolini sott'olio

  • 1
  • 5 kg. di fagiolini gialli
  • 1 lt. di acqua
  • 500 ml. di aceto di vino bianco
  • uno spicchio d’aglio
  • 2 piccoli peperoncini secchi
  • q. b. di olio extravergine di oliva
  • q. b. di sale

Come utilizzare i fagiolini sott’olio

I fagiolini sott’olio sono ottimi consumati da soli, come snack salato e saporito sui generis. Sono perfetti anche accompagnati con un po’ di pane, tuttavia possono dare vita a una vasta gamma di preparazioni. Possono fungere anche da antipasto o da contorno, specie se uniti a un formaggio dolce o a qualche altra verdura. Possono partecipare anche alle torte salate, che impreziosiscono con i sentori dell’olio assorbiti in fase di conservazione.

I fagiolini sott’olio possono essere utilizzati per preparare i primi piatti, in questo caso vanno aggiunti alla fine in quanto sono già cotti.

Il consiglio è di sperimentare, spaziando tra le varie ricette e pensando ad abbinamenti adatti ma anche creativi. L’importante è stimare con largo anticipo il risultato finale e il modo con cui gli ingredienti interagiscono con i fagiolini.

Quali fagiolini utilizzare?

In occasione della ricetta dei fagiolini sott’olio andrebbero bene i fagiolini gialli, che si caratterizzano non solo per il colore, ma anche per la consistenza morbida e per il sapore più delicato e dolce. Questo tipo di fagioli sono dunque perfetti per l’incontro con l’olio extravergine d’oliva e l’aglio, che insaporiscono e aromatizzano la conserva. Per quanto concerne l’apporto nutrizionale non si segnalano grandi differenze con i fagiolini verdi. Sono entrambi ricchi di fibre e aiutano a digerire, inoltre apportano sali minerali e vitamine. Sono anche ricchi di antiossidanti, sostanze che riducono l’impatto dei radicali liberi e diminuiscono le probabilità di contrarre il cancro.

In più, i fagiolini gialli contengono una dose ulteriore di betacarotene. Questa sostanza, oltre a fungere da antiossidante, è responsabile del colore e aiuta ad assorbire la vitamina A. Quest’ultima è una delle vitamine più importanti in assoluto, in quanto fa bene alla vista e alla pelle.

Fagiolini sott’olio

Un altro pregio dei fagiolini è la capacità di tenere a bada la glicemia e il colesterolo, un dettaglio non di poco conto per chi soffre di diabete e di problemi vascolari. Per quanto concerne l’apporto calorico, infine, non c’è nulla da temere: un etto di fagiolini viaggia sulle 30 kcal.

Come preparare la conserva dei fagiolini sott’olio in tutta sicurezza

I fagiolini sott’olio mi danno modo di approfondire un argomento delicato, ossia come preparare le conserve in assoluta sicurezza. Per preparare le conserve in sicurezza è necessario sterilizzare i vasetti di vetro e pastorizzarli. La sanificazione va realizzata prima di inserire gli ingredienti e ha lo scopo di azzerare la carica batterica. La pastorizzazione va realizzata a conserva già pronta ed ha lo scopo di ridurre il rischio di proliferazione dei microbi.

La procedura è identica per tutte e due le fasi. E’ sufficiente bollire i barattoli per una buona mezz’ora, separando i tappi. E’ bene, inoltre, distanziare i barattoli e mettere intorno dei canovacci per non far toccare il vetro, che potrebbe rompersi toccandosi a temperatura elevata.

Nel caso della pastorizzazione è necessario verificare la presenza del sottovuoto: per farlo è sufficiente guardare alla porzione centrale dei tappi, se presenta una concavità allora è tutto okay. Con questi procedimenti le conserve – a seconda dell’alimento – possono durare uno o due anni, a patto di rabboccare l’olio man mano che si consuma e di conservare i barattoli in un luogo fresco e asciutto.

FAQ sui fagiolini sott’olio

Come conservare a lungo i fagiolini?

I fagiolini si possono conservare a lungo trasformandoli in conserva. Proprio come i peperoni, i pomodori e le melanzane, possono essere un gustoso (e duraturo) sott’olio da usare in molte ricette o come condimento.

Come è meglio congelare i fagiolini: crudi o cotti?

Se intendete conservare i fagioli mediante congelamento, vi consiglio di riporli in freezer da crudi. La versione cotta, infatti, tende a cedere più sapore.

Come mantenere il colore dei fagiolini?

Per mantenere il colore dei fagiolini è sufficiente porli in acqua fredda ghiacciata per il tempo che separa l’avvenuta cottura dall’utilizzo in ricetta (in questo caso dalla cottura all’inserimento nei barattoli per ottenere i fagiolini sott’olio).

Ricette con i fagiolini ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Mostarda di clementine

Mostarda di clementine, una conserva dolce e aromatica

I tanti usi della mostarda di clementine La mostarda di clementine è una mostarda fatta in casa a base di frutta, che vanta numerosi usi in cucina. Può essere consumata come spuntino, soprattutto...

Azzeruole sotto spirito

Azzeruole sotto spirito, una conserva diversa dal solito

Quale zucchero utilizzare per le azzeruole sotto spirito? Lo zucchero è un ingrediente importante per le azzeruole sotto spirito, infatti contribuisce a rendere più dolce il frutto, quindi impatta...

Zucca in saor

Zucca in saor, una ricetta che valorizza il...

Un focus sulla zucca La ricetta della zucca in saor ha una protagonista indiscussa, la zucca per l’appunto. E’ da molti considerata come l’ortaggio perfetto in virtù del suo sapore, della sua...