Gnocchi pomodoro e basilico , classico che affascina

Gnocchi pomodoro e basilico
Commenti: 0 - Stampa

Giovedi gnocchi pomodoro e basilico!!! Chi ha detto che i piatti più semplici e classici non abbiano nulla da dire quando si tratta di portare in tavola qualcosa di buono per le persone che si amano? Dalla nostra tradizione culinaria possiamo ricavare degli spunti davvero speciali, riscoprendo la bontà di ricette come gli gnocchi pomodoro e basilico.

Gnocchi pomodoro e basilico: quali vini abbinare?

Quali vini si possono abbinare agli gnocchi pomodoro e basilico? Un primo così gustoso e capace di soddisfare anche i palati più esigenti merita gli abbinamenti enologici migliori. Mi chiedono spesso consigli in merito sia qui sia sul blog, sempre con l’obiettivo finale di dare un tocco speciale a cene in cui va curato ogni singolo dettaglio (non avete idee di quante persone scelgano gli gnocchi al pomodoro e basilico come primo piatto in una cena romantica!).

Con un sugo delicato come quello a base di pomodoro è ottima una bottiglia di Pinot bianco, oppure un bel rosso siciliano! Chi dice che da piatti semplici come gli gnocchi pomodoro e basilico non si riesca a dare vita a cene indimenticabili si sbaglia di grosso e non ha proprio capito la bellezza della cucina!

Come conservare la salsa di pomodoro

Grazie a questa ricetta avete la straordinaria possibilità di imparare a fare la salsa di pomodoro in casa. Fantastico, vero? Senza dubbio! Ma come conservarla se dovesse eccedere dopo la preparazione degli gnocchi?

Anche in questo caso la procedura da seguire è molto semplice! Basta acquistare un buon numero di barattoli per conserve, riempirli con la salsa che avanza, farli bollire in una pentola dove va inserito prima un canovaccio per evitare che possano rompersi, e lasciarli sul fuoco per una decina di minuti massimo.

Dopo questa procedura di sterilizzazione è necessario mettere i barattoli a testa in giù su un telo pulito per farli scolare. L’ultimo step prevede il fatto di conservarli in un luogo fresco, asciutto e pulito anche per un tempo superiore ai sei mesi.

Non è straordinaria questa riscoperta dei sapori artigianali della cucina? Secondo me sì! Preparare un piatto come gli gnocchi pomodoro e basilico è un’ottima occasione per cominciare ad apprezzarle da zero, oppure, come ho già ricordato, per riscoprirle nella loro essenza!

Poi si tratta anche di un piatto perfetto da proporre a chi ha problemi d’intolleranze, per esempio al lattosio e al glutine! Come non mettersi d’impegno in cucina per prepararlo al meglio?

Due parole sul basilico

Benché nei mercati europei e americani il basilico fresco sia oggi una rarità, è tradizionale nella zuppa di tartaruga, e in passato era certamente usato. In ogni modo non lo si può considerare un ingrediente caratteristico della cucina nord-europea. Nella Francia settentrionale viene usato raramente, forse perché l’uso delle erbe fresche nella cucina regionale dipende molto da quel che si può far crescere sul posto. Dato che il basilico ama il calore, se si desidera trovare quello « vero » bisogna andare a sud, verso il Mediterraneo, soprattutto in Grecia e in Italia.

Forse l’impiego più delizioso il basilico lo trova nel « pesto genovese », che in varie forme si trova lungo tutta la Riviera da Genova alla Provenza ( dove è chiamato pistou ). La base è sempre il basilico, con aglio, sale, olio d’oliva, pecorino sardo ( talvolta discutibilmente sostituito dal parmigiano), pinoli o noci sbucciate, il tutto pestato insieme per formare una spessa salsa. Inutile dire che alcune ricette suggeriscono di eliminare l’aglio.

Nella Francia meridionale il pistou è usato nella minestra; in Italia il pesto, con abbondanza d’olio d’oliva, viene usato come intingolo per gli spaghetti o le «trenette». Con l’aglio, il basilico porta a creazioni straordinarie e aglio e basilico insieme danno un sugo per spaghetti che a mio parere è superiore a tutti gli altri. Purtroppo il pesto è una ricetta d’uso locale, ma è facile a farsi e lo si può trovare in scatola o conservato in vasetti di vetro. È difficile trovare buoni sostituti del pesto fresco, ma forse è meglio usare questi sostituti che rinunciarvi completamente.

Ingredienti per 4/6 persone

per gli gnocchi

  • 400 gr patate rosse
  • 150 gr farina di riso
  • 1 uovo
  • q.b. sale

per la salsa di pomodoro

  • 1 bottiglia passata di pomodoro
  • 1 cipolla rossa affettata finemente
  • q.b. olio extra vergine d’oliva
  • qualche foglia basilico
  • q.b. sale e pepe
  • 1 cucchiaino zucchero
  • q.b. parmigiano reggiano stagionato 36 mesi

Preparazione

Fate lessare le patate con la buccia per mezz’ora circa. Passatele nello schiacciapatate e impastatele con la farina, le uova e un pizzico di sale. Ricavate tanti cilindri, riduceteli a tocchetti e passateli sui rebbi di una forchetta e disponeteli sulla spianatoia infarinata e lasciateli riposare per circa 20 minuti.

Nell’attesa preparate il sugo facendo soffriggere la cipolla affettata in una pentola antiaderente e quando è dorata aggiungete la passata di pomodoro. Cuocete a fuoco lento mescolando ogni tanto. Aggiustate di sale e pepe e aggiungete un cucchiaino di zucchero

Quasi a fine cottura, circa mezz’ora, aggiungete qualche foglia di basilico e continuate la cottura ancora qualche minuto. Fate bollire abbondante acqua e quando bolle versate gli gnocchi e appena vengono a galla scolateli con un mestolo forato e disponeteli su di un piatto di portata.

Versate sopra qualche cucchiaio di salsa, spolverizzate con abbondante parmigiano grattugiato e decorate con qualche fogliolina di basilico

5/5 (368 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tagliatelle al sugo di piccione

Tagliatelle al sugo di piccione, un secondo rustico

Tagliatelle al sugo di piccione, un primo diverso dal solito La tagliatelle al sugo di piccione sono un primo dal sapore forte, ma adatto a tutti i palati. Il piatto esula un po’ dalla tradizione...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


28-04-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti