bg header
logo_print

Pere con tomini e granella di pistacchi, una vera bontà

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Pere con tomini e granella di pistacchi
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 10 min
cottura
Cottura: 15 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
4.5/5 (2 Recensioni)

Pere e tomini per un antipasto molto gustoso

Questa preparazione delle pere con tomini e granella di pistacchi è un’ idea per consumare in maniere diversa dal solito i tomini, spesso presenti nella nostra casa. Nelle nostre intenzioni queste pere sono adatte ad un secondo leggero e velocissimo, ma nulla vieta di proporle come antipasto per preparare la bocca ai sapori successivi. Ciò che colpisce di questa composizione è la morbidezza della pera cotta che si unisce al sapido e pastoso tomino ed alla croccantezza gustosa della granella di pistacchi.

Non trascurate inoltre l’apporto dato dal succo di limone, che lascia la sua impronta aromatica sul frutto e ne amplifica dolcezza e succosità. Forse queste pere con tomini non sono un piatto adatto a tutti i palati, ma possiamo assolutamente considerarla una prelibatezza da provare senza pregiudizi con un gusto che vi sorprenderà!

Ricetta pere con tomini

Preparazione pere con tomini

  • Come prima cosa per preparare le pere con tomini e granella di pistacchi, dedicatevi ai condimenti.
  • Spremete un limone ed unite il suo succo con l’olio extravergine d’oliva. Lavate accuratamente le pere, tagliatele a metà ed estraete il torsolo.
  • Rivestite una placca con della carta forno ed appoggiate su di essa le pere, avendo cura di adagiarle sul lato del taglio.
  • Mettete le pere in forno a 180° per circa 15 minuti.
  • Attendete che la buccia abbia preso colore dopo di che estraete le pere dal forno, giratele e bagnatele col succo di limone ed olio.
  • Adagiate dei tomini tagliati a cubetti e la granella di pistacchi tritati. Rimettete le pere così condite in forno per ulteriori 5 minuti.
  • Finita la cottura, grattate del pepe e servite le pere con tomini e granella di pistacchi direttamente a tavola. Buon appetito!

Ingredienti pere con tomini

  • 4 pere abate
  • 2 tomini del Boscaiolo
  • 70 gr. di pistacchi
  • 1 limone
  • 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale e di pepe.

Tutta la bontà del tomino

La ricetta delle pere con tomini e granella di pistacchi ci offre un’occasione in più per gustare uno dei nostri formaggi preferiti e maggiormente versatili. Quando ci serve un secondo veloce, spesso ci concediamo i tomini al forno con noci e fichi secchi oppure i tomini alle erbe valdostane, due deliziose preparazioni ricche di contrasti. Con questa variante proposta oggi, aggiungiamo le pere ai tomini, un accostamento meno strano di quanto si possa pensare.

Pere con tomini e granella

In favore di quanti non lo sapessero, specifichiamo che il tomino è un formaggio d’origine piemontese, fatto col latte di capra e quello vaccino oppure con latte misto. Alla base di questo formaggio vi sono le mungiture fresche di giornata portate a bollore e fatte poi raffreddare; il composto viene in seguito tagliato e fatto sgocciolare seguendo tecniche antiche con la paglia. Questo formaggio esiste nelle versioni fresco o stagionato e presenta una pasta morbida, umida e bianca che nel caso dello stagionato assume tonalità paglierine.

La pera, un frutto per contrastare il colesterolo

Se soffrite d’ipercolesterolemia la pera è il frutto che fa al caso vostro e queste pere con tomini e granella di pistacchi dovrebbero essere il piatto da assaporare al più presto! Le pere godono di tante proprietà nutritive che dovremmo sfruttare, per esempio contengono il boro ossia una sostanza utile a sostenere la nostra memoria e la capacità di concentrazione.

Le pere sono inoltre un’ottima riserva di calcio quindi indispensabili per la salute dell’apparato osseo e per prevenire o ridurre l’osteoporosi. Per queste pere con tomini abbiamo scelto di non sbucciare il frutto e la scelta non è solo estetica! Proprio nella buccia risiedono molte sostanze utili come le fibre e gli elementi anti-colesterolici.

Quali pere utilizzare?

Le varietà di pere a disposizione non sono solo numerose, ma anche molto differenti tra di loro in quanto a sapore, consistenza e aspetto. Viene dunque da chiedersi: quale varietà utilizzare per queste pere con tomini? Per questa ricetta vi consiglio le pere Abate, che si caratterizzano per un sapore tra il dolce e l’acidulo, tale da accogliere e valorizzare quello più aromatico dei pistacchi. Inoltre, la polpa è molto morbida e succosa, il ché torna molto utile in un antipasto sui generis come questo. Per quanto concerne l’aspetto si fanno apprezzare per le dimensioni importanti, per la forma allungata e per il colore tra il verde e il marrone.

A prescindere dalle varietà, le pere fanno bene alla salute. Sono mediamente dolci, ma ciò è dovuto al fruttosio, uno zucchero del tutto innocuo per l’organismo. Sono anche ricche di vitamina C (che giova al sistema immunitario) e di potassio, una sostanza coinvolta in molti processi metabolici ma utile soprattutto a contenere la pressione del sangue.

In occasione di questa ricetta le pere vanno cotte al forno per un quarto d’ora, per poi essere condite con succo di limone, olio e tomino. L’ultima fase consiste in un secondo passaggio al forno per qualche minuto, il tempo sufficiente ad “arrostire” il tomino.

Il ruolo dei pistacchi nelle pere con tomini

I pistacchi sono buoni, piacciono a tutti ma non godono di buona nomea, infatti vengono considerati troppo grassi, quindi come uno sfizio cui concedersi raramente. Ovviamente non bisogna esagerare con le quantità, ma fanno comunque bene alla salute, infatti contengono molti grassi benefici che giovano al cuore e alla circolazione, oltre a tenere a bada gli stati infiammatori. Il rovescio della medaglia è un apporto calorico importante, pari a 560 kcal per 100 grammi.

I pistacchi contengono anche la vitamina E, che da un lato supporta il sistema immunitario e dall’altro funge da antiossidante. Per quanto concerne i sali minerali troviamo fosforo, calcio, magnesio, potassio e manganese. Si segnala anche il ferro, ma in una versione poco disponibile.

In occasione di questa ricetta i pistacchi vanno trasformati in granella. E’ sufficiente tagliarli finemente con il coltello, oppure passarli in frullatore per qualche secondo.

Come mangiare le pere con tomini e granella di pistacchi

Le pere con tomini e granella di pistacchi sono preparazioni decisamente sui generis, vista la contemporanea presenza di frutta, frutta secca e formaggio. Tuttavia, è relativamente facile integrare le pere nei menù, anzi da questo punto di vista avete un certo margine di discrezione e svariate alternative. Se porzionate a dovere, o si utilizzano pere di piccole dimensioni, possono fungere da antipasto.

In caso contrario si comportano come un contorno, magari di secondi particolari di tipo sperimentale (e se possibile tendenti all’agrodolce). L’importante è avere ben chiare le peculiarità della ricetta, ovvero la capacità di far coesistere ingredienti molto diversi tra di loro, e di conseguenza anche sentori all’apparenza agli antipodi: dolce, aromatico, sapido etc.

Un’altra peculiarità delle pere con tomini è l’eterogeneità dal punto di vista della texture. La morbidezza delle pere crea un bel contrasto con la consistenza dei tomini e soprattutto con l’elemento croccante, che è ovviamente fornito dai pistacchi.

FAQ sulle pere con tomini

Che formaggio abbinare con le pere?

I formaggi più indicati per le pere sono quelli dal sapore marcatamente di latte e abbastanza delicati, come il tomino per l’appunto. Tuttavia, se puntate a sapori forti e a contrasti importanti, potete utilizzare formaggi più stagionati come il pecorino e il pepato siciliano.

Cosa sono i tomini?

I tomini sono dei dischetti di formaggio molle tipici del Piemonte, sono dei formaggi morbidi, umidi e bianchi. Il sapore è acidulo, di latte, molto delicato e solo leggermente salato. Il tomino si caratterizza per la difficoltà a sciogliersi, il ché lo rende compatibile con le cotture alla piastra.

Come conservare i tomini freschi?

Il tomino è tecnicamente un formaggio fresco, anche se la consistenza sembrerebbe indicare il contrario. Alla luce di ciò, va conservato sempre in frigorifero.

Ricette a base di pere ne abbiamo? Certo che si!

4.5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Casatiello napoletano

Casatiello napoletano, la tradizione pasquale che profuma di...

Origini e significato del casatiello napoletano Il casatiello napoletano è un tipico piatto pasquale della tradizione culinaria napoletana. Le sue origini risalgono al periodo dell'antica Roma,...

Uova in crosta di sfoglia

Uova in crosta di sfoglia, una ricetta facile...

Qualche consiglio sulla cottura delle uova sode La ricetta delle uova in crosta è davvero semplice, l’unica difficoltà risiede nella preparazione delle uova sode. Il rassodamento è considerato...

Fiore di banano al curry

Fiore di banano al curry, un antipasto che...

Di cosa sa il fiore di banano al curry? Il protagonista della ricetta è proprio il fiore di banano. E’ un fiore nel vero senso della parola, ma si comporta un po’ come i nostri carciofi in...