Stella di Natale, il dolce perfetto per le festività

Stella di Natale
Commenti: 0 - Stampa

Perché è così speciale il nostro dolce Stella di Natale?

La Stella di Natale non è una torta come le altre. Lo potete notare già dalla foto e dalla sua forma particolare con un impatto visivo che sfocia quasi nell’ambito artistico. E’ il dolce perfetto per Natale, e non solo perché ritrae uno degli elementi tipici delle festività natalizie (la stella appunto). La Stella di Natale, oltre ad essere gradevole alla vista, è anche buonissima. E’ l’esaltazione del concetto di pan di Spagna, e allo stesso tempo ne rappresenta una sua variante.

Il riferimento è agli ingredienti del pan di Spagna stesso. Non si realizza con una farina qualsiasi, bensì con due farine speciali: quella di mais bianco e quella di cicerchie. Entrambe si caratterizzano per l’assenza di glutine, in modo che il dolce possa essere consumato anche dagli intolleranti a questa sostanza e dai celiaci. Sono farine che rendono molto dal punto di vista organolettico. Il mais bianco, in particolare, aggiunge una certa dolcezza, mentre le cicerchie un intenso sentore rustico.

Il segreto della nostra Stella di Natale

Il vero segreto della Stella di Natale, però, non risiede nella particolare forma del dolce, o nell’impiego di farine speciali, bensì in un ingrediente particolare: il formaggio spalmabile Exquisa. Si tratta di un prodotto di elevata qualità e realizzato con la migliore materia prima, leggero per la sua categoria e dalla texture molto uniforme. Proprio per questo motivo si presta alla creazione di delicate creme. Per realizzare la farcitura della Stella di Natale è sufficiente mescolare il formaggio agli altri ingredienti e montare come se si stesse preparando la panna montata.

stella di natale

Questo specifico prodotto Exquisa contiene lattosio, dunque di norma non potrebbe essere consumato dagli intolleranti a questa sostanza. La linea di formaggi spalmabili Exquisa, però, ha anche tante varianti senza lattosio. Tra l’altro, il processo di rimozione del lattosio, almeno in questi casi, segue metodiche del tutto naturali; il gusto, ovviamente, non cambia e risulta identico alle varianti che contengono lattosio.

Amarena, un frutto che da gusto e salute

L’amarena gioca un ruolo importante nella ricetta della Stella di Natale. Infatti, viene impiegata per ben due volte: la prima sotto forma di succo (quando si deve preparare la bagna), la seconda sotto forma di frutto sciroppato per creare la farcitura. E’ dunque un alimento che incide profondamente sul sapore della torta. E’ anche un alimento sano, che impatta sull’organismo in maniera positiva, anche più delle ciliege, frutto con cui è strettamente imparentato.

Innanzitutto le amarene sono ricche di flavonoidi, antiossidanti che rallentano l’invecchiamento e riducono la probabilità di contrarre il cancro. Soprattutto nella buccia, poi, sono presenti molte fibre che agevolano la digestione e l’equilibrio intestinale. Le amarene sono anche ricche di vitamine, e in particolare della vitamina A e C. Infine, sono note anche per le loro proprietà diuretiche e per il contrasto alla ritenzione idrica. In quanto ad apporto calorico, si difendono bene: 100 grammi di amarene contengono solo 50 kcal (più o meno come le ciliegie).

Ecco la ricetta della Stella di Natale:

Ingredienti per 6/8 persone:

Per il Pan di Spagna:

  • 300 gr. di uova intere,
  • 150 gr. di zucchero di canna,
  • 100 gr. di farina di mais bianco,
  • 100 gr. di farina di cicerchie.

Per bagna:

  • 100 gr. di acqua,
  • 50 gr. di succo di amarena,
  • 30 gr. di grappa.

Per il ripieno e per la decorazione:

Preparazione:

Per la preparazione della Stella di Natale iniziate unendo le uova e lo zucchero, poi montate a velocità media fino a quando non avrete ottenuto un composto spumoso, simile a quello del pan di Spagna. Fermate la macchina quando il volume è raddoppiato o quando riesce la prova del filo: se notate che il composta forma un filo in sospensione dalla frusta, allora è pronto. Aggiungete al composto le farine già setacciate eseguendo questa operazione con delicatezza e gradualità. Versate il pan di Spagna nello stampo che avrete cosparso con olio ed un po’ di farina. Portate il forno ad una temperatura di 180 gradi e cuocete per 10-15 minuti. Nel frattempo occupatevi della bagna: semplicemente riscaldate in un pentolino tutti gli ingredienti, portate a ebollizione e spegnete il fuoco.

Occupatevi anche del ripieno: montate la panna con il formaggio, poi aggiungete le amarene sciroppate fatte a pezzi. Ora tagliate il pan di Spagna a forma di stella di Natale, poi dividete per lungo in due strati. Inzuppate nella bagna lo strato che fungerà da base, poi adagiateci sopra il ripieno a base di crema al formaggio e le amarene a pezzetti. Posizionate il secondo strato, anch’esso inzuppato nella bagna, e fate riposare nel frigo (ciò aiuterà l’applicazione della pasta di zucchero). Dopo aver tolto il pan di Spagna dal frigo spalmate il ripieno su tutta la superficie, poi stendete la pasta di zucchero in modo che formi uno spessore di 0,3 cm. Replicate l’effetto che vedete in foto (o anche un effetto a piacere se preferite).

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pate di pernice rossa con polenta

Patè di pernice rossa con polenta, un ottimo...

Patè di pernice rossa su crostini di polenta, un antipasto gourmet Il patè di pernice rossa su crostini di polenta è una pietanza molto particolare. In primis, perché è realizzata con una carne...

Cappone ripieno al tartufo

Cappone ripieno al tartufo, un secondo da ristorante

Perché il cappone ripieno al tartufo è così speciale? Il cappone ripieno al tartufo non è un secondo piatto come gli altri. Le ragioni per affermarlo sono numerose, in primis perché prevede...

Torta Albero di Natale

Torta Albero di Natale al profumo di menta

Torta Albero di Natale, un dessert al profumo di menta La nostra mente è sempre propensa alle festività ed eccoci a fantasticare su questa torta albero di Natale. Nessun simbolo potrà essere mai...

Spaghetti con bottarga di pesce

Spaghetti con bottarga di pesce per un cenone...

Spaghetti con bottarga di pesce spada, ingredienti di qualità per una ricetta semplice Gli spaghetti con bottarga di pesce spada rappresentano un primo piatto degno dei cenoni di Natale più...

Carrubine

Carrubine, il tipico dolcetto natalizio

Cosa sono le carrubine? Le carrubine sono dei dolcetti deliziosi, perfetti per ogni occasione ma indicati soprattutto a Natale, quando la voglia di dolci raggiunge il suo apice e ci si può...

Albero di pandoro farcito

Albero di pandoro farcito con mascarpone e brandy

Albero di pandoro farcito, rivisitazione a modo nostro di un grande classico Le ricette come questo albero di pandoro farcito con crema di mascarpone e brandy sono così buone, semplici e golose che...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


31-12-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti