logo_print

La frutta secca a guscio, proprietà e apporto calorico

Frutta secca a guscio
Stampa

Le proprietà della frutta secca a guscio

Tutti sanno, grossomodo, cosa sia la frutta secca a guscio. D’altronde, essa viene consumata abitualmente in Europa come negli altri continenti, e figura nella lista degli ingredienti di molte ricette. Tuttavia, questo termine non ha un significato dal punto di vista botanico. Di base, infatti, e a seconda della specie, la frutta secca a guscio rientra ora nella categoria della “frutta”, ora in quella dei “semi”. Nondimeno, si segnalano alcune caratteristiche in comune, condivise da tutti i tipi di frutta secca, dalle “nostrane” mandorle fino alle più esotiche noci di macadamia.

Per esempio, la frutta secca in generale si caratterizza per un’estrema abbondanza di grassi, si tratta, però, di grassi “buoni” in quanto giovano alla salute e in particolare dell’apparato cardiovascolare. Di conseguenza, la frutta secca è piuttosto calorica, con un apporto che va dalle 550 alle 770 kcal per etto. Altra caratteristica condivisa da tutta la frutta secca a guscio, benché declinata in modi differenti, è la presenza di amminoacidi essenziali e dell’acido oleico (più abbondante nei semi). Buono, ma estremamente vario, il contenuto di vitamine e sali minerali; ridotto è, invece, quello delle proteine. Ad ogni modo, possiamo dividere la frutta secca a guscio in due categorie: nostrana e di importazione. Proprio seguendo questa distinzione descriverò le specie più importanti.

I principali tipi di frutta secca “nostrana”

  • Noci. E’ la frutta secca a guscio più famosa, almeno in Italia. Le noci sono botanicamente considerate dei “frutti”. Si caratterizzano per una certa abbondanza di vitamina E, di potassio, di acidi grassi omega tre e di fosforo. Non a caso, secondo l’immaginario collettivo, fanno bene al cervello. L’apporto calorico è medio (640 kcal), mentre spiccano per la loro versatilità, potendo essere consumate sia crude che all’interno di primi piatti.
  • Nocciole. Ricche di acido oleico, sostanza che consente di tenere sotto controllo il colesterolo cattivo. Il contenuto di acidi grassi omega tre è inferiore rispetto alla media della frutta secca. Abbondantissima, invece, è la presenza di vitamina E e vitamine del gruppo B. Le nocciole sono mediamente caloriche per la categoria di riferimento.
  • Mandorle. E’ probabilmente la frutta secca più amata. Sono ottime “da sole”, come decorazione per le torte o come ingrediente di ricette più complesse. Dalle mandorle si ricava anche una buona farina. Dal punto di vista nutrizionale presentano un buono apporto di vitamine (soprattutto vitamina E), di sali minerali e di acidi grassi benefici.
  • Pistacchi. Fanno parte della categoria dei “semi”, dunque contengono molto acido oleico. Abbondante è anche la presenza di antiossidanti quali la luteina, i tocoferoli e il betacarotene. E’ nella media il contenuto di vitamine e sali minerali (vitamina E, fosforo, calcio, potassio e ferro). Apportano circa 600 kcal per 100 grammi.
  • Pinoli. Altra frutta secca a guscio della categoria “semi”, spiccano per la quantità di acido oleico e di antiossidanti. I pinoli sono anche ricchi di vitamine, in particolare del gruppo B. Il contenuto di sali minerali è nella media, tuttavia sono molto calorici in quanto sfiorano i 700 kcal per 100 grammi.

frutta secca

Le principali varietà di importazione

  • Arachidi. Originarie del continente americano e botanicamente considerati dei “frutti”, le arachidi spiccano per il contenuto proteico, che le rende un caso più unico che raro per la loro categoria. Per il resto, spiccano per l’apporto di vitamina E, PP, zinco, potassio e fosforo. Questo tipo di frutta secca a guscio è anche ricca di fibre (altra caratteristica sui generis). L’apporto calorico, inoltre, è abbastanza basso (550 kcal per 100 grammi).
  • Noci brasiliane. Facenti parte della categoria “semi”, si caratterizzano per la presenza abbondantissima di selenio, un forte antiossidante. Per il resto contengono svariati oligoelementi e una grande quantità di vitamina E. Pur essendo lisce, sono simili alle nostre noci, di cui condividono più o meno anche l’apporto calorico.
  • Noci pecan. Noce del Centroamerica, il pecan è una versione più grassa e calorica di quella nostrana. Sono originarie dell’America centrale, vicino al confine tra Messico e Stati Uniti. Le noci pecan sono più ricche della media in quanto a vitamine, acido oleico e omega tre. La forma ricorda quella di una noce normale, per quanto presenti un colore più brillante, tendente all’arancione. Apportano circa 750 kcal per 100 grammi.

Noci pecan

Le caratteristiche degli anacardi e delle noci macadamia

  • Anacardi. “Semi” originari del Brasile, si caratterizzano per la strana forma a mezzaluna. Nonostante la differenza di categoria, sia come sapore che come resa nutrizionale, assomigliano alle arachidi. Hanno però un sapore più neutro, e, infatti, vengono abitualmente utilizzati come ingrediente di insalate e primi piatti. Apportano circa 590 kcal per 100 grammi.
  • Noci macadamia. Questo tipo di frutta secca a guscio è originaria dell’Australia. In realtà sono dei semi che abbondano in particolare di vitamina A, B1 e B2. Sono preziose in quanto ricche di antiossidanti, e in particolare di flavonoidi. Stesso discorso per i grassi, infatti, nonostante sono scarsamente presenti gli acidi grassi omega tre, abbondano di acido palmitoleico. La resa estetica è molto particolare, infatti ricordano le castagne, ma sono di colore tendente all’arancione-ocra. L’apporto calorico è alto e sfiora le 720 kcal per 100 grammi. In cucina si utilizzano soprattutto per creare biscotti e torte morbide, in virtù della loro consistenza pastosa (una volta frullate).

noci di macadamia

08-10-2020
Scritto da: NonnaPaperina
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti