Semifreddo al mango, un dessert fresco e fruttato

Semifreddo al mango
Commenti: 0 - Stampa

Semifreddo al mango, un dessert diverso dagli altri

Il semifreddo al mango è un dessert squisito, diverso dagli altri per gusto, impatto visivo e procedimento di preparazione. Inoltre, viene valorizzato da una glassa spettacolare, la famosa glassa a specchio, cavallo di battaglia delle pasticcerie gourmet. La ricetta non è così semplice da realizzare, anche perché consta di numerosi passaggi. Tuttavia, se seguirete le indicazioni potrete assicurarvi un semifreddo al mango perfetto, o comunque in grado di soddisfare i vostri commensali. Io vi consiglio di preparalo per la Festa della Donna in quanto, sia come colori che come eleganza, si abbina alla perfezione a questa ricorrenza.

Il protagonista di questa ricetta è il mango, un frutto che non si ritrova spesso nelle preparazioni dolciarie. Il mango può offrire molto dal punto di vista estetico (grazie alla sua bella tonalità arancione), organolettico e nutrizionale. E’ un frutto ricco di vitamina A, una sostanza molto importante per l’organismo. Inoltre, contiene il lupeolo, un formidabile antiossidante che giova al pancreas e al colon, contrastando i radicali liberi. Il mango si caratterizza per le proprietà diuretiche e lassative, nonché per la capacità di attenuare la ritenzione idrica. Contiene, infine, molti sali minerali, in primis il potassio. Per quanto concerne il procedimento, il mango interviene nelle fasi iniziali, ovvero quando si sta per creare l’impasto, e nella fase finale al momento della decorazione. In ogni caso, dovrete prelevare la polpa per mezzo di uno scavino.

Come preparare la glassa a specchio?

Uno dei punti di forza del semifreddo al mango è la glassa a specchio. Certamente, se siete patiti di pasticceria, avrete già preparato delle glasse. Quella a specchio, però, presenta una marcia in più. Si chiama così in quanto è estremamente lucida e permette quasi di specchiarsi. Il procedimento non è complicato, ma dovrete seguire un iter preciso, di cui trovate un’accurata descrizione sul sito di Nonnapaperina.it.

Semifreddo al mango

Rispetto alle glasse tradizionali, quella a specchio si caratterizza per la presenza del latte e del cioccolato. Inoltre, è molto importante anche la temperatura. Nello specifico, se il dolce non è freddo, è necessario portare la glassa a 30 gradi prima di stenderla sulla superficie. Se, invece, il dolce è un semifreddo o una bavarese, piuttosto che una mousse, è necessario riporre la glassa in frigorifero per un po’. Un ruolo principale è ricoperto anche dalla colorazione. Su questo aspetto potete decidere in assoluta autonomia, applicando il colorante alimentare che più vi aggrada.

Il contributo del cioccolato

Il cioccolato è tra gli ingredienti importanti nella nostra ricetta del semifreddo al mango. A primo acchito può sembrare un elemento trascurabile, in quanto va posto alla fine della preparazione a mo’ di guarnizione. In realtà, incide tantissimo sul sapore e sulla resa estetica, infatti è in grado di spezzare la tonalità uniforme conferita dalla glassa a specchio. Insomma, permette di creare un bel contrasto.

Quale cioccolato utilizzare? In questo caso avete ampia libertà, al limite potrebbe andar bene persino il cioccolato bianco, anche se è più difficile da trasformare in scaglie. Io comunque consiglio il cioccolato fondente, che piace a tutti e fa bene alla salute. In primis perché è ricco di antiossidanti. In secondo luogo perché agisce sull’umore, come se fosse un antidepressivo naturale. Che il cioccolato fondente donasse allegria, è sempre stata una credenza dell’immaginario collettivo, ma di recente è stato dimostrato anche da studi scientifici. Dunque, a mio avviso la scelta ottimale rimane proprio il cioccolato fondente.

Ecco la ricetta del semifreddo al mango:

Ingredienti:

  • 3 mango (pari a 550 gr. circa di polpa),
  • 350 gr. di zucchero semolato,
  • 500 ml. di panna fresca consentita,
  • 6 tuorli,
  • 1 lt. circa di glassa a specchio gialla,
  • q. b. di cioccolato a scaglie.

Preparazione:

Per la preparazione del semifreddo al mango iniziate cuocendo a bagnomaria i tuorli d’uovo che avete a diposizione e lo zucchero semolato, poi mescolate il tutto con la frusta. Non appena il composto risulta abbastanza denso, spegnete il fuoco e mescolate fino a quando non si sarà raffreddato. Ora prendete una ciotola prelevata dal freezer (deve essere molto fredda) e montate la panna con le fruste elettriche, unendo il composto precedente e il mango (sbucciato e frullato insieme ad un po’ di panna). Badate bene, dovete ricavare cinque palline dalla polpa del mango usando uno scavino, poi mettetele da parte per la guarnizione finale.

Ora adagiate il composto in uno stampo circolare in silicone, poi livellate per bene e conservate in freezer per almeno sei ore. Terminato il tempo di riposo in freezer, sformate il semifreddo sulla griglia e distribuite la glassa a specchio con una spatola. Guarnite il semifreddo con le palline di mango precedentemente messe da parte e con le scaglie di cioccolato. Per una resa perfetta, conservate in frigo la glassa per 10-12 ore, poi riportatela a 30 gradi (con un microonde) ed infine distribuitela sul semifreddo.

1.7/5 (3 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Quadrotti in crosta con tartufo

Quadrotti in crosta con tartufo per la Festa...

Quadrotti in crosta con fonduta di tartufo, tra il rustico e il gourmet I quadrotti in crosta con fonduta di tartufo sono un primo piatto molto corposo, tra il rustico e il gourmet. I sapori sono...

Tartufini di pan di Spagna al cocco e riso

Tartufini di pan di Spagna al cocco per...

Tartufini di pan di Spagna: una coccola per la festa della donna E' arrivata la festa della donna! Quest’anno ditelo con i tartufini di Pan di Spagna al cocco e riso nero. Non c’è gesto più...

Bocconcini mimosa

Bocconcini mimosa, ideali per la Festa della Donna

Bocconcini mimosa, un’idea semplice ma azzeccata I bocconcini mimosa sono un’idea suggestiva, gustosa e facile da preparare per la Festa della Donna. Sono anche a tema, in quanto rievocano i...

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella, buoni sempre I bicchierini di crema allo zafferano e cannella con crumble al cacao sono un’idea davvero sfiziosa, colorata per un dessert in...

Cestini croccanti con crema e frutta

Cestini croccanti con crema e frutta, gioia al...

Cestini croccanti con crema e frutta fresca, il momento ideale per questo dessert I cestini croccanti con crema e frutta fresca sono un’idea davvero carina, oltre che gustosa, per un dessert, una...

Teglia di rape e patate

Teglia di rape e patate gratinate allo zafferano

Teglia di rape e patate gratinate, il contorno ideale per la Festa della Donna La teglia di rape e patate gratinate allo zafferano è un contorno molto abbondante. Anzi, proprio per l’elevato...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


07-03-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti