Pere madernasse al rum, una conserva dolce e gustosa

Pere madernasse al rum
Commenti: 0 - Stampa

Pere madernasse al rum, una ricetta davvero particolare

Le pere madernasse al rum sono un’idea davvero sfiziosa per una conserva dolce che, all’occasione, può essere utilizzata come un dessert o anche come ingrediente per delle deliziose torte. Quella delle pere madernasse al rum è anche una ricetta particolare, dal momento che, in genere, come “liquido di conservazione” viene utilizzato il vino. Tuttavia, anche grazie a un processo di creazione dello sciroppo davvero sui generis, il rum rappresenta un valore aggiunto. Le pere madernasse al rum, per quanto la ricetta possa sembrare “strana”, sono semplici da preparare. L’unico elemento che richiede un po’ di attenzione è la già citata preparazione dello sciroppo.

La raccomandazione, comunque, è di utilizzare esclusivamente le pere della specialità “madernasse”. E’ una specialità particolare, tipica del Piemonte, apprezzata soprattutto nell’industria dolciaria. Anche perché è una pera molto “robusta”, dalla polpa densa e per nulla farinosa. In breve, resiste alle alte temperatura senza sfaldarsi; ovviamente, può essere consumata anche cruda, se matura a sufficienza. In questa ricetta fa decisamente il suo dovere, dal momento che sopporta egregiamente il trattamento, il quale prevede l’applicazione di temperature elevate, la caramellatura e l’immersione nel rum.

Le caratteristiche della cannella

La cannella, presente nella nostra ricetta delle pere madernasse al rum, è una delle spezie più utilizzate in cucina. Viene utilizzata soprattutto nelle preparazione dolciarie, dal momento che il suo sapore è leggermente zuccherino (in ogni caso molto dolce). E’ una spezia versatile, dalla texture robusta, a tal punto che viene impiegata, in alcune parti del Sud Italia, per realizzare un particolare gelato. Per quanto venga chiamata in causa soprattutto per il suo gusto, della cannella vengono apprezzate anche le qualità nutrizionali, come per qualsiasi altra spezia che si rispetti.

Pere madernasse al rum

In primis, va detto che la cannella è un antiossidante naturale, e in quanto tale aiuta a prevenire i tumori. Tra le sue proprietà spicca il sostegno all’attività dell’apparato cardiocircolatorio. La cannella vanta anche una funzione antibatterica e antisettica, vagamente antinfiammatoria. Questa particolare spezia, poi, è di particolare sollievo per i diabetici, dal momento che contiene uno specifico polifenolo che esercita una funzione simile a quella dell’insulina. La cannella contiene anche molte fibre, non a caso è considerata anche un discreto digestivo. Nella ricetta delle pere madernasse al rum interviene nel processo di preparazione dello sciroppo.

Tutto il gusto del rum scuro

Tra i protagonisti di questa ricetta delle pere madernasse spicca il rum scuro. E’ un rum molto apprezzato, soprattutto per i sentori di caramello, qui davvero presenti. Non viene considerato in genere un alcolico da pasticceria, non tanto per il suo gusto ma in virtù della sua pregiatezza. Tuttavia, è ovvio, ciò non può che rappresentare un punto a favore della ricetta. Il rum scuro, in quanto a gradazione, non presenta mediamente grandi differenze rispetto al rum bianco. Si tratta comunque di una bevanda alcolica, sempre superiore ai 35 gradi.

In questa ricetta il rum interviene a sciroppo realizzato. Anzi, viene mischiato a quest’ultimo e sottoposto a bollitura, almeno per un paio di minuti. In questo modo, i due ingredienti si amalgamano, fino a formare un liquido di conservazione perfetto. Certo il rum aggiunge un sapore del tutto particolare alle pere madernasse, che sono sì “abituate” a essere poste poste sotto spirito, ma in genere non si va oltre il vino. La scelta del rum, però, appare davvero azzeccata, provare per credere!

E’ doveroso ricordare che i distillati puri come rum, grappa, gin, cognac e vodka, possono essere consumati tranquillamente da chi è intollerante o s ensibilite al glutine. Quello che raccomando sempre di fare attenzione ai distillati che contengono aromi, per i quali è necessario che siano certificati dalla dicitura “senza glutine”. Leggete sempre le etichette.

Ecco la ricetta delle pere madernasse al rum:

Ingredienti per un vaso:

  • 8 gr. di pere Madernasse;
  • 350 gr. di zucchero di canna;
  • 250 ml. di acqua naturale;
  • 2 bastoncini di cannella;
  • 1 bicchierino di rum scuro.

Preparazione:

Per la preparazione della pere madernasse al rum iniziate lavando le pere, mondatele e rimuovete il dorso. Adagiate le pere in una terrina, versate abbondante acqua (fino a coprire del tutto) e fate riposare un po’. Nel frattempo fate sciogliere lo zucchero in un po’ d’acqua all’interno di un pentolino utilizzando la fiamma bassa. State attenti, l’acqua in questa fase non deve bollire. Il prossimo passaggio consiste nel rimuovere con un pennello i cristalli di zucchero dalle pareti del pentolino. Una volta effettuata questa operazione, portate a bollore per 10 minuti, senza mescolare.

Scolate le pere e aggiungetele nel pentolino insieme allo sciroppo, aggiungete anche la cannella in bastoncini e fate bollire per altri 5 minuti, o almeno fino a quando le pere non si saranno ammorbidite del tutto. Rigirate con delicatezza le pere a metà cottura, in modo che assorbano lo sciroppo. Togliete le pere e versatele nei barattoli sterilizzati. A questo punto versate il rum nello sciroppo e accendete di nuovo il fuoco. Fate bollire per 2-3 minuti. Versate lo sciroppo nei barattoli e sigillate. Conservate i barattoli in un posto poco umido e non esposto ai raggi solari. Potete consumare le pere dopo 2 o 3 giorni, avendo cura di riporle in frigorifero una volta aperto il barattolo.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pate di pernice rossa con polenta

Patè di pernice rossa con polenta, un ottimo...

Patè di pernice rossa su crostini di polenta, un antipasto gourmet Il patè di pernice rossa su crostini di polenta è una pietanza molto particolare. In primis, perché è realizzata con una carne...

Stella di Natale

Stella di Natale, il dolce perfetto per le...

Perché è così speciale il nostro dolce Stella di Natale? La Stella di Natale non è una torta come le altre. Lo potete notare già dalla foto e dalla sua forma particolare con un impatto visivo...

Cappone ripieno al tartufo

Cappone ripieno al tartufo, un secondo da ristorante

Perché il cappone ripieno al tartufo è così speciale? Il cappone ripieno al tartufo non è un secondo piatto come gli altri. Le ragioni per affermarlo sono numerose, in primis perché prevede...

Torta Albero di Natale

Torta Albero di Natale al profumo di menta

Torta Albero di Natale, un dessert al profumo di menta La nostra mente è sempre propensa alle festività ed eccoci a fantasticare su questa torta albero di Natale. Nessun simbolo potrà essere mai...

Spaghetti con bottarga di pesce

Spaghetti con bottarga di pesce per un cenone...

Spaghetti con bottarga di pesce spada, ingredienti di qualità per una ricetta semplice Gli spaghetti con bottarga di pesce spada rappresentano un primo piatto degno dei cenoni di Natale più...

Carrubine

Carrubine, il tipico dolcetto natalizio

Cosa sono le carrubine? Le carrubine sono dei dolcetti deliziosi, perfetti per ogni occasione ma indicati soprattutto a Natale, quando la voglia di dolci raggiunge il suo apice e ci si può...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


14-12-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti