Pere con tomini e granella di pistacchi, una vera bontà

Pere con tomini e granella di pistacchi
Commenti: 0 - Stampa

Pere e tomini per un antipasto molto gustoso

Questa preparazione delle pere con tomini e granella di pistacchi è un’ idea per consumare in maniere diversa dal solito i tomini, spesso presenti nella nostra casa. Nelle nostre intenzioni queste pere sono adatte ad un secondo leggero e velocissimo, ma nulla vieta di proporle come antipasto per preparare la bocca ai sapori successivi. Ciò che colpisce di questa composizione è la morbidezza della pera cotta che si unisce al sapido e pastoso tomino ed alla croccantezza gustosa della granella di pistacchi.

Non trascurate inoltre l’apporto dato dal succo di limone, che lascia la sua impronta aromatica sul frutto e ne amplifica dolcezza e succosità. Forse queste pere con tomini non sono un piatto adatto a tutti i palati, ma possiamo assolutamente considerarla una prelibatezza da provare senza pregiudizi con un gusto che vi sorprenderà!

Tutta la bontà del tomino

La ricetta delle pere con tomini e granella di pistacchi ci offre un’occasione in più per gustare uno dei nostri formaggi preferiti e maggiormente versatili. Quando ci serve un secondo veloce, spesso ci concediamo i tomini al forno con noci e fichi secchi oppure i tomini alle erbe valdostane, due deliziose preparazioni ricche di contrasti. Con questa variante proposta oggi, aggiungiamo le pere ai tomini, un accostamento meno strano di quanto si possa pensare.

Pere con tomini e granella

In favore di quanti non lo sapessero, specifichiamo che il tomino è un formaggio d’origine piemontese, fatto col latte di capra e quello vaccino oppure con latte misto. Alla base di questo formaggio vi sono le mungiture fresche di giornata portate a bollore e fatte poi raffreddare; il composto viene in seguito tagliato e fatto sgocciolare seguendo tecniche antiche con la paglia. Questo formaggio esiste nelle versioni fresco o stagionato e presenta una pasta morbida, umida e bianca che nel caso dello stagionato assume tonalità paglierine.

La pera, un frutto per contrastare il colesterolo

Se soffrite d’ipercolesterolemia la pera è il frutto che fa al caso vostro e queste pere con tomini e granella di pistacchi dovrebbero essere il piatto da assaporare al più presto! Le pere godono di tante proprietà nutritive che dovremmo sfruttare, per esempio contengono il boro ossia una sostanza utile a sostenere la nostra memoria e la capacità di concentrazione.

Le pere sono inoltre un’ottima riserva di calcio quindi indispensabili per la salute dell’apparato osseo e per prevenire o ridurre l’osteoporosi. Per queste pere con tomini abbiamo scelto di non sbucciare il frutto e la scelta non è solo estetica! Proprio nella buccia risiedono molte sostanze utili come le fibre e gli elementi anti-colesterolici. 

Ed ecco la ricetta delle pere con tomini e granella di pistacchi:

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 pere abate
  • 2 tomini del Boscaiolo
  • 70 gr. di pistacchi
  • 1 limone
  • 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale e pepe

Preparazione:

Come prima cosa per preparare le pere con tomini e granella di pistacchi, dedicatevi ai condimenti. Spremete un limone ed unite il suo succo con l’olio extravergine d’oliva. Lavate accuratamente le pere, tagliatele a metà ed estraete il torsolo. Rivestite una placca con della carta forno ed appoggiate su di essa le pere, avendo cura di adagiarle sul lato del taglio. Mettete le pere in forno a 180° per circa 15 minuti.

Attendete che la buccia abbia preso colore dopo di che estraete le pere dal forno, giratele e bagnatele col succo di limone ed olio. Adagiate dei tomini tagliati a cubetti e la granella di pistacchi tritati. Rimettete le pere così condite in forno per ulteriori 5 minuti. Finita la cottura, grattate del pepe e servite le pere con tomini e granella di pistacchi direttamente a tavola. Buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Camembert con aglio e rosmarino

Camembert al forno con aglio e rosmarino, una...

Camembert al forno con aglio e rosmarino, un antipasto suggestivo Il Camembert al forno con aglio e rosmarino può essere definito un antipasto fuori dall’ordinario. A suo modo, il metodo di...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...

Tramezzino con barbabietola

Sandwich con barbabietola, un pasto veloce e squisito

Sandwich con barbabietola, un meraviglioso incontro tra sapori Il sandwich con barbabietola può essere considerato uno spuntino delizioso, facile da preparare, nutriente e sano. E’ perfetto per i...

Sandwich di anguria

Sandwich di anguria, uno snack tra il dolce...

Sandwich di anguria, una singolare commistione di sapori Il sandwich di anguria è uno stuzzichino davvero peculiare, che reinterpreta il concetto stesso di sandwich e propone un modo diverso di...

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo stesso tempo porta...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-01-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti