Glassa a specchio per dolci gourmet

Glassa a specchio
Stampa

Cos’è la glassa a specchio?

La glassa a specchio è una copertura per dolci molto particolare, dal grande impatto visivo e squisita. Il suo nome dice tutto, ossia è talmente lucida che ci si può specchiare. Grazie alla glassa a specchio potrete far compiere un vero salto di qualità alle vostre preparazioni dolciarie, in questo modo non avranno nulla da invidiare alle torte delle migliori pasticcerie. La ricetta non è granché complicata, sebbene vadano adottati alcuni accorgimenti per quanto concerne la temperatura, sia della glassa che del dolce. Infatti, vi è sempre il rischio che la glassa si solidifichi troppo in fretta o troppo lentamente, compromettendo gran parte del suo impatto visivo.

La lista degli ingredienti, comunque, è semplice e gli ingredienti sono abbastanza reperibili. Troviamo, infatti, la classica gelatina, che va opportunamente strizzata prima di essere inserita, lo zucchero e lo sciroppo. Un ingrediente non comune nelle ricette delle glasse, ma qui assolutamente necessario, è il latte condensato, responsabile della resa organolettica. Tra gli ingredienti troviamo anche il cioccolato, per l’occasione ho optato per il cioccolato bianco, che è più versatile rispetto a quello fondente. In questo modo la glassa a specchio risulta compatibile sia con le torte a base di frutta, sia con quelle a base di nocciole e cacao.

Attenzione alla temperatura del dolce

Come ho già accennato, nella glassa a specchio è molto importante la temperatura. Per ottenere una copertura perfetta, sufficientemente lucida e dal grande impatto visivo, dovete agire in base alla temperatura del dolce. Infatti, se il dolce è poco freddo occorre metterlo in frigorifero a bassa temperatura o addirittura in congelatore, prima di versare sopra la glassa. In alternativa, se state preparando una torta non fredda, potete semplicemente portare la glassa ad una temperatura di 30 gradi.

Un altro accorgimento riguarda la tipologia di torta. In genere, la glassa a specchio funziona molto bene sui semifreddi, sulle bavaresi e sulle torte mousse (ovvero sulle preparazioni fredde). Prestate attenzione, poi, alla superficie del dessert, essa deve risultare regolare e priva di imperfezioni. Solo in questo modo la glassa potrà aderire perfettamente e l’impatto visivo sarà davvero perfetto.

Quale zucchero usare per la glassa a specchio?

Ovviamente, la lista degli ingredienti della glassa comprende anche lo zucchero. D’altronde, non esiste glassa senza zucchero, sia essa a specchio o standard. Tuttavia, quando c’è di mezzo lo zucchero la domanda sorge spontanea: quale tipo di zucchero utilizzare? In genere, la scelta è tra zucchero bianco e zucchero bruno di canna, nonché tra zucchero fino e zucchero semolato. Ebbene, in questo caso consiglio lo zucchero bianco nella versione semolata. Quello di canna, infatti, potrebbe spezzare l’armonia dei sapori in virtù del suo gusto caramellato, dovuto alla presenza di residui di melassa. Lo zucchero bianco, invece, è decisamente più neutro da questo punto di vista e dolcifica senza aggiungere granché a livello organolettico.

Per quanto concerne la grana, il semolato tende a caramellarsi e ad amalgamarsi meglio con gli altri ingredienti. Infine, lo zucchero viene gestito esattamente come nelle altre glasse, ossia va riscaldato e fatto sciogliere insieme allo sciroppo e all’acqua. Successivamente, a fuoco spento, si aggiunge la gelatina strizzata, il cioccolato e il colorante (scelto a vostra discrezione, purché sia compatibile con gli altri ingredienti).

Potete utilizzare sia il cioccolato bianco che quello fondente.

Ecco la ricetta della glassa a specchio:

Ingredienti:

  • 18 gr. di gelatina in fogli,
  • 300 gr. di sciroppo di glucosio,
  • 300 gr. di zucchero semolato,
  • 200 gr. di latte condensato zuccherato,
  • 150 gr. di acqua naturale,
  • 330 gr. di cioccolato bianco consentito,
  • q. b. di colorante alimentare in gel a scelta consentito.

Preparazione:

Per la preparazione della glassa a specchio iniziate facendo ammorbidire la gelatina nell’acqua. A parte, fate bollire 150 grammi di acqua, lo zucchero semolato e lo sciroppo di glucosio. Spegnete il fuoco e aggiungete la gelatina ben strizzata, il cioccolato sminuzzato e il latte condensato. Unite anche il colorante e fate sciogliere per bene il cioccolato. Infine trasferite la glassa in una caraffa (meglio se in plastica) e fate raffreddare. Ora, con l’aiuto di un termometro, monitorate la temperatura.

Quando la glassa ha raggiunto i 30 gradi versatela sulla torta seguendo un movimento circolare per coprire al meglio anche i bordi. Se invece state ricoprendo una mousse o un semifreddo, assicuratevi che siamo ben freddi (ossia appena prelevati dal freezer) prima di versare la glassa. Infine, lasciate il dolce per circa 4 ore in freezer prima di servirlo.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti