Gnocchi di ricotta alla noce moscata con radicchio

Gnocchi di ricotta alla noce moscata
Stampa

Gnocchi di ricotta alla noce moscata, perché sono così buoni!

Se pensate che i classici gnocchi al sugo, o in brodo, siano una delizia da leccarsi i baffi, non avete mai provato gli gnocchi di ricotta alla noce moscata con radicchio e noci. E’ un primo davvero straordinario, che valorizza lo stesso concetto di gnocco, elevandolo all’ennesima potenza grazie ad un impasto incredibilmente ricco e saporito. Gli ingredienti sono numerosi, è vero, ma sono capaci realmente di sposarsi l’un l’altro e creare un sentore nuovo, niente affatto eccessivo ma incredibilmente aromatico.

Tra l’altro, per quanto la lista degli ingredienti possa suggerire una ricetta complessa, gli gnocchi alla noce moscata con radicchio e noci sono molto semplici da preparare. L’unica difficoltà risiede nella formazione dell’impasto, che richiede comunque una certa manualità. Niente, però, che non possa essere imparato con un po’ di pratica. Ad ogni modo, il risultato è eccellente sotto tutti i punti di vista: estetico, gustativo, organolettico.

Perché abbiamo utilizzato la farina di riso?

Tra i tanti pregi degli gnocchi di ricotta alla noce moscata con radicchio spicca anche l’accessibilità. Sono realizzati, infatti, con ingredienti anti-intolleranze, ovvero che possono essere assunti anche da chi manifesta disturbi nell’assorbimento del glutine e del lattosio. La ricotta è presente, ma in una variante del tutto priva di lattosio. La farina di grano, invece, è sostituita dalla farina di riso, che è naturalmente priva di glutine.

Se pensate però che la farina di riso sia un semplice surrogato vi state sbagliando. E’ infatti un ingrediente dotato di una sua precisa identità, dal gusto riconoscibile e gradevole. E’ anche un ingrediente molto ricco dal punto di vista nutrizionale, dal momento che vanta una concentrazione elevata di sali minerali, una quantità non trascurabile di proteine e percentuali di grassi minime se non nulle.

Gnocchi di ricotta alla noce moscata

Gli insospettabili pregi della noce moscata

Uno degli ingredienti principali della ricetta degli gnocchi di ricotta con radicchio e noci è la noce moscata. A dispetto del nome, non fa parte della categoria della frutta secca ma è una spezia. E’ molto aromatica e, proprio per questo motivo, viene impiegata per insaporire molti tipi di piatti. In genere, almeno in Italia, viene aggiunta nei dolci (specie nell’impasto) e nei contorni elaborati, magari a base di patate (per insaporire). Vederla nei primi piatti è un po’ raro, ma in questo caso l’abbinamento risulta veramente azzeccato, e si presta ad un’aggiunta persino abbondante di questa spezia.

La noce moscata, come molte spezie del resto, è anche un ingrediente benefico al limite del terapeutico. E’ infatti un toccasana per l’apparato digerente, dal momento che stimola la peristalsi e contribuisce a riequilibrare la flora intestinale. Della noce moscata sono note anche le proprietà carminative e antisettiche. L’olio estratto dalla noce moscata contribuisce persino l’attenuazione dei dolori reumatici.

Ecco la ricetta degli gnocchi di ricotta alla noce moscata, con radicchio e noci

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 gr. di ricotta consentita;
  • 250 gr. di farina di riso più altra per spolverizzare il piano ed eventualmente aggiungere all’impasto;
  • 40 gr. di Parmigiano Reggiano 36 mesi grattugiato;
  • 1 pizzico di sale fino;
  • q. b. di noce moscata.

Per il condimento:

  • 1 cespo di radicchio tardivo piccolo;
  • 1 piccolo scalogno;
  • 4 cucchiai di gherigli di noce;
  • 40 gr. di Parmigiano Reggiano 36 mesi grattugiato;
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • q. b. di sale e pepe nero.

Preparazione:

In una terrina versate la ricotta, il parmigiano grattugiato, un po’ di sale, la farina di riso e abbondante noce moscata grattugiata. Impastate con le mani, versando gradualmente della farina se avvertite che l’impasto è troppo appiccicoso. Adagiate l’impasto su un piano di lavoro, dando un’ulteriore impastata. Formate, poi, una palla, copritela per intero con la pellicola e fate riposare in frigo per circa 15 minuti. Estraete l’impasto dal frigo, inumidite le mani e ricavate delle palline grandi quanto una ciliegia, fino a terminare l’impasto stesso. Distribuite un po’ di farina sul piano di lavoro e fate riposare le palline, che poi non sono altro che gli gnocchi crudi.

Nel frattempo mettete a bollire l’acqua e salatela. Occupatevi anche del condimento: lavate, asciugate e sbucciate il radicchio tagliando le foglie in tre. Tritate lo scalogno e rosolatelo in una ampia padelle antiaderente (meglio un wok) con un po’ di olio extravergine di oliva. Versate in padella anche il radicchio e alzate a fiamma (in questo modo si cuoce ma rimane croccante), aggiustate di sale e pepe a piacere. Infine, unite anche i gherigli di noce tritati grossolanamente.

A questo punto cuocete gli gnocchi scolandoli una volta che sono venuti a galla, fateli saltare in padella e sventagliate un bel po’ di parmigiano, in modo da mantecarli. Aggiungete anche un po’ di acqua di cottura e terminate con un filo di olio a crudo. Servite gli gnocchi caldi dando un’ultima sventagliata di noce moscata grattugiata e decorando con qualche gheriglio intero.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


12-03-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti