Pan di Spagna senza glutine: 3 cose da sapere!

Pan di Spagna senza glutine

Oggi parliamo del Pan di Spagna. Un preparato che è considerabile come una delle basi della pasticcerie in assoluto. E’ la base di moltissimi dolci ma in effetti che cos’è di preciso? E soprattutto come si prepara? Continuate a leggere per saperne di più…

Cos’è Pan di Spagna?

Il Pan di Spagna è una torta fatta con farina, zucchero e uova, molto leggera e soffice se preparata bene. È anche molto poroso, con dei buchetti che lo fanno somigliare a una spugna. Potete servirlo da solo oppure usarlo come base per vari dolci perché è molto resistente.

Assorbe bene i liquidi, il che lo rende ideale per torte farcite o inzuppate di sciroppo e state pur certi che non si distruggerà! Per prepararlo nel modo corretto bisogna essere un po’ bravi. La lievitazione si basa tutta sulle uova e un po’ di lievito in polvere.

Io ci faccio tiramisù di vario tipo

Bisogna sbattere bene le uova e mescolare gli ingredienti con attenzione per fare in modo che le bolle d’aria non spariscano. Un’altra cosa a cui stare attenti è che si raffreddi piano piano, altrimenti diventa molto pesante.

La ricetta base del Pan di Spagna è facile da modificare aggiungendo quello che volete, come limone, mandorle, cioccolato, cocco, arancia e il baccello di vaniglia. Io utilizzo quasi sempre l’estratto di vaniglia Bourbon. Il sapore delicato di questa torta permette di non prevalere su altri. Potete metterci sopra della glassa o marmellata in mezzo.

Come avrete capito, è molto versatile e potete giocarci come preferite. I pasticceri lo usano di continuo visto che rimane flessibile anche una volta freddo. Lo dividono in strati per poter aggiungere ingredienti come marmellata, cioccolato e crema pasticcera. Tantissime torte hanno come base il Pan di Spagna.

Scordatevi la torta arrotolata se siete agli inizi, però sappiate che la sua malleabilità consente preparazioni anche di questo tipo.

Si crede che il Pan di Spagna sia nato nel XIX secolo, poiché è allora che appare nei libri di ricette per la prima volta. È diventato subito popolare in quanto versatile e si è diffuso in gran parte del mondo occidentale, dove vari paesi hanno creato una propria variante, come ad esempio la torta genovese e il ciambellone americano.

La ricetta della variante senza glutine di questa squisitezza preparata per la prima volta da un cuoco genovese a metà ’700 per impressionare la corte spagnola ve l’abbiamo già data. Oggi invece vi daremo tre dritte per la preparazione di un Pan di Spagna gluten free perfetto, che non avrà nulla da invidiare a quello classico, anzi!

Pan di Spagna: senza glutine è meglio!

Sempre più persone si trovano a dover seguire una dieta senza glutine, ma per fortuna ormai si trovano moltissimi prodotti adatti alle persone che soffrono di questo tipo di intolleranza, e queste ultime non devono più rinunciare quasi a nulla, nemmeno ai dolci, perchè ormai esistono mix di farine per dolci senza glutine davvero valide (mi raccomando leggete le etichette e valutate gli ingredienti contenuti: non tutti i mix sono validi)

Per quanto riguarda il Pan di Spagna “classico” (quello per chi non soffre di intolleranze) le farine migiori sono proprio quelle povere di glutine, che contribuiscono a rendere l’impasto più soffice e spumoso.

Una volta assaggiato, anche i più scettici si convinceranno che il Pan di Spagna senza glutine, preparato con farina di riso e farina di maizena, magari aggiungendo della fecola di patate, se fatto nel modo giusto, risulterà davvero squisito!

Il Pan di Spagna perfetto deve essere morbido, friabile e non troppo elastico, e, che ci crediate o meno, le farine senza glutine risultano le migliori per raggiungere questo scopo!

Molti affermano che si debbano utilizzare parti uguali di farina e zucchero per ogni uovo, ma le dosi possono cambiare a seconda della consistenza che vorremo dare al nostro Pan di Spagna. Ricordatevi comunque che:

  • Una percentuale di farina maggiore rispetto allo zucchero darà più robustezza al Pan di Spagna.
  • Una percentuale maggiore di zucchero rispetto alla farina, renderà il Pan di Spagna più morbido ed elastico.

Stesso discorso si potrebbe fare anche per le uova:

  • Più tuorli renderanno il composto più compatto.
  • Più albumi lo renderanno più leggero e “spumoso”.

Pan di Spagna senza glutine consigli

Montare le uova nel modo giusto!

Per rendere il nostro Pan di Spagna senza glutine ancora più spumoso, possiamo dividere i tuorli dagli albumi e montarli separatamente, utilizzando metà zucchero per un impasto e metà per l’altro:

  • Divedete con molta attenzione i bianchi dai rossi (se rimanesse un pò di tuorlo negli albumi, questi ultimi non monterebbero).
  • Sbattete i tuorli molto a lungo con lo zucchero, fino ad ottenere un composto molto gonfio e spumoso.
  • Montate gli albumi “a lucido” (non a fiocchi sparsi) e solo quando, dopo circa 5 minuti, avranno assunto un colore bianco e l’impasto sarà abbastanza gonfio, aggiungete le zucchero, continuando a montarli per qualche minuto.
  • Al momento di unire i due impasti, siate molto delicati, e mescolate con un movimento rotatorio dal basso verso l’alto , per evitare che il tutto si smonti.

Seguendo questi semplici ma utilissimi consigli, vedrete che il vostro Pan di Spagna senza glutine non avrà nulla da invidiare a quelli delle migliori pasticcerie!

Questo è una preparazione ma sul sito ne trovate in quantità e con molte farine naturalmente senza glutine. Se volete un pan di spagna al cacao bastera aggiungere 20 gr. di cacao amaro all’impasto.

Ingredienti per 4 persone

  • 4 uova,
  • 120 gr. zucchero di canna,
  • 80 ml latte intero consentito,
  • 80 ml olio di riso,
  • 50 gr farina di riso,
  • 50 gr farina di maizena o amido di mais,
  • 1 bustina lievito per dolci,
  • un cucchiaino di estratto di vaniglia,
  • 1 cucchiaio buccia di limone grattugiata
  • burro e farina di riso per imburrare la teglia

Preparazione

In una ciotola montate le uova intere con lo zucchero lavorandole  fino a quando non avranno triplicato di  volume e saranno diventate una spuma molto densa  e ben soda.

Se per fare questa operazione non avete le fruste elettriche e montate le uova a mano  è meglio dividere la montatura in due fasi, montando in una ciotola i tuorli con lo zucchero, e in un’altra gli albumi con alcune­­ gocce di succo di limone.

Quando torli e albumi sono ben sodi allora si possono riunire i due componenti. In una bicchiere versate il latte e l’olio, mescolateli con una forchetta fino a che si emulsionano uniformemente e versateli gradualmente sulle uova mescolando lentamente con una frusta a mano. Per questa operazione, se potete, evitate lo sbattitore elettrico.

Setacciate la farina di riso, la maizena e il lievito e aggiungetela al latte mescolando con cura e per ultimo incorporate la buccia di limone grattugiata e la vaniglia.

Versate il composto in una tortiera ben imburrata e infarinata da 24 cm o 26 cm di diametro, a seconda se lo si vuole più basso o più, e fatelo cuocere in forno già caldo a 185°C per circa 30 – 35 minuti a seconda delle dimensioni della tortiera. ­ Fate sempre la prova stecchino per verificare la cottura. Inserite lo stecchino e se esce asciutto ci siamo!

Al termine della cottura spegnete il forno, lasciate lo sportello del forno semi aperto per 10 minuti circa, poi estraete la tortiera a fatela raffreddare completamente.

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crema pasticcera al matcha

Crema pasticcera al matcha, una variante dal sapore...

Crema pasticcera al matcha, un’idea per stupire La crema pasticcera al matcha è una variante dal sapore particolare e dall’impatto visivo importante. Come potete vedere dalla foto è di colore...

crackers ai semi

Crackers ai semi misti, uno snack salutare

Crackers ai semi, uno spuntino ricco di antiossidanti I crackers ai semi misti sono una variante dei classici crackers. Rispetto a quelli industriali, però, si distinguono per un impasto più...

Passata di pomodoro

Passata di pomodoro per intolleranti al nichel

La passata di pomodoro, il simbolo della cucina italiana La passata di pomodoro è un po’ il simbolo della cucina italiana. E’ l’intingolo perfetto per gusto, impatto visivo, leggerezza e...

pesto

Il pesto, come conservarlo al meglio

Le peculiarità del pesto classico Come si conserva il pesto? La risposta è meno scontata di quanto si possa immaginare. Anche perché, al netto della semplicità della ricetta, presenta dei tratti...

Idli

Idli, dall’India un pane diverso dal solito

Le particolarità del pane indiano idli Gli idli sono una specie di tortini di pane originari dell’India. Sono realizzati con il riso e una particolare varietà di lenticchie. L’impasto è molto...

Pasta fillo senza glutine

Pasta fillo senza glutine, una variante davvero ottima

Pasta fillo senza glutine, un variante con i fiocchi Oggi vi presento la pasta fillo senza glutine, una ricetta base completamente gluten free. La pasta fillo è un impasto di origine greco-turca,...

13-07-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti